Nien­te di ve­ro sot­to il so­le

Costozero - - Sommario - di N. San­ti­ni

FFa­shion vic­tim, an­ti­con­for­mi­sti e so­fi­sti­ca­ti: tut­ti re­sta­no con­qui­sta­ti al­me­no una vol­ta dal pro­dot­to «ta­roc­co» ven­du­to in spiag­gia, che si com­pra ma non si di­ce

Ci so­no ar­ti­co­li che a vol­te chie­de­reb­be­ro pre­mes­se più lun­ghe dei te­sti stes­si, ad uso e con­su­mo di chi è sem­pre pron­to a pun­ta­re il di­to an­che quan­do, con i cli­mi esti­vi, tut­to ciò di cui c'è ve­ra­men­te bi­so­gno è una cer­ta do­se di leg­ge­rez­za e di fre­schez­za. Il do­ve­ro­so pro­lo­go è che quan­to se­gue, non è un'in­ci­ta­zio­ne all'ac­qui­sto di mar­chi con­traf­fat­ti, ma uni­ca­men­te un'istan­ta­nea del co­stu­me dei no­stri tem­pi, quan­do fi­nal­men­te ar­ri­via­mo in spiag­gia e il pas­so fel­pa­to del vu cum­prà di tur­no si fa sen­ti­re, in­sie­me al­la vo­glia di pa­ga­re ca­sh e di com­pra­re qual­co­sa di tra­sh. Quan­do si par­la di vu cum­prà sia­mo tut­ti ugua­li: dal­la So­ra Ma­ria a Da­nie­la San­tan­chè, nes­su­no esclu­so; dal­la, a me ca­ris­si­ma, Mar­ta Mar­zot­to, che ar­ri­vò ad­di­rit­tu­ra a di­se­gna­re una li­nea da ven­de­re at­tra­ver­so i vu cum­prà, all'aspi­ran­te cum­men­da che aspet­ta sol­tan­to l'ar­ri­vo di lu­glio per re­ga­lar­si l'en­ne­si­mo oro­lo­gio pa­tac­ca da spac­cia­re per ve­ro. L'ac­qui­sto dal vu cum­prá é un po' co­me il te­st del­le in­tol­le­ran­ze: pri­ma o poi lo fac­cia­mo tut­ti, ma il ga­la­teo in­se­gna che é il mo­do in cui si fan­no che dà va­lo­re ed ele­gan­za al­le co­se. Le co­se stes­se so­no un di­scor­so a par­te, e per quan­to mi ri­guar­da, estre­ma­men­te re­la­ti­ve. I con­si­gli di com­por­ta­men­to nei con­fron­ti dei vu cum­prà so­no po­chi ed es­sen­zia­li: 1) non chia­mar­li in­di­stin­ta­men­te Mu­sta­fá; 2) non in­tra­pren­de­re stac­chi da cen­to­me­tri­sti in pre­sen­za di una fin­ta Bir­kin con la sab­bia che cuo­ce i pie­di, per­ché tan­to po­chi mi­nu­ti do­po ne ar­ri­ve­rà un al­tro; 3) non ri­fiu­ta­re in mo­do ma­le­du­ca­to di ve­de­re la mer­ce an­che in ca­so di man­ca­to in­te­res­se, ri­ser­van­do la stes­sa cor­te­sia che vuo­le che il buon­gior­no e la buo­na­se­ra sia­no ri­cam­bia­ti a chiun­que ce ne fac­cia au­gu­rio. Il re­sto, una vol­ta ag­giu­di­ca­to l'ac­qui­sto, non fa par­te del ga­la­teo, ma dell'ar­te di sta­re al mon­do. Po­sto che non sa­rà una bor­sa grif­fa­ta o un oro­lo­gio a cam­bia­re l'im­ma­gi­ne, ma ri­co­no­sciu­to il ruo­lo cen­tra­le dell'ac­ces­so­rio nel look, se sa­pe­te ben do­sa­re fin­ti sno­bi­smi e rea­li astu­zie, l'ac­qui­sto far­loc­co po­trà es­se­re per­fet­ta­men­te spac­cia­to per ve­ro. Un po' co­me cer­ti ri­toc­chi di chi­rur­gia che, se non esa­ge­ra­te, po­tre­ste far cre­de­re do­ni di Ma­dre Na­tu­ra a ri­la­scio po­sti­ci­pa­to. Il pro­ble­ma è che, spes­so, pio­ve sul ba­gna­to. Per in­ten­der­ci: una per­so­na che può spen­de­re per una bor­sa di gran­de pre­gio, non de­ste­rà mai il so­spet­to che la se­con­da sia fal­sa co­me i fol­lo­wer di cer­ti in­fluen­cer.Se una per­so­na è no­ta per l'ac­coz­za­glia di imi­ta­zio­ni, an­che con la più no­bi­le e au­ten­ti­ca chin­ca­glie­ria, usci­rà sem­pre con quell'aria di in­gan­no che non con­vin­ce­rà nes­su­no. Me­sco­la­re ad ar­te é il se­gre­to più smart che Pul­ci­nel­la po­tes­se con­ce­pi­re. Se esi­bi­te fie­ra­men­te una sem­pli­cis­si­ma t-shirt bian­ca, ma­ga­ri in­ve­sten­do qual­che eu­ro in più nel­la gon­na o nel pan­ta­lo­ne, ri­cor­dan­do pe­rò che è dal­le scar­pe che si ri­co­no­sco­no i si­gno­ri, è mol­to pro­ba­bi­le che gli in­ter­ro­ga­to­ri sul­la po­chet­te o sul­la clo­che dell'oro­lo­gio sa­ran­no me­no in­si­sten­ti. L'al­tra re­go­la ri­guar­da la sta­gio­na­li­tà dell'ac­qui­sto. Se tut­to ad un trat­to con l'au­men­to del­le tem­pe­ra­tu­re cre­sco­no pro­por­zio­nal­men­te il nu­me­ro di bor­se di Cha­nel mai avu­te pri­ma, l'uni­ca co­sa di ve­ro che c'è nel look è il ma­de in Se­ne­gal. Se in­ve­ce spun­tas­se una Bir­kin co­lor lam­po­ne in un guar­da­ro­ba a fi­ne ot­to­bre, vi­ci­no a un com­plean­no, o sot­to le fe­ste na­ta­li­zie, pro­ba­bil­men­te il pas­sag­gio di pro­prie­tà sa­reb­be più fa­ci­le iden­ti­fi­car­lo dal­la bou­ti­que al nuo­vo pa­dro­ne che dall'am­bu­lan­te al ba­gnan­te. Pren­de­te no­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.