Cor­so di fo­to­gra­fia

GUIDO BISSATTINI Fo­to­gra­fo, do­cu­men­ta­ri­sta, gior­na­li­sta, col­la­bo­ra con le più im­por­tan­ti ri­vi­ste na­tu­ra­li­sti­che e di viag­gi. Or­ga­niz­za work­shop e viag­gi fo­to­gra­fi­ci in gi­ro per il mon­do: dal­le sa­va­ne afri­ca­ne ai par­chi na­zio­na­li.

Focus Wild - - SUMMARIO -

7a le­zio­ne Ec­co il rac­con­to di co­me è sta­ta rea­liz­za­ta la foto a de­stra e i “truc­chi” per riuscire a scat­tar­ne una si­mi­le.

È una se­ra d’esta­te nel Del­ta del Da­nu­bio, il cie­lo è ter­so, ci so­no tut­te le pre­mes­se per un tra­mon­to spet­ta­co­la­re, tra po­co il so­le scom­pa­ri­rà tuf­fan­do­si nell’oriz­zon­te in una pal­la di fuo­co, bi­so­gna far­si tro­va­re pron­ti.

Il tra­mon­to in­fat­ti, co­sì co­me l’al­ba, re­ga­la spes­so ai fo­to­gra­fi la lu­ce più sug­ge­sti­va del­la gior­na­ta,

ma è fa­ci­le ca­de­re nel­la ba­na­li­tà se non si tro­va una si­tua­zio­ne par­ti­co­la­re, e so­prat­tut­to uno o più sog­get­ti con cui ar­ric­chi­re la sce­na, trop­po scar­na se ci si li­mi­tas­se al­la pal­la del so­le che ca­la all’oriz­zon­te. In bre­ve, nel­le mie in­ten­zio­ni il so­le non do­ve­va es­se­re il pro­ta­go­ni­sta, ma il de­gno con­tor­no d’at­mo­sfe­ra di una sce­na d’in­te­res­se na­tu­ra­li­sti­co. Co­sì ho in­di­vi­dua­to que­sto ci­gno che, sta­glian­do­si in pie­no con­tro­lu­ce tra i can­ne­ti, avreb­be fo­ca­liz­za­to l’at­ten­zio­ne su di sé pri­ma an­co­ra che sul re­sto, in mo­do sem­pli­ce­men­te per­fet­to. Per se­gui­re una re­go­la com­po­si­ti­va di ba­se (la co­sid­det­ta “re­go­la dei ter­zi”), oc­cor­re­va inol­tre che i due pun­ti di for­za prin­ci­pa­li, ov­ve­ro il ci­gno e il so­le, non fos­se­ro al cen­tro del fo­to­gram­ma. Co­sì ho de­ci­so di per­cor­re­re l’ar­gi­ne che cor­re­va pa­ral­le­lo al­la sce­na, in mo­do da rag­giun­ge­re un pun­to in cui si po­tes­se ave­re un sog­get­to de­cen­tra­to sul­la si­ni­stra e l’al­tro sul­la de­stra, met­ten­do a fuo­co sul ci­gno, pro­ta­go­ni­sta prin­ci­pa­le, ma chiu­den­do al con­tem­po il dia­fram­ma di quel tan­to che ba­sta­va per far per­ce­pi­re il con­te­sto, né tut­to a fuo­co, né trop­po sfo­ca­to sul­lo sfon­do. Il ri­sul­ta­to è un’im­ma­gi­ne equi­li­bra­ta, l’ef­fet­to ti­pi­co del te­leo­biet­ti­vo ha con­sen­ti­to di com­pri­me­re i pia­ni

e di far sì che la pal­la del so­le non sia un pun­ti­no nel cie­lo ma ab­bia una di­men­sio­ne ade­gua­ta. Oc­chio al­la si­cu­rez­za Fo­to­gra­fa­re col so­le che pas­sa at­tra­ver­so le len­ti nell’obiet­ti­vo ri­chie­de qual­che ac­cor­gi­men­to non so­lo di ti­po fo­to­gra­fi­co, ma an­che per la si­cu­rez­za. Cer­ca­te di sta­re il tem­po mi­ni­mo ne­ces­sa­rio con l’oc­chio nel mi­ri­no, te­nen­do­lo un po’ soc­chiu­so, per evi­ta­re dan­ni an­che gra­vi al­la vi­sta. Al­lo stes­so mo­do, evi­ta­te lun­ghe espo­si­zio­ni che po­treb­be­ro dan­neg­gia­re il sen­so­re del­la fo­to­ca­me­ra.

2 Ef­fet­to “si­lhouet­te” L’ef­fet­to “si­lhouet­te” è ti­pi­co delle foto scat­ta­te in con­tro­lu­ce. Quan­do si fo­to­gra­fa con­tro il so­le, l’espo­si­me­tro del­la mac­chi­na fo­to­gra­fi­ca “ve­de” tan­ta lu­ce, e fa chiu­de­re di con­se­guen­za il dia­fram­ma (o fa scat­ta­re l’ot­tu­ra­to­re con un tem­po bre­vis­si­mo). Il ri­sul­ta­to è che tut­ti gli og­get­ti che si sta­glia­no con­tro la lu­ce di­ven­ta­no delle om­bre ne­re. Se si co­no­sce que­sta si­tua­zio­ne, che di per sé po­treb­be es­se­re ne­ga­ti­va, si può gi­rar­la a pro­prio fa­vo­re per scat­ta­re foto d’ef­fet­to. Co­sì si ar­ric­chi­sce la sce­na Nel­la fo­to­gra­fia di pae­sag­gio è im­por­tan­te cu­ra­re l’in­qua­dra­tu­ra e tro­va­re uno o più sog­get­ti (pun­ti di for­za) su cui l’oc­chio si pos­sa po­sa­re, an­zi­ché va­ga­re nel pa­no­ra­ma in cer­ca di qual­co­sa. È mol­to im­por­tan­te ave­re un sog­get­to in pri­mo pia­no che dia tri­di­men­sio­na­li­tà al­la sce­na. In que­sto ca­so, ab­bia­mo ad­di­rit­tu­ra tre pia­ni dif­fe­ren­ti: il ci­gno e gli ste­li del can­ne­to per­fet­ta­men­te a fuo­co da­van­ti, al­tri uc­cel­li ac­qua­ti­ci in se­con­do pia­no, sfo­ca­ti ma non al pun­to da non com­pren­de­re co­sa so­no, e il so­le che si co­ri­ca die­tro agli al­be­ri sul­lo sfon­do.

Il so­le al tra­mon­to non è suf­fi­cien­te per ot­te­ne­re una bel­la foto: in que­sto ca­so il ci­gno in pri­mo pia­no ren­de lo scat­to per­fet­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.