EC­CEL­LEN­ZE AL­LA LU­CE DEL SO­LE

Un par­co del­la scul­tu­ra e una se­ra­ta-even­to per ce­le­bra­re l'ar­te, l'in­no­va­zio­ne e il pia­ce­re

FORTE Magazine - - ARTE -

Uno spa­zio aper­to. E non so­lo in sen­so fi­si­co, pre­zio­so in sé per quel­la straor­di­na­ria vi­sta pa­no­ra­mi­ca che of­fre sull'Al­tis­si­mo, la mon­ta­gna in­can­ta­ta di Mi­che­lan­ge­lo. Open One è un luo­go aper­to ad ogni sug­ge­stio­ne di bel­lez­za, un cro­ce­via di ma­te­ria­li, espe­rien­ze, sen­si­bi­li­tà, ca­so for­se uni­co di com­piu­ta sin­te­si fra in­du­stria, ar­te e ar­ti­gia­na­to. Un pri­sma a mol­te fac­ce che nel cor­so dell'esta­te of­fre più spun­ti di vi­si­ta e di scoperta. A co­min­cia­re dall'even­to che il 22 lu­glio riu­ni­sce nel par­co al­cu­ne del­le ec­cel­lez­ze (d'ar­te e non so­lo) le­ga­te a que­sta ori­gi­na­le real­tà. E pro­se­guen­do con la mo­stra “Ope­nO­neS­culp­tu­re” dal 13 al 21 ago­sto in lun­go­ma­re Eu­ro­pa 41 a Li­do di Ca­ma­io­re. Open One è un par­co espo­si­ti­vo all'aper­to per gran­di ope­re mo­der­ne e con­tem­po­ra­nee de­sti­na­te a con­te­sti ar­chi­tet­to­ni­ci di pre­gio. Ma è an­che gal­le­ria tra­di­zio­na­le, con spa­zi in­ter­ni che of­fro­no oc­ca­sio­ni d'in­con­tro fra ar­te e col­le­zio­ni­smo pri­va­to. Ac­co­glie in per­ma­nen­za scul­tu­re di nu­me­ro­si ar­ti­sti (tra i qua­li Kue­ta­ni, Ciul­la, Ta­ra­bel­la, Maggi, Pe­ra, Be­ne­det­to, Bi­gi, Bar­to­loz­zi) e si può vi­si­ta­re li­be­ra­men­te in ogni pe­rio­do dell'an­no. La se­ra­ta del 22 lu­glio, aper­ta al pub­bli­co dal­le 19 al­le 24, ha un va­lo­re spe­cia­le per­ché momento d'in­con­tro del­le più si­gni­fi­ca­ti­ve real­tà le­ga­te al­la gal­le­ria: le scul­tu­re di Gior­gio Eros Mo­ran­di­ni e Va­sco Mon­tec­chi, i ma­te­ria­li tec­no­lo­gi­ci di Sto­ne Ita­lia­na, i pre­sti­gio­si vi­ni di Ca­sa Zu­lia­ni. La poe­sia in pie­tra di Gior­gio Eros Mo­ran­di­ni Le scul­tu­re flui­de e si­nuo­se di Mo­ran­di­ni ri­ve­la­no, sia nel­la scel­ta dei ma­te­ria­li che nell'al­tis­si­ma qua­li­tà ese­cu­ti­va, il pro­fon­do amo­re che l'ar­ti­sta nu­tre per la ma­te­ria e la na­tu­ra. Un amo­re col­ti­va­to fin da fan­ciul­lo, in Friu­li, nel­la bot­te­ga del pa­dre scal­pel­li­no e per­fe­zio­na­to con una lun­ga pra­ti­ca e tan­to stu­dio. Per le sue ope­re Mo­ran­di­ni sce­glie so­lo il bian­co e il ne­ro, «due op­po­sti che non si con­trap­pon­go­no», spie­ga «ma che van­no ri­con­dot­ti al lo­ro equi­li­brio per mez­zo del­la for­ma». Mo­ran­di­ni sa la­vo­ra­re il mar­mo ne­ro del Bel­gio, lo sta­tua­rio del­le Apua­ne o il pre­gia­to mar­mo bian­co di La­sa co­me po­chi al­tri, ren­den­do im­pec­ca­bi­li le su­per­fi­ci dei ma­te­ria­li, ora pia­ne e lu­ci­dis­si­me – qua­si fos­se­ro di me­tal­lo – ora in­cre­spa­te e mos­se, ora in­ci­se da sim­bo­li, se­gni, im­pron­te d'ac­qua e di ven­to. Nel­la mo­stra di Open One a Li­do di Ca­ma­io­re dal 13 al 21 ago­sto si po­tran­no am­mi­ra­re an­che le sue ope­re.

Va­sco Mon­tec­chi: l’ener­gia del­la sin­ce­ri­tà Scul­tu­ra vi­go­ro­sa, for­te, con­cre­ta quel­la di Va­sco Mon­tec­chi, l'al­tro grande pro­ta­go­ni­sta del par­co del­la scul­tu­ra Open One. Un ar­ti­sta vi­vo e sin­ce­ro co­me la ter­ra emi­lia­na del­le sue ori­gi­ni, ap­pas­sio­na­to e coin­vol­gen­te. «La­vo­ro da tren­ta­due an­ni al­lo stu­dio Cor­sa­ni­ni di Car­ra­ra», rac­con­ta «mi­su­ran­do­mi con mar­mi e gra­ni­ti di ogni ti­po. Quan­do scol­pi­sco, mi pia­ce af­fron­ta­re il bloc­co a vi­so aper­to, sen­tir­ne la fi­si­ci­tà». Mon­tec­chi, che si de­di­ca con con­ti­nui­tà all'ar­te scul­to­rea da­gli an­ni Ot­tan­ta su in­co­rag­gia­men­to del pro­fes­sor Luigi Fer­ret­ti, trat­ta vo­len­tie­ri te­mi a sfon­do so­cia­le. Mol­to bel­la, nell'in­con­fon­di­bi­le sti­le dell'ar­ti­sta, la grande ope­ra “Il si­len­zio” in mar­mo bian­co e bar­di­glio che per tut­ta l'esta­te si può am­mi­ra­re a Pie­tra­san­ta: un'espli­ci­ta de­nun­cia dell'apa­tia, dell'in­dif­fe­ren­za e dell'in­co­mu­ni­ca­bi­li­tà che do­mi­na i rap­por­ti in­ter­per­so­na­li nel mon­do mo­der­no.

Le su­per­fi­ci in­no­va­ti­ve di Sto­ne Ita­lia­na Se­ra­ta spe­cia­le quel­la del 22 lu­glio gra­zie an­che a Sto­ne Ita­lia­na (da Bo­vec­chi srl in esclu­si­va per la To­sca­na). L'azien­da ve­ne­ta, lea­der nel­la pro­du­zio­ne di su­per­fi­ci in quar­zo e mar­mo ri­com­po­sto, pre­sen­ta dna ur­ba­no, la­stre per in­ter­ni ed ester­ni ot­te­nu­te dal­le ter­re di spaz­za­men­to del­le stra­de. Un pro­dot­to ori­gi­na­le e in­no­va­ti­vo, in li­nea con la fi­lo­so­fia green dell'azien­da e par­ti­co­lar­men­te in­di­ca­to nell'ar­chi­tet­tu­ra ver­si­lie­se di qua­li­tà, da sempre at­ten­ta a co­niu­ga­re le pre­sta­zio­ni e il pre-

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.