SU E GIù dAI COl­lI

Dove - - Weekend Active - Di Ste­fa­no te­Si

Si chia­ma Gran Fondo Stra­de Bian­che ed è una ga­ra ci­cli­sti­ca (or­ga­niz­za­ta da Rcs Sport) per ama­to­ri che si svol­ge il 6 mar­zo sul­le più bel­le vie del­la cam­pa­gna a sud di Sie­na. al­cu­ne del­le qua­li ster­ra­te e, per­ciò, “bian­che”. Ma si po­treb­be an­che chia­ma­re la cor­sa del ri­scat­to del­le stra­de di­men­ti­ca­te. di quel­le, cioè, ri­ma­ste per de­cen­ni ai mar­gi­ni de­gli in­te­res­si lo­ca­li, fi­no a tra­sfor­mar­si in “fos­si­li via­rii”: strisce che si ad­den­tra­no nel­la ru­ra­li­tà pro­fon­da, tra ve­du­te sen­za fi­ne e bo­schi im­pe­ne­tra­bi­li, co­me se par­tis­se­ro dal nul­la ed ar­ri­vas­se­ro al nul­la, pie­ne di cur­ve e sa­li­scen­di, stret­te e spes­so de­ser­te, tal­vol­ta co­per­te so­lo di brec­cia pol­ve­ro­sa che scric­chio­la sot­to le suo­le. ri­per­cor­rer­le sul­le due ruo­te, con una “len­tez­za com­pe­ti­ti­va” che nul­la to­glie al be­nes­se­re spor­ti­vo, è una gio­ia per gli oc­chi e per lo spi­ri­to. Si­gni­fi­ca sve­la­re nuo­va­men­te il mi­ste­ro dei lo­ro trac­cia­ti e com­pren­de­re il per­ché del­la lo­ro esi­sten­za, rian­no­dan­do i fi­li del pae­sag­gio. il per­cor­so pre­ve­de due va­rian­ti: la Gran Fondo ve­ra e pro­pria (122 km, di cui 22,4 di ster­ra­to) e una Me­dio Fondo più bre­ve (83,5 km, di cui 19,1 di ster­ra­to), de­sti­na­ta ai ci­cloa­ma­to­ri me­no al­le­na­ti. Ma, per for­tu­na, in nes­su­na del­le due ar­ri­va­re al­la fi­ne è un ob­bli­go. e le set­te ore di tem­po mas­si­mo la­scia­no an­che spa­zio a una pe­da­la­ta qua­si “tu­ri­sti­ca”.Quel­lo che aspet­ta i con­cor­ren­ti lo si può ve­de­re già dai ba­stio­ni del­la For­tez­za Me­di­cea di Sie­na, do­ve al­le 9 è fis­sa­ta la par­ten­za. L’af­fac­cio sul­la sky­li­ne del­la cit­tà me­die­va­le con­sen­te di con­tem­pla­re in lon­ta­nan­za una cam­pa­gna can­gian­te e on­du­la­ta. La se­ra pri­ma, il pie­no di ener­gie si può fa­re all’ot­ti­ma Oste­ria Sa­le­fi­no. il per­cor­so si tuf­fa su­bi­to ver­so sud e pun­ta ver­so la Maremma at­tra­ver­san­do pia­nu­re e i pri­mi ster­ra­ti. a oc­ci­den­te la mu­ra­glia di bo­schi ver­di e fit­ti del­la Mon­ta­gno­la e del­la val di Mer­se, pun­teg­gia­ti di ca­stel­li. Sem­bra una pas­seg­gia­ta fi­no a quan­do si la­scia la sta­ta­le e si vi­ra bru­sca­men­te a orien­te per Mur­lo, il bor­go che ospi­ta l’An­ti­qua­rium di Pog­gio Ci­vi­ta­te, uno dei più im­por­tan­ti si­ti etru­schi del­la To­sca­na. Ma pri­ma di ar­ri­var­ci bi­so­gna su­pe­ra­re la sa­li­ta che por­ta fi­no a quo­ta 467 me­tri (il Pas­so del ro­spa­to­io: un no­me, una ga­ran-

2

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.