In­ter­vi­sta a Matilda Lutz

ELLE (Italy) - - Contents - Silvia Locatelli

SUL SET FO­TO­GRA­FI­CO la­vo­ra con lo ze­lo di una sco­la­ret­ta. È una ra­gaz­za be­ne­du­ca­ta. Do­te sem­pre più ra­ra e per­ciò pre­zio­sa. Ma una co­sa è evi­den­te: Matilda Lutz è più di­sin­vol­ta quan­do ba­cia il fi­glio di Mick Jagger in bi­li­co su una tra­ve che da­van­ti a un obiet­ti­vo. Ep­pu­re suo pa­dre è un fo­to­gra­fo (ame­ri­ca­no). Ex mo­del­lo, per di più, co­me la mam­ma (che in­ve­ce è ita­lia­na), ora pier­re. «So­no gra­ta ai miei ge­ni­to­ri so­prat­tut­to di una co­sa», di­ce. «Mi han­no sem­pre la­scia­to fa­re la bam­bi­na. Mio pa­dre non mi ha mai por­ta­to su un set. For­se mi ha fo­to­gra­fa­to una vol­ta, in uno scat­to di li­fe­sty­le, sul­lo sfon­do, men­tre gio­ca­vo, nean­che mi so­no ac­cor­ta. Mi han­no pro­tet­ta e ne so­no fe­li­ce. In Ame­ri­ca ve­do tan­te per­so­ne che han­no ini­zia­to gio­va­nis­si­me, so­no cre­sciu­te in fret­ta, non han­no mai avu­to una ve­ra in­fan­zia...». La guar­di ne­gli oc­chi, due tor­ma­li­ne di un ver­de pa­sto­so, la boc­ca piena, la for­ma del viso, quel na­so... Ti ri­cor­da qual­cu­no. Da mo­ri­re. Qual­cu­no che ti pia­ce ma ti sfug­ge...

Matilda, 26 an­ni, è sta­ta lan­cia­ta da Ga­brie­le Muc­ci­no nel film L’esta­te ad­dos­so, pre­sen­ta­to due an­ni fa al fe­sti­val di Ve­ne­zia. Gior­gio Ar­ma­ni l’ha no­ta­ta pro­prio su quel tap­pe­to ros­so. È lui l’abi­le sen­sa­le del “ma­tri­mo­nio” per­fet­to, sul­lo scher­mo, tra l’at­tri­ce italo-ame­ri­ca­na e Ja­mes Jagger (sì, quel­lo di Vi­nyl), fi­glio di Mick. Nei cor­ti To­ge­ther strong, che ce­le­bra­no le due nuo­ve fra­gran­ze Em­po­rio Ar­ma­ni - si chia­ma­no Be­cau­se it’s you for her e Stron­ger with you for him - in­ter­pre­ta­no Lau­ra e Paul, due gio­va­ni li­be­ri e in­na­mo­ra­ti che si cer­ca­no, gio­ca­no, si sfi­da­no e si scel­go­no ogni gior­no. La sin­to­nia è in­ne­ga­bi­le. «Quan­do ho vi­sto i com­mer­cial per la pri­ma vol­ta mi so­no com­mos­sa», con­fes­sa Matilda. «Io e Ja­mes ci sia­mo in­con­tra­ti al fit­ting so­lo il gior­no pri­ma del­le ri­pre­se ma ab­bia­mo sen­ti­to su­bi­to che c’era mol­ta af­fi­ni­tà. L’at­mo­sfe­ra era esat­ta­men­te quel­la che ve­de­te. Non è sem­pre co­sì...». Il re­gi­sta Fa­bien Con­stant ha ca­pi­to che per co­glie­re la ma­gia do­ve­va la­sciar­li li­be­ri di im­prov­vi­sa­re, li ha se­gui­ti con la te­le­ca­me­ra men­tre par­la­va­no, si ba­cia­va­no, si rin­cor­re­va­no. 50 ore di gi­ra­to, di­stil­la­te in po­chi mi­nu­ti di in­ti­mi­tà ru­ba­ta. «Per la sce­na sui tet­ti dei ta­xi non c’era co­pio­ne, gio­ca­va­mo con gli sguar­di, lui si ar­rab­bia­va, io gli an­da­vo die­tro, ur­la­va­mo...».

L’in­te­sa è so­lo pro­fes­sio­na­le. Ja­mes si è ap­pe­na spo­sa­to e Matilda è sin­gle. Ma quell’idea dell’amo­re le cor­ri­spon­de to­tal­men­te. «Una cop­pia equi­li­bra­ta, due per­so­ne in­di­pen­den­ti che non smet­to­no di in­se­gui­re i lo­ro so­gni», con­ti­nua. «Per­ché se ti in­na­mo­ri di me ami an­che la mia pas­sio­ne per i viag­gi, per il mio la­vo­ro... Se mi vuoi be­ne mi de­vi far sen­ti­re li­be­ra. Il mio blog pre­fe­ri­to è I Want To Be Sin­gle But With You. Bi­so­gna sta­re be­ne da so­li pri­mi di sta­re be­ne con un’al­tra per­so­na».

An­che i suoi ge­ni­to­ri l’han­no sem­pre la­scia­ta li­be­ra di sba­glia­re. Si era iscrit­ta a Psi­co­lo­gia a Mi­la­no poi, tre an­ni fa, ha de­ci­so di tra­sfe­rir­si a Los An­ge­les. Non co­no­sce­va nes­su­no ma sen­ti­va che era la co­sa giu­sta da fa­re. Stu­dia­va can­to, dan­za, re­ci­ta­zio­ne, fa­ce­va un cor­so di stunt e la­vo­ra­va co­me ca­me­rie­ra in un ri­sto­ran­te ita­lia­no quan­do sua ma­dre, un gior­no, le dis­se che Ga­brie­le Muc­ci­no sta­va pre­pa­ran­do un film su una ra­gaz­za ita­lia­na che si tra­sfe­ri­sce in Ame­ri­ca per fa­re l’at­tri­ce. «Sei tu! Do­vre­sti in­con­trar­lo», le dis­se. «Cer­to mam­ma», ri­spo­se Matilda. «In una cit­tà co­me Los An­ge­les è pro­ba­bi­lis­si­mo che io in­con­tri Ga­brie­le Muc­ci­no». E in­ve­ce, una se­ra, il re­gi­sta en­tra nel suo ri­sto­ran­te. Lei, che lo ado­ra, non osa av­vi­ci­nar­si, non vuo­le sem­bra­re in­va­den­te: lui è con la mo­glie, ce­na in­ti­ma. Il suo ca­po – che sa tut­to – la tra­sci­na al ta­vo­lo e qual­che me­se do­po la chia­ma­no per un pro­vi­no. Si gua­da­gna il ruo­lo da pro­ta­go­ni­sta nel film L’esta­te ad­dos­so, pec­ca­to che nel frat­tem­po ab­bia fir­ma­to per The Ring 3, il ter­zo epi­so­dio del­la sa­ga hor­ror. Ruo­lo da pro­ta­go­ni­sta in un film Pa­ra­mount, tut­ti i gior­ni sul set. Muc­ci­no la aspet­ta e ap­pe­na fi­ni­te le ri­pre­se ad Atlan­ta, Matilda par­te per Roma.

È un’aman­te dei film dell’or­ro­re? «Per nien­te. Il pri­mo, The Ring, l’ave­vo “vi­sto” con gli oc­chi co­per­ti per tut­to il tem­po. Il se­con­do l’ho re­cu­pe­ra­to pri­ma dell’au­di­zio­ne. Ho pre­ga­to mio fra­tel­lo di far­mi com­pa­gnia. Era­no le due del po­me­rig­gio ma lui non è sta­to di gran­de aiu­to: ave­va pau­ra più di me... Il set di un hor­ror è di­ver­ten­te, ep­pu­re sen­ti una va­ga in­quie­tu­di­ne... I ra­gaz­zi del trucco so­no fan­ta­sti­ci, a vol­te mi di­men­ti­ca­vo di ave­re la fac­cia de­tur­pa­ta e mi fa­ce­vo pau­ra da so­la. Il mo­men­to più bel­lo: quan­do ho do­vu­to rom­pe­re una taz­za in te­sta al cat­ti­vo. All’ini­zio mi fa­ce­vo mil­le scru­po­li, poi ci ho pre­so gu­sto: non ca­pi­ta tut­ti i gior­ni...».

An­che la sensualità di­sin­vol­ta, un po’ ma-

“IO E JA­MES NON CI ERA­VA­MO MAI VI­STI EP­PU­RE LA CHI­MI­CA È SCAT­TA­TA SU­BI­TO”

schiac­cia che interpreta nei cor­ti di Em­po­rio Ar­ma­ni le ap­par­tie­ne. Nel­la sua fa­mi­glio­na al­lar­ga­ta ci so­no tre fra­tel­li ma­schi: uno più gran­de, che ora vi­ve a Los An­ge­les e si oc­cu­pa di real­tà vir­tua­le, due più pic­co­li, da par­te di pa­pà, uno stu­dia a New York, l’al­tro nell’in­dia­na. «So­no sem­pre sta­ta mol­to fem­mi­ni­le nel ve­sti­re: ro­sa e pail­let­tes. Se una gon­na non fa­ce­va la ruo­ta non la volevo. Poi pe­rò gio­ca­vo a hoc­key, cal­cio, ave­vo sem­pre i go­mi­ti e le ginocchia sbuc­cia­ti... Noi quat­tro sia­mo una squa­dra, vi­ci­nis­si­mi an­che se lon­ta­ni. I miei fra­tel­li mi dan­no for­za. Ci aiu­tia­mo con mol­ta one­stà. Quan­do non vo­glio sen­tir­mi di­re una co­sa, tran­quil­la che uno dei tre, pri­ma o poi, mi met­te da­van­ti alla ve­ri­tà. Cre­do che il fat­to di es­se­re for­te e in­di­pen­den­te de­ri­vi da que­sto nostro rap­por­to: non ho mai da­to per scon­ta­to che mi aiu­tas­se­ro ma non so co­me avrei fat­to sen­za di lo­ro. E sto im­pa­ran­do che non c’è nien­te di ma­le nel chie­de­re aiu­to...». Na­tu­ral­men­te, ai suoi fra­tel­li ru­ba i pro­fu­mi: ha sem­pre pre­fe­ri­to quel­li ma­schi­li e, sot­to­vo­ce, mi con­fes­sa che Stron­ger with you for him è il suo pre­fe­ri­to: «Amo le no­te le­gno­se e ho ca­pi­to per­ché mi pia­ce tan­to: c’è an­che la ca­sta­gna. Uno dei pri­mi ri­cor­di che ho di me bam­bi­na so­no le ca­sta­gne che cuo­ce­vo nel ca­mi­no a Na­ta­le e il lo­ro pro­fu­mo».

Cit­ta­di­na del mon­do, è con­vin­ta che ho­me is whe­re the heart is, ma il suo cuo­re ha pez­zi in gi­ro per il mon­do: mam­ma e non­na in Ita­lia, pa­pà sull’al­tra co­sta... Quan­do si è ri­tro­va­ta da so­la a Los An­ge­les il dif­fi­ci­le è sta­to la quo­ti­dia­ni­tà: «Per esem­pio, la spe­sa: in Ita­lia è tut­to buo­no. In Ame­ri­ca, al su­per­mer­ca­to, de­vi sta­re at­ten­ta, sa­pe­re co­sa com­pra­re. E poi mi man­ca il mo­to­ri­no. An­che l’ape­ri­ti­vo con gli ami­ci ma ades­so ci so­no mio fra­tel­lo e la mia mi­glio­re ami­ca, che si è ap­pe­na tra­sfe­ri­ta, e ab­bia­mo ri­pre­so le buo­ne abi­tu­di­ni ita­lia­ne».

Non si è la­scia­ta con­ta­gia­re dall’os­ses­sio­ne di Los An­ge­les per il fit­ness, non è co­stan­te nel­la gin­na­sti­ca e va­ria spes­so sport... Quand’era più pic­co­la ave­va un idea­le di per­fe­zio­ne: ora ha ca­pi­to che ognu­no è bel­lo a mo­do suo e non cam­bie­reb­be nul­la di sé. Ama mi­xa­re vin­ta­ge e nuo­vo. Pas­sa in­te­re gior­na­te al Ro­se Bo­wl Flea market di Pa­sa­de­na e il ma­glio­ne gri­gio Ar­ma­ni di la­na gros­sa che in­dos­sa nei vi­deo del pro­fu­mo è di­ven­ta­to uno dei suoi pre­fe­ri­ti. Le pia­ce sen­tir­si co­mo­da, av­vol­ta, coc­co­la­ta. E quan­do ti di­ce che lo stu­dio del la­ti­no l’ha aiu­ta­ta a pen­sa­re, col­le­ga­re e ra­gio­na­re, che una del­le sue ico­ne è Em­ma Wa­tson per­ché ha avu­to il co­rag­gio di la­scia­re la re­ci­ta­zio­ne per un an­no per de­di­car­si a sé e di­stri­bui­re li­bri in me­tro­po­li­ta­na, che la ado­ra per co­me ha sa­pu­to da­re una svol­ta alla car­rie­ra, per il di­scor­so sul­la pa­ri­tà all’onu che l’ha emo­zio­na­ta, per­ché è fem­mi­ni­sta nel mo­do giu­sto, ov­ve­ro sen­za smi­nui­re e odia­re gli uo­mi­ni, per­ché ci gua­da­gnia­mo tut­ti dalla pa­ri­tà, noi e lo­ro, ec­co, fi­nal­men­te ora è tut­to chia­ro: Matilda è iden­ti­ca a Ja­ne Fon­da da gio­va­ne. «In Ame­ri­ca i truc­ca­to­ri me lo di­co­no spes­so», qua­si si scusa. «Mi fa mol­to pia­ce­re: co­no­sco be­ne i suoi film, è una don­na ele­gan­te».

C’era­no en­tram­be, Ja­ne e Matilda, alla Wo­men’s Mar­ch del 21 gen­na­io scor­so a Los An­ge­les: «Sen­ti­vo di do­ver an­da­re ed è sta­ta una bel­lis­si­ma fe­sta con 750 mi­la per­so­ne, c’era­no fa­mi­glie con bam­bi­ni e ca­ni...ci sia­mo ri­tro­va­te il gior­no pri­ma in 16 ami­che a pre­pa­ra­re gli stri­scio­ni. Nes­sun to­no ag­gres­si­vo, tut­te uni­te per un idea­le: una gran­de fe­sta di pae­se». Ha ap­pe­na gi­ra­to due film: The Di­vor­ce Par­ty di Wil­liam Thomp­son in Geor­gia e Re­ven­ge, di Co­ra­li­ne Far­geat, in Fran­cia e in Ma­roc­co. Ap­prez­za i gio­va­ni re­gi­sti. «I gran­di ti dan­no l’espe­rien­za, la si­cu­rez­za, coi gio­va­ni c’è più li­ber­tà crea­ti­va e la­vo­ro di squa­dra». Matilda ha ap­pe­na ta­glia­to i ca­pel­li e si sa co­sa si­gni­fi­chi per una don­na... «Ve­ro ma è an­che il cam­bia­men­to da cui è più fa­ci­le tor­na­re in­die­tro», di­ce. «Tra qual­che me­se sa­ran­no lun­ghi co­me pri­ma...», la­scian­do in­ten­de­re che non ci sia al­cun cam­bia­men­to dra­sti­co all’oriz­zon­te. E sfo­de­ra un sor­ri­so spet­ta­co­la­re. Uno di quei sor­ri­si, quel­lo sì, de­fi­ni­ti­vi, che han­no il po­te­re di chiu­de­re un di­scor­so. Tu sei an­co­ra lì, con la pen­na a mezz’aria, men­tre “Ja­ne” si al­lon­ta­na con le sue fos­set­te scel­le­ra­te...

Matilda Lutz con Ja­mes Jagger sul set dei bre­vi film To­ge­ther Stron­ger: dia­lo­ghi d’amo­re per le due nuo­ve fra­gran­ze di Em­po­rio Ar­ma­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.