La pe­sca si fa so­ste­ni­bi­le

Focus (Italy) - - Osservatorio -

Svi­lup­po e ri­spet­to per l’am­bien­te pos­so­no coe­si­ste­re, e con van­tag­gi per tut­ti. Co­me? Per esem­pio gra­zie a una pe­sca so­ste­ni­bi­le, che non dan­neg­gi gli eco­si­ste­mi ma­ri­ni, con­sen­ten­do ai pe­sci di ri­pro­dur­si e svi­lup­par­si fi­no ad aver rag­giun­to la ma­tu­ri­tà. Con il ri­sul­ta­to di da­re an­che più va­lo­re di mer­ca­to ai pro­dot­ti. Lo di­mo­stra una ri­cer­ca svol­ta dal Nor­way Sea­food Coun­cil (che di­pen­de dal mi­ni­ste­ro del Com­mer­cio, del­le In­du­strie e del­la Pe­sca nor­ve­ge­se) per far au­men­ta­re il con­su­mo di pro­dot­ti it­ti­ci nor­ve­ge­si nel mon­do. GA­RAN­TI­TO. La ri­cer­ca si ba­sa sul fat­to che, tra gli ac­qui­ren­ti, i più esi­gen­ti so­no i “millennials”, cioè i na­ti do­po il 2000, che vo­glio­no sa­pe­re da do­ve ar­ri­va e co­me vie­ne pro­dot­to il ci­bo che man­gia­no. Lo com­pra­no so­lo se ri- spet­ta l’am­bien­te, e in tal ca­so so­no di­spo­sti a pa­gar­lo di più. Co­me nel ca­so del sal­mo­ne nor­ve­ge­se ap­pun­to. Per que­sto il Nor­way Sea­food Coun­cil por­ta avan­ti da tem­po un pia­no che pre­ve­de quo­te di pe­sca mol­to ri­gi­de di­vi­se tra le di­ver­se com­pa­gnie it­ti­che, per per­met­te­re al pe­sce di ri­pro­dur­si, an­che per­ché que­sta ri­sor­sa è eco­no­mi­ca­men­te mol­to im­por­tan­te per il Pae­se. La quan­ti­tà di pe­sce, in­fat­ti, cambia da un an­no all’al­tro, an­che per ra­gio­ni am­bien­ta­li co­me la pre­sen­za di pre­da­to­ri, le ma­lat­tie e i mu­ta­men­ti nei pe­rio­di di ri­pro­du­zio­ne del­le spe­cie. Uno dei pia­ni di ge­stio­ne a lun­go ter­mi­ne ri­guar­da in par­ti­co­la­re la spe­cie eco­no­mi­ca­men­te più im­por­tan­te, cioè il mer­luz­zo, che vie­ne espor­ta­to in tut­to il mon­do e per il qua­le l’Ita­lia è uno dei mag­gio­ri mer­ca­ti. S.B.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.