Cor­ri­spon­den­za d’amo­ro­si sen­si

ELLE (Italy) - - Ottobre 2017 - Inf lam­ma­to­ry Adriana Di Lello

In­ter­vi­sta a Flo­ren­ce Wel­ch

UN ’ ENGLISH RO­SE dall’ani­mo tor­men­ta­to. Flo­ren­ce Wel­ch, stel­la flam­boyant del ba­ro­que pop, can­tau­tri­ce e lea­der del­la band Flo­ren­ce + the Ma­chi­ne, è una per­fet­ta eroi­na dei no­stri tem­pi schi­zo­fre­ni­ci. Punk e pre­raf­fael­li­ta, dol­ce e rab­bio­sa, ca­ri­sma­ti­ca e po­ten­te sul pal­co ep­pu­re fra­gi­le nel pri­va­to. I tre al­bum pub­bli­ca­ti con il suo grup­po, ca­ri­chi di bra­ni dai te­sti in­quie­ti, han­no con­qui­sta­to mi­lio­ni di ra­gaz­zi in tut­to il mon­do gra­zie so­prat­tut­to al­la vo­ce pro­fon­da

“A VOL­TE SO­NO MOL­TO PIÙ SAGGE LE MIE CANZONI DEL­LE AZIO­NI. È CO­ME SE IL SUBCONSCIO VENISSE FUO­RI CON I MIEI TE­STI”

e al­le per­for­man­ce in­ten­se e tea­tra­li di que­sta tren­ten­ne lon­di­ne­se fi­glia di una pro­fes­so­res­sa di sto­ria ri­na­sci­men­ta­le e di un pub­bli­ci­ta­rio. Tra i suoi esti­ma­to­ri, uno in par­ti­co­la­re: Ales­san­dro Mi­che­le. Nar­ra la leg­gen­da che il di­ret­to­re crea­ti­vo di Guc­ci ascol­tas­se in loop il suo ul­ti­mo al­bum How Big, How Blue, How

Beau­ti­ful men­tre crea­va la sua pri­ma col­le­zio­ne per la Ca­sa fio­ren­ti­na, e da lì all’ami­ci­zia tra i due - sug­gel­la­ta an­che da un amore per i versi del poe­ta Wil­liam Bla­ke - il pas­so è sta­to bre­ve. Ora Flo­ren­ce è di­ven­ta­ta am­ba­scia­tri­ce dei gio­iel­li e de­gli oro­lo­gi del­la Mai­son, un’idea­le por­ta­vo­ce del­lo sti­le mas­si­ma­li­sta e de­ca­den­te che ha fat­to di Ales­san­dro Mi­che­le il “dar­ling” del­la mo­da in­ter­na­zio­na­le. L’ab­bia­mo in­con­tra­ta a Mi­la­no in esclu­si­va per Elle, pro­prio nella ve­ste di te­sti­mo­nial Guc­ci. Al­ta, lun­ghi ca­pel­li ros­so ti­zia­no e pel­le dia­fa­na, ve­sti­ta con blu­sa bian­ca pro­fi­la­ta di den­tel­le ce­le­ste, jeans fla­red con ri­ca­mi di fio­ri e for­mi­che, col­la­na con pen­den­te ad ar­ti­glio e ma­xi anel­li smal­ta­ti a te­ste di to­ro o lu­po (na­tu­ral­men­te, tut­to Guc­ci), tra­di­sce qua­si su­bi­to l’ani­mo da roc­keu­se. Gen­ti­le è gen­ti­le, tran­quil­la e ri­las­sa­ta a trat­ti, ma si in­tui­sce un’ir­re­quie­tez­za di fon­do che non la ab­ban­do­na mai. Se­du­ta su una pol­tron­ci­na si muo­ve spes­so, cam­bia po­si­zio­ne, un at­ti­mo scop­pia a ri­de­re fra­go­ro­sa­men­te e su­bi­to do­po di­ven­ta se­ria e si toc­ca gli anel­li cer­can­do di for­mu­la­re il giu­sto pen­sie­ro. Ogni tan­to si in­cu­pi­sce, ma man­tie­ne l’aplomb bri­ti­sh e stem­pe­ra su­bi­to con le parole.

Per­ché ti pia­ce tan­to il Guc­ci di Ales­san­dro Mi­che­le?

«Non cre­do di aver an­co­ra tro­va­to un altro de­si­gner la cui vi­sio­ne si spo­si co­sì tan­to con la mia. Le canzoni che scri­vo so­no frut­to di tan­te con­ta­mi­na­zio­ni di­ver­se: poe­sia, ar­te, pez­zi di con­ver­sa­zio­ni, mes­sag­gi su Wha­tsapp. Per esem­pio, il bra­no Dog days are over (uno dei sin­go­li più no­ti del pri­mo al­bum Lungs, ndr) è sta­to ispi­ra­to da un’in­stal­la­zio­ne di Ugo Ron­di­no­ne che ve­de­vo tut­ti i gior­ni pas­san­do in bi­ci­clet­ta sul Wa­ter­loo Brid­ge. Que­sto stes­so mel­ting pot di fon­ti l’ho ri­scon­tra­to in Ales­san­dro, e istin­ti­va­men­te mi ci so­no ri­spec­chia­ta».

Che co­sa ap­prez­zi del­la sua mo­da?

«È un gu­sto immaginifico, il suo mix estre­mo sem­bra non ave­re sen­so ma in real­tà ne ha tan­tis­si­mo, per­ché vie­ne ri­ma­sti­ca­to dal­la sua sen­si­bi­li­tà. Me­sco­la­re il Rinascimento a Elton John, e ma­ga­ri leg­ger­ci so­pra versi di Wil­liam Bla­ke, è un tri­plo salto mortale che funziona al­la per­fe­zio­ne. Quan­do mi ha fat­to re­ca­pi­ta­re anel­li d’ar­gen­to e smal­ti da in­dos­sa­re al­la sua sfi­la­ta li ho guar­da­ti bene, e all’in­ter­no c’era in­ci­sa la scrit­ta “An­ger fo­re­st” (“Fo­re­sta dell’ira”) che di fat­to è un non­sen­se, ma nell’am­bi­to di un’este­ti­ca co­sì ec­cen­tri­ca ci sta bene».

Co­me vi sie­te co­no­sciu­ti?

«La pri­ma vol­ta per ca­so, a New York. Ci sia­mo in­cro­cia­ti per stra­da, io por­ta­vo fla­res rossi e un gi­let coi pom­pon, lui i suoi ve­sti­ti sha­ke­spe­ria­ni: ine­vi­ta­bi­le but­ta­re uno sguar­do l’uno all’al­tra, an­che se poi ognu­no ha con­ti­nua­to a cam­mi­na­re per i fat­ti pro­pri. So­lo in un se­con­do tem­po ci sia­mo pre­sen­ta­ti, e do­po l’ov­vio “ah, al­lo­ra eri tu!” ab­bia­mo su­bi­to le­ga­to, e sco­per­to un amore co­mu­ne per la bel­lez­za im­per­fet­ta, mai trop­po “pret­ty”, me­sco­la­ta a ele­men­ti dark. E per gli anel­li, tan­ti anel­li».

In­fat­ti sei am­ba­scia­tri­ce dei gio­iel­li e de­gli oro­lo­gi Guc­ci...

«Mi pia­ce in­dos­sa­re i gio­iel­li co­me fos­se­ro talismani portafortuna, di so­li­to met­to sempre gli stes­si tut­ti i gior­ni e guai se li di­men­ti­co, mi sen­to nuda. An­che in que­sto ca­so, quel­li di Guc­ci so­no in per­fet­ta sin­to­nia con la mia idea».

Co­me de­fi­ni­re­sti il tuo sti­le?

«Quel­lo che in­dos­so og­gi mi ri­spec­chia mol­to. Da una cer­ta età in poi sei più si­cu­ra di te: a 20 an­ni ero spe­ri­men­ta­le e an­che un po’ in con­fu­sio­ne, tut­ta l’at­ten­zio­ne su di me mi stres­sa­va, e mi ve­sti­vo nei mo­di più di­spa­ra­ti cer­can­do la be­ne­vo­len­za del pub­bli­co. Un pa­io di an­ni fa ho in­ve­ce ini­zia­to a met­te­re quel­lo che ve­ra­men­te mi pia­ce, uno sti­le tra il ro­man­ti­co e il bo­he­mian fat­to di ri­ca­mi, pat­tern di­ver­si e stam­pe».

I con­cer­ti so­no mol­to im­por­tan­ti per te. Quan­to con­ta il look men­tre sei sul pal­co?

«Mol­to, ov­via­men­te. In pas­sa­to i miei look era­no fat­ti di co­stu­mi tea­tra­li; mi ve­sti­vo “a fe­sta”, ti­ra­vo fuo­ri pez­zi di glit­ter e pail­let­tes da un bau­le e me li in­fi­la­vo a ca­so, cor­ren­do su e giù per il pal­co. Con l’ul­ti­mo la­vo­ro, pe­rò, l’an­sia da pre­sta­zio­ne è di­mi­nui­ta e mi so­no sen­ti­ta più li­be­ra. Al­lo­ra ho de­ci­so che nei con­cer­ti avrei in­dos­sa­to quel­lo che met­to in pri­va­to. In par­ti­co­la­re, mi so­no do­cu­men­ta­ta sul­lo sti­le ea­sy e con­fi­dent di cer­ti per­for­mer co­me Nick Ca­ve, Kei­th Ri­chards, Alex Tur­ner, ma an­che Otis Red­ding, che on sta­ge spri­gio­na­va un’ener­gia paz­ze­sca».

C’è un ca­po che in­dos­si sempre?

«Un cap­pot­to an­ni ’70 di ca­mo­scio aran­cio­ne che ho ac­qui­sta­to a Dal­las du­ran­te un tour; mi pia­ce

tal­men­te tan­to che è di­ven­ta­to il ti­ran­no del mio ar­ma­dio. Tut­ti gli out­fit ruo­ta­no at­tor­no a lui».

Quin­di non sei im­pre­ve­di­bi­le in fat­to di look?

«Ora lo so­no me­no per­ché ho im­pa­ra­to a ca­pi­re co­sa mi fa sta­re bene. Pe­rò è an­che ve­ro che ado­ro Guc­ci, e non si può certo di­re che il suo sia uno sti­le pre­ve­di­bi­le...».

Hai stu­dia­to ar­te al col­le­ge: che ge­ne­re di cor­ren­ti ap­prez­zi di più?

«Mi piac­cio­no mol­to Jen­ny Hol­zer e i suoi Es­says (te­sti ispi­ra­ti agli scrit­ti di Le­nin, Hi­tler e Mao su sfon­di di va­ri co­lo­ri, ndr), in ge­ne­ra­le i mu­ra­les, an­che con l’uso di let­te­ring, parole, fra­si. Tra quel­li più gio­va­ni, tro­vo mol­to bra­vi i due ar­ti­sti fi­gu­ra­ti­vi Stel­la Vi­ne e Dan­ny Fox, e vor­rei di­ven­ta­re ami­ca di Un­skil­led Wor­ker, che ha col­la­bo­ra­to an­che con Guc­ci».

L’ul­ti­ma mo­stra vi­sta?

«Ci ho pro­va­to con quel­la su Da­vid Hoc­k­ney ma c’era res­sa, al­lo­ra ho ri­pie­ga­to su al­tri ca­po­la­vo­ri del­la Ta­te Bri­tain, ti­po Tre stu­di per una cro­ci­fis­sio­ne di Fran­cis Ba­con. Mi piac­cio­no i pre­raf­fael­li­ti, a cui so­no sta­ta as­so­cia­ta co­me ti­po di don­na. Ogni vol­ta che tor­no al mu­seo il mio ma­na­ger mi dice: “Vai a tro­va­re i tuoi ami­ci?”».

Tua ma­dre è sta­ta una pro­fes­so­res­sa di sto­ria ri­na­sci­men­ta­le. Ti ha ispi­ra­to?

«Sì, mol­to. Con lei ho pas­sa­to buo­na par­te del­la mia in­fan­zia a Fi­ren­ze, mi por­ta­va a ve­de­re chie­se e cap­pel­le me­di­cee spie­gan­do­me­le bene. Ha scrit­to un li­bro sul­la mo­da ri­na­sci­men­ta­le, e an­che se ve­ste sempre e so­lo di ne­ro è sta­ta lei a tra­smet­ter­mi la pas­sio­ne per i ve­sti­ti».

In­ve­ce di fo­to, il tuo In­sta­gram è pie­no di fra­si scrit­te a pen­na o a ma­ti­ta. Per­ché?

«Ho sva­ria­ti tac­cui­ni che uso per scri­ve­re i te­sti del­le canzoni, e che riem­pio an­che di pen­sie­ri per­so­na­li e di­se­gni­ni. Non twit­to mol­to, ma ho una vi­sio­ne este­ti­ca che mi pia­ce con­di­vi­de­re. In ge­ne­ra­le non so­no bra­va con la tec­no­lo­gia, non so nem­me­no co­me si av­via un fi­le di Word sul pc, e se suc­ce­de qual­co­sa al mio smart­pho­ne va­do in pa­ni­co...».

Nel­le interviste sei sor­ri­den­te e cal­ma, ma i tuoi te­sti par­la­no di in­quie­tu­di­ne. Chi è Flo­ren­ce?

«Buf­fo, non mi han­no mai de­fi­ni­to “cal­ma”. Pe­rò è ve­ro che uno dei miei li­bri pre­fe­ri­ti è Le­gend of a Sui­ci­de di Da­vid Vann, una sto­ria tre­men­da­men­te dark. Una vol­ta ho in­con­tra­to lo scrit­to­re, e mi è par­sa una per­so­na se­re­na. Io ho avu­to ten­den­ze au­to­di­strut­ti­ve, ma so­no sta­ta for­tu­na­ta per­ché la mu­si­ca mi ha sal­va­to; non so co­sa sa­reb­be ac­ca­du­to se non aves­si avu­to que­sta ri­sor­sa. Poi sì, for­se in me c’è an­che una ve­na ot­ti­mi­sta, di una che è an­co­ra in gra­do di me­ra­vi­gliar­si del­la vi­ta».

Quin­di la mu­si­ca è la tua psi­coa­na­li­si?

«Sì! A vol­te so­no mol­to più sagge le canzoni che scri­vo di me, mi ca­pi­ta di ri­leg­ger­le do­po me­si e ve­der­ci con­clu­sio­ni sen­sa­te a cui io non ero ar­ri­va­ta. È co­me se il mio subconscio venisse fuo­ri coi miei te­sti, mol­to più li­nea­ri del­le azio­ni quo­ti­dia­ne».

In che mo­do ti pre­pa­ri per un li­ve?

«Sul pal­co de­vi ar­ren­der­ti a un’al­tra fac­cia di te stes­sa, la­scia­re in stand by il la­to ra­zio­na­le e la­sciar­ti gui­da­re dall’im­pul­so e dall’istin­ti­vi­tà».

Co­me ti sen­ti quan­do tor­ni a ca­sa da un tour?

«Una vol­ta ma­lis­si­mo, ve­ni­vo as­sor­bi­ta tal­men­te tan­to dal disco che qua­si non esi­ste­vo più co­me per­so­na, e tor­na­re al­la vi­ta di tut­ti i gior­ni era uno shock. Con l’ul­ti­mo al­bum è an­da­ta un po’ me­glio: quan­do so­no ar­ri­va­ta a ca­sa ero elet­triz­za­ta da due an­ni di adre­na­li­na in pe­ren­ne cir­co­lo e non riu­sci­vo a dor­mi­re, poi ho avu­to un mo­men­to di e ho pian­to per gior­ni. Ma è sta­to po­co in con­fron­to al­le cri­si de­gli an­ni pas­sa­ti».

Co­me ti ri­las­si?

«Fac­cio me­di­ta­zio­ne tra­scen­den­ta­le da tre an­ni e mi ha cam­bia­to la vi­ta, è sta­ta una gran­de cu­ra per l’an­sia. Guar­do an­che tan­tis­si­ma te­le­vi­sio­ne, so­prat­tut­to “cri­me do­cu­men­ta­ries” e se­rie ti­po The OA; una vol­ta mi sen­ti­vo in col­pa, poi ho letto M Train di Patti Smi­th, e ho sco­per­to che lo fa an­che lei...».

Hai det­to che “il coas è ispi­ra­zio­ne”. Cioè?

«Quel­la era la vec­chia Flo­ren­ce. C’era un mo­men­to in cui non riu­sci­vo a tro­va­re un or­di­ne, e in cui pen­sa­vo che l’hang over - i po­stu­mi del­la sbor­nia - fos­se­ro una par­te importante del pro­ces­so crea­ti­vo. Ma ho ca­pi­to che pos­so an­che far­ne a me­no, e la crea­ti­vi­tà non ne ri­sen­te».

Ti sen­ti ba­cia­ta dal ta­len­to?

«Ve­ra­men­te no. Ci so­no co­se che pos­so fa­re, co­me cantare, ma su mol­te al­tre - pra­ti­che per lo più - so­no di­sa­stro­sa. De­vo mi­glio­ra­re. Len­ta­men­te lo sto fa­cen­do».

Ma­xi dress di se­ta a fio­ri con piz­zo. Anel­li: a si­ni­stra, a far­fal­la con re­si­na e smal­to, e a pan­te­ra d’oro e gem­me. A de­stra, con per­le di re­si­na e cri­stal­li, e a fio­re con cri­stal­lo e smal­ti. Tut­to Guc­ci.

Flo­ren­ce Leon­ti­ne Ma­ry Wel­ch è na­ta a Lon­dra nel 1986 da una pro­fes­so­res­sa di sto­ria e un pub­bli­ci­ta­rio. Con la sua band in­die pop Flo­ren­ce + The Ma­chi­ne ha pub­bli­ca­to tre al­bum osan­na­ti da pub­bli­co e cri­ti­ca;èfa­mo­sa per la vo­ce po­ten­te da mez­zo­so­pra­no e i li­ve tra­sci­nan­ti. Af­fi­ni­tà elet­ti­ve. Flo­ren­ce Wel­ch, star del pop in­die, e Ales­san­dro Mi­che­le, di­ret­to­re crea­ti­vo di Guc­ci, con­di­vi­do­no fon­ti, con­ta­mi­na­zio­ni, un gu­sto bo­he­mian con ve­na­tu­re dark. Co­me ci rac­con­ta la can­tau­tri­ce in­gle­se in que­sta in­ter­vi­sta esclu­si­va

Cap­pot­to a ve­sta­glia con pas­sa­ma­ne­rie, oro­lo­gio in ar­gen­to e pie­tre con det­ta­glio a pan­te­ra, anel­li a fio­re con re­si­ne e smal­ti, a pan­te­ra d’oro e pie­tre pre­zio­se, e ad ape di me­tal­lo bru­ni­to. Tut­to Guc­ci. Ha col­la­bo­ra­to Fa­bri­zio Fi­niz­za. Pet­ti­na­tu­re Lar­ry King@stree­ters. Truc­co Ma­ry Wi­les@ Thewall­group.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.