AN­DA­RE PER CA­NYON O A CA­VAL­LO

Dove - - Lo Sport Rende Felici -

Nel­le vi­sce­re del­la ter­ra, per vi­ve­re espe­rien­ze di gran­de im­pat­to emo­ti­vo. È quel­lo che as­si­cu­ra la Val­le dei ca­nyon, il no­me con cui è sta­ta ri­bat­tez­za­ta la Val di Non, che di re­cen­te ha ri­sco­per­to, re­so ac­ces­si­bi­li e si­cu­ri ad adul­ti e bam­bi­ni me­ra­vi­glio­si sce­na­ri na­tu­ra­li gra­zie a un si­ste­ma di pas­se­rel­le e gra­di­ni. Si sco­pre co­sì, nel cuo­re del cen­tro sto­ri­co di Fon­do, il fa­sci­no di un ca­nyon mi­ste­rio­so sca­va­to dal­le ac­que im­pe­tuo­se del Rio Sass. Gio­chi di lu­ce e om­bre, ca­sca­te, sta­lat­ti­ti, fos­si­li in­ca­sto­na­ti nel­la roc­cia si sus­se­guo­no in una pas­seg­gia­ta di 1,2 chi­lo­me­tri, che con­du­ce a un an­ti­co sta­bi­li­men­to ter­ma­le fre­quen­ta­to, nell’Ot­to­cen­to, dall’im­pe­ra­to­re Fran­ce­sco Giu­sep­pe e dal­la mo­glie Sis­si. Non lon­ta­no, a Brez, la pau­sa pran­zo è al­la Lo­can­da Al­pi­na, ri­sto­ran­te gour­met dall’at­mo­sfe­ra ri­las­sa­ta. In ta­vo­la sfi­la­no le ri­cet­te lo­ca­li, tut­te ot­ti­me, ma im­per­di­bi­li so­no gli gnoc­chi di pa­ta­te cru­de e lo stru­del. Sco­pri­re il Par­co Na­tu­ra­le a bor­do di una car­roz­za trai­na­ta da ca­val­li? Si può. Il Cen­tro Equi­ta­zio­ne di An­da­lo or­ga­niz­za gi­te in car­roz­za, co­sì co­me le­zio­ni, pas­seg­gia­te e trek­king di più gior­ni at­tra­ver­so il Par­co. Per fa­re ac­qui­si­ti, sem­pre ad An­da­lo, la so­sta è al­la Bot­te­ga del­le bon­tà, do­ve si tro­va­no de­li­zie lo­ca­li e di nic­chia tra sa­lu­mi, for­mag­gi e mie­li. For­ni­tis­si­mo an­che El Vòlt, eno­te­ca spe­cia­liz­za­ta in grap­pe, vi­ni e bir­re tren­ti­ne. Do­po tan­te fa­ti­che, ci si può an­che con­ce­de­re un bic­chie­re in più.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.