Per­ché la pri­ma in­sa­po­na­ta non fa mai mol­ta schiu­ma?

Focus D&R - - Scienza -

È tut­ta “col­pa” dei sa­li pre­sen­ti sul­la pel­le e sui ca­pel­li, do­vu­ti al su­do­re, al se­bo, al­le pol­ve­ri, che ade­ri­sco­no all’epi­der­mi­de, non so­no so­lu­bi­li in ac­qua e dun­que per es­se­re ri­mos­si ne­ces­si­ta­no di pro­dot­ti de­ter­gen­ti. Con il pri­mo la­vag­gio, pe­rò, la schiu­ma pro­dot­ta è po­ca per­ché i ten­sioat­ti­vi in­glo­ba­no più sa­li e so­stan­ze gras­se (e dun­que lo spor­co) ri­spet­to al­la com­po­nen­te di aria del­la schiu­ma. So­lo ad un se­con­do la­vag­gio rie­sco­no ad au­men­ta­re la quan­ti­tà di bol­le, per­ché as­sor­bo­no più aria e ri­du­co­no chi­mi­ca­men­te la pres­sio­ne che l’ac­qua, pre­sen­te nel­la schiu­ma, eser­ci­ta sull’aria. Pro­prio l’azio­ne “im­per­mea­bi­liz­zan­te” dei sa­li, di cui è ric­ca l’ac­qua di ma­re, è la re­spon­sa­bi­le del­la pres­so­ché to­ta­le as­sen­za di schiu­ma quan­do ci si la­va con ac­qua sa­la­ta: i sa­li di cal­cio, in­fat­ti, si de­po­si­ta­no sul­la pel­le in quan­ti­tà mag­gio­re, crean­do una bar­rie­ra che osta­co­la l’azio­ne dei ten­sioat­ti­vi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.