Ab­bia­mo in­con­tra­to Ja­mie Fo­xx

Ja­mie Fo­xx, pro­ta­go­ni­sta di “Baby Dri­ver”, si de­fi­ni­sce un 50en­ne che ama di­ver­tir­si. Ma an­che un pa­pà pro­tet­ti­vo. Gli aspi­ran­ti fi­dan­za­ti del­la sua pri­mo­ge­ni­ta so­no av­vi­sa­ti...

Donna Moderna - - SOMMARIO - di Lo­ren­zo Or­man­do — @lo­ren­zor­man­do

Mi pia­ce fa­re tar­di. Pe­rò mia fi­glia non ap­pro­va

So­no le 10 di mat­ti­na e Ja­mie Fo­xx ha l’aria un po’ as­son­na­ta. Po­sa gli oc­chia­li da sole sul ta­vo­lo e af­fon­da la for­chet­ta in un’enor­me fet­ta di tor­ta alla pan­na. «Fai sem­pre co­la­zio­ne così?» gli chie­do. «No, di so­li­to non man­gio que­ste co­se. Ie­ri se­ra so­no andato al com­plean­no di uno dei pro­dut­to­ri del mio nuo­vo film, Baby Dri­ver, e ab­bia­mo fe­steg­gia­to fi­no a tar­di, ma mi so­no la­scia­to sfug­gi­re il dol­ce. Lo re­cu­pe­ro ora!». A 49 an­ni, spie­ga l’at­to­re ame­ri­ca­no pre­mio Oscar nel 2005 per l’in­ter­pre­ta­zio­ne di Ray Char­les in Ray, se­gui­re uno sti­le di vi­ta sa­no lo fa sen­ti­re più gio­va­ne. «È to­sta, pe­rò, es­se­re sin­gle alla mia età!» con­fes­sa, cer­can­do di smen­ti­re gli in­si­sten­ti ru­mors (e le con­ti­nue pa­pa­raz­za­te) su una love sto­ry con Ka­tie Hol­mes, ex mo­glie di Tom Crui­se, con il qua­le Fo­xx ha re­ci­ta­to in Col­la­te­ral. «Non so­no il ti­pi­co 50en­ne: non sto mai fer­mo e mi pia­ce an­co­ra bal­la­re e di­ver­tir­mi. An­che se Co­rin­ne non ap­pro­va» di­ce a pro­po­si­to del­la fi­glia mag­gio­re, 23 an­ni (l’al­tra, An­na­li­se, ne ha 8 ed è na­ta da un’al­tra re­la­zio­ne).

Tua fi­glia non ama ve­der­ti usci­re? For­se la im­ba­raz­za un po’. Una se­ra ero in gi­ro per Los Ange- les, di­ret­to ver­so un club, quan­do al­cu­ne ragazze mi han­no fer­ma­to per stra­da: «An­dia­mo a scuo­la con tua fi­glia. Vai a bal­la­re an­che tu?». Io ho fat­to fin­ta di nien­te... Quan­do le sue coe­ta­nee sco­pro­no che ho qua­si 50 an­ni mi guar­da­no scioc­ca­te, co­me se aves­si det­to di ave­re una ma­lat­tia ter­mi­na­le!

An­che Co­rin­ne e An­na­li­se re­ci­ta­no. Sì, di re­cen­te ab­bia­mo la­vo­ra­to in­sie­me per la pri­ma vol­ta: è fan­ta­sti­co po­ter con­di­vi­de­re la mia pas­sio­ne con lo­ro. Co­rin­ne ha ini­zia­to co­me mo­del-

la e ora vuo­le fa­re l’at­tri­ce, men­tre An­na­li­se ha un gran­de ta­len­to per la com­me­dia. Ru­be­rà la sce­na a tut­ti, aspet­ta­te e ve­dre­te. Che ti­po di pa­dre sei? Mol­to pro­tet­ti­vo, spe­cie quan­do si trat­ta di fi­dan­za­ti. Ma que­sto è an­che il bel­lo dell’es­se­re ge­ni­to­re: uti­liz­zo il mio ba­ga­glio di espe­rien­ze per cer­ca­re di spie­ga­re quan­to sia im­por­tan­te che si in­na­mo­ri­no di qual­cu­no che non sia in­ti­mi­di­to, ma le so­sten­ga nel­le lo­ro scel­te. Co­mun­que, puoi star cer­to che stac­che­rei la te­sta a chiun­que le fe­ri­sca. Rie­sci ad es­se­re mi­nac­cio­so co­me Ba­ts, il tuo per­so­nag­gio? Di­rei di sì. I pro­ta­go­ni­sti di Baby Dri­ver so­no tut­ti dei cri­mi­na­li. Al cen­tro del­la storia c’è un ra­gaz­zo che è in gra­do di sta­re al vo­lan­te so­lo se ascol­ta la musica giu­sta ed è co­stret­to a fa­re da au­ti­sta per una banda di ra­pi­na­to­ri di ban­che. Ba­ts è pe­ri­co­lo­so, ag­gres­si­vo, si fi­da po­co de­gli al­tri. Ti sei ispi­ra­to a qual­cu­no per in­ter­pre­tar­lo? Ho co­no­sciu­to al­cu­ni uo­mi­ni co­me lui: in­fles­si­bi­li, in­cu­ran­ti del­le con­se­guen­ze del­le pro­prie azio­ni. Mia so­rel­la (Fo­xx è sta­to cre­sciu­to dal­la fa­mi­glia adot­ti­va del­la ma­dre, ndr) è na­ta in un quar­tie­re do­ve nes­su­no riu­sci­va a in­te­ra­gi­re in mo­do pa­ci­fi­co. Il mio per­so­nag­gio so­mi­glia a quei bul­li, con in più un po’ di sca­ra­man­zia: se pri­ma di un col­po pas­sa in ra­dio la can­zo­ne sba­glia­ta, lui è pron­to a ri­nun­cia­re. E tu sei sca­ra­man­ti­co? Al­tro­ché! Ogni vol­ta che gioco a bi­liar­do e in sot­to­fon­do c’è Ho­tel Ca­li­for­nia de­gli Ea­gles, va a fi­ni­re che per­do. Quan­do la sen­to po­so di­ret­ta­men­te la stec­ca. Ma le mie su­per­sti­zio­ni cam­bia­no di an­no in an­no. Qua­li “ri­ti” hai? Nel­la vi­ta fac­cio tut­to a par­ti­re dal la­to si­ni­stro: al­lac­cio pri­ma la scar­pa si­ni­stra e poi quel­la de­stra e così via. In pas­sa­to, quan­do fa­ce­vo spet­ta­co­li co­mi­ci nei club, ave­vo un’abi­tu­di­ne por­ta­for­tu­na: riem­pi­vo la va­sca da ba­gno in ho­tel, an­da­vo in sce­na, mi pren­de­vo la mia stan­ding ova­tion, tor­na­vo in camera e svuo­ta­vo la va­sca. Una se­ra, alla fine dell’esi­bi­zio­ne, il pub­bli­co non si è al­za­to ad ap­plau­di­re. Ho pen­sa­to: «Che stra­no...». Be’, tor­na­to in ho­tel, ho sco­per­to che la ca­me­rie­ra ave­va tol­to l’acqua! Co­sa hai fat­to? Le ho det­to di non ri­pro­var­ci e lei de­ve aver pen­sa­to che fos­si pazzo. Un’al­tra se­ra, do­po aver di­men­ti­ca­to il deo­do­ran­te, ho avu­to suc­ces­so con il mio show. Per­ciò ho de­ci­so di non met­ter­lo quan­do sa­li­vo sul pal­co... Fin­ché la re­spon­sa­bi­le dei co­stu­mi mi ha det­to: «Vuoi che te ne re­ga­li uno?” (ri­de, ndr).

È ve­ro che sei an­che un pia­ni­sta clas­si­co? Sì, gra­zie a mia non­na, che mi di­ce­va sem­pre: «La musica ti per­met­te­rà di an­da­re dall’al­tra par­te dei bi­na­ri». Io ero pic­co­lo e pen­sa­vo che si ri­fe­ris­se ai bi­na­ri del tre­no, che se­pa­ra­va­no il quar­tie­re nero da quel­lo bian­co, men­tre in real­tà era una me­ta­fo­ra del­la vi­ta. Per­ché la musica mi ha permesso di scoprire e co­no­sce­re il mondo. Mia non­na tro­vò un’in­se­gnan­te che abi­ta­va lon­ta­no e, vi­sto che non ave­va sol­di per pa­gar­la, le of­frì in cam­bio di po­ter ave­re al­tri stu­den­ti a ca­sa no­stra, ogni sa­ba­to, su­bi­to do­po la le­zio­ne con me. In ter­za me­dia ave­vo i ric­ci ed ero spe­cia­liz­za­to nei bra­ni di Lio­nel Ri­chie: le ragazze non mi re­si­ste­va­no quan­do suo­na­vo Hel­lo, is it me you’re loo­king for? (can­ta e ri­de, ndr). Hai mai co­no­sciu­to tua ma­dre? Mi ha avu­to da gio­va­ne, quan­do non po­te­va oc­cu­par­si di me. Ogni tan­to an­da­vo a tro­var­la, ma mia non­na non mi ha fat­to man­ca­re nul­la. Da adul­to le ho man­da­to, ogni Na­ta­le, un bi­gliet­to aereo per ve­ni­re a tro­var­mi. Si è pre­sen­ta­ta per la pri­ma vol­ta 10 an­ni fa: sia­mo sta­ti be­nis­si­mo e così, do­po un po’, si è tra­sfe­ri­ta a ca­sa mia con il suo ex ma­ri­to, con cui è an­co­ra in buo­ni rap­por­ti. Vi­via­mo tut­ti in­sie­me, in uno splen­di­do caos fa­mi­lia­re. Hai vin­to l’Oscar per Ray. Co­sa ri­cor­di di quel­la not­te? Mia fi­glia Co­rin­ne che, a 11 an­ni, se­du­ta al mio fian­co in pla­tea, mi strin­ge for­te la ma­no pri­ma che ven­ga an­nun­cia­to il vincitore e di­ce: «Pa­pà, an­che se non sa­li­rai a ri­ti­ra­re la sta­tuet­ta, per me re­sti un gran­de at­to­re». A di­cem­bre com­pi 50 an­ni. Co­me fe­steg­ge­rai? Vo­glio or­ga­niz­za­re una gran­de fe­sta, di quel­le da ri­cor­da­re per una vi­ta in­te­ra. Te l’ho det­to che mi pia­ce di­ver­tir­mi, no?

In­ter­pre­to l’au­ti­sta di una banda di ra­pi­na­to­ri. Su­per­sti­zio­so co­me me.

CA­ST DI STEL­LE Ja­mie Fo­xx con gli al­tri pro­ta­go­ni­sti di Baby Dri­ver: da si­ni­stra An­sel El­gort, Li­ly James e Jon Hamm. Nel film ci so­no an­che Ke­vin Spa­cey e la star del­la tv mes­si­ca­na Ei­za Gon­zá­les.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.