È pos­si­bi­le crea­re un se­rial kil­ler in la­bo­ra­to­rio?

Focus D&R - - Scienza -

Sì, nel sen­so che un er­ro­re di la­bo­ra­to­rio può da­re ini­zio al­la cac­cia a un ine­si­sten­te se­rial kil­ler. È suc­ces­so con il co­sid­det­to “fan­ta­sma di Heil­bronn” (co­no­sciu­to an­che co­me “la don­na sen­za vol­to”), “crea­to” do­po l’as­sas­si­nio di un uf­fi­cia­le di po­li­zia a Heil­bronn, in Ger­ma­nia, nel 2007. Ria­na­liz­zan­do i re­per­ti tro­va­ti sul­la sce­na di que­sto e di nu­me­ro­si al­tri cri­mi­ni (tra i qua­li sei omi­ci­di), com­mes­si tra il 1993 e il 2007 prin­ci­pal­men­te in Ger­ma­nia, ma an­che in Fran­cia e in Au­stria, si sco­prì che tut­ti pre­sen­ta­va­no trac­ce del­lo stes­so Dna, di una don­na con una se­quen­za ge­ne­ti­ca mol­to co­mu­ne nell’eu­ro­pa orientale. Nel 2009 si ar­ri­vò ad at­tri­buir­le al­me­no 40 di­ver­si cri­mi­ni e ven­ne po­sta sul­la sua te­sta una ta­glia di 300.000 eu­ro. Nel mar­zo del 2009, pe­rò, un in­ve­sti­ga­to­re tro­vò lo stes­so pro­fi­lo ge­ne­ti­co sul cor­po car­bo­niz­za­to di un ri­chie­den­te asi­lo in Fran­cia, sta­vol­ta ma­schio, e co­min­ciò a so­spet­ta­re che il “fan­ta­sma” fos­se un er­ro­re di la­bo­ra­to­rio. Ana­li­si più ap­pro­fon­di­te con­sen­ti­ro­no di sco­pri­re che in real­tà tut­ti i tam­po­ni uti­liz­za­ti pro­ve­ni­va­no da una stes­sa fab­bri­ca che im­pie­ga­va mol­te ope­ra­ie dell’est e che era­no sta­ti con­ta­mi­na­ti pri­ma di es­se­re spe­di­ti ai la­bo­ra­to­ri.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.