VI SO­NO OPE­RE SEN­ZA TEM­PO…

In­ve­sti­re in bel­lez­za. Ol­tre tut­te le mode. L'ar­te co­me com­pa­gna di vi­ta

FORTE Magazine - - ARTE -

Da sem­pre si di­ce che l'ar­te sia un'ec­cel­len­te com­pa­gna di vi­ta e mai co­me in que­sto pe­rio­do di cri­si eco­no­mi­ca la mas­si­ma suo­na ef­fi­ca­ce. Un'ope­ra d'ar­te di qua­li­tà è un por­to si­cu­ro d'in­ve­sti­men­to: gra­ti­fi­ca l'oc­chio e l'ani­ma, ap­pas­sio­na ed è una del­le po­che cer­tez­ze che si sot­trag­go­no al­la pre­ca­rie­tà del tem­po. Su que­sto ter­re­no Tor­na­buo­ni Ar­te da de­cen­ni ha co­strui­to le pro­prie fon­da­men­ta, at­tra­ver­so pro­po­ste d'in­di­scus­so va­lo­re, espor­tan­do nel mon­do l'ar­te ita­lia­na più au­to­re­vo­le in­sie­me ai gran­di mae­stri in­ter­na­zio­na­li. La gal­le­ria van­ta una con­si­de­re­vo­le col­le­zio­ne, frut­to di un'at­ten­ta se­le­zio­ne e di una con­ti­nua ri­cer­ca, che pre­sen­ta nel­le pro­prie se­di ita­lia­ne di For­te dei Mar­mi, Fi­ren­ze,

FOR­TEX­TRA Por­to­fi­no e Mi­la­no, co­sì co­me nel­le prin­ci­pa­li fie­re, apren­do­si a nuo­vi mer­ca­ti eu­ro­pei ed ex­tra eu­ro­pei. Ope­re sen­za tem­po, ra­ri­tà e pez­zi di par­ti­co­la­re pre­gio, ope­re che van­no ol­tre le mode con­tin­gen­ti, che in­car­na­no una nor­ma espres­si­va per­so­na­lis­si­ma. Col­pi­sce il fa­sci­no in­tra­mon­ta­bi­le, pri­mor­dia­le ep­pu­re co­sì at­tua­le dei “bu­chi” e dei “ta­gli” di Lu­cio Fon­ta­na, la poe­sia di pa­ro­le e co­lo­re di Ali­ghie­ro Boet­ti; col­pi­sco­no le in­fi­ni­te va­ria­zio­ni di En­ri­co Ca­stel­la­ni, le for­me in mo­vi­men­to di Ma­rio Ce­ro­li, le le­vi­ga­te per­fe­zio­ni e i com­ples­si in­gra­nag­gi di Ar­nal­do Pomodoro. E che di­re dei gio­chi di lu­ce di Pie­ro Do­ra­zio, am­pli­fi­ca­ti nel mo­nu­men­ta­le col­la­ge su te­la di li­no (tre me­tri per quat­tro e mez­zo), dal ti­to­lo “Out out” del 1972: qua­si un'istal­la­zio­ne am­bien­ta­le, una dan­za cro­ma­ti­ca da cui la­sciar­si tra­spor­ta­re. O del­la soa­vi­tà con cui Pa­blo At­chu­gar­ry, ar­ti­sta uru­gua­ia­no di più re­cen­te ge­ne­ra­zio­ne, tra­sfor­ma il can­di­do mar­mo bian­co di Car­ra­ra in vel­lu­ta­ta car­ne co­me nell'ope­ra “Sen­za ti­to­lo” del 2011. Una pre­gia­ta an­to­lo­gia di ope­re mo­der­ne e con­tem­po­ra­nee che nel­la lo­ro va­rie­tà di lin­guag­gi e ma­te­ria­li af­fer­ma­no il va­lo­re in­di­scus­so del­la qua­li­tà di cui Tor­na­buo­ni Ar­te fa pro­prio ma­ni­fe­sto an­che quan­do guar­da al­le pro­po­ste di giovani co­me Be­net­ta, Car­bo­ni, Cis­sé, Ma­io­ra­no, Pon­trel­li, Ron­da e To­lo­meo. Ar­ti­sti di cui, pres­so la gal­le­ria di For­te dei Mar­mi, è pos­si­bi­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.