Im­pre­se, l'evo­lu­zio­ne in at­to

Per il pre­si­den­te dei Gio­va­ni Im­pren­di­to­ri sa­ler­ni­ta­ni: «Nel fu­tu­ro che ci aspet­ta gli uo­mi­ni do­vran­no mo­stra­re di es­se­re ca­pa­ci di ot­ti­miz­za­re il lo­ro enor­me po­ten­zia­le an­co­ra ine­splo­ra­to. Al­tro che ro­bot»

Costozero - - Sommario - In­ter­vi­sta a P. Ses­sa

Tra­di­zio­nal­men­te, uno dei ter­re­ni di mag­gior in­te­res­se dei Gio­va­ni Im­pren­di­to­ri di Con­fin­du­stria Sa­ler­no è l'edu­ca­tion e il dia­lo­go con il mon­do dell'istru­zio­ne. La re­la­zio­ne si è raf­for­za­ta con i per­cor­si di Al­ter­nan­za? Chi per me­stie­re fa im­pre­sa, sa be­ne che - fi­no a po­co tem­po fa - le ri­sor­se che en­tra­va­no in azien­da per la pri­ma vol­ta non ave­va­no mai avu­to la pos­si­bi­li­tà di fa­re espe­rien­za sul cam­po nel cor­so dei lo­ro stu­di, pur aven­do dal­la lo­ro un am­pio ba­ga­glio di co­no­scen­ze. Un gap or­ga­niz­za­ti­vo e cul­tu­ra­le con al­tri Pae­si eu­ro­pei che, per for­tu­na, stia­mo pro­van­do a col­ma­re. Da tem­po, co­me Grup­po, sia­mo im­pe­gna­ti nel dif­fon­de­re cul­tu­ra di im­pre­sa sul ter­ri­to­rio, rac­con­tan­do ai gio­va­ni co­sa vuo­le di­re fa­re im­pre­sa, co­me si la­vo­ra in squa­dra, qua­li so­no i va­lo­ri eti­ci che ci gui­da­no. “Istru­zio­ni per l'uso”, di­cia­mo, che la scuo­la non può in­se­ri­re nel­la pro­pria di­dat­ti­ca di­ret­ta­men­te, ma che sta a noi for­ni­re du­ran­te i per­cor­si di al­ter­nan­za per in­vo­glia­re i gio­va­ni a guar­da­re al la­vo­ro in azien­da co­me a una scel­ta pos­si­bi­le e con­sa­pe­vo­le. An­che per que­sto av­vie­re­mo ta­vo­li di con­fron­to con gli En­ti di Ri­cer­ca, Uni­ver­si­tà e le scuo­le su­pe­rio­ri, pro­prio per tro­va­re, in­sie­me con lo­ro, la mo­da­li­tà per mi­glio­ra­re i pro­gram­mi for­ma­ti­vi ade­guan­do­li al­le rea­li esi­gen­ze azien­da­li nei va­ri set­to­ri. Nel suo pro­gram­ma ha di­chia­ra­to di vo­ler spin­ge­re sul dia­lo­go con Bru­xel­les at­tra­ver­so la rap­pre­sen­tan­za di Con­fin­du­stria. Cre­de nell'Eu­ro­pa quin­di? L'Eu­ro­pa è fon­da­men­ta­le, è e de­ve es­se­re per noi un pi­la­stro e, per nes­su­na ra­gio­ne, dob­bia­mo pre­sta­re il fian­co a chi vor­reb­be far pas­sa­re il mes­sag­gio con­tra­rio. Mag­gio­re pre­sen­za a Bru­xel­les si­gni­fi­ca non so­lo di­fe­sa del­le no­stre im­pre­se, ma an­che oc­ca­sio­ne per in­for­mar­ci in mo­do di­ret­to sul­le op­por­tu­ni­tà di fi­nan­zia­men­to che de­ri­va­no dal­le ini­zia­ti­ve co­mu­ni­ta­rie. Mo­ni­to­ran­do con at­ten­zio­ne le pos­si­bi­li­tà che of­fre l'Eu­ro­pa, pos­sia­mo an­che cre­sce­re nell'internazionalizzazione, vi­sti i tan­ti stru­men­ti in­clu­si­vi of­fer­ti.È im­por­tan­te pe­rò che ci si muo­va co­me si­ste­ma e che il no­stro Pae­se di­mo­stri di ave­re un oriz­zon­te po­li­ti­co sta­bi­le e ca­pa­ce di fa­re ri­for­me uti­li e du­re­vo­li. So­no con­vin­to che, nel­la pro­spet­ti­va stra­te­gi­ca e di con­ver­gen­za del Mez­zo­gior­no, ri­sie­de il ri­lan­cio del­la com­pe­ti­ti­vi­tà dell'in­te­ro Pae­se. Evol­ve­re, è la pa­ro­la gui­da del suo man­da­to? È il mo­men­to sto­ri­co che lo ri­chie­de. Og­gi sia­mo chia­ma­ti a sfi­de con­ti­nue, sen­za pre­ce­den­ti. Sfi­de tec­no­lo­gi­che, or­ga­niz­za­ti­ve, co­mu­ni­ca­ti­ve, di me­to­do, che non de­vo­no pe­rò far­ci per­de­re di vi­sta la di­men­sio­ne uma­na e re­la­zio­na­le. Nel fu­tu­ro che ci aspet­ta do­vre­mo mo­stra­re di es­se­re ca­pa­ci di ot­ti­miz­za­re il no­stro enor­me po­ten­zia­le an­co­ra ine­splo­ra­to. Al­tro che ro­bot.

Pa­squa­le Ses­sa

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.