Chi ha pau­ra del “buo­ni­smo”

Donna Moderna - - DI’ LA TUA - di An­na­li­sa Mon­fre­da

So­no an­ni che cer­co di te­ner­me­ne alla lar­ga. Con l’uso ac­cu­ra­to del­le parole, lo schi­vo qua­si fos­se una sab­bia mobile, ca­pa­ce di in­ghiot­ti­re ogni pen­sie­ro ra­zio­na­le. Par­lo del buo­ni­smo, o me­glio dell’ac­cu­sa di es­se­re buo­ni­sta.

Ep­pu­re, pun­tual­men­te ci ri­ca­sco. L’ul­ti­ma vol­ta è suc­ces­so due set­ti­ma­ne fa. Quan­do, par­lan­do del viag­gio co­me oc­ca­sio­ne per co­no­sce­re l’al­tro, ho scrit­to che a ren­de­re in­si­cu­ro il no­stro mondo è sta­to il «non es­se­re riu­sci­ti a ca­pi­re ciò che è di­ver­so e non aver sa­pu­to tro­va­re un mo­do giu­sto per vivere as­sie­me».

Mi ha ri­spo­sto Fa­bio: «Le ul­ti­me ri­ghe del suo edi­to­ria­le di­mo­stra­no un buo­ni­smo inac­cet­ta­bi­le». Mi ha scrit­to Si­mo­ne: «Per cor­te­sia, evi­ta­te di con­ti­nua­re ad in­cen­sa­re co­me buona l’im­mi­gra­zio­ne e co­me cat­ti­vi noi». Ba­sta un at­ti­mo, e un ra­gio­na­men­to pie­no di sfac­cet­ta­tu­re vie­ne pial­la­to e di­sin­ne­sca­to dall’ac­cu­sa di buo­ni­smo.

Così, sem­pre più con­vin­ta che que­sto sia il vi­rus letale di ogni pen­sie­ro ra­zio­na­le, va­do al Fe­sti­va­let­te­ra­tu­ra di Man­to­va e ascol­to Pie­tro Bar­to­lo, il me­di­co di Lam­pe­du­sa re­so ce­le­bre dal do­cu­men­ta­rio Fuo­coam­ma­re. Lui è il pri­mo a sa­li­re su ogni na­ve ca­ri­ca di im­mi­gra­ti per ve­de­re se c’è una ma­lat­tia in­fet­ti­va a bordo e de­ci­de­re se met­te­re in qua­ran­te­na l’equi­pag­gio (mai suc­ces­so). Lui è co­lui che, in­nan­zi­tut­to, vi­si­ta i vi­vi e poi si de­di­ca ai mor­ti, per ga­ran­ti­re lo­ro una fine di­gni­to­sa. Lui, che ogni gior­no vive sul fron­te di que­sta mi­gra­zio­ne epo­ca­le, non ha pau­ra del buo­ni­smo e di­ce fra­si co­me: «Se nel con­ti­nen­te più ric­co vive la gen­te più po­ve­ra è col­pa no­stra, che ab­bia­mo preso sen­za da­re». «Non è un me­ri­to es­se­re nati nel­la par­te for­tu­na­ta del mondo». «Que­sta non è un’in­va­sio­ne, ma una del­le emer­gen­ze uma­ni­ta­rie più gran­di del no­stro tem­po».

Alla fine dell’in­ter­ven­to di Pie­tro Bar­to­lo, un pun­tua­le Ne­ri Mar­co­rè ha ci­ta­to una fra­se di Mi­che­le Ser­ra che do­vreb­be­ro in­cor­ni­cia­re tut­ti quel­li co­me me, che per pau­ra di es­se­re tac­cia­ti di buo­ni­smo si cen­su­ra­no:

«Il buo­ni­smo è un ali­bi in­so­sti­tui­bi­le: ser­ve a ri­dur­re ogni mo­to di uma­ni­tà o di gen­ti­lez­za a un’im­po­stu­ra da ipo­cri­ti, e di con­se­guen­za ad as­sol­ve­re ogni mo­to di gret­tez­za e di di­su­ma­ni­tà».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.