Nell’antica Bo­li­via dei Ti­wa­na­ku

Focus Storia - - Novitá Escoperte - AME­RI­CA PRECOLOMBIANA

Du­ran­te

lo stu­dio tec­ni­co per con­ser­va­re la pi­ra­mi­de di Aka­pa­na e il tem­pio pre­co­lom­bia­no di Ti­wa­na­ku – ca­pi­ta­le del­la ci­vil­tà svi­lup­pa­ta­si tra il II se­co­lo a.c. e L’VIII se­co­lo d.c. nell’odier­na Bo­li­via – gli ar­cheo­lo­gi­ci han­no sco­per­to che la strut­tu­ra del tem­pio è mol­to più gran­de di quel­la che si pen­sa­va fi­no a og­gi. Nel si­to di Pu­ma Pun­ku, par­te del più am­pio com­ples­so mo­nu­men­ta­le di Ti­wa­na­ku, so­no emer­se gra­zie alle im­ma­gi­ni scat­ta­te da un dro­ne spe­cia­le due enor­mi piat­ta­for­me in­ter­ra­te che cir­con­da­va­no la pi­ra­mi­de. Si trat­ta­va pro­ba­bil­men­te di due ba­ci­ni che rac­co­glie­va­no l’ac­qua, for­se per far sem­bra­re la strut­tu­ra im­mer­sa. Bru­li­can­te. Dai ri­le­va­men­ti ef­fet­tua­ti so­no ap­par­si an­che i re­sti del­le fon­da­men­ta di un cen­ti­na­io di pic­co­le uni­tà abi­ta­ti­ve a for­ma cir­co­la­re e ret­tan­go­la­re spar­se at­tor­no al tem­pio (sot­to), una se­rie di stra­di­ne e ca­na­li che col­le­ga­va­no ogni pun­to dell’antico cen­tro bo­li­via­no. Se­con­do le sti­me de­gli ar­cheo­lo­gi la cit­tà, si­tua­ta a qua­si 4mi­la me­tri so­pra il li­vel­lo del ma­re, si esten­de­va per ol­tre 4 km2 e po­te­va ospi­ta­re cir­ca 115mi­la abi­tan­ti. (m. n.)

Rin­chiu­se­ro Maddalena nel­la cel­la più buia del car­ce­re di Bor­mio e, per pau­ra che lan­cias­se qual­che ma­le­fi­cio, la ten­ne­ro im­ba­va­glia­ta per gior­ni. Il 7 no­vem­bre la por­ta­ro­no da­van­ti al Con­si­glio, do­ve la don­na pro­vò a di­fen­der­si di­cen­do che non era una strega e che di fat­tu­re e di sor­ti­le­gi non ne sa­pe­va nul­la. Ma cer­to il fat­to di ave­re due so­rel­le già fi­ni­te sul ro­go con le stes­se ac­cu­se non l’aiu­tò. Il po­de­stà cal­co­lò le sue mos­se con at­ten­zio­ne: non chia­mò il cu­ra­to a te­sti­mo­nia­re per­ché sa­pe­va che avreb­be po­tu­to par­la­re be­ne del­la sua ser­va e pre­fe­rì con­vo­ca­re An­na Sac­chet­ti, ma­dre del­la bim­ba che si di­ce­va fos­se rin­cre­ti­ni­ta do­po una not­te di sab­ba. Sa­pien­te­men­te poi sep­pe sfrut­ta­re an­che le pa­ro­le di un’al­tra re­clu­sa: Gia­co­mi­na, strega “pro­fes­sio­ni­sta” in at­te­sa di sen­ten­za, che di­chia­rò sen­za in­cer­tez­ze che co­no­sce­va be­ne la Pe­tru­gna e che l’ave­va in­con­tra­ta spes­so du­ran­te gli in­con­tri ri­ser­va­ti alle aman­ti del de­mo­nio. Ma c’era bi­so­gno di un se­gno tan­gi­bi­le e per tro­var­lo ven­ne in­ca­ri­ca­to un bar­bie­re ce­ru­si­co. Se­gni del dia­vo­lo. L’uo­mo ra­se a ze­ro i ca­pel­li di Maddalena e poi, esplo­ran­do­ne il cor­po, tro­vò due pic­co­le ci­sti. Poi­ché la Pe­tru­gna non eb­be nes­su­na rea­zio­ne quan­do le ci­sti fu­ro­no pun­zec­chia­te, que­ste fu­ro­no con­si­de­ra­te mar­chi di Sa­ta­na. La ruo­ta, il ca­val­let­to, le te­na­glie e va­rie tor­tu­re le strap­pa­ro­no poi mez­ze am­mis­sio­ni che non eb­be più la for­za di ne­ga­re. Co­sì, tra le ur­la di giu­bi­lo del po­po­lo e le cam­pa­ne a fe­sta, Maddalena ven­ne de­ca­pi­ta­ta e il suo cor­po fu bru­cia­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.