Chie­di­lo a E. Jean

AMORE, AM­BI­ZIO­NE, SUC­CES­SO. MA AN­CHE TUT­TO IL RE­STO E DI PIÙ. LA CE­LE­BRE GIOR­NA­LI­STA, COLUMNIST DI ELLE USA, RI­SPON­DE AL­LE LET­TRI­CI

ELLE (Italy) - - ChiedIlo A E. Jean -

TRE RA­GAZ­ZE PER ME POSSON BASTARE...

CA­RA E. JEAN, so­no un uo­mo in­na­mo­ra­to di tre don­ne. La pri­ma è la mia ex mo­glie nu­me­ro due. Con lei il ses­so era fan­ta­sti­co e ci di­ver­ti­va­mo un sac­co, pec­ca­to solo che li­ti­gas­si­mo in con­ti­nua­zio­ne di tut­to e di nien­te. Ora vi­ve con un ti­po, ma re­cen­te­men­te mi ha con­fes­sa­to di non es­se­re fe­li­ce, e di ave­re an­co­ra in te­sta me, pro­po­nen­do­mi di “ri­pro­var­ci”. So­no mol­to ten­ta­to, an­che per­ché è la donna più bel­la che mi sia mai ca­pi­ta­to di in­con­tra­re.

La mia at­tua­le ra­gaz­za sa es­se­re un’au­ten­ti­ca rom­pi­sca­to­le, ma a let­to fac­cia­mo scin­til­le e so­no si­cu­ro che po­trem­mo ad­di­rit­tu­ra mi­glio­ra­re. Non ab­bia­mo mol­te co­se in co­mu­ne ma con lei sto be­ne.

E poi c’è la mia ex ra­gaz­za, il rap­por­to più in­ten­so che ab­bia mai avu­to nel­la mia vi­ta. È in­tel­li­gen­te, bril­lan­te, col­ta e straor­di­na­ria, ma con lei il ses­so non è mai sta­to nien­te di che. E poi è ca­ri­na, sen­za es­se­re uno schian­to. E an­che lei vor­reb­be tor­na­re con me. So che do­vrei con­cen­trar­mi sul­la mia at­tua­le ra­gaz­za, ed è quel­lo che cer­co di fa­re, sfor­zan­do­mi di es­se­re fe­de­le e af­fet­tuo­so, ma mi man­ca ter­ri­bil­men­te la mia ex mo­glie. Sia­mo mol­to si­mi­li, con­di­vi­dia­mo tan­te co­se, ab­bia­mo avu­to due splen­di­di fi­gli… A peg­gio­ra­re tut­to, non rie­sco a to­glier­mi di te­sta l’ex fi­dan­za­ta. Cre­do di es­se­re in­na­mo­ra­to co­me un ado­le­scen­te. E ora che avrei la pos­si­bi­li­tà di tor­nar­ci in­sie­me, sa­rei ten­ta­to di mol­la­re tut­to e scap­pa­re in ca­po al mon­do con lei. Poi sal­ta fuo­ri la mia ex mo­glie, con la sua con­tur­ban­te bel­lez­za… In­som­ma, è dav­ve­ro dif­fi­ci­le. P.S. Lo so che ti met­te­rai a ri­de­re, ma tro­vo mol­to in­te­res­san­te an­che te, ca­ra la mia E. Jean… e mi pia­ce­reb­be un sac­co in­vi­tar­ti a ce­na! Uo­mo­con­fu­so Uo­mo­con­fu­so (e pu­re fur­bet­to), quan­do sta­rà per ar­ri­va­re la tua ora, so­no tre le co­se che rim­pian­ge­rai: di non aver avu­to tut­te le don­ne che avre­sti po­tu­to ave­re; di non aver vis­su­to con suf­fi­cien­te au­da­cia; di aver avu­to la sfor­tu­na di usci­re con me. I miei com­pli­men­ti, gio­va­not­to. Il tuo pre­mio? For­se la rom­pi­sca­to­le? No. L’ex fi­dan­za­ta dal ses­so me­dio­cre? Nep­pu­re. L’ex mo­glie nu­me­ro 2 non­ché ma­dre dei tuoi fi­gli? Ma cer­to. Ses­so sfre­na­to? Sì! Un sac­co di di­ver­ti­men­to? Sì! Per te è la donna più bel­la del mon­do? Sì!

PRIN­CI­PE AZ­ZUR­RO? NO, GRA­ZIE

CA­RA E. JEAN, so­no una 29en­ne ete­ro e vi­vo in una grande cit­tà. So­no sta­ta piut­to­sto for­tu­na­ta e so­no riu­sci­ta a rea­liz­zar­mi nel la­vo­ro, ri­scuo­ten­do un grande suc­ces­so, an­che eco­no­mi­co. Mi so­no com­pra­ta una ca­sa, ho tan­ti ami­ci e una splen­di­da vi­ta so­cia­le, ma più pas­sa il tem­po, più mi con­vin­co di ave­re sem­pre me­no vo­glia di tro­va­re il Prin­ci­pe Az­zur­ro, per non par­la­re di ma­tri­mo­nio e fi­gli... So­no fe­li­ce di vi­ve­re da so­la, di dor­mi­re da so­la e di sve­gliar­mi da so­la. Mi sto for­se ro­vi­nan­do il fu­tu­ro? Amo la mia vi­ta. Mia ca­ra in­na­mo­ra­ta del­la vi­ta, tu sei già spo­sa­ta! Non con un uo­mo, sei spo­sa­ta con la vi­ta, con la li­ber­tà e con la con­sa­pe­vo­lez­za che po­trai sem­pre cam­bia­re idea. E a 50 an­ni po­trai sem­pre “adot­ta­re” un gio­va­ne ma­ri­to.

E. JEAN CARROLL gior­na­li­sta, la sua ru­bri­ca su Elle Usa è se­gui­tis­si­ma

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.