SE KA­IA IN­CON­TRA KARL...

ELLE (Italy) - - Intervista - di VIR­GI­NIE DO­LA­TA

Se­guen­do le or­me del­la ma­dre – la top Cindy Crawford – Ka­ia Ger­ber è og­gi il vol­to nuovo del­la mo­da. A so­li 16 an­ni, è sta­ta scel­ta da Karl La­ger­feld per lan­cia­re una “cap­su­le col­lec­tion” del mar­chio che por­ta il suo no­me. In esclu­si­va per Elle, ec­co co­me un so­gno è di­ven­ta­to real­tà

AVE­VA SOLO 6 AN­NI quan­do la mam­ma, Cindy Crawford, fe­ce per la pri­ma vol­ta il suo no­me du­ran­te una no­stra in­ter­vi­sta, nel 2010: “Mia fi­glia, Ka­ia, e io ci as­so­mi­glia­mo in mo­do straor­di­na­rio. È dav­ve­ro una “mi­ni-me”! E so­no io la pri­ma a tro­var­la una co­sa scon­vol­gen­te.” E da al­lo­ra la pic­co­la è cre­sciu­ta – pa­rec­chio, di­ven­tan­do la splen­di­da ra­gaz­za al­ta 1,73 che co­no­scia­mo og­gi. L’uni­co det­ta­glio che le man­ca, è l’or­mai ce­le­ber­ri­mo neo sul vi­so…

Il suo fi­si­co lon­gi­li­neo, fles­suo­so co­me un giun­co, è dav­ve­ro straor­di­na­rio, giu­di­ca­to al li­mi­te del trop­po ma­gro per alcuni, e sem­pli­ce­men­te ma­gni­fi­co per al­tri.

Og­gi la si ve­de un po’ dap­per­tut­to. Con quel suo look fre­sco e sba­raz­zi­no, le è ba­sta­ta una so­la sta­gio­ne per far gi­ra­re la te­sta al mon­do del­la mo­da, e in un at­ti­mo – e sol­tan­to ven­tu­no sfi­la­te – ec­co­la pas­sa­re da emer­gen­te a mo­del­la in­se­ri­ta fra le “Top 50 Top Mo­del”. Lon­dra, Pa­ri­gi, New York, Mi­la­no (do­ve ha con­di­vi­so la pas­se­rel­la con la mam­ma, per Ver­sa­ce), Ka­ia non si è più fer­ma­ta, ina­nel­lan­do cam­pa­gne per no­mi pre­sti­gio­si co­me Cha­nel, Va­len­ti­no, Fen­di-fi­la, Saint Lau­rent e Dai­sy by Marc Ja­cobs. È ap­par­sa per­si­no in una fo­to per Ome­ga con tut­ta la sua fa­mi­glia.

Sul­la sua pa­gi­na In­sta­gram, ca­pi­ta spes­so di ve­de­re il pa­pà Ran­de, nei pan­ni di un com­pli­ce, co­me pu­re il fra­tel­lo Pre­sley Wal­ker e per­si­no la mam­ma. Tut­to per la gio­ia de­gli ol­tre 3 mi­lio­ni di fol­lo­wer.

“IL MIO STI­LE LOSANGELINO E QUEL­LO PARIGINO DI KARL: È QUE­STA L’ES­SEN­ZA DEL­LA CAP­SU­LE COL­LEC­TION”

➞ Ka­ia Ger­ber avrà an­che ere­di­ta­to il fi­si­co dai ge­ni­to­ri, una del­le ra­ris­si­me cop­pie ce­le­bri an­co­ra fe­li­ce­men­te spo­sa­te do­po 20 an­ni, sen­za nes­su­no scan­da­lo, nes­su­na om­bra all’oriz­zon­te, ma di cer­to ha di­mo­stra­to di es­se­re una ra­gaz­za con i pie­di sal­da­men­te an­co­ra­ti per ter­ra, do­ta­ta di uno straor­di­na­rio equi­li­brio e una grande edu­ca­zio­ne, e con una ma­tu­ri­tà che non ci si aspet­te­reb­be, con­si­de­ran­do la sua gio­va­ne età. Tut­to que­sto ha por­ta­to Ka­ia a col­la­bo­ra­re per la pri­ma vol­ta con Karl La­ger­feld per il lan­cio di una nuo­va li­nea di prêt-à-por­ter e ac­ces­so­ri fir­ma­ti – ap­pun­to – Karl La­ger­feld. In­sie­me han­no da­to vi­ta a una cap­su­le col­lec­tion ca­pa­ce di con­ci­lia­re lo sti­le casual del­la We­st Coa­st di Ka­ia con il gla­mour parigino e sen­za tem­po di La­ger­feld. Pro­va­te a im­ma­gi­na­re del­le pal­me che cre­sco­no in ave­nue Mon­tai­gne, o per­ché no sot­to la Tour Eif­fel. Il ri­sul­ta­to? Una col­le­zio­ne straor­di­na­ria­men­te cool, de­sti­na­ta a di­ven­ta­re un suc­ces­so. Ka­ia è se­re­na e allegra. In ef­fet­ti, di mo­ti­vi per sor­ri­de­re ne ha dav­ve­ro tan­ti. Quan­do e do­ve hai in­con­tra­to Karl La­ger­feld per la pri­ma vol­ta? «L’ho in­con­tra­to per la pri­ma vol­ta a Mi­la­no, a un pro­vi­no per Fen­di. Era il 2017, in set­tem­bre, e io ave­vo 16 an­ni. È una per­so­na che mi ha sem­pre af­fa­sci­na­to e non avrei mai nep­pu­re so­gna­to di po­ter­lo co­no­sce­re di per­so­na. Co­sì quan­do me lo so­no tro­va­to da­van­ti, qua­si non mi sem­bra­va ve­ro».

Chi ha da­to il via al­la vo­stra col­la­bo­ra­zio­ne?

«So­no sta­ta con­tat­ta­ta dal suo staff. Ren­der­mi con­to che cre­de­va a tal pun­to in me da vo­ler la­vo­ra­re in­sie­me è sta­to qua­si uno choc: do­po­tut­to lui è una del­le più gran­di ico­ne del­la mo­da! Ho sem­pre avu­to un’al­ta con­si­de­ra­zio­ne di La­ger­feld, e quan­do mi ha of­fer­to di col­la­bo­ra­re con lui, ho pro­va­to una grande gio­ia».

Com’è na­ta que­sta cap­su­le col­lec­tion per KL?

«Ab­bia­mo ini­zia­to a par­lar­ne un po’ di tem­po fa. Ci sia­mo in­con­tra­ti più vol­te, ab­bia­mo lan­cia­to del­le idee e avan­za­to qual­che pro­po­sta. Il suo team si è di­mo­stra­to mol­to aper­to. È sta­to bel­lis­si­mo. Po­ter se­gui­re l’in­te­ro pro­ces­so, ca­pi­re co­me fun­zio­na­no le co­se in que­sto set­to­re e ve­der usci­re al­la fi­ne que­sta col­le­zio­ne è sta­ta una grande emo­zio­ne per me».

Quan­to tem­po ha ri­chie­sto, l’in­te­ro pro­ces­so?

«Ho vi­sto i boz­zet­ti ini­zia­li a no­vem­bre, e i pro­dot­ti fi­ni­ti so­no usci­ti ad apri­le. Non c’è vo­lu­to mol­to, con mia grande sor­pre­sa. So­no ri­ma­sta stu­pi­ta quan­do ho vi­sto rea­liz­za­te co­sì ve­lo­ce­men­te tut­te le idee che ave­vo lan­cia­to, per­ché fa ef­fet­to con­cre­tiz­za­re quel­lo che fi­no a po­co tem­po pri­ma era sem­pli­ce­men­te un di­se­gno!».

Da che co­sa hai trat­to ispi­ra­zio­ne per que­sta cap­su­le col­lec­tion?

«La col­le­zio­ne in­car­na il te­ma “da Los An­ge­les a Pa­ri­gi”. Vo­le­vo pro­por­re il mio sti­le ca­li­for­nia­no ab­bi­na­to all’ele­gan­te sen­so este­ti­co parigino di Karl. Ab­bia­mo la­vo­ra­to a stret­to con­tat­to per tut­to il pro­ces­so di de­si­gn. La col­le­zio­ne ha un la­to spor­ti­vo e di­ver­ten­te, frut­to del­la mia in­fluen­za, ma pre­sen­ta an­che un aspet­to chic-fran­ce­se, gra­zie a Karl».

Co­me de­scri­ve­re­sti il tuo sti­le per­so­na­le?

«Que­sta cap­su­le ri­flet­te al­la per­fe­zio­ne il mio mo­do di ve­sti­re nel­la vi­ta di tut­ti i gior­ni».

Il nero e il ro­sa so­no i tuoi co­lo­ri pre­fe­ri­ti?

«Il nero è in as­so­lu­to il mio co­lo­re pre­fe­ri­to, e lo è da sem­pre… So­no sem­pre sta­ta un ma­schiac­cio, ma cre­do che una pun­ta di ro­sa non ab­bia mai fat­to ma­le a nes­su­no!».

Sei ap­par­sa nel­la tua pri­ma cam­pa­gna a so­li 10 an­ni e ora, a 17, van­ti una car­rie­ra piut­to­sto lun­ga. Qual è sta­ta la co­sa che ti è pia­ciu­ta di più, fi­no­ra?

«Pro­ba­bil­men­te il book che ho mes­so in­sie­me ne­gli ul­ti­mi an­ni. Tro­vo sia una co­sa bel­lis­si­ma, per­ché mi so­no vi­sta cre­sce­re, so­no di­ven­ta­ta grande co­me cre­do po­che al­tre ra­gaz­ze ab­bia­no po­tu­to fa­re. Mi so­no vi­sta a 10 an­ni, poi a 13 e in­fi­ne ades­so. È straor­di­na­rio po­ter toc­ca­re con ma­no la mia evo­lu­zio­ne».

“NON HO MAI PEN­SA­TO A MIA MA­DRE CO­ME UNA TOP. PER ME È SEM­PRE STA­TA SOLO MAM­MA”

Hai mai avu­to pro­ble­mi nel con­ci­lia­re il la­vo­ro con la tua vi­ta da ado­le­scen­te?

«Si­cu­ra­men­te non è fa­ci­le tro­va­re sem­pre il giu­sto equi­li­brio, ma mi so­no re­sa con­to che ba­sta te­ne­re se­pa­ra­to il la­vo­ro dal­la vi­ta quo­ti­dia­na. Quan­do viag­gio e la­vo­ro, cer­co di con­cen­trar­mi su quel­lo, men­tre quan­do so­no a ca­sa, mi com­por­to co­me una qual­sia­si di­cias­set­ten­ne: in fon­do è que­sta la par­te più bel­la del mio la­vo­ro!».

Rie­sci dav­ve­ro a es­se­re co­me una qual­sia­si di­cias­set­ten­ne?

«Di­rei pro­prio di sì. Per es­se­re una ra­gaz­za qual­sia­si, a vol­te è ne­ces­sa­rio che qual­cu­no te lo ri­cor­di, ma io mi sfor­zo di te­ne­re se­pa­ra­te le mie due vi­te il più pos­si­bi­le».

E qual è sta­ta la co­sa peg­gio­re del tuo la­vo­ro, fi­no a og­gi?

«A di­re la ve­ri­tà non lo so. Cre­do che la co­sa peg­gio­re sia la stan­chez­za, il ri­tro­var­si esau­ste. Mi pia­ce mol­to quel­lo che fac­cio, e per for­tu­na non ho avu­to espe­rien­ze par­ti­co­lar­men­te ne­ga­ti­ve».

Hai qual­cu­no che ti ac­com­pa­gna?

«Di so­li­to sì, an­che se in real­tà è un pic­co­lo mon­do, e fi­ni­sci per la­vo­ra­re sem­pre con le stes­se per­so­ne. E più ci la­vo­ri, più hai la sen­sa­zio­ne di vi­ve­re in una grande fa­mi­glia, per­ché ve­di tut­ti i gior­ni le stes­se fac­ce. È dav­ve­ro una co­mu­ni­tà mol­to uni­ta. In que­sti ul­ti­mi tem­pi, poi, so­no tut­ti mol­to pro­tet­ti­vi, ed è dav­ve­ro bel­lo quan­do ca­pi­sci che tut­ti si sfor­za­no di col­la­bo­ra­re».

Che con­si­glio da­re­sti al­le ado­le­scen­ti che so­gna­no di fa­re le mo­del­le e di en­tra­re nel mon­do del­la mo­da?

«But­ta­te­vi, pro­va­te­ci! Ma fa­te at­ten­zio­ne a ri­flet­te­re sem­pre sul­le co­se. Le op­por­tu­ni­tà si pre­sen­ta­no in con­ti­nua­zio­ne, quin­di se è dav­ve­ro quel­lo che so­gna­te di fa­re, ave­te tut­to il tem­po del mon­do! Non ce­de­te al­la fret­ta, non cer­ca­te di fa­re tut­to e su­bi­to».

Quan­do eri pic­co­la, ti di­ver­ti­vi a ve­sti­re le bam­bo­le o a di­se­gna­re i lo­ro abi­ti?

«Ri­cor­do che per lo più an­da­vo nell’ar­ma­dio di mia ma­dre e mi di­ver­ti­vo a pro­va­re i suoi abi­ti, an­che se era­no trop­po gran­di per me. Vuoi met­te­re la gio­ia di gi­ra­re per ca­sa con le scar­pe col tac­co al­to? E poi mi pia­ce­va se­der­mi ac­can­to a mia ma­dre, per guar­dar­la men­tre si pre­pa­ra­va. Di­cia­mo che mi ha in­se­gna­to lei ad ap­prez­za­re la mo­da».

Ti pia­ce­reb­be di­ven­ta­re una sti­li­sta?

«In que­sto mo­men­to, so­no con­ten­ta di quel­lo che so­no. Ma se un gior­no do­ves­si di­ven­ta­re una sti­li­sta, po­trò sem­pre di­re di aver imparato dal mi­glio­re di tut­ti! Ave­re Karl La­ger­feld co­me gui­da è sta­ta un’espe­rien­za me­ra­vi­glio­sa, che non mi sa­rei mai aspet­ta­ta».

Hai fi­ni­to gli stu­di?

«No, non an­co­ra, mi man­ca un an­no. È una del­le mie prio­ri­tà, e per que­sto ho do­vu­to im­pa­ra­re a tro­va­re il giu­sto equi­li­brio fra scuo­la e la­vo­ro».

È fa­ci­le op­pu­re no es­se­re la fi­glia di Cindy Crawford?

Io ado­ro mia ma­dre, che è an­che la mia mi­glio­re ami­ca. Per me non è mai sta­ta Cindy Crawford, ma sem­pli­ce­men­te “la mam­ma”. E tro­vo che sia sta­ta bra­vis­si­ma nel se­pa­ra­re il suo la­vo­ro dal­la vi­ta pri­va­ta. Non ho mai pen­sa­to a lei co­me a qual­cu­no che non fos­se sem­pli­ce­men­te mia ma­dre. Ma è paz­ze­sco ren­der­si con­to di quan­to è pic­co­lo il mon­do e di co­me in fon­do sia tut­to col­le­ga­to. Ba­sta pen­sa­re a quan­do ho in­con­tra­to Karl, che an­ni fa ave­va la­vo­ra­to con mia mam­ma… non è straor­di­na­rio?».

Ti è sta­to uti­le co­no­sce­re già il mon­do del­la mo­da?

«Ci so­no tan­te co­se che de­vi co­mun­que im­pa­ra­re da so­la. La mo­da non mi era to­tal­men­te estra­nea, e que­sto mi ha da­to un sen­so di si­cu­rez­za, so­prat­tut­to all’ini­zio. Mi ha aiu­ta­to a ri­ma­ne­re con i pie­di per ter­ra».

Karl La­ger­feld con Ka­ia Ger­ber. La sua cap­su­le col­lec­tion è in ven­di­ta dal 13 set­tem­bre.

Ka­ia in giac­ca crop­ped e pan­ta­lo­ni.

Ka­ia Ger­ber con un blou­son del­la sua col­le­zio­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.