Il fon­dant

Dolci & Co - - SCOPRIAMO... -

Ha ele­va­to i bi­scot­ti e i pa­stic­ci­ni al­la ca­te­go­ria di ope­re d’ar­te, tra­sfor­man­do­li in ori­gi­na­li tor­te e cu­p­ca­kes.

La pa­ro­la fon­dant de­ri­va dal fran­ce­se fon­dre, che si­gni­fi­ca “fon­de­re”: una de­fi­ni­zio­ne per­fet­ta per de­scri­ve­re la sua con­si­sten­za cre­mo­sa e fon­den­te in boc­ca. È una de­li­zia per il pa­la­to e per la vi­sta, per­ché con es­so si de­co­ra­no tor­te, bi­scot­ti, pa­stic­ci­ni e cu­p­ca­kes, gio­can­do con for­me e co­lo­ri.

La pa­stic­ce­ria crea­ti­va (il ca­ke de­si­gn), la mo­da dei cu­p­ca­kes con il fon­dant co­me pro­ta­go­ni­sta, gua­da­gna giorno do­po giorno sem­pre più ap­pas­sio­na­ti, ma non è una no­vi­tà: ini­ziò a svi­lup­par­si a me­tà del XIX se­co­lo in In­ghil­ter­ra, do­ve si uti­liz­za­va per ri­co­pri­re i pa­stic­ci­ni al­la frut­ta e con­ser­var­li fre­schi più a lun­go. I cu­p­ca­kes ri­sal­go­no al­la stes­sa epo­ca, ma bi­so­gna spo­star­si ne­gli Sta­ti Uni­ti. Il no­me (al­la let­te­ra “pa­sta da taz­za”) si ri­fe­ri­sce al re­ci­pien­te in cui si pre­pa­ra­va­no.

Par­ten­do da un in­gre­dien­te co­mu­ne, lo zuc­che­ro, possiamo pre­pa­ra­re fon- dant di­ver­si se­con­do gli in­gre­dien­ti a cui li ab­bi­ne­re­mo. Il fon­dant li­qui­do è una mi­sce­la di ge­la­ti­na di mais, zuc­che­ro e ac­qua; lu­ci­do e dal­la con­si­sten­za cre­mo­sa, va scal­da­to pri­ma dell’uti­liz­zo per po­ter­lo spal­ma­re. Il fon­dant da sten­de­re o pa­sta di zuc­che­ro o ame­ri­ca­no, si prepara con zuc­che­ro a ve­lo, ge­la­ti­na, ac­qua, glu­co­sio, gli­ce­ri­na e gras­so ve­ge­ta­le so­li­do. È leg­ger­men­te sa­ti­na­to e mol­to mal­lea­bi­le. Il fon­dant di marsh­mal­lo­ws si prepara scal­dan­do i marsh­mal­lo­ws, le dol­ci e spu­mo­se ca­ra­mel­le, con po­ca ac­qua e zuc­che­ro a ve­lo. L’ul­ti­mo fon­dant è la pa­sta di gom­ma o fon­dant pla­sti­co, fat­to con zuc­che­ro, ac­qua, glu­co­sio e gom­ma adra­gan­te, che a con­tat­to con l’aria si in­du­ri­sce ra­pi­da­men­te.

Il fon­dant li­qui­do è uti­le per guar­ni­re ogni ge­ne­re di pa­ste e di bi­scot­ti. Con la pa­sta di zuc­che­ro si ri­ve­sto­no tor­te e si fan­no de­co­ri di ogni ti­po, per­ché è la ba­se idea­le su cui de­co­ra­re. La pa­sta di gom­ma, in­fi­ne, è per­fet­ta per mo­del­la­re le fi­gu­re.

158 Dol­ci & co Seb­be­ne la pre­pa­ra­zio­ne del fon­dant non sia dif­fi­ci­le, esi­sto­no ne­go­zi spe­cia­liz­za­ti in cui ac­qui­star­lo e non va­le la pe­na far­lo in ca­sa. È di­spo­ni­bi­le in tut­ti i ti­pi e co­lo­ri, inol­tre ci so­no i co­lo­ran­ti ali­men­ta­ri per ot­te­ne­re il co­lo­re giu­sto per ogni pre­pa­ra­zio­ne.

La tem­pe­ra­tu­ra e l’umi­di­tà in­fluen­za­no il fon­dant. In am­bien­te umi­do di­ven­ta col­lo­so, men­tre il fred­do lo in­du­ri­sce. Inol­tre, è im­por­tan­te che la tor­ta da ri­co­pri­re di fon­dant sia a tem­pe­ra­tu­ra am­bien­te, mai ap­pe­na tol­ta dal fri­go­ri­fe­ro. Il dol­ce ter­mi­na­to do­vrà es­se­re man­te­nu­to in un luo­go asciut­to e fre­sco, per­ché nel fri­go­ri­fe­ro il fon­dant “su­de­rà” ri­sul­tan­do mol­le e ba­gna­to.

Bi­so­gna la­vo­ra­re il fon­dant con ra­pi­di­tà, per evi­ta­re che si cre­pi e che di­ven­ti dif­fi­ci­le da ma­neg­gia­re. La par­te non uti­liz­za­ta va im­me­dia­ta­men­te ri­po­sta in un sac­chet­to di pla­sti­ca per ali­men­ti. Se, to­glien­do­lo dal con­te­ni­to­re per riu­ti­liz­zar­lo, do­ves­se ri­sul­ta­re trop­po du­ro, tor­ne­rà mor­bi­do scal­dan­do­lo per qual­che se­con­do nel mi­croon­de. Pri­ma di la­vo­ra­re il fon­dant, è op­por­tu­no rin­fre­scar­si le ma­ni con ac­qua fred­da e spol­ve­riz­za­re di mai­ze­na il pia­no di la­vo­ro e il mat­te­rel­lo che si uti­liz­za­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.