L’ANI­MA DI CA­DI­CE

Dove - - La Strada É Il Viaggio -

si tro­va­no gli in­di­riz­zi mi­glio­ri. I ri­sto­ran­ti ser­vo­no una cu­ci­na che ha as­sor­bi­to in­fluen­ze ara­be, in­gle­si e fran­ce­si. Si man­gia fo­ie gras da El Al­ma­cen, un ga­stro­bar dal pi­glio mo­da­io­lo e dal de­si­gn ri­cer­ca­to, giu­sta cor­ni­ce al ci­bo. Ma an­che ver­du­re in tem­pu­ra, sal­mo­re­jo (una zup­pa fred­da) e piat­ti ibe­ri­ci ri­vi­si­ta­ti: che si or­di­ni qui o al­tro­ve, il con­si­glio è di chie­de­re le por­zio­ni ta­pas per un pia­ce­vo­le ex­cur­sus cu­li­na­rio di ter­ra e di ma­re. La co­sta è vi­ci­na: lo si ca­pi­sce da quel­la lu­ce bian­ca la­va­ta dall’Atlan­ti­co e dal pro­fu­mo di sal­ma­stro che en­tra dai fi­ne­stri­ni ab­bas­sa­ti dell’au­to. Con­ta­di­ni col ba­sco, an­zia­ni che gio­ca­no a do­mi­no nel­la pe­nom­bra dei cor­ti­li, to­ri al pa­sco­lo: dal­la cam­pa­gna, an­dan­do ver­so sud ove­st, la ter­ra si fa sab­bia.

Una lu­na chia­ra e gra­nu­lo­sa di sab­bia è co­me l’or­lo a un bel ve­sti­to un po’ fa­né. Ca­di­ce ( Ga­dir, co­me la bat­tez­za­ro­no i fe­ni­ci), è pro­te­sa nell’Atlan­ti­co su uno sfi­lac­cio di co­sta, co­me una pe­ni­so­la nel­la pe­ni­so­la, at­tor­nia­ta dal ma­re. Una cit­tà ma­ri­na­ra, la più an­ti­ca d’eu­ro­pa abi­ta­ta sen­za in­ter­ru­zio­ne. Il lun­go­ma­re è da car­to­li­na, una ba­ia ario­sa con on­de ar­di­te e una cor­ni­ce no­stal­gi­ca di ca­se vis­su­te al­le spal­le. La cit­tà non ha ven­du­to l’ani­ma al tu­ri­smo e il suo vi­so ha bel­le ru­ghe da lu­po di ma­re. Per i co­lo­ri, le for­tez­ze del por­to e le di­ghe mer­la­te, è una pic­co­la Ava­na. Ma il pa­ra­go­ne fa­ci­le non le ren­de giu­sti­zia. “L’Ava­na è

an­da­lu­sia Ca­di­ce con più ne­ri; Ca­di­ce è L’Ava­na con più mor­den­te”, ri­sol­ve lo scrit­to­re e gior­na­li­sta si­vi­glia­no An­to­nio Bur­gos. “Ca­di­ce è co­me una cit­tà del­la Gre­cia clas­si­ca, sbar­ca­ta in Spa­gna per il Car­ne­val: ha tra­ve­sti­to l’Atlan­ti­co di me­di­ter­ra­nei­tà e dai fe­ni­ci e i ro­ma­ni ha pre­so in pre­sti­to l’el­le­ni­smo”. ep­pu­re, pas­seg­gian­do nel­le stret­te cal­le­zue­las, Ca­di­ce è sem­pli­ce­men­te An­da­lu­sia.

Bar­rio me­dioe­va­li e bor­ghi di pe­sca­to­ri si al­ter­na­no a cat­te­dra­li e stra­di­ne ac­ciot­to­la­te li­sce e lu­ci­de co­me ce­ra, do­ve è giu­sto per­der­si. Ci so­no il Bar­rio de San­ta Ma­ria, il quar­tie­re gi­ta­no; il Bar­rio del Po­pu­lo, cuo­re me­dioe­va­le; la viña, la zo­na dei pe­sca­to­ri. ognu­no con il pro­prio ca­rat­te­re: bo­hé­mien e de­ca­den­te il pri­mo, in­tri­co di stra­de con la cat­te­dra­le co­me ico­na il cen­tro an­ti­co, ve­ra­ce e fe­sta­io­lo quel­lo ma­ri­na­ro. Per en­tra­re nel cuo­re di Ca­di­ce non ser­ve al­tro se non scar­pe co­mo­de e curiosità: di dor­mi­re nel­le stan­ze del Con­ven­to (ex mo­na­ste­ro, ora bou­ti­que ho­tel) per re­spi­ra­re il si­len­zio e l’at­mo­sfe­ra rac­col­ta di mu­ra an­ti­che; di as­sag­gia­re l’em­pa­na­da gal­le­ga di Ca­sa Hi­dal­go, il dol­ce del­la tra­di­zio­ne; di or­di­na­re i mi­glio­ri chur­ros al cioc­co­la­to al­la Caf­fet­te­ria Ma­ri­na, con Pla­za Flo­res che frizza da­van­ti e il mer­ca­to ali­men­ta­re vi­ci­no. di spin­ger­si ol­tre i consigli del­le gui­de che del ri­sto­ran­te El Fa­ro, per esem­pio, pro­met­to­no me­ra­vi­glie: buon pe­sce sì, ma ca­ro e fred­do nell’at­mo­sfe­ra. Me­glio gi­ra­re l’an­go­lo e in­fi­lar­si nel suo ta­pas bar, che tra­boc­ca

la stra­da è il viag­gio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.