SHOP­PING E SPIAG­GE. AR­TI­FI­CIA­LI

Dove - - Chengdu -

È del­lo stu­dio Za­ha Ha­did in­ve­ce, il si­nuo­so Cen­tu­ry Ci­ty Art Cen­tre (NCCAC), in via di rea­liz­za­zio­ne lun­go la tian­fu Ave­nue, fu­tu­ro po­lo cul­tu­ra­le del­la cit­tà, con un mu­seo di ope­re d’ar­te di li­vel­lo in­ter­na­zio­na­le, cen­tro con­gres­si, tre au­di­to­rium, bar, ri­sto­ran­ti e ne­go­zi. In tut­to cir­ca 140 mi­la me­tri qua­dra­ti, tan­to per re­sta­re coe­ren­ti con il con­cet­to che qui le co­se si fan­no in gran­de. Tai bang le, su­per! del re­sto, gli edi­fi­ci con­tem­po­ra­nei esi­sten­ti esi­bi­sco­no già di­men­sio­ni gi­gan­te­sche. Co­me il Cen­tu­ry Global Cen­tre, che sor­ge pro­prio di fron­te, non a ca­so ri­te­nu­to il più gran­de del mon­do. Al suo in­ter­no, im­men­se aree shop­ping, ho­tel, ri­sto­ran­ti e caf­fè, ci­ne­ma e tea­tri, una pi­sta di pat­ti­nag­gio sul ghiac­cio, un par­co ac­qua­ti­co con tan­to di spiag­gia lun­ga 400 me­tri, on­de e me­ga­scher­mo che ri­trae il “li­to­ra­le” e i ba­gnan­ti, rad­dop­pian­do­ne l’ef­fet­to. Non man­ca­no le ra­pi­de per il raf­ting. Quel­la che da que­ste par­ti è una cit­tà di me­die

cheng­du è un la­bo­ra­to­rio di ar­chi­tet­tu­re ar­di­te. Ma all’om­bra dei grat­ta­cie­li so­prav­vi­vo­no bot­te­ghe e tra­di­zio­ni del pas­sa­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.