Se­gre­ti di fa­mi­glia

In­trec­ci di e di sti­li, di omag­gio al pre­sti­gio del e agli af­fet­ti del pre­sen­te nella re­si­den­za di un mi­la­ne­se. Nu­tri­to di raf­fi­na­tez­za “a bottega”

ELLE (Italy) - - Ottobre 2017 - di CHIA­RA DAL CAN­TO - fo­to di HELENIO BARBETTA/LI­VING INSIDE

A ca­sa dell’an­ti­qua­rio mi­la­ne­se Lu­ca Vi­ta­li

è uno de­gli an­ti­qua­ri più au­to­re­vo­li sul­la sce­na mi­la­ne­se. La sua gal­le­ria, all’im­boc­co di via Ma­ron­cel­li, ac­can­to a uno dei nuo­vi edi­fi­ci ico­ni­ci del­la cit­tà, pro­get­ta­to da Her­zog & de Meu­ron per Fel­tri­nel­li, si la­scia guar­da­re da una se­rie di am­pie ve­tri­ne dal­le qua­li tra­spa­io­no gu­sto e ri­cer­ca­tez­za. Grandi no­mi di de­si­gner che han­no fat­to la sto­ria dell’ar­chi­tet­tu­ra e del No­ve­cen­to vi­ci­no ad al­tri me­no fa­mo­si; ita­lia­ni ac­can­to a fran­ce­si e scan­di­na­vi, il tut­to te­nu­to in­sie­me da una re­gia pre­ci­sa, pri­va di sba­va­tu­re. Co­me se Vi­ta­li po­tes­se per­met­ter­si di ven­de­re so­lo ciò che gli pia­ce dav­ve­ro.

Ini­zia gio­va­nis­si­mo a la­vo­ra­re nel mon­do dell’an­ti­qua­ria­to, già con­sa­pe­vo­le del bi­so­gno di un mae­stro dal qua­le po­ter ap­pren­de­re i se­gre­ti di uno dei me­stie­ri più an­ti­chi del mon­do. Av­vi­ci­nan­do­si al re­stau­ro ha cercato un la­vo­ro sul cam­po, uno sta­re a bottega co­me si fa­ce­va un tem­po, là do­ve la ma­nua­li­tà si ac­com­pa­gna al­la co­no­scen­za dei ma­te­ria­li, del­le tec­ni­che di la­vo­ra­zio­ne e de­gli in­di­zi che per­met­to­no di ri­co­strui­re l’in­te­ra vi­ta di un og­get­to o un ar­re­do.

«Era un mon­do straor­di­na­rio quel­lo dell’eba­ni­ste­ria an­ti­ca», ri­cor­da. «La­vo­ra­vo nella bottega di Franco De Ru­vo, ar­ri­va­va­no mo­bi­li da re­stau­ra­re da tut­ta Ita­lia e dall’este­ro. All’epo­ca le fie­re era­no pre­sti­gio­se: Na­po­li, Ro­ma, le bien­na­li di Fi­ren­ze, Mi­la­no e Ve­ne­zia ri­chia­ma­va­no un pub­bli­co ele­gan­te e ve­ni­va­no vis­su­te co­me grandi even­ti mon­da­ni».

Do­po tre an­ni Lu­ca com­ple­ta a Lon­dra la sua pre­pa­ra­zio­ne con un cor­so sul­le ar­ti de­co­ra­ti­ve in­ter­na­zio­na­li pres­so la ca­sa d’aste So­the­by’s, per apri­re nel 1993 il suo spa­zio, che chia­ma Of­fi­ci­na An­ti­qua­ria in omag­gio al no­me del­lo stu­dio pri­va­to di Ga­brie­le D’an­nun­zio al Vit­to­ria­le de­gli Ita­lia­ni. «È pro­prio al Vit­to­ria­le che Lu­ca vor­reb­be vi­ve­re», scher­za la sua com­pa­gna Luisa Van­zo. «È un mas­si­ma­li­sta eclet­ti­co che ama crea­re sce­no­gra­fie do­me­sti­che».

DA VIENNA A MI­LA­NO, E RI­TOR­NO

In ef­fet­ti, nella bella ca­sa do­ve vi­vo­no, al pri­mo pia­no di una vil­la col giar­di­no, che un tem­po ospi­ta­va una pa­le­stra di dan­za artistica, chi en­tra vie­ne ac­col­to da un si­pa­rio di vel­lu­to in­qua­dra­to dal­le pa­re­ti blu del­la stanza d’in­gres­so. Il co­lo­re è un po’ ovun­que: ros­so car­di­na­le per il gran­de sa­lo­ne nel qua­le sopravvive la spec­chie­ra del­la scuola di dan­za, ver­de vi­bran­te in cu­ci­na che ri­chia­ma il giar­di­no fuo­ri, pe­tro­lio nella sua va­rian­te più de­ci­sa per i grandi di­va­ni di­se­gna­ti ne­gli an­ni ’30 da Gu­gliel­mo Ul­ri­ch per una vil­la sul la­go Mag­gio­re. Se la gal­le­ria pre­di­li­ge un’eleganza mi­su­ra­ta, l’abi­ta­zio­ne met­te in sce­na un mix più vi­va­ce che me­sco­la pez­zi im­por­tan­ti a oggetti che han­no mo­ti­va­zio­ni per­so­na­lis­si­me. «So­no un ro­man­ti­co che si af­fe­zio­na al­le co­se, oggetti che mi ri­cor­da­no il mo­men­to in cui le ho sco­per­te, in com­pa­gnia di Luisa, e che non ho mai pen­sa­to di ven­de­re in­di­pen­den­te­men­te dal va­lo­re che han­no». Oggetti, qua­dri, mo­bi­li e spec­chie­re, ma­te­ria­li co­me la per­ga­me­na, vel­lu­ti, un’in­te­ra pa­re­te di li­bri, un ri­trat­to di Mak­sim Gor­kij ac­qui­sta­to al­le sei del mat­ti­no al gran­de mer­ca­to nella pe­ri­fe­ria di Mo­sca, una lam­pa­da da ter­ra in ve­tro aran­cio­ne di Pon­ti, se­die dal ’700 al ’900, un pia­no­for­te, un mo­bi­le bar con spec­chi in­ci­si a ma­no e un altro a scom­par­ti mol­to raf­fi­na­to, di­se­gna­to nel 1948 dal non­no di Luisa, Et­to­re Tam.

«Amo i mo­bi­li e gli oggetti che non han­no una pre­ci­sa con­no­ta­zio­ne tem­po­ra­le. Le co­se bel­le so­no sen­za tem­po, co­me i grandi clas­si­ci, e quan­do si par­la del­le ar­ti mag­gio­ri Dal­la camera di

Gio­van­ni, un oblò cre­do che un’ope­ra d’ar­te de­gna di la­scia in­tra­ve­de­re que­sto no­me lo sia per sempre. Al­tri­men­ti,

il suo ge­mel­lo non va­le nul­la». nella stanza del­la

Il gran­de sa­lo­ne e lo stu­dio pic­co­la So­le. non so­no so­lo un’an­to­lo­gia di sco­per­te e di bel­lez­za, ma vi­sua­liz­za­no sen­za in­cer­tez­ze la di­chia­ra­zio­ne di Lu­ca: «Amo le co­se che stan­no in ar­mo­nia tra lo­ro». Il gu­sto di Luisa, for­ma­ta­si co­me gra­phic de­si­gner al­la scuola ri­go­ro­sa di AG Fron­zo­ni e pro­ve­nien­te da una fa­mi­glia in cui l’ar­chi­tet­tu­ra era di ca­sa, è più epu­ra­to. La cop­pia ha re­cen­te­men­te re­cu­pe­ra­to il pia­no in­fe­rio­re, un tem­po usa­to co­me de­po­si­to, crean­do co­sì una zo­na not­te per tut­ta la fa­mi­glia che in­clu­de la pic­co­la So­le di due an­ni e Gio­van­ni di 12. Luisa ha por­ta­to una cer­ta astra­zio­ne all’in­te­ro pro­get­to, a cui ha col­la­bo­ra­to il gio­va­ne ar­chi­tet­to Mar­ti­no Lun­ghi. Un’al­co­va si com­po­ne con la sca­la che è an­che con­te­ni­to­re men­tre, sul la­to op­po­sto, una pa­re­te at­trez­za­ta se­pa­ra le stan­ze gio­can­do con so­lu­zio­ni geo­me­tri­che ispi­ra­te a Ma­le­viˇc, in­clu­si due oblò che met­to­no in co­mu­ni­ca­zio­ne le ca­me­re in se­quen­za. In que­sta cor­ni­ce, più so­bria ri­spet­to al pia­no su­pe­rio­re, i pez­zi del ’900 si di­se­gna­no con mag­gio­re ni­ti­dez­za, a partire dal­la scri­va­nia da­ta­ta 1906 del vien­ne­se Jo­sef Hof­f­mann, nella cui ope­ra Lu­ca in­di­vi­dua lo spar­tiac­que che se­gna l’ini­zio del mo­der­ni­smo nel­le ar­ti de­co­ra­ti­ve. An­che per Vi­ta­li Vienna ha si­gni­fi­ca­to mol­to. Non so­lo vi è na­to, ma sua ma­dre che ama­va fre­quen­ta­re le stan­ze pie­ne di mo­bi­li del­la ce­le­bre ca­sa d'aste Do­ro­theum, lo por­ta­va con sé e for­se pro­prio lì è na­to il de­si­de­rio di la­vo­ra­re af­fin­ché le co­se re­sti­no nel tem­po. Chia­ra Dal Can­to

A si­ni­stra, nel sa­lot­to ros­so car­di­na­le pre­do­mi­na­no i pez­zi an­ni Tren­ta, dai di­va­ni di Gu­gliel­mo Ul­ri­ch al ta­vo­lo bas­so in per­ga­me­na. Nella pa­gi­na ac­can­to, lo sce­no­gra­fi­co in­gres­so. Sul fon­do, al di là del si­pa­rio ros­so, si na­scon­de una ca­bi­na ar­ma­dio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.