Mi­che­le Ma­gna­ni

Il suo toc­co ri­di­se­gna il vol­to o in­ven­ta il look del­le star. Il suo oc­chio in gi­ro per il mon­do sa leg­ge­re co­lo­ri e sto­rie. In­fa­ti­ca­bi­le. Gra­zie all’in­se­pa­ra­bi­le caf­fè

ELLE (Italy) - - Una Giornata Con… - di STE­FA­NIA BONACINA

▶ 4.00 _Il mio la­vo­ro non pre­ve­de gior­na­te “ti­po”, lo amo an­che per que­sto. In un an­no pas­so più not­ti in al­ber­go che a Fi­ren­ze, do­ve abi­to, e pos­so sve­gliar­mi in set­te-ot­to cit­tà di­ver­se in un me­se. Va da sé che, ap­pe­na al­za­to, cer­co di ca­pi­re do­ve so­no! Sa­rei un dor­mi­glio­ne, ma mol­te del­le mie gior­na­te la­vo­ra­ti­ve co­min­cia­no pri­ma dell’al­ba. Le mie sve­glie più im­pie­to­se suo­na­no a Pa­ri­gi, du­ran­te la set­ti­ma­na del­la mo­da; è ri­no­ma­ta per le sue se­di splen­di­de, ma spes­so difficili da rag­giun­ge­re. Se il call-ti­me di una sfi­la­ta è al­le 6, mi toc­ca al­zar­mi due ore pri­ma. Fac­cio una doc­cia per ten­ta­re di ri­met­ter­mi al mon­do e mi pre­ci­pi­to fuo­ri a pren­de­re il ta­xi.

▶ 7.00_Cap­puc­ci­no, cor­net­to e poi espres­so: la mia co­la­zio­ne ten­de al grande clas­si­co ita­lia­no. Non c’è po­sto al mon­do do­ve non ab­bia i miei bar di ri­fe­ri­men­to, da Du­bai a Mia­mi; sa­rà che l’espres­so mi fa sen­ti­re a ca­sa ovun­que! A pro­po­si­to di gran­di fa­mi­glie, a New York ho ca­pi­to quan­to i so­cial me­dia sia­no tutt’al­tro che ete­rei. Pas­seg­gia­vo col mio espres­so da aspor­to, quan­do no­to ma­dre e fi­glia che mi fis­sa­no. Mi sa­rò mac­chia­to la ca­mi­cia? Ri­vol­go lo­ro un sor­ri­so in­ter­ro­ga­ti­vo e, in ri­spo­sta, mi chie­do­no per­ché non ab­bia an­co­ra po­sta­to dal back­sta­ge: so­no del­le mie fol­lo­wer su In­sta­gram e non ve­do­no l’ora di sco­pri­re le ten­den­ze! ▶ 8.30_A que­st’ora so­no spes­so nel fer­men­to del back­sta­ge, un cre­scen­do di adre­na­li­na che mi ac­com­pa­gna fi­no all’usci­ta in pas­se­rel­la del­le mo­del­le. Quan­do so­no ar­ri­va­to, due ore fa, ho mo­stra­to al mio team, pas­so a pas­so, co­me rea­liz­za­re il ma­keup. Il pro­ces­so crea­ti­vo per tra­dur­re in una fa­ce chart il per­so­nag­gio che in­car­na l’at­mo­sfe­ra im­ma­gi­na­ta dal­lo sti­li­sta an­ti­ci­pa la sfi­la­ta. Alcuni gior­ni pri­ma ci con­fron­tia­mo in­sie­me esplo­ran­do il suo mood board e ogni al­tro aspet­to del­lo spet­ta­co­lo, dal­la mu­si­ca al­le ca­pi­glia­tu­re, per ar­mo­niz­zar­lo nel e col truc­co. Stel­la Jean, per esem­pio, mi spin­ge sem­pre ai li­mi­ti di que­sto viag­gio crea­ti­vo; le sue col­le­zio­ni so­no ad al­to con­te­nu­to eti­co – in una del­le più re­cen­ti usa­va tes­su­ti ar­ti­gia­na­li del Bur­ki­na Fa­so – e io mi in­ge­gno per crea­re look che espri­ma­no la me­dia­zio­ne tra mon­di di­stan­ti, una fu­sio­ne oc­ci­den­ta­le che ri­spec­chia mol­to la mia idea di mo­da: la fu­sio­ne di mol­te crea­ti­vi­tà. ▶ 12.00_Nel mio set­to­re s’im­pa­ra pre­sto un’ot­ti­ma le­zio­ne: la dif­fe­ren­za è ar­ric­chi­men­to. Il mo­do in cui le in­dia­ne sten­do­no il ka­jal, quel me­ra­vi­glio­so ef­fet­to “vis­su­to”, mi ha fat­to in­na­mo­ra­re di que­sto pro­dot­to vi­vo, che si fon­de con lo sguar­do, as­se­con­dan­do il tem­po. Una vol­ta ho in­con­tra­to ma­dre e fi­glio, in­dia­ni, truc­ca­ti al­lo stes­so mo­do, mi han­no in­cu­rio­si­to. Ho sco­per­to co­sì che il ka­jal si usa in In­dia co­me di­sin­fet­tan­te. La lo­ro im­ma­gi­ne mi è riap­par­sa quan­do Fau­sto Pu­gli­si mi ha chie­sto un look #mi­so­no­sve­glia­ta­co­sì; con le eye-ko­hl ho qua­si sciol­to il co­lo­re sul con­tor­no oc­chi, crean­do uno sguar­do lu­cen­te ma stan­co, co­me quan­do si tor­na a ca­sa da un bel par­ty e ci si os­ser­va as­son­na­te al­lo spec­chio. ▶ 13.30_P­ran­zo? Qua­si sem­pre lo sal­to, per­ché sto la­vo­ran­do a un ser­vi­zio edi­to­ria­le o in qual­che back­sta­ge o so­no in tran­si­to con il mio trolley di trucchi e pennelli che pesa più di 30 chili... Ad­den­to un pa­ni­no do­ve ca­pi­ta! Nel­la mo­da la “par­te del par­ty”

“SO­NO SEM­PRE IN VIAG­GIO CON IL MIO TROLLEY DI TRUCCHI E PENNELLI CHE PESA 30 CHILI”

“X FAC­TOR? FIN DAL­LA PRI­MA PUNTATA, LO GIURO, MI SO­NO FAT­TO UN PIAN­TO DI NA­SCO­STO”

è mi­ni­ma, un’im­ma­gi­ne dav­ve­ro fuor­vian­te. In real­tà è un set­to­re iper pro­fes­sio­na­le, do­ve si la­vo­ra du­ra­men­te e si ri­chie­de un ma­re di abi­li­tà, dalle lingue al sa­per par­la­re in pub­bli­co, al­la co­no­scen­za dei tes­su­ti. Si vi­ve co­me si fos­se sem­pre in viag­gio, con gran­di sa­cri­fi­ci per­so­na­li, ma re­ga­la in­con­tri im­por­tan­ti, emo­zio­ni ed enor­mi sod­di­sfa­zio­ni artistiche. ▶ 15.30_Se ho ap­pun­ta­men­ti in gi­ro per le cit­tà, ne ap­pro­fit­to per guar­dar­mi in­tor­no in cer­ca d’ispi­ra­zio­ne. New York inau­gu­ra la sta­gio­ne del­le fa­shion week: l’at­mo­sfe­ra è vi­bran­te, ener­gi­ca e set­tem­bri­na e fa ve­nir vo­glia d’im­mer­ger­si nel­la fiu­ma­na di per­so­ne che ani­ma­no que­sto con­cen­tra­to, let­te­ra­le, di mon­do. La cit­tà che te­mo di più, per la mia pro­pen­sio­ne al­lo shop­ping, è Lon­dra: esco solo coi sol­di con­ta­ti! Re­sta la ca­pi­ta­le eu­ro­pea più un­der­ground: ama di­ver­tir­si, spe­ri­men­ta­re, è l’au­ten­ti­ca trend set­ter in fat­to di street sty­le. Le pri­me ra­gaz­ze con ca­pi­glia­tu­re vio­la o stri­sce gial­le le ho vi­ste qui. Gli out­fit più stra­va­gan­ti e ina­spet­ta­ti, s’in­cro­cia­no per le sue stra­de. Pa­ri­gi è all’op­po­sto: ton­da e lan­gui­da con un’ani­ma riot­to­sa e chic. Le nu­vo­le di fu­mo di si­ga­ret­ta si ve­do­no solo nei suoi ca­fé sul­le ri­ve del­la Sen­na. Ado­ro as­se­con­da­re que­sto lan­guo­re e os­ser­va­re le per­so­ne che pas­sa­no. Mi­la­no è su­per ef­fi­cien­te, ve­lo­ce, iper­con­nes­sa. In ter­mi­ni pro­fes­sio­na­li, è ca­sa mia, la cit­tà a cui de­vo di più. ▶ 17.00_L’espe­rien­za di di­ret­to­re del ma­keup per for­mat te­le­vi­si­vi co­me X Fac­tor è tan­to ap­pa­gan­te quan­to estre­ma­men­te im­pe­gna­ti­vo. A ogni sin­go­la usci­ta, a par­ti­re dal­la pri­ma puntata (lo giuro!), mi so­no fat­to un pian­to di na­sco­sto. Aver a che fa­re con del gio­va­ne ca­pi­ta­le uma­no è un’al­ta­le­na emo­ti­va, mi ri­cor­da quan­to ero fra­gi­le e in­si­cu­ro io al­la lo­ro età. C’è chi è più de­ci­so e vuo­le scioc­ca­re il pub­bli­co, co­me Da­mia­no dei Må­ne­skin; gio­ca­re con la sua ener­gia ri­vi­si­tan­do un rock rug­gen­te an­ni ’70 è sta­to di­ver­ten­te. S’in­con­tra­no pe­rò tan­te ani­me più de­li­ca­te, che non san­no an­co­ra co­me pro­por­si, qua­le “pro­fi­lo” crea­re, per dir­la al­la so­cial. L’im­pie­go d’em­pa­tia de­ve an­da­re di pa­ri pas­so con lo stu­dio del­la lo­ro per­so­na­li­tà, dei lo­ro li­nea­men­ti, del­la lo­ro mu­si­ca. Mi pia­ce crea­re per lo­ro uno “scu­do ar­ti­sti­co” per af­fron­ta­re il pub­bli­co! ▶ 19.00_Mi spo­sto spes­so in tre­no o me­tro­po­li­ta­na e ado­ro os­ser­va­re co­me si truc­ca­no le don­ne. Pos­so in­tui­re do­ve vi­ve o di dov’è una ra­gaz­za dal suo ma­keup; le mi­la­ne­si so­no le più mi­ni­ma­li­ste e, spes­so, per non per­de­re tem­po, la mat­ti­na si truc­ca­no in car­roz­za. Quan­do ini­zio a ve­der­le con lab­bra più co­lo­ra­te, è il se­gna­le che è ar­ri­va­ta l’esta­te... Le me­dio­rien­ta­li pa­dro­neg­gia­no l’ar­te dell’eye­li­ner, m’in­can­ta os­ser­va­re i lo­ro gra­fi­smi. Le nor­di­che rap­pre­sen­ta­no la quin­tes­sen­za del no-ma­keup-look, men­tre non c’è donna me­di­ter­ra­nea che ri­nun­ci al ma­sca­ra, fa par­te del­la no­stra cul­tu­ra, lo sguar­do è al cen­tro di tut­to! Mi piac­cio­no tut­ti i look, ma ho un’al­ler­gia per le ba­si im­per­fet­te. Mi di­stur­ba­no a tal pun­to che, tal­vol­ta, de­vo re­si­ste­re all’im­pul­so d’al­zar­mi e an­da­re a si­ste­mar­le! Se la ba­se è sbagliata, l’in­te­ra te­la ne ri­sen­te, e il mio oc­chio, in­ve­ce di con­cen­trar­si sul co­lo­re o su un bel par­ti­co­la­re, s’in­ca­po­ni­sce su quel­la di­scro­mia tra pelle e fon­do­tin­ta. ▶ 21.30_Se sto la­vo­ran­do a una del­le ras­se­gne li­ri­che o tea­tra­li dell’are­na di Ve­ro­na, che se­guo da al­cu­ne sta­gio­ni, tut­to è già pron­to e pos­so, ri­toc­chi a par­te, go­der­mi un po’ lo spet­ta­co­lo da die­tro le quin­te. Quan­do so­no li­be­ro, la mia se­ra­ta idea­le è una ce­na tra ami­ci, che po­co san­no del mio la­vo­ro e an­cor me­no se ne in­te­res­sa­no. Sta­re nel­la mia bel­la ter­raz­za a chiac­chie­ra­re con mia so­rel­la, a be­re un buon ca­li­ce di Bol­ghe­ri con il mio com­pa­gno: non mi vie­ne in men­te al­tro di al­tret­tan­to me­ra­vi­glio­so per ri­las­sar­mi e ri­ca­ri­car­mi… tran­ne le va­can­ze al ma­re. Du­ran­te l’an­no mi muo­vo tal­men­te tan­to che in ago­sto di­ven­to su­per abi­tu­di­na­rio: stes­so ma­re, stes­sa spiag­gia, stes­sa ca­sa co­lo­ni­ca to­sca­na: il pa­ra­di­so! ▶ 24.00_Do­vrei e vor­rei, ma è dif­fi­ci­le che va­da a let­to pre­sto. Scon­to l’adre­na­li­na ac­cu­mu­la­ta du­ran­te la gior­na­ta e lo stress per quel­la che do­vrò af­fron­ta­re. Di so­li­to fac­cio co­sì: pro­gram­mo la tv per cir­ca 40 mi­nu­ti su ca­na­li e pro­gram­mi as­sur­di – le peg­gio­ri ope­ra­zio­ni di chi­rur­gia este­ti­ca, gli in­ci­den­ti più in­cre­di­bi­li, le can­did ca­me­ra in ara­bo o giap­po­ne­se – co­me can­ti­le­na di sot­to­fon­do che mi ad­dor­men­ta co­me una fia­ba del­la buo­na­not­te.

Mi­che­le Ma­gna­ni, Glo­bal se­nior ar­ti­st di MAC Co­sme­tics, è di­ret­to­re ma­keup del Fe­sti­val Li­ri­co dell’are­na di Ve­ro­na e au­to­re dei look di X Fac­tor (ap­pe­na ini­zia­ta la 12ª edi­zio­ne) e Dan­ce Dan­ce Dan­ce.

Mi­che­le Ma­gna­ni im­pe­gna­to in un “ul­ti­mo toc­co”. Il pro­ces­so crea­ti­vo del ma­keup ini­zia mol­to pri­ma del­le due ore ca­no­ni­che di an­ti­ci­po con cui ar­ri­va sul set o in se­de. Di­ver­si gior­ni pri­ma si in­con­tra con sti­li­sta o re­gi­sta per de­fi­ni­re la “fa­ce chart”, il vol­to che in­car­ne­rà il mood del­la sfi­la­ta o del­lo spet­ta­co­lo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.