De­si­gn Pre­view/ 2

K co­me Kar­tell. Che ha chia­ma­to star di tut­te le età, dal­la moda al­la mu­si­ca, dall’ar­te al web, per in­ter­pre­ta­re nuo­vi mo­di di abi­ta­re. E la mo­stra ‘ Cros­sing Ge­ne­ra­tion’, nel­lo sto­re di Milano, ne pre­sen­ta i ri­sul­ta­ti

ELLE Decor (Italy) - - CONTENTS - di Valentina Rag­gi

‘ Cros­sing Ge­ne­ra­tion’: Kar­tell e i nuo­vi mo­di di abi­ta­re

“Le in­ci­sio­ni sui ve­tri pub­bli­ci non so­no at­ti van­da­li­ci, ma ro­man­ti­ci land­mark. Che ho vo­lu­to ri­por­ta­re nel­lo spa­zio pri­va­to” Igna­si Mon­real

“So­no en­tu­sia­sta di la­vo­ra­re con un’azien­da ico­ni­ca e di po­ter trat­ta­re dei pez­zi sen­za tem­po con le mie stampe e i miei co­lo­ri” Mar­ce­lo Bur­lon

Co­me da tra­di­zio­ne per ogni Fuo­ri­sa­lo­ne, il flag­ship sto­re di Kar­tell in via Tu­ra­ti, nel cen­tro di Milano, si tra­sfor­ma nel pal­co­sce­ni­co di un even­to su un te­ma di pun­ta. “Tut­ti par­la­no di Mil­len­nials e di cros­sge­ne­ra­zio­ne. Per noi è un ob­bli­go ve­ri­fi­ca­re co­stan­te­men­te che co­sa pen­sa­no del­la no­stra azien­da per­so­ne di età e di mon­di di­ver­si, con­fron­tan­do­si con lo­ro. Que­st’an­no ne met­tia­mo in sce­na gli esiti”, esor­di­sce il pre­si­den­te Clau­dio Lu­ti. Con una pic­co­la di­gres­sio­ne dal­la con­sue­tu­di­ne, la mo­stra ‘ Cros­sing Ge­ne­ra­tion’ in­vi­ta un in­so­li­to par­ter­re di col­la­bo­ra­to­ri — mol­ti ex­tra set­to­re de­si­gn — a rac­con­ta­re la pro­pria vi­sio­ne del mon­do Kar­tell, e la pro­pria fi­lo­so­fia dell’abi­ta­re tout- court. Il ri­sul­ta­to è un al­le­sti­men­to mul­ti­me­dia­le che rac­chiu­de in un uni­co luo­go stan­ze idea­li, pro­dot­ti no­ti ri­vi­si­ta­ti, vi­deo. I per­so­nag­gi coin­vol­ti? Un cor­to­cir­cui­to di età e pro­ve­nien­ze di­ver­se: Di­let­ta Bo­na­iu­ti, Mar­ce­lo Bur­lon, Fa­bri­ca, Xiang Guan, Mara Ma­ion­chi e Lo­ren­zo Li­ci­tra, Igna­si Mon­real, Ma­rie- Loui­se Sciò, Sciu­ra­glam, Cristina Mo­roz­zi e So­fia Vi­scar­di, Madina Vi­scon­ti di Mo­dro­ne. No­mi che ap­par­ten­go­no ai mon­di più di­spa­ra­ti — moda, mu­si­ca, ar­te, de­si­gn, edi­to­ria, web — e che rap­pre­sen­ta­no nel­la lo­ro tra­sver­sa­li­tà tut­te le fran­ge del­la so­cie­tà, dal pop al­la nic­chia. “Il mon­do cam­bia in ma­nie­ra ve­lo­cis­si­ma e met­te in dub­bio gli stru­men­ti di la­vo­ro che ab­bia­mo uti­liz­za­to fi­no a ie­ri. Noi co­me azien­da ab­bia­mo la for­tu­na di es­se­re in pri­ma fi­la, per­ché pos­sia­mo os­ser­va­re da vi­ci­no le va­rie ti­po­lo­gie di con­su­ma­to­ri”, con­ti­nua Lu­ti, rac­con­tan­do che so­no in mol­ti a ri­cor­da­re di aver avu­to un pez­zo Kar­tell, a ca­sa pro­pria o dei ge­ni­to­ri. E che chiun­que, og­gi, può tro­va­re al­me­no un pro­dot­to del brand, lea­der nel­la la­vo­ra­zio­ne del­le pla­sti­che, che ri­spec­chi il suo gu­sto. Na­sce pro­prio da que­sta po­po­la­ri­tà in­si­ta nel Dna del mar­chio il de­si­de­rio, la ne­ces­si­tà, di esplorare un mon­do co­sì fram­men­ta­to e in ra­pi­da evo­lu­zio­ne co­me quel­lo del­la so­cie­tà contemporanea e del­le sue le­ve, i gio­va­ni. Tra i creativi coin­vol­ti c’è, per esem­pio, Igna­si Mon­real, ca­ta­la­no, de­fi­ni­to ‘ pit­to­re di­gi­ta­le’, che de­ve la sua fa­ma so­prat­tut­to al­le col­la­bo­ra­zio­ni con im­por­tan­ti mai­son di moda e pro­dot­ti edi­to­ria­li. Uno che fa del mé­tis­sa­ge la ci­fra del pro­prio cur­ri­cu­lum, che nei suoi qua­dri ri­trae sce­ne di un rea­li­smo as­so­lu­to, ep­pur con sguar­do oni­ri­co e sur­rea­le. Mon­real ha de­ci­so di ri­por­ta­re quel­lo che co­mu­ne­men­te si de­fi­ni­reb­be un at­to van­da­li­co — le scrit­te in­ci­se dai ra­gaz­zi sui ve­tri e sul­le pa­re­ti dei luo­ghi pub­bli­ci — nel­la pri­va­cy del pro­prio am­bien­te do­me­sti­co, su una serie di pez­zi del­la col­le­zio­ne Ghost di Kar­tell. Per­ché ama quei ge­sti di li­ber­tà espres­si­va che wri­ters e af­fi­ni regalano al­la pro­pria cit­tà: li tro­va ro­man­ti­ci. C’è an­che Mar­ce­lo Bur­lon, un al­tro per­so­nag­gio che di la­vo­ro fa tut­to e tut­to gli rie­sce be­ne. “Un ot­ti­mo in­ter­pre­te tra noi e la ge­ne­ra­zio­ne dei Mil­len­nials”, chio­sa Lu­ti, che le­ga il sim­bo­lo del­la sua ca­sa di moda a una serie di ac­ces­so­ri Kar­tell. Por­tan­do co­sì quel­la no­ta pas­sio­ne per il lo­go in un mon­do, quel­lo del de­si­gn, do­ve qua­si sem­pre il lo­go non è in evi­den­za. C’è poi Cristina Mo­roz­zi, esper­ta di de­si­gn, che dia­lo­ga con la ni­po­te So­fia Vi­scar­di, you­tub ere scrit­tri­ce, in un vi­deo cross ge­ne­ra­zio­na­le e fa­mi­lia­re sull’idea di una Kar­tell di ie­ri e di do­ma­ni. E poi la stan­za idea­le di Mara Ma­ion­chi e il vin­ci­to­re di X Fac­tor 2017 Lo­ren­zo Li­ci­tra. O an­co­ra, Madina Vi­scon­ti di Mo­dro­ne, la jewel de­si­gner dal san­gue blu, che me­sco­la il suo mas­si­ma­li­smo con il mi­ni­ma­li­smo del brand. “Spe­ro che que­sto even­to ci la­sci più di una ri­fles­sio­ne da tra­dur­re nel no­stro mo­do di la­vo­ra­re, nei pro­dot­ti e nel­la di­stri­bu­zio­ne. Sto già pen­san­do a un se­con­do even­to”, ci con­fi­da Lu­ti. Che ha in men­te un al­tro fo­cus: “Ol­tre ai Mil­len­nials dob­bia­mo con­si­de­ra­re an­che gli an­zia­ni, che og­gi vi­vo­no più a lun­go e do­po l’età del­la pen­sio­ne vo­glio­no go­der­si una vi­ta al­tra e di­ver­sa”. Il de­si­gn na­sce an­che per rea­liz­za­re so­gni. —

“Tut­to ha una pro­pria vi­ta e un pro­prio ruo­lo nel mon­do. Que­sto pro­get­to in­vi­ta a ri­flet­te­re su­gli og­get­ti e sul­la lo­ro iden­ti­tà in un mo­do di­ver­so e ori­gi­na­le ” Xiang Guan

Mar­ce­lo Bur­lon — Italo- li­ba­ne­se ma cre­sciu­to in Pa­ta­go­nia, ha un ani­mo multitasking: è PR, sti­li­sta, im­pren­di­to­re, art di­rec­tor e so­prat­tut­to gran­de in­ter­pre­te di ciò che pia­ce al­le nuo­ve ge­ne­ra­zio­ni. Per tra­spor­ta­re Kar­tell nel­la X ge­ne­ra­tion ha...

Il moc­kup di ‘ Scrat­ch Me’, l’in­stal­la­zio­ne dell’ar­ti­sta Igna­si Mon­real che ri­por­ta su ar­re­di le scrit­te in­ci­se dai ra­gaz­zi sui ve­tri de­gli spa­zi ur­ba­ni.

Xiang Guan — Fre­sco di lau­rea al­la Cen­tral Saint Mar­tins School di Lon­dra, il de­si­gner si è su­bi­to fat­to no­ta­re per una col­le­zio­ne di ar­re­di ‘ sim­bio­ti­ci’, che fun­zio­na­no so­lo tra­mi­te l’in­te­ra­zio­ne con il cor­po uma­no. In­vi­ta­to da Kar­tell a ri­flet­te­re...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.