Iso­le Fine esta­te a Sant’An­tio­co

In que­sto an­go­lo di Sar­de­gna l’at­mo­sfe­ra è in­ti­ma e rac­col­ta. Perfetta per tra­scor­re­re gior­na­te slow tra ba­gni, aperitivi e in­te­res­san­ti vi­si­te alla zo­na del­le mi­nie­re

Donna Moderna - - SOMMARIO - Di Sil­via Ugo­lot­ti — sil­via.ugo­lot­ti

è un’iso­la nell’iso­la, re­frat­ta­ria a chias­so e fra­go­ri mon­da­ni. È fat­ta di spiag­ge iso­la­te, bor­ghi sper­du­ti, ca­let­te in­ghiot­ti­te dal­la na­tu­ra. È Sant’An­tio­co, un an­go­lo di Sar­de­gna so­spe­so nel tem­po, spe­cial­men­te a settembre, quan­do si spen­go­no i riflettori sul­le va­can­ze e tut­to pren­de un rit­mo di­ver­so, quel­lo len­to del pe­rio­do fuo­ri stagione. I prez­zi si ab­bas­sa­no, le ba­ie si svuo­ta­no e ri­ma­ne la bel­lez­za di un eco­si­ste­ma ric­co: mir­to, gi­ne­pro, du­ne di sab­bia, sa­li­ne po­po­la­te da fe­ni­cot­te­ri ro­sa e ai­ro­ni. A Sant’An­tio­co si arriva con un’ora di aereo da Mi­la­no o da Ro­ma, poi un pa­io di ore in au­to da Ca­glia­ri lun­go una stra­da costiera me­ra­vi­glio­sa ad ogni cur­va: Chia, Tua­red­da, Ca­po Teu­la­da e la splen­di­da ba­ia di Por­to Pino, con le sue al­te du­ne pro­tet­te che sfi­la­no da­van­ti agli oc­chi.

Ac­que tra­spa­ren­ti Due i pae­si pre­sen­ti nell’iso­la: Sant’An­tio­co, con un lun­go­ma­re fit­to di pic­co­li pe­sche­rec­ci e re­ti al sole, e Ca­la­set­ta, un bor­go bian­co e ar­roc­ca­to con ca­se bas­se e stra­di­ne stret­te. Tutt’in­tor­no il pro­fu­mo del­la mac­chia sel­vag­gia. Le spiag­ge si rag­giun­go­no fa­cil­men­te su en­tram­bi i ver­san­ti e si scel­go­no in ba­se ai ven­ti. Quan­do tira il mae­stra­le Coa­quad­dus, Tur­ri e Ma­la­dro­xia sul­la co­sta orien­ta­le; me­glio in­ve­ce le ca­le di nor­do­ve­st (Sot­to­tor­re, Le Sa­li­ne e Spiag­gia Gran­de) nel ca­so sof­fi lo sci­roc­co: han­no sab­bia bian­chis­si­ma e l’acqua ri­cor­da quel­la del­la Po­li­ne­sia.

Non so­lo ma­re Chi sce­glie que­st’iso­la lo fa per il ma­re e l’at­mo­sfe­ra in­ti­ma e rac­col­ta dei bor­ghi, ma quan­do non si vuo­le scen­de­re in spiag­gia ci si può de­di­ca­re all’ar­te e alla storia del luo­go. A Ca­la­set­ta, ac­can­to alla tor­re set­te­cen­te­sca, c’è il Macc, con ope­re di ar­te con­tem­po­ra­nea, da Fon­ta­na a Veronesi ai co­strut­ti­vi­sti fran­ce­si (fon­da­zio­ne­macc.it). A Sant’An­tio­co, in­ve­ce, si tro­va­no il Museo ar­cheo­lo­gi­co con un’im­por­tan­te collezione de­di­ca­ta alla cul­tu­ra fe­ni­cia nel Medi­terraneo (mab­san­tan­tio­co.it) e il Museo del bis­so di Chia­ra Vi­go, l’ul­ti­ma sa­cer­do­tes­sa di un’ar­te mil­le­na­ria: la la­vo­ra­zio­ne del­la “se­ta del ma­re” (chia­ra­vi­go.com).

Nel parco geo­mi­ne­ra­rio Va­le una pas­seg­gia­ta l’an­ti­co bor­go di Tra­ta­lias, che nel Me­dioe­vo era il cen­tro più im­por­tan­te del Sul­cis: ca­se in pie­tra bian­ca, la son­tuo­sa Cat­te­dra­le di San­ta Maria di Mon­ser­ra­to del 1213 e, ac­can­to, la Lo­can­da Mon­ser­rat (da 35 eu­ro, lo­can­da­mon­ser­rat.it) di Maurizio Ser­ra: l’at­mo­sfe­ra è speciale e il me­nu di pe­sce no­te­vo­le. Il Sul­cis è an­che ter­ra di mi­nie­re, ar­chi­vi sto­ri­ci e mu­sei che rac­con­ta­no la du­ra ci­vil­tà del car­bo­ne nel­la provincia di Car­bo­niaI­gle­sias. Tra le al­tre, è vi­si­ta­bi­le la Mi­nie­ra di Gen­na Luas (Museo del Mi­na­to­re) nel Co­mu­ne di Igle­sias (par­co­geo­mi­ne­ra­rio.eu). Vicino c’è la co­sta, do­ve spic­ca il Pan di Zuc­che­ro, con i suoi due ar­chi na­tu­ra­li. Per al­tre in­for­ma­zio­ni e per pro­gram­ma­re una va­can­za con­sul­ta sar­de­gna­tu­ri­smo.it

So­pra, una spiag­gia di Sant’An­tio­co. Sot­to, le ca­rat­te­ri­sti­che du­ne tra Teu­la­da e Por­to Pino.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.