In pri­ma per­so­na

An­ni a so­spi­ra­re die­tro inaf­fi­da­bi­li beltà. Poi la svol­ta, gra­zie all’espe­rien­za: in un uo­mo la bel­lez­za non con­ta. Me­glio va­lu­ta­re al­tre, in­vi­si­bi­li vir­tù. Per esem­pio, il suo spi­ri­to di con­qui­sta...

ELLE (Italy) - - News - T esti­mo­nian z a rac­col­ta da ELETTRA ALDANI

Mio ma­ri­to? Per for­tu­na è brut­to...

“IL SE G RETO DEL­LA FE­LI­CI­TÀ?

Tro­va­re uno brut­to, ma che ti pia­ce tan­to”. Non ri­cor­do in che film ho sen­ti­to que­sta bat­tu­ta che mi ha fat­to su­bi­to sor­ri­de­re, per­ché è quel­lo che pen­so an­ch’io. Gli uo­mi­ni brut­ti so­no me­glio di tut­ti gli al­tri, l’ho sco­per­to pre­sto. Al­le fe­ste del li­ceo, men­tre l’in­te­ra po­po­la­zio­ne fem­mi­ni­le si but­ta­va sui più bel­li del­la scuo­la, io già ri­vol­ge­vo le mie at­ten­zio­ni al­tro­ve. Cer­te do­me­ni­che po­me­rig­gio in­fi­ni­te, a ca­sa di chi ave­va i ge­ni­to­ri via per il wee­kend, mol­ti Cu­re e Joy Di­vi­sion spa­ra­ti a tut­to vo­lu­me (so­no una ra­gaz­za de­gli an­ni Ot­tan­ta), i com­pa­gni più fi­ghi at­tor­nia­ti da un nu­go­lo di ado­ra­tri­ci sen­za spe­ran­za, la mia ami­ca Car­la che pian­ge in ba­gno per­ché quel­lo bel­lis­si­mo del­la 5ª C le ha da­to un ba­cio, una vol­ta, e poi non l’ha più con­si­de­ra­ta. Io, in­ve­ce no. C’era sem­pre qual­cu­no che al­le al­tre non sem­bra­va in­te­res­san­te, quel­lo che sta­va leg­ger­men­te spo­sta­to, fuo­ri dal co­no di lu­ce del­la bel­lez­za con­cla­ma­ta e as­so­lu­ta. Di si­cu­ro ave­va le spal­le me­no gran­di, gli oc­chi me­no az­zur­ri, i trat­ti me­no re­go­la­ri, pe­rò ma­ga­ri sa­pe­va di li­bri e di mu­si­ca, ave­va bel­le ma­ni e pro­ba­bil­men­te ba­cia­va da dio. Ec­co, quel­lo io lo pun­ta­vo. Da al­lo­ra, dif­fi­cil­men­te mi so­no sbagliata.

L’uo­mo non bel­lo ha qual­co­sa in più. Poi­ché non pos­sie­de tra le sue ar­mi la bel­lez­za ca­no­ni­ca, de­ve in­ge­gnar­si. Un bel­lo pen­sa di non do­ver fa­re nien­te, sta lì, tut­to tron­fio, si­cu­ro di es­se­re de­si­de­ra­to. Chi è me­no do­ta­to este­ti­ca­men­te, in­ve­ce, de­ve svi­lup­pa­re al mas­si­mo ogni al­tra pos­si­bi­le at­trat­ti­va: in­tel­li­gen­za, par­lan­ti­na, ga­lan­te­ria, crea­ti­vi­tà, ge­ne­ro­si­tà, ele­gan­za. È una leg­ge di com­pen­sa­zio­ne. Aver­la sco­per­ta ha fat­to di me, ne­gli an­ni, una donna fe­li­ce. Ho sem­pre avu­to un sac­co di fi­dan­za­ti, e di aman­ti. Men­tre le al­tre an­da­va­no in bian­co, o sof­fri­va­no, io me la spas­sa­vo col­le­zio­nan­do in­nu­me­re­vo­li sto­rie, gran­di amo­ri, su­bli­mi scor­ri­ban­de di let­to. Qual­che bel­lo l’ho pro­va­to, in­ten­dia­mo­ci. Par­lo con co­gni­zio­ne di cau­sa. Ma gli Ado­ni nei qua­li ho in­ci­den­tal­men­te in­ciam­pa­to non han­no fat­to al­tro che – nel tem­po e con l’espe­rien­za – con­fer­mar­mi che so­no i brut­ti ad ave­re mil­le, im­pa­ga­bi­li e se­gre­te, vir­tù.

Ora, bi­so­gna in­ten­der­si sull’idea di “brut­to”. Vin­cent Cas­sel è brut­to? Ja­vier Bar­dem? Be­ni­cio del To­ro? No, per­ché una vol­ta ho let­to un ar­ti­co­lo che si in­ti­to­la­va I brut­ti che piac­cio­no, e que­sti tre sta­va­no nell’elen­co. Con le ami­che ho sem­pre di­scus­so. Per­ché io di­co “brut­to” e lo­ro in­ten­do­no “sfi­ga­to”, che è un’al­tra co­sa, mi sem­bra del tut­to evi­den­te. Non so, Gé­rard De­par­dieu è brut­to, col na­so sbi­len­co, so­vrap­pe­so, ma non è uno sfi­ga­to. Cas­sel men che me­no (Cas­sel è un fi­go paz­ze­sco, po­che sto­rie, chie­de­te al­la Bel­luc­ci). Me­glio di­re non con­ven­zio­nal­men­te bel­li? O di­ver­sa­men­te brut­ti? È un mon­do dai con­fi­ni la­bi­li e sog­get­ti­vi: di­cia­mo, in estre­ma sin­te­si, che il “brut­to” non ha i trat­ti

L’UO­MO BEL­LO GI­RA IN­TOR­NO A SE STES­SO. NON TI FA­RÀ MAI SEN­TI­RE UNA RE­GI­NA PER­CHÈ IL RE È LUI

di­stin­ti­vi del­la bel­lez­za ca­no­ni­ca, spes­so ha an­zi di­fet­ti, an­che evi­den­ti. Da ra­gaz­zi­no pro­ba­bil­men­te ci ha sof­fer­to, poi ha ca­pi­to co­me si fa a far di­men­ti­ca­re i pro­pri con­no­ta­ti e, per le in­ten­di­tri­ci, è di­ven­ta­to una pre­da da non la­sciar­si scap­pa­re.

«Per­ché una ra­gaz­za bel­la co­me te sta con un uo­mo co­sì brut­ti­no?»: mia zia Gio­van­na è no­to­ria­men­te una sen­za pe­li sul­la lin­gua, e da­van­ti al mio fi­dan­za­to sto­ri­co, Oli­vie­ro, pro­prio non riu­scì a trat­te­ner­si. Il fat­to è che sì, io so­no bel­la. E que­sto fa di­ven­ta­re an­co­ra più mi­ste­rio­se le mie scel­te ri­cor­ren­ti, im­pron­ta­te a una co­sì scar­sa este­ti­ci­tà. Oli­vie­ro era bas­si­no, ma­gro co­me un chio­do, non fa­ce­va sport, por­ta­va gli oc­chia­li. Che ne po­te­va sa­pe­re quel­la cre­ti­na di mia zia, spo­sa­ta con un uo­mo bel­lis­si­mo e in­sul­so che, tra pa­ren­te­si, l’ave­va pu­re riem­pi­ta di cor­na? Oli­vie­ro, io, lo ado­ra­vo. Ca­pi­vo che vo­le­va fa­re l’amore quan­do si sfi­la­va gli oc­chia­li, un ge­sto che per me era l’an­ti­ca­me­ra dell’esta­si. Con lui fu evi­den­te la re­go­la – po­chis­si­me vol­te di­sat­te­sa – che il brut­to, fra le len­zuo­la, è ge­ne­ro­so co­me po­chi, in­stan­ca­bi­le, raf­fi­na­to, at­ten­to. Oli­vie­ro era in­tel­li­gen­te, col­to. Suo­na­va il bas­so in un grup­po rock, tut­to quel­lo che so di mu­si­ca e di poe­sia l’ho imparato da lui. Que­sto, ca­re ra­gaz­ze, va­le più del­la tartaruga scol­pi­ta...

E dà un grande van­tag­gio: al­la stra­gran­de mag­gio­ran­za del­le mie ami­che non im­por­ta­va un bel nien­te di quel­li che per me era­no mu­st, il che sba­ra­glia­va d’un bot­to an­che ogni pos­si­bi­le con­cor­ren­za. Vuoi met­te­re usci­re la se­ra con una ban­da di don­ne e non ave­re com­pe­ti­tor, per­ché a te re­go­lar­men­te pia­ce uno che nes­su­na ha no­ta­to? Sta­re con un uo­mo che ti fa sen­ti­re una dea, non ha oc­chi che per te e la­vo­ra in­ces­san­te­men­te per una so­la co­sa, la tua fe­li­ci­tà? Na­tu­ral­men­te va­le, co­me sem­pre, un’ac­cor­tez­za: oc­chio agli stron­zi. Il brut­to in­ca­ro­gni­to e ne­vro­ti­co, che ce l’ha col mon­do in­te­ro, e vuol far pa­ga­re a te ogni sua ata­vi­ca fru­stra­zio­ne, è da evi­ta­re co­me la pe­ste. At­ten­zio­ne, an­che, a quel­li nei qua­li la scar­sa av­ve­nen­za ha sca­va­to un’insicurezza cro­ni­ca: alcuni brut­ti di­ven­ta­no se­dut­to­ri se­ria­li per bi­so­gno di con­ti­nue con­fer­me, van­no be­nis­si­mo per un flirt, per­ché so­no cor­teg­gia­to­ri ec­ce­zio­na­li e si spen­do­no al­lo spa­smo, ma sul­la di­stan­za pos­so­no ri­ser­va­re brut­te sor­pre­se e ri­ve­lar­si dan­no­si. Do­po Oli­vie­ro ne so­no ve­nu­ti al­tri, tut­ti a con­fer­ma­re la mia teo­ria, che poi al­tro non è che la con­cre­tiz­za­zio­ne di un an­ti­co det­to ro­ma­no: è bel­lo, ma non bal­la. O an­che: bel­lo e fre­sco­ne. Per di­re che l’uo­mo bel­lo è in­sul­so. Non ti fa­rà mai sen­ti­re una re­gi­na, per­ché il re è lui. Non sa­prà mai, dav­ve­ro, go­der­si la vi­ta, tut­to at­ten­to e con­cen­tra­to a gi­ra­re at­tor­no al cen­tro dell’uni­ver­so: se stes­so. Poi è ar­ri­va­to mio ma­ri­to, la di­mo­stra­zio­ne per­fet­ta del teo­re­ma del­la su­pre­ma­zia del brut­to.

UN SEDUTTORE INDISTURBATO

Se gli di­co che è brut­ti­no, lui ri­de. Lo so, di­ce, la bel­la sei tu, e ba­sti e avan­zi. Mio ma­ri­to si chia­ma Lo­ren­zo, ha la pan­cet­ta più se­xy del mon­do, il sor­ri­so più di­sar­man­te, i ca­pel­li più im­pro­ba­bi­li, lo sti­le più ele­gan­te, il na­so me­no or­to­dos­so che si pos­sa­no im­ma­gi­na­re. Tut­to in­sie­me. Co­no­sciu­to a una ce­na, die­ci an­ni fa, e da me im­me­dia­ta­men­te clas­si­fi­ca­to co­me as­so­lu­ta­men­te in­te­res­san­te: uo­mo non bel­lo, in­tel­li­gen­za su­pe­rio­re, cal­mo e si­cu­ro di sé. Seduttore esper­to – uno che sa co­me si fa, in­som­ma – ma non com­pul­si­vo. Pro­ba­bil­men­te ave­va avu­to mol­te don­ne, pe­rò in sor­di­na, sen­za cla­mo­ri, agen­do indisturbato pro­prio là do­ve tut­ti lo cre­de­va­no in­no­cuo. Il ra­dar man­da­va se­gna­li po­ten­tis­si­mi di an­da­re su­bi­to a ve­ri­fi­ca­re se ave­vo cap­ta­to giu­sto. Per tut­ta la se­ra non mi ha guar­da­ta (im­paz­zi­vo), due gior­ni do­po mi ha man­da­to un maz­zo di ro­se. E co­sì per un me­se di se­gui­to, nel qua­le ar­ri­va­va­no fio­ri tut­ti i gior­ni, ma po­chi mes­sag­gi sul te­le­fo­ni­no. Una so­la usci­ta, per un ape­ri­ti­vo.

Lui ora di­ce che in quel pe­rio­do ave­va tan­to da la­vo­ra­re, e la pau­ra ter­ri­bi­le di un mio ri­fiu­to. So be­ne che il mar­pio­ne mi ha, in real­tà, cu­ci­na­ta a pun­ti­no. Uno bel­lo non avreb­be mai per­so tut­to quel tem­po a star­mi die­tro al­lon­ta­nan­do­si (cor­teg­gia­re e se­dur­re, que­ste so­no le pa­ro­le giu­ste) e io non mi sa­rei in­na­mo­ra­ta. Il pri­mo wee­kend in­sie­me non sia­mo mai usci­ti dal­la ca­me­ra dell’ho­tel, nem­me­no per man­gia­re. La teo­ria che i brut­ti sia­no mae­stri del tan­tra era de­fi­ni­ti­va­men­te di­ven­ta­to un as­sio­ma in­con­fu­ta­bi­le. Dio mio co­sa ho tro­va­to! In pie­di in mez­zo all’au­to­grill, men­tre tor­na­va­mo, ho chia­ma­to la mia ami­ca. Non sta­vo più nel­la pelle. «Ma chi?», fa lei, «quel­la spe­cie di Max Gaz­zè che ha spe­so un ca­pi­ta­le dal fio­ri­sta?». Nien­te, mi co­no­sce da una vi­ta e an­co­ra non ha ca­pi­to un ac­ci­den­te di me, e nem­me­no di co­me va il mon­do. Me­glio, ho pen­sa­to co­me sem­pre, co­sì lo pseu­do Gaz­zè è tut­to mio. Ci sia­mo spo­sa­ti do­po un an­no. Per chie­der­me­lo mi ha por­ta­to una pian­ti­na del­la no­stra cit­tà, Ro­ma, sul­la qua­le ave­va se­gna­to tut­ti i po­sti do­ve ci era­va­mo ba­cia­ti in do­di­ci me­si d’amore. L’ho fat­ta in­cor­ni­cia­re, è la map­pa di un de­si­de­rio che se­gna an­co­ra la di­re­zio­ne giu­sta. Ab­bia­mo avu­to due fi­gli. Se­con­do me as­so­mi­glia­no an­che a mio ma­ri­to. Sì, ma so­no mi­glio­ra­ti da te, scher­za lui. Il se­gre­to è, sem­pre, nel mix. Co­me per te amore mio, di­co io: il ri­sul­ta­to è di­ver­so dal­la som­ma del­le sin­go­le par­ti (na­so, più boc­ca, più oc­chi). È per que­sto che io ti ve­do bel­lis­si­mo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.