Sto­rie e vol­ti di ton­na­ro­ti

Dove - - Una Volta Nella Vita -

So­no gli ul­ti­mi te­sti­mo­ni di un’età dell’oro, l’ac­qua tin­ta di ros­so dal­la mat­tan­za, le fa­ti­che smi­su­ra­te, la cia­lo­ma, i can­ti che rit­ma­va­no i tem­pi di la­vo­ro. Qua­si un ri­to sa­cri­fi­ca­le. Le im­ma­gi­ni dei ton­na­ro­ti dell’ex sta­bi­li­men­to Flo­rio, tra­sfor­ma­to in mu­seo di ar­cheo­lo­gia ma­ri­na e cul­tu­ra iso­la­na, so­no pro­iet­ta­te a gran­dez­za na­tu­ra­le sugli scher­mi, qua­si fossero olo­gram­mi, nel­la sa­la To­ri­no. Le lo­ro voci rac­con­ta­no una sto­ria an­ti­ca, quel­la di Gioac­chi­no Ca­tal­do (nel­la foto), l’ul­ti­mo raìs (il ter­mi­ne vie­ne dall'ara­bo, ma qui si pro­nun­cia rràis, con la doppia er­re e l'ac­cen­to sul­la a), do­mi­nus as­so­lu­to del­la ton­na­ra, dal 2006 “te­so­ro uma­no vi­ven­te”, se­con­do la Con­ven­zio­ne per la Sal­va­guar­dia del Pa­tri­mo­nio Cul­tu­ra­le Im­ma­te­ria­le dell’Une­sco. O di Cle­men­te Ven­tro­ne, che a 14 an­ni ha co­min­cia­to co­me sca­ri­ca­to­re di sa­le per poi di­ven­ta­re ton­na­ro­to. La sto­ria del­le Ega­di è so­prat­tut­to quel­la del­la pe­sca al ton­no, in­ter­rot­ta nel 2007. Lo Sta­bi­li­men­to Flo­rio è sta­to uno dei mag­gio­ri cen­tri in­du­stria­li dell'in­te­ro Me­di­ter­ra­neo. Una tar­ga ri­cor­da la sto­ri­ca mat­tan­za del 1859, quan­do ven­ne­ro pe­sca­ti 10.159 ton­ni. Poi il de­cli­no e la chiusura. do­ve spun­ta­no le chio­me de­gli al­be­ri da frut­to. Im­per­di­bi­li la bu­sia­ta, la ti­pi­ca pa­sta lo­ca­le con melanzane e ri­cot­ta sa­la­ta, ma an­che il pa­ne cun­za­to con­di­to con ali­ci, cap­pe­ri e po­mo­do­ri­ni fre­schi, le frit­tel­le di at­ti­nie, il lat­tu­me, li­qui­do se­mi­na­le del ton­no gri­glia­to o con­ser­va­to sot­to sa­le, gli spa­ghet­ti con le pa­tel­le, le cas­sa­tel­le, ra­vio­li dol­ci ripieni di ri­cot­ta. da cinque an­ni l’iso­la può an­che con­ta­re sul suo vi­no. I vi­gne­ti erano spa­ri­ti un se­co­lo fa, ma nel­la Te­nu­ta di Ca­la­mo­ni, su una lin­gua di ter­ra emer­sa do­mi­na­ta da un al­to pro­mon­to­rio, cinque et­ta­ri in tut­to, l’azien­da Fir­ria­to ha pian­ta­to fi­la­ri, tra fos­si­li e mu­ret­ti a sec­co. Una scom­mes­sa vin­ta che ha da­to vi­ta a una pro­du­zio­ne di nic­chia, quel­la del pre­gia­to Fa­vi­nia, ca­rat­te­riz­za­to da una spic­ca­ta sa­pi­di­tà gra­zie al mare vi­ci­no: è na­to an­che un pas­si­to na­tu­ra­le, il Pas­su­lè, con l’uva pas­sa in­fu­sa nel vi­no e non nel mo­sto. C’è l’im­ba­raz­zo del­la scel­ta al mo­men­to di gu­sta­re i piat­ti iso­la­ni. Uno dei ri­sto­ran­ti più ap­prez­za­ti è Quel che c’è c’è, in una stra­di­na del cen­tro, una fu­ci­na fa­mi­lia­re in cui in­ven­ti­va, qualità, fre­schez­za si tra­du­co­no in ri­cet­te che con­qui­sta­no i pa­la­ti de­gli ospi­ti. A par­ti­re dal­la car­bo­na­ra di mare, a ba­se di coz­ze, von­go­le, gam­be­ri, scam­pi au­da­ce­men­te amal­ga­ma­ti con il pe­co­ri­no. La star è il Gran cru­do, ov­ve­ro tar­ta­re e carpaccio di

1

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.