Lo­ve (and ha­te) sto­ry

Dal­la fi­glia di Eri­ch Se­gal un ro­man­zo su un amore dif­fi­ci­le, in una fa­mi­glia al­lar­ga­ta, con i fi­gli con­tro. Sull’ado­le­scen­za e i sen­si di col­pa...

ELLE (Italy) - - Libri -

JU­LIA É da cin­que an­ni, da quan­do suo ma­ri­to Da­niel è mor­to per un tu­mo­re, e vi­ve a Lon­dra con sua fi­glia Gwen, 14 an­ni, ca­pel­li rossi co­me il pa­dre, ir­re­quie­ta e pie­na di ta­len­to. Tra lo­ro, ri­ma­ste so­le, c’è una spe­cie di sim­bio­si: la mam­ma, che in­se­gna pia­no­for­te, sem­bra vi­ve­re so­lo per lei. Si­no a quan­do in­con­tra Ja­mes, che a Bo­ston ha la­scia­to una mo­glie esu­be­ran­te e mol­to cur­vy da cui ha di­vor­zia­to e la fi­glia mag­gio­re Sa­ska; ha po­co più di cin­quant’an­ni, è un uo­mo mol­to bel­lo, gran­de, buo­no, la­vo­ra in un ospe­da­le lon­di­ne­se co­me oste­tri­co. Ha por­ta­to con sé il fi­glio Na­than, 17 an­ni, ge­nio sco­la­sti­co e cor­teg­gia­to dal­le ra­gaz­zi­ne. Ju­lia e Ja­mes si in­na­mo­ra­no pro­fon­da­men­te e de­ci­do­no di ri­ten­ta­re quel­lo che è certo un az­zar­do: vi­ve­re in­sie­me, fa­re fa­mi­glia. Con i due fi­gli ov­via­men­te, che pe­rò non so­lo si de­te­sta­no, ma lui de­te­sta la mam­ma di lei, e lei de­te­sta il pa­dre di lui. In­som­ma la fa­mi­glia che do­vreb­be na­sce­re dall’amore di­ven­ta un piccolo in­fer­no: Ju­lia e Ja­mes ritrovano il lo­ro legame, maturo, si­cu­ro, nella camera da letto, ma di gior­no è un con­ti­nuo mediare con que­gli ado­le­scen­ti ge­lo­si, che vor­reb­be­ro tor­na­re al pre­do­mi­nio ognu­no sul pro­prio ge­ni­to­re, spez­zan­do quell’amore per lo­ro in­com­pren­si­bi­le, as­sur­do. Il pro­ble­ma è che con tut­ta la lo­ro buo­na vo­lon­tà, Ju­lia ca­pi­sce che Let­te­re a Ka­tha­ri­na Na­than pro­prio non le pia­ce, von Bo­ra, scrit­te da co­me a Ja­mes non pia­ce Gwen: Mar­tin Lu­te­ro­co­me si fa non so­lo a es­se­re una ve­ra fa­mi­glia in que­sta si­tua­zio­ne, ma co­me si fa an­che a con­ser­va­re il pro­prio ina­spet­ta­to, an­co­ra og­gi ir­ri­nun­cia­bi­le amore? Ju­lia e sor­pren­den­ti, Gwen so­no mol­to le­ga­te a Iris e Phi­lip, i ge­ni­to­ri di Da­niel, una cop­pia spe­cia­le: si so­no mol­to ama­ti, lei ha ama­to un altro, da an­ni so­no se­pa­ra­ti, ognu­no a ca­sa sua. Ma si vo­glio­no bene, si fan­no com­pa­gnia, con­di­vi­do­no tan­te co­se, si te­le­fo­na­no con­ti­nua­men­te. So­no an­che pre­oc­cu­pa­ti per nuo­ra e ni­po­te: vor­reb­be­ro che fos­se­ro fe­li­ci con Co­so, co­me Iris chia­ma Ja­mes, non riu­scen­do a ve­der­lo al po­sto di Da­niel, ma ca­pen­do co­me sia giu­sto che Ju­lia si ri­fac­cia una vi­ta. Poi suc­ce­de l’ina­spet­ta­to a ra­di­ca­liz­za­re la si­tua­zio­ne già dif­fi­ci­le. Il so­gno sa­prà su­pe­ra­re tut­to o no?

L’età in­gra­ta è il se­con­do ro­man­zo del­la gio­va­ne Fran­ce­sca Se­gal, fi­glia di quell’eri­ch Se­gal au­to­re di quel mas­si­mo be­st sel­ler che era e for­se an­co­ra è Lo­ve Sto­ry,

di­ven­ta­to uno dei film che pro­cu­rò sin­ghioz­zi a tut­te le pla­tee del mon­do. Lei vi­ve a Lon­dra, è spo­sa­ta, ha due ge­mel­li­ni pic­co­li.

Il suo pri­mo ro­man­zo, La cu­gi­na ame­ri­ca­na è ispi­ra­to al ca­po­la­vo­ro L’età dell’in­no­cen­za di Edi­th Whar­ton, spo­stan­do la sto­ria dal­la New York lus­suo­sa di fi­ne ’800 ai quar­tie­ri si­gno­ri­li di Lon­dra do­ve vi­ve og­gi una co­mu­ni­tà ebrai­ca lai­ca e ric­ca. L’età in­gra­ta det­ta età in­gra­ta, cioè l’ado­le­scen­za, i sen­si di col­pa, il pe­so del­le scon­fit­te, tut­to ciò che di in­vin­ci­bi­le c’è in noi af­fron­tan­do il con­ti­nuo cam­bia­men­to dei rap­por­ti uma­ni, de­gli sti­li di vi­ta, del mon­do.

JU­LIA E JA­MES RITROVANO IL LO­RO LEGAME MATURO IN CAMERA DA LETTO, DI GIOR­NO IN­VE­CE È UN CON­TI­NUO MEDIARE Na­ta­lia Aspe­si

in­gra­ta L’età Fran­ce­sca di (Bol­la­ti Se­gal Bo­rin­ghie­ri 18 eu­ro).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.