Donne coraggiose

Op­pu­re di sal­ta­re, pat­ti­na­re o sca­la­re le mon­ta­gne. Per­ché per mol­te donne di cul­tu­ra ara­ba, fa­re sport è una con­qui­sta. E al­cu­ne han­no rac­col­to la sfi­da, di­ven­tan­do cam­pio­nes­se. Di co­rag­gio

ELLE (Italy) - - Ottobre 2017 - di RO­BER­TO CRO­CI

La sfi­da del­le atle­te ara­be

LE ESPE­RIEN­ZE CHE HAN­NO VIS­SU­TO per con­qui­star­si un po­sto nel mon­do spor­ti­vo so­no di­ver­se, ma le mo­ti­va­zio­ni han­no tut­te un fi­lo co­mu­ne: di­ven­ta­re dei mo­del­li di lea­der­ship per le ge­ne­ra­zio­ni fu­tu­re, pro­muo­ven­do eman­ci­pa­zio­ne e ab­bat­ten­do tradizioni cul­tu­ra­li mil­le­na­rie che esclu­do­no le donne da ruo­li ri­ser­va­ti so­lo agli uo­mi­ni. Nell’ul­ti­mo de­cen­nio i Pae­si del mon­do ara­bo so­no sta­ti mol­to at­ti­vi nel pro­muo­ve­re una nuo­va on­da­ta di cam­bia­men­to nel set­to­re del­lo sport, con com­pe­ti­zio­ni in­ter­na­zio­na­li co­me il Mo­togp in Qa­tar o i Cros­sfit Ga­mes del Ku­wait, ol­tre che con lo svi­lup­po di strut­tu­re su­per tec­no­lo­gi­che co­me Aspi­re Zo­ne in Qa­tar – uno dei più grandi cen­tri spor­ti­vi per ri­cer­che me­di­che e trai­ning con pi­sci­ne, ri­sto­ran­ti, spa e cam­pi da ten­nis – e la Du­bai Sports City, com­ples­so di al­log­gi re­si­den­zia­li, com­mer­cia­li e spor­ti­vi che ospi­te­ran­no at­te­sis­si­mi even­ti tra cui il Cam­pio­na­to mon­dia­le di cal­cio del 2022.

E qui na­sce il di­lem­ma del­le gio­va­ni spor­ti­ve ara­be. «Co­sa di­ran­no di te?»: que­sta la pri­ma do­man­da che vie­ne ri­vol­ta al­le spor­ti­ve do­po aver ri­ve­la­to al­la fa­mi­glia la de­ci­sio­ne di di­ven­ta­re atle­te in un mon­do di­se­gna­to per age­vo­la­re qua­si esclu­si­va­men­te una cul­tu­ra pa­triar­ca­le. Al­cu­ne di lo­ro di que­sta obie­zio­ne han­no, po­le­mi­ca­men­te, fat­to una ban­die­ra e com­pa­io­no nella cam­pa­gna del­la Ni­ke, What will they say about you? (Co­sa di­ran­no di te?, dif­fu­so an­che su You­tu­be e con l’ha­sh­tag Be­lie­vein­mo­re), do­ve mo­stra­no che, no­no­stan­te le av­ver­si­tà, è pos­si­bi­le rea­liz­za­re i pro­pri so­gni.

Ab­bia­mo chiesto al­le più rap­pre­sen­ta­ti­ve di que­ste atle­te di rac­con­tar­ci per­ché han­no fat­to una scelta di li­ber­tà.

“Sen­za paura”

Amal Mu­rad, 24 an­ni, Emi­ra­ti Ara­bi, trai­ner di par­kour

I ge­ni­to­ri di Amal non ca­pi­va­no la pas­sio­ne per uno sport acro­ba­ti­co e pe­ri­co­lo­so co­me il par­kour fin­ché non han­no visto il so­ste­gno che ri­ce­ve­va sui so­cial me­dia. Og­gi la fa­mi­glia di Amal è fie­ra del­la sua scelta: da­re a tut­ti un esem­pio di don­na in­di­pen­den­te. «Ho ini­zia­to tar­di, a 23 an­ni. Nel mio Pae­se a 19 sei già spo­sa­ta... All’ini­zio ho do­vu­to pro­va­re al­la mia fa­mi­glia che cre­de­vo in me stes­sa e nel mes­sag­gio che cer­ca­vo di co­mu­ni­ca­re. Fa­re sport può cam­bia­re po­si­ti­va­men­te la vi­ta di una per­so­na, spe­ro che la fra­se Co­sa di­ran­no di te? per la cam­pa­gna di cui so­no te­sti­mo­nial sia so­lo l’ini­zio di un dia­lo­go, che pos­sa por­ta­re gio­ia e li­ber­tà nella vi­ta di tan­te donne e ispi­ra­re al­tre a crea­re un cam­bia­men­to po­si­ti­vo. Per fa­re sport ho do­vu­to met­te­re a ri­schio la mia in­co­lu­mi­tà fi­si­ca. Non de­ve suc­ce­de­re».

“Mai più de­ri­sa”

Zah­ra La­ri, 22 an­ni, Emi­ra­ti Ara­bi, pat­ti­na­tri­ce su ghiac­cio

Co­no­sciu­ta co­me la “Prin­ci­pes­sa del Ghiac­cio”, Zah­ra ha co­min­cia­to a pat­ti­na­re a 12 an­ni. Nel 2012 è sta­ta am­mes­sa al­la sua pri­ma com­pe­ti­zio­ne spor­ti­va pro­fes­sio­na­le e at­tual­men­te si sta pre­pa­ran­do per qua­li­fi­car­si al­le Olim­pia­di del 2018 in Sud Co­rea. «La mia fa­mi­glia mi ha sempre sup­por­ta­ta, ma non è sta­to fa­ci­le far ca­pi­re al­la gen­te che il pat­ti­nag­gio è uno sport, non una dan­za, e che non do­ve­va es­se­re og­get­to di scher­no. So­no sta­ta cri­ti­ca­ta e mi­nac­cia­ta da mol­ti per­ché nes­su­no ap­pro­va una don­na che si esi­bi­sce da­van­ti a un pub­bli­co con uo­mi­ni, ma non mi so­no mai fat­ta sco­rag­gia­re. Noi donne ara­be sia­mo for­ti e la­vo­ria­mo du­ra­men­te per rag­giun­ge­re i no­stri obiet­ti­vi».

“Tat­ti­ca di vi­ta”

Di­ma Ar­dah, 26 an­ni, Gior­da­nia, gio­ca­tri­ce di bad­min­ton Cam­pio­nes­sa di bad­min­ton e fon­da­tri­ce del­la Shut­tlers Bad­min­ton Aca­de­my, Di­ma – ma­dre si­ria­na, pa­dre pa­le­sti­ne­se – par­la ot­to lin­gue ed è an­che team lea­der del Nor­we­gian Re­fu­gee Coun­cil, or­ga­niz­za­zio­ne uma­ni­ta­ria che of­fre as­si­sten­za ai ri­fu­gia­ti po­li­ti­ci di ogni par­te del mon­do. «Mi so­no ap­pas­sio­na­ta al li­ceo, quan­do il mio in­se­gnan­te di gin­na­sti­ca mi in­vi­tò a par­te­ci­pa­re agli al­le­na­men­ti del no­stro team na­zio­na­le. Lo sport vie­ne de­fi­ni­to un gio­co ce­re­bra­le, co­me gli scac­chi, per­ché la stra­te­gia è mol­to importante. Quan­do so­no sul cam­po cer­co di ri­sol­ve­re i pro­ble­mi che mi si pre­sen­ta­no di vol­ta in vol­ta: so­no so­la e de­vo rea­gi­re ve­lo­ce­men­te agli im­pre­vi­sti. Stes­sa tat­ti­ca che uso nella vi­ta, e che mi ha re­sa una per­so­na for­te, sempre pron­ta agli osta­co­li inat­te­si».

“Ol­tre il li­mi­te”

Shai­kha Al-nou­ri, 27 an­ni, Ku­wait, wa­ke­boar­der Il wa­ke­board è uno sport che com­bi­na sci nau­ti­co e sno­w­board. Sin da bam­bi­na Shai­kha è sta­ta in­co­rag­gia­ta dal pa­dre a es­se­re spor­ti­va. «Ho sempre ama­to l’ac­qua... È sta­to mio pa­dre a in­se­gnar­mi a con­dur­re una bar­ca e a spin­ger­mi a pra­ti­ca­re i pri­mi sport ac­qua­ti­ci. Nel 2009 mi so­no in­na­mo­ra­ta del wa­ke­board e l’an­no do­po ho vin­to la pri­ma ga­ra in Ku­wait, no­no­stan­te fossi so­la con­tro tut­ti. Que­sto sport mi ha cam­bia­to la vi­ta, mi ha da­to pas­sio­ne e co­rag­gio, do­ti che uso ogni gior­no. Il wa­ke­boar­ding mi ha in­se­gna­to an­che la di­sci­pli­na: è fi­si­ca­men­te im­pe­gna­ti­vo, spin­gen­do­mi di con­ti­nuo a su­pe­ra­re i miei li­mi­ti, e a rial­zar­mi più for­te ogni vol­ta che ca­do. Non è so­lo uno sport, che pre­sto sa­rà olim­pi­co, ma uno sti­le di vi­ta».

“Per il fu­tu­ro”

Ra­ha Mo­har­rak, 31 an­ni, Ara­bia Sau­di­ta, sca­la­tri­ce È sta­ta la pri­ma sau­di­ta a rag­giun­ge­re, a 27 an­ni, la ci­ma dell’eve­re­st. «Non mi in­te­res­sa es­se­re la pri­ma: più importante es­se­re quel­la che ispi­ra la se­con­da a osa­re. Quan­do ho rag­giun­to la vet­ta mi so­no sen­ti­ta pic­co­la pic­co­la nei con­fron­ti dell’uni­ver­so. So­no na­ta nel de­ser­to, ma ho im­pa­ra­to a ri­spet­ta­re il po­te­re del­le mon­ta­gne. Sca­lo le vet­te per in­se­gna­re al­le ra­gaz­ze del­le nuo­ve ge­ne­ra­zio­ni che è pos­si­bi­le ar­ri­va­re in ci­ma e rea­liz­za­re i pro­pri so­gni, non im­por­ta qua­li dif­fi­col­tà tro­via­mo sul no­stro cammino. Se una don­na sau­di­ta può rag­giun­ge­re la vet­ta più al­ta del mon­do, al­lo­ra tut­to è pos­si­bi­le. Il mio im­pe­gno con­cre­to nella quo­ti­dia­ni­tà? Cer­co di pro­muo­ve­re uno sti­le di vi­ta più sa­lu­ta­re per tut­te le donne sau­di­te, che com­pren­da an­che una co­stan­te at­ti­vi­tà spor­ti­va.

“Bra­ve le donne”

Na­da Zei­dan, 30 an­ni, Qa­tar, ar­cie­re e pi­lo­ta ral­ly Uni­ca atle­ta spo­sa­ta (con il can­tan­te Geor­ge Was­souf) e ma­dre di una fi­glia, è cre­sciu­ta so­gnan­do di di­ven­ta­re in­fer­mie­ra. «So­no na­ta in Li­ba­no e, quan­do ave­vo quat­tro an­ni, la mia fa­mi­glia è scap­pa­ta a cau­sa del­la guer­ra. A set­te ho chiesto a mio pa­dre di stu­dia­re da in­fer­mie­ra. Mia ma­dre non era con­ten­ta: per lei si­gni­fi­ca­va cam­bia­re pan­no­li­ni agli an­zia­ni. Cor­ro in au­to e ti­ro con l’ar­co per­ché vo­glio met­ter­mi al­la pro­va co­me don­na, ma so­prat­tut­to per­ché vo­glio cam­bia­re la men­ta­li­tà di chi cre­de che so­lo gli uo­mi­ni pos­sa­no es­se­re bra­vi. Non mi in­te­res­sa quel­lo che pen­sa­no gli uo­mi­ni, non fan­no altro che in­tral­cia­re il pro­gres­so. Le mie pri­me ga­re me le fa­ce­va­no fa­re con gli ar­chi da uo­mo, mol­to più pe­san­ti, per far­mi per­de­re, ma al­la fi­ne vin­ce­vo sempre io. Il mio mot­to è “Non c’è in­no­va­zio­ne sen­za edu­ca­zio­ne”, lan­cia­to da Shei­kha Mo­zah, mo­glie dell’emi­ro del Qa­tar, ma­dre di 7 fi­gli e sul­la li­sta di For­bes del­le donne più in­fluen­ti del pia­ne­ta. So­no con­ten­ta di par­te­ci­pa­re al cam­bia­men­to per que­sta nuo­va so­cie­tà, che per­met­te a noi donne di so­ste­ner­ci eco­no­mi­ca­men­te gra­zie agli spon­sor e ai pre­mi del­le no­stre vit­to­rie».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.