DE LA MOTTE

Focus Storia Wars - - Primo Piano -

In uno dei più fa­mo­si film sulla guer­ra del Viet­nam, il sur­rea­le e dram­ma­ti­co Apo­ca­lip­se now, la tra­ma ruo­ta in­tor­no al­la fi­gu­ra del co­lon­nel­lo Kur­tz (so­pra, come ap­par­ve nel­la co­ver di Ti­me), l’uf­fi­cia­le ame­ri­ca­no che si ri­fu­gia in un’area re­mo­ta al­la te­sta di un eser­ci­to pri­va­to do­po es­ser­si ri­bel­la­to ai suoi su­pe­rio­ri. Si trat­ta di un per­so­nag­gio di fan­ta­sia, ma nel­la guer­ra com­bat­tu­ta dai fran­ce­si in In­do­ci­na, il con­flit­to che nel sud-est asia­ti­co pre­ce­det­te quel­lo che poi coin­vol­se gli Sta­ti Uni­ti, l’eser­ci­to fran­ce­se ave­va già avuto il suo “co­lon­nel­lo Kur­tz”. Si trat­ta­va del te­nen­te Do­mi­ni­que de La Motte, usci­to dall’ac­ca­de­mia mi­li­ta­re di Saint Cyr. Un feu­do nel­la giun­gla. Il gio­va­ne uf­fi­cia­le vie­ne in­via­to in In­do­ci­na, do­ve già in­fu­ria la ri­bel­lio­ne dei Viet­mi­nh con­tro il do­mi­nio co­lo­nia­le fran­ce­se. Giun­to in zo­na di ope­ra­zio­ni, de La Motte ri­ce­ve l’in­ca­ri­co di di­fen­de­re una pian­ta­gio­ne di al­be­ri del­la gom­ma vicino al con­fi­ne me­ri­dio­na­le con la Cam­bo­gia. Si ri­tro­va così al co­man­do di un re­par­to di cir­ca 130 mi­li­zia­ni ar­ruo­la­ti lo­cal­men­te, un va­rie­ga­to grup­po che com­pren­de viet­na­mi­ti, ci­ne­si e cam­bo­gia­ni. Vi­sto che la zo­na sot­to la sua re­spon­sa­bi­li­tà è re­mo­ta e iso­la­ta, l’uf­fi­cia­le di­ven­ta una spe­cie di si­gno­rot­to di quei luo­ghi, e ne ge­sti­sce sia la si­cu­rez­za che gli aspet­ti am­mi­ni­stra­ti­vi e so­cia­li. Ma il te­nen­te de­ve so­prat­tut­to di­fen­de­re il suo pic­co­lo “re­gno” dai ri­bel­li Viet­mi­nh. Li tie­ne a ba­da con­tra­stan­do­li ef­fi­ca­ce­men­te con un sa­pien­te uso di tat­ti­che di con­tro­guer­ri­glia. Il ve­ro e pro­prio feu­do di de La Motte du­ra dal febbraio 1951 al giu­gno 1952, ma con­tra­ria­men­te al suo omo­lo­go del­la fin­zio­ne ci­ne­ma­to­gra­fi­ca, egli non si ri­bel­la mai al­le au­to­ri­tà fran­ce­si. Do­po lo sfor­tu­na­to epi­lo­go del­la guer­ra d’in­do­ci­na, de La Motte com­bat­te an­co­ra in Al­ge­ria e pro­se­gue poi la sua car­rie­ra mi­li­ta­re, che si svol­ge bril­lan­te­men­te por­tan­do­lo a ri­ve­sti­re il gra­do di ge­ne­ra­le di cor­po d’armata.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.