Com­pa­gni di viag­gio

Dove - - Lo Sport Rende Felici -

Oro­lo­gi con Gps, uti­lis­si­mi so­prat­tut­to se si pe­da­la su ster­ra­ti non se­gna­la­ti. Mo­del­li im­per­mea­bi­li fi­no a 200 at­mo­sfe­re e iper­con­nes­si. Il me­glio da met­te­re al pol­so

Per quan­to pos­sa sem­bra­re ba­na­le, bi­so­gna te­ne­re sem­pre a men­te che la Li­gu­ria è in­nan­zi­tut­to una re­gio­ne di col­li­ne e mon­ta­gne: il ma­re e la co­sta, da un pun­to di vi­sta mor­fo­lo­gi­co, so­no in net­ta mi­no­ran­za. An­che per que­sto mo­ti­vo è ric­chis­si­ma di per­cor­si af­fa­sci­nan­ti da af­fron­ta­re in mo­to, in bici o a pie­di. So­no in ge­ne­re mol­to ben se­gna­la­ti ed or­ga­niz­za­ti, ma com­por­ta­no an­che non po­che “va­ria­zio­ni sul te­ma” che pos­so­no crea­re pro­ble­mi: di tan­to in tan­to si apro­no sen­tie­ri ster­ra­ti non se­gna­la­ti, che per gli spi­ri­ti più av­ven­tu­ro­si pos­so­no co­sti­tui­re una ten­ta­zio­ne qua­si ir­re­si­sti­bi­le. Il ri­schio di per­der­si è rea­le, al­lun­gan­do mol­to, se non trop­po, i tem­pi di per­cor­ren­za pre­vi­sti. Una buo­na pre­mes­sa è di pre­fe­ri­re sem­pre i per­cor­si in di­sce­sa che guar­da­no il so­le: è più fa­ci­le tro­va­re la co­sta e i li­gu­ri, gen­te sag­gia, han­no sem­pre co­strui­to i pae­si cer­can­do di ave­re, so­prat­tut­to in al­tu­ra, il ca­lo­re del so­le a pro­prio fa­vo­re. An­che per que­sto il pri­mo con­si­glio, per i più av­ven­tu­ro­si, è quel­lo di mu­nir­si di un oro­lo­gio con GPS co­me il Gar­min Fe­nix: ol­tre a una gran quan­ti­tà di sen­so­ri de­di­ca­ti al fit­ness, in­fat­ti, il Fe­nix ha il lo­ca­liz­za­to­re sa­tel­li­ta­re, uti­le an­che nel­le lo­ca­li­tà in cui il cel­lu­la­re aves­se pro­ble­mi di ri­ce­zio­ne; in ag­giun­ta dia­lo­ga con tut­ti i si­ste­mi ope­ra­ti­vi (com­pre­so, quin­di Win­do­ws Pho­ne) ed è an­che im­per­mea­bi­le

fi­no a 10 at­mo­sfe­re. Un ve­ro stru­men­to che può ri­sol­ve­re qua­lun­que ge­ne­re di si­tua­zio­ne. Per chi è un po’ più pru­den­te e in ge­ne­re non si al­lon­ta­na dai sen­tie­ri e dai per­cor­si or­ga­niz­za­ti, da set­tem­bre sa­rà di­spo­ni­bi­le il Fos­sil Q Crew­ma­ster, spe­cia­liz­za­to nell’ac­ti­vi­ty trac­king, a cui si ag­giun­go­no chic­che co­me il mo­ni­to­rag­gio del son­no. Sem­bra un nor­ma­le oro­lo­gio al quar­zo, ma in real­tà è un ve­ro e pro­prio di­spo­si­ti­vo con­nes­so di nuo­va ge­ne­ra­zio­ne, frut­to del­la col­la­bo­ra­zio­ne con Mi­sfit, azien­da di hard­ware e soft­ware ac­qui­sta­ta dal grup­po Fos­sil. In at­te­sa del gran­de de­but­to di set­tem­bre Fos­sil of­fre co­mun­que una nu­tri­ta se­rie di con­nes­si (tut­ti com­pa­ti­bi­li con An­droid e iOS) adat­ti a ogni si­tua­zio­ne: con­vie­ne de­di­ca­re un po’ di tem­po al­le no­vi­tà per fa­re la scel­ta più adat­ta al­le pro­prie esi­gen­ze, te­nen­do con­to co­mun­que che i prez­zi so­no co­sì in­te­res­san­ti da con­sen­ti­re l’ac­qui­sto dop­pio: per lui e per lei. E in­fi­ne un mo­del­lo per chi non ama ave­re al­cun li­mi­te: or­ga­niz­za­tis­si­mo con stru­men­ti pro­fes­sio­na­li, ha al­cu­na esi­gen­za di ave­re al

a

In bici pol­so trop­pa elet­tro­ni­che. Chi vuo­le il mas­si­mo ha una scel­ta li­mi­ta­ta a una ven­ti­na di oro­lo­gi su­bac­quei dav­ve­ro pen­sa­ti per i pro­fes­sio­ni­sti, fra i qua­li spic­ca l’IWC Aqua­ti­mer Au­to­ma­tic 2000, con cas­sa in ro­bu­stis­si­mo ti­ta­nio (IWC è sta­ta la pri­ma mar­ca d’oro­lo­gi a usa­re que­sto me­tal­lo), mo­vi­men­to mec­ca­ni­co a ca­ri­ca au­to­ma­ti­ca e un si­ste­ma si­cu­ro e al tem­po stes­so di age­vo­le azio­na­men­to per ge­sti­re la lu­net­ta gi­re­vo­le in­ter­na. L’im­per­mea­bi­li­tà fi­no a 200 at­mo­sfe­re può sem­bra­re un’esa­ge­ra­zio­ne, ma i pro­fes­sio­ni­sti del­le im­mer­sio­ni san­no be­ne che le ri­ser­ve di si­cu­rez­za non ba­sta­no mai. È di­spo­ni­bi­le in di­ver­se ver­sio­ni, ma quel­la con gli in­di­ci gial­li of­fre una leg­gi­bi­li­tà straor­di­na­ria in ogni con­di­zio­ne di lu­ce.

Au­gu­stoVe­ro­ni

Ca­mo­gli.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.