Del­la Por­ta: Per le im­pre­se, un la­vo­ra­to­re sa­no e in­for­ma­to è il mi­glior in­ve­sti­men­to

Per il Di­ret­to­re del Di­par­ti­men­to di Pre­ven­zio­ne ASL Sa­ler­no «pro­muo­ve­re for­ma­zio­ne d'ec­cel­len­za in ma­te­ria di sa­lu­te e si­cu­rez­za è possibile. Me­no at­te­sta­ti inu­ti­li, più com­pe­ten­ze ve­re»

Costozero - - Sommario - Do­me­ni­co Del­la Por­ta Di­ret­to­re Di­par­ti­men­to di Pre­ven­zio­ne ASL Sa­ler­no

In­ter­vi­sta a D. Del­la Por­ta

Il 28 apri­le si è ce­le­bra­ta la gior­na­ta mon­dia­le per la sa­lu­te e si­cu­rez­za sul la­vo­ro. Sta­ti­sti­che alla ma­no, com’è la si­tua­zio­ne sul no­stro ter­ri­to­rio? Dal pun­to di vi­sta sta­ti­sti­co, se­con­do i da­ti INAIL re­la­ti­vi al 2016, nel­la pro­vin­cia di Sa­ler­no, su cir­ca 160.000 ad­det­ti, si sono re­gi­stra­ti 3.136 in­for­tu­ni de­fi­ni­ti po­si­ti­va­men­te, 646 ma­lat­tie pro­fes­sio­na­li e 8 in­for­tu­ni mor­ta­li. La si­tua­zio­ne di adem­pi­men­to del­le nor­ma­ti­ve di si­cu­rez­za da par­te del­le im­pre­se non pre­sen­ta par­ti­co­la­ri dif­for­mi­tà ri­spet­to ad ana­lo­ghe zo­ne del­la Cam­pa­nia: il ter­ri­to­rio è ca­rat­te­riz­za­to da una grande pre­va­len­za di im­pre­se pic­co­le e di mi­croim­pre­se, nel­le qua­li il da­to­re di la­vo­ro è in­se­ri­to in pri­ma per­so­na nel ci­clo pro­dut­ti­vo del­la pro­pria azien­da. L'at­ti­vi­tà di pre­ven­zio­ne e di vi­gi­lan­za nei luo­ghi di la­vo­ro è ri­par­ti­ta in ma­nie­ra pe­cu­lia­re fra l'Azien­da Sa­ni­ta­ria Lo­ca­le Sa­ler­no, tra­mi­te i Servizi di Igie­ne e Me­di­ci­na del la­vo­ro, il Ser­vi­zio Pre­ven­zio­ne e Si­cu­rez­za ne­gli am­bien­ti di la­vo­ro (il cui or­ga­ni­co di tec­ni­ci del­la pre­ven­zio­ne, do­po ven­ti­cin­que an­ni di sta­si, è sta­to in­cre­men­ta­to di 15 uni­tà) e l'Ispet­to­ra­to Pro­vin­cia­le del La­vo­ro (IL). La bi­la­te­ra­li­tà ha una dif­fu­sio­ne so­stan­zial­men­te li­mi­ta­ta al set­to­re edi­le; in tut­ti gli altri com­par­ti, com­pre­si l'ar­ti­gia­na­to, gli or­ga­ni­smi pa­ri­te­ti­ci, pur quasi sem­pre co­sti­tui­ti, ge­sti­sco­no pre­va­len­te­men­te fon­di di set­to­re e l'at­ti­vi­tà for­ma­ti­va alla si­cu­rez­za è so­stan­zial­men­te in ma­no alle as­so­cia­zio­ni da­to­ria­li. Grazie al ra­di­ca­men­to del­le or­ga­niz­za­zio­ni da­to­ria­li e sin­da­ca­li tra­di­zio­na­li e all'in­ter­ven­to dell'Ispet­to­ra­to del La­vo­ro ha scar­sa dif­fu­sio­ne la bi­la­te­ra­li­tà di co­mo­do e la re­la­ti­va for­ma­zio­ne alla si­cu­rez­za fit­ti­zia. È de­gno di no­ta l'im­pe­gno pro­fu­so dal­le strut­tu­re pro­vin­cia­li di for­ma­zio­ne pro­fes­sio­na­le, che non solo of­fro­no un ric­co ca­len­da­rio di cor­si ri­vol­ti all'ag­gior­na­men­to dei la­vo­ra­to­ri, da­to­ri di la­vo­ro, Re­spon­sa­bi­li del Ser­vi­zio Pre­ven­zio­ne e Pro­te­zio­ne (RSPP), coor­di­na­to­ri ecc., ma cer­ca­no an­che di im­ple­men­ta­re nei cur­ri­cu­la sco­la­sti­ci la for­ma­zio­ne ex ar­ti­co­li 34 e 37 del D.Lgs. 81/2008. Con qual­che ri­tar­do sull'ap­pro­va­zio­ne de­gli accordi 221/2011, 223/2011 e 53/2012, è par­ti­to an­che il si­ste­ma di ac­cre­di­ta­men­to de­gli en­ti for­ma­to­ri pri­va­ti.La rea­le dif­fu­sio­ne dei Rap­pre­sen­tan­ti dei La­vo­ra­to­ri per la Si­cu­rez­za (RLS) azien­da­li, in man­can­za di sta­ti­sti­che af­fi­da­bi­li, non è no­ta; po­treb­be essere si­gni­fi­ca­ti­va­men­te mi­glio­ra­ta con un mag­gio­re coin­vol­gi­men­to del­le par­ti so­cia­li. In­fi­ne, le di­men­sio­ni azien­da­li me­die, la com­ples­si­tà e i co­sti di im­ple­men­ta­zio­ne li­mi­ta­no la dif­fu­sio­ne di Si­ste­mi di Ge­stio­ne del­la Si­cu­rez­za sul La­vo­ro (SGSL), an­che se si sta svi­lup­pan­do un'at­ten­zio­ne alla cer­ti­fi­ca­zio­ne e, in mi­no­re mi­su­ra, ai mo­del­li di or­ga­niz­za­zio­ne e ge­stio­ne. La tu­te­la è “ugua­le” per tut­ti i la­vo­ra­to­ri? Nell'am­bi­to del­la tu­te­la di sa­lu­te e del­la si­cu­rez­za sul la­vo­ro sono an­co­ra mol­ti i fat­to­ri di di­su­gua­glian­za, al­cu­ni più evi­den­ti e altri più dif­fi­ci­li da far emer­ge­re. Fermo re­stan­do che la nor­ma­ti­va ita­lia­na è piut­to­sto avan­za­ta e com­ple­ta, ri­vol­ta a tu­te­la­re in ma­nie­ra uni­for­me i la­vo­ra­to­ri su­bor­di­na­ti e as­si­mi­la­ti e a ri­chie­de­re quan­to me­no ai la­vo­ra­to­ri au­to­no­mi e ai lo­ro fa­mi­lia­ri de­di­ti all'at­ti­vi­tà ma­nua­le un im­pe­gno an­che in fa­vo­re del­la pro­pria sa­lu­te (ar­ti­co­lo 21 e nor­me spe­cia­li del D.Lgs. 81/2008), è co­mun­que mi­glio­ra­bi­le la tu­te­la del­la sa­lu­te nel­le pic­co­le e mi­croim­pre­se, nel­le at­ti­vi­tà la­vo­ra­ti­ve svol­te all'a-

per­to e con­no­ta­te da un ra­pi­do mu­ta­men­to dei luo­ghi di la­vo­ro (agri­col­tu­ra, sil­vi­col­tu­ra, edi­li­zia) e dei la­vo­ra­to­ri au­to­no­mi. Per i la­vo­ra­to­ri su­bor­di­na­ti il gra­do ef­fet­ti­vo di tu­te­la ri­sen­te, ol­tre che del­la di­men­sio­ne azien­da­le, an­che del­la ti­po­lo­gia con­trat­tua­le (con­trat­ti ati­pi­ci e pre­ca­ri, com­pre­si i vou­cher, sta­gio­na­li), dell'au­to­no­mia con­trat­tua­le o pa­ra­su­bor­di­na­zio­ne fit­ti­zia (fal­se “par­ti­te iva”), del­la con­si­sten­te e non sem­pre evi­den­te pre­sta­zio­ne tran­sfron­ta­lie­ra di la­vo­ro e dall'ele­va­ta pre­sen­za di mi­gran­ti nel­le at­ti­vi­tà più a ri­schio. Pre­ven­zio­ne e for­ma­zio­ne sono le ri­spo­ste al “pro­ble­ma”: è cre­sciu­ta la sen­si­bi­li­tà ver­so que­sto aspet­to? Oc­cor­ro­no me­no at­te­sta­ti inu­ti­li, più for­ma­zio­ne ve­ra. Pro­muo­ve­re for­ma­zio­ne d'ec­cel­len­za in ma­te­ria di sa­lu­te e si­cu­rez­za è possibile. Men­tre fi­no a qual­che an­no fa si pen­sa­va er­ro­nea­men­te che il la­vo­ra­to­re fos­se di­sin­te­res­sa­to alla for­ma­zio­ne, oggi chi lavora pre­ten­de il mas­si­mo. È es­sen­zia­le, dun­que, ab­bat­te­re quel mu­ro di­vi­so­rio tra da­to­re e la­vo­ra­to­re e in­cen­ti­va­re i cen­tri di for­ma­zio­ne qua­li­fi­ca­ti. Tut­ta­via, bi­so­gna sta­re mol­to at­ten­ti per­ché in giro ci sono mol­ti for­ma­to­ri che mil­lan­ta­no com­pe­ten­ze che, di fat­to, non han­no. Il ri­schio è che an­che gli en­ti pub­bli­ci pos­sa­no ca­de­re nel­le ma­ni di cen­tri di for­ma­zio­ne in­com­pe­ten­ti. Un ruo­lo fon­da­men­ta­le per la dif­fu­sio­ne del­la cul­tu­ra del­la si­cu­rez­za è gio­ca­to in­dub­bia­men­te dal­la scuo­la, con­si­de­ran­do che gli stu­den­ti di oggi sono i la­vo­ra­to­ri e i da­to­ri di la­vo­ro di do­ma­ni. Nello spe­ci­fi­co, al­lo­ra, co­sa è possibile fa­re per mi­glio­ra­re la si­cu­rez­za e la sa­lu­te dei gio­va­ni la­vo­ra­to­ri? I gio­va­ni sono più espo­sti ai ri­schi sul la­vo­ro per di­ver­se ra­gio­ni, tra cui la man­can­za di espe­rien­za, ma­tu­ri­tà, con­sa­pe­vo­lez­za dei ri­schi, com­pe­ten­ze e for­ma­zio­ne. I gio­va­ni, inol­tre, pos­so­no non essere a co­no­scen­za dei lo­ro di­rit­ti e dei do­ve­ri del da­to­re di la­vo­ro in ma­te­ria di sa­lu­te e si­cu­rez­za; pos­so­no essere re­stii a par­la­re aper­ta­men­te dei pro­ble­mi e più pro­pen­si ad ac­con­ten­ta­re il lo­ro nuo­vo da­to­re di la­vo­ro. Oc­cor­re, per­tan­to, as­se­gna­re ai gio­va­ni la­vo­ri sicuri e adat­ti alle lo­ro com­pe­ten­ze e ca­pa­ci­tà psi­co-fi­si­che, non­ché of­fri­re lo­ro una for­ma­zio­ne e una su­per­vi­sio­ne ade­gua­te. Bi­so­gna pro­muo­ve­re una cul­tu­ra pre­ven­ti­va fra i neoas­sun­ti, ma an­che a tut­ti i li­vel­li dell'istru­zio­ne. La pre­ven­zio­ne de­gli in­for­tu­ni e dei pro­ble­mi di sa­lu­te per i gio­va­ni la­vo­ra­to­ri co­min­cia a livello po­li­ti­co, at­tra­ver­so la le­gi­sla­zio­ne non­ché pro­gram­mi e cam­pa­gne di so­ste­gno. La le­gi­sla­zio­ne na­zio­na­le ob­bli­ga i da­to­ri di la­vo­ro a pre­sta­re par­ti­co­la­re at­ten­zio­ne ai mi­no­ren­ni e ai gio­va­ni la­vo­ra­to­ri e sot­to­li­nea l'im­por­tan­za di crea­re una cul­tu­ra del­la si­cu­rez­za. È una buo­na ba­se per ri­dur­re al mi­ni­mo i ri­schi le­ga­ti alla si­cu­rez­za e sa­lu­te sul la­vo­ro per i gio­va­ni la­vo­ra­to­ri. È al­tre­sì im­por­tan­te far ca­pi­re alle im­pre­se che il lo­ro mi­glio­re in­ve­sti­men­to per il fu­tu­ro è ave­re la­vo­ra­to­ri sa­ni e ben in­for­ma­ti. In con­cre­to, qua­li azio­ni è ne­ces­sa­rio in­tra­pren­da un’azien­da per dir­si si­cu­ra? In pri­mis, co­me det­to, oc­cor­re in­si­ste­re sulla for­ma­zio­ne sul luo­go di la­vo­ro nell'am­bi­to del­la ge­stio­ne ge­ne­ra­le del­la si­cu­rez­za, «Un ruo­lo fon­da­men­ta­le per la dif­fu­sio­ne del­la cul­tu­ra del­la si­cu­rez­za è gio­ca­to in­dub­bia­men­te dal­la scuo­la, con­si­de­ran­do che gli stu­den­ti di oggi sono i la­vo­ra­to­ri e i da­to­ri di la­vo­ro di do­ma­ni» on­de pre­ve­ni­re i ri­schi sul luo­go di la­vo­ro e ga­ran­ti­re che i gio­va­ni la­vo­ra­to­ri, ad esem­pio, svol­ga­no solo le man­sio­ni adat­te alle lo­ro ca­pa­ci­tà psi­co-fi­si­che sot­to un'ade­gua­ta su­per­vi­sio­ne. La for­ma­zio­ne da so­la, pe­rò, non è in gra­do di ri­dur­re i ri­schi ef­fi­ca­ce­men­te. Sono ne­ces­sa­ri azio­ni e in­ter­ven­ti ba­sa­ti sulla va­lu­ta­zio­ne del ri­schio e ga­ran­zia che le azio­ni sia­no at­tua­te, mo­ni­to­ra­te e rie­sa­mi­na­te. In­di­spen­sa­bi­le di­ven­ta pure la con­sul­ta­zio­ne e par­te­ci­pa­zio­ne at­ti­va dei la­vo­ra­to­ri; il fis­sa­re obiet­ti­vi di ap­pren­di­men­to chia­ri, in­cen­tra­ti sul­lo svi­lup­po del­le com­pe­ten­ze; ren­de­re la SSL par­te in­te­gran­te del­la for­ma­zio­ne du­ran­te il pe­rio­do di in­se­ri­men­to sul po­sto di la­vo­ro; uti­liz­za­re me­to­di di ap­pren­di­men­to at­ti­vi e par­te­ci­pa­ti­vi, pos­si­bil­men­te sul luo­go di la­vo­ro ef­fet­ti­vo che con­sen­ta­no, ad esem­pio ai gio­va­ni, di im­pa­ra­re a ri­co­no­sce­re i pe­ri­co­li ed esa­mi­na­re e ri­sol­ve­re i pro­ble­mi rea­li le­ga­ti al la­vo­ro. In­fi­ne, bi­so­gna che for­ma­zio­ne e svi­lup­po del­le com­pe­ten­ze in ma­te­ria di SSL par­ti in­te­gran­ti del­la for­ma­zio­ne con­ti­nua e del­lo svi­lup­po del­la car­rie­ra. Per leg­ge, la SSL non deve essere og­get­to di un'uni­ca e so­la for­ma­zio­ne all'ini­zio di un la­vo­ro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.