LUPO O CANE?

Gli ibri­di, in­cro­ci tra ca­ni e lu­pi, so­no una mi­nac­cia per i lu­pi “ve­ri”: ec­co chi sta stu­dian­do que­sto fe­no­me­no, co­sa ha sco­per­to e co­me li aiu­ta.

Focus Wild - - DOSSIER - di Piero Papa

Il cane e il lupo ap­par­ten­go­no al­la stes­sa spe­cie, Ca­nis lu­pus, e in al­cu­ni ca­si pos­so­no ac­cop­piar­si, dan­do vi­ta a ibri­di di lupo. Que­sti ul­ti­mi, se si ri­pro­du­co­no a lo­ro vol­ta, por­ta­no al­la per­di­ta delle ca­rat­te­ri­sti­che ge­ne­ti­che dei di­scen­den­ti del bran­co, met­ten­do quin­di a ri­schio la pu­rez­za ge­ne­ti­ca dei lu­pi. Il pro­get­to eu­ro­peo MIR­CO stu­dia que­sto fe­no­me­no in due par­chi na­zio­na­li ita­lia­ni e cer­ca di ri­sol­ver­lo: sia­mo an­da­ti a ve­de­re co­me.

IL PRI­MO AMICO DELL’UO­MO

Si pen­sa che i pri­mi ca­ni­di a fa­mi­lia­riz­za­re con l’uo­mo sia­no sta­ti lu­pi me­no abi­li al­la cac­cia, o esem­pla­ri che han­no tro­va­to più co­mo­do nu­trir­si de­gli scar­ti ali­men­ta­ri de­gli uo­mi­ni, co­min­cian­do co­sì a di­fen­de­re la lo­ro fon­te di ci­bo da­gli al­tri lu­pi e dai pre­da­to­ri. Que­sto com­por­ta­men­to è sta­to sfrut­ta­to dal­le pri­mi­ti­ve so­cie­tà uma­ne, che han­no co­sì ini­zia­to ad ad­de­stra­re al­la guar­dia e al­la di­fe­sa i pri­mi cuc­cio­li di lupo. Que­sta se­le­zio­ne, ini­zia­ta cir­ca 35 mi­la an­ni fa, ha por­ta­to al­la crea­zio­ne di mol­te delle raz­ze ca­ni­ne che og­gi co­no­scia­mo.

IL RITORNO DEL LUPO

Nel 1970 i lu­pi in Ita­lia, ster­mi­na­ti con ogni mez­zo, era­no ri­ma­sti po­co più di un cen­ti­na­io, na­sco­sti ne­gli an­go­li più im­per­vi dell’Ap­pen­ni­no cen­tro-me­ri­dio­na­le. Gra­zie al­la suc­ces­si­va tu­te­la le­ga­le, il nu­me­ro è au­men­ta­to e i lu­pi han­no co­lo­niz­za­to in bre­ve nuo­vi ter­ri­to­ri. Il lo­ro ritorno è sta­to fa­ci­li­ta­to an­che dall’ab­ban­do­no delle at­ti­vi­tà uma­ne nel­le aree mon­ta­ne che ha por­ta­to a un au­men­to dei bo­schi e quin­di del­la fau­na sel­va­ti­ca di cui si nu­tro­no. In po­chi de­cen­ni i lu­pi han­no per­cor­so tut­to l’Ap­pen­ni­no e par­te delle Al­pi e so­no tor­na­ti a vi­ve­re in luo­ghi in cui man­ca­va­no da più di un se­co­lo. Og­gi in Ita­lia vi­ve una po­po­la­zio­ne di 1.000-2.000 lu­pi.

CU­GI­NI MA NON TROP­PO

Il cane e il lupo en­tra­no spes­so in con­tat­to, in par­ti­co­la­re do­ve so­no dif­fu­si l’al­le­va­men­to e la pa­sto­ri­zia; in que­sti ca­si si con­trap­pon­go­no le ca­pa­ci­tà pre­da­to­rie del lupo a quel­le di di­fe­sa del cane, il pa­sto­re ma­rem­ma­no abruz­ze­se. Gli esem­pla­ri di que­sta an­ti­ca raz­za han­no il man­to bian­co per non es­se­re “sco­per­ti” quan­do si tro­va­no in mez­zo a un grup­po di pe­co­re. I pa­sto­ri fan­no cre­sce­re i cuc­cio­li all’in­ter­no del greg­ge, co­sì da svi­lup­pa­re il lo­ro istin­to pro­tet­ti­vo nei con­fron­ti delle pe­co­re che poi il cane pro­teg­ge­rà co­me fos­se il suo bran­co. Gra­zie al­la mo­le e al for­te istin­to pro­tet­ti­vo del pa­sto­re ma­rem­ma­no abruz­ze­se, dif­fi­cil­men­te il lupo ri­schia uno scon­tro di­ret­to: se vie­ne sco­per­to, pre­fe­ri­sce fug­gi­re ve­lo­ce.

Si è sco­per­to che spes­so so­no i ca­ni da pa­sto­re i pa­pà de­gli ibri­di. TRO­VA LE DIFFERENZE Que­sto esem­pla­re, ri­trat­to nel Gran Sas­so, è un ibri­do: con­fron­ta­to coi lu­pi di pag. 39, si no­ta, per esem­pio, il di­ver­so co­lo­re del man­tel­lo e de­gli occhi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.