RO­MA, DE­VI CRE­DER­CI Do­ma­ni c’è la Ju­ven­tus

Ini­zia al Bru­no Be­nel­li di Ra­ven­na la Fi­nal Four per il team gial­lo­ros­so di Mau­ro Fat­to­ri Do­po aver eli­mi­na­to il Mi­lan, in se­mi­fi­na­le do­vrà ve­der­se­la con la mi­na va­gan­te bian­co­ne­ra

Gazzetta Regionale - - UNDER 15 SERIE A E B - Ric­car­do Ma­nai

Ora si fa sul se­rio per­chè c’è uno Scu­det­to da an­da­re a pren­de­re. La Ro­ma ci ri­pro­va, un an­no do­po, con­ti­nuan­do ad in­se­gui­re quel tri­co­lo­re so­la­men­te sfio­ra­to dai 2001 di D’Andrea. Ora pe­rò toc­ca ai 2002 di Fat­to­ri che do­po una sta­gio­ne do­mi­na­ta, e aver fat­to fuo­ri il Mi­lan, ar­ri­va­no a que­sta se­mi­fi­na­le lan­cia­ti a tut­ta ve­lo­ci­tà. Un be­ne per­chè, con­tro la Ju­ven­tus, ci sa­rà da cor­re­re e pu­re pa­rec­chio.

Co­me a Bo­lo­gna Quel­la di do­ma­ni pe­rò non è la pri­ma se­mi­fi­na­le in cui Ro­ma e Ju­ven­tus si tro­ve­ran­no una di fron­te all’al­tra. Già al We Lo­ve Foot­ball, in­fat­ti, le for­ma­zio­ni di Fat­to­ri e Bo­vo si so­no in­cro­cia­te pro­prio nel pe­nul­ti­mo at­to. Il mat­ch di Bo­lo­gna, che do­po il 2-2 dei tem­pi re­go­la­men­ta­ri ha pre­mia­to la Ro­ma ai cal­ci di ri­go­re, può chia­ri­re al me­glio co­sa ci sa­rà da at­ten­der­si sta­vol­ta. Pri­ma di tut­to, Ro­ma e Ju­ven­tus so­no due squa­dre co­strui­te per fa­re la par­ti­ta. No­no­stan­te l’im­por­tan­za del­la po­sta in pa­lio dif­fi­ci­le dun­que cre­de­re che i due tec­ni­ci si ab­ban­do­ni­no a par­ti­co­la­ri tat­ti­ci­smi con i 4 gol rea­liz­za­ti nel pre­ce­den­te scon­tro a fa­re da car­ti­na tor­na­so­le. Per la Ro­ma, la chia­ve del­la par­ti­ta sta­rà tut­ta nel rit­mo. La Ju­ve pro­ve­rà in­fat­ti ad al­zar­lo sfrut­tan­do in­ten­si­tà e ver­ti­ca­liz­za­zio­ni per met­te­re in dif­fi­col­tà dei gial­lo­ros­si che, con un si­mi­le sce­na­rio, po­treb­be­ro scric­chio­la­re. Fon­da­men­ta­le quin­di per Fat­to­ri e i suoi far va­le­re la lo­ro mag­gio­re ca­pa­ci­tà di pal­leg­gio. Se la Ro­ma riu­sci­rà ad ad­dor­men­ta­re il gio­co per poi ac­cen­der­si nel­la tre­quar­ti av­ver­sa­ria, con i ta­gli de­gli ester­ni o le in­cur­sio­ni di Bo­ve, può dav­ve­ro met­te­re al­le cor­de gli av­ver­sa­ri. Di si­cu­ro Fat­to­ri non sta la­scian­do nul­la al ca­so tant’è che ha per­si­no fat­to al­le­na­re i suoi al Tre Fon­ta­ne per abi­tuar­li ad un fon­do di gio­co in er­ba na­tu­ra­le co­me sa­ran­no quel­li del­la Fi­nal Four.

Oc­chio al­le fa­sce La Ro­ma che ve­dre­mo all’ope­ra con­tro la Ju­ven­tus, non cam­bie­rà poi mol­to ri­spet­to a quel­la am­mi­ra­ta nel quar­to di fi­na­le con­tro il Mi­lan. L’uni­co ve­ro e pro­prio bal­lot­tag­gio è in­fat­ti al cen­tro del­la di­fe­sa do­ve il tec­ni­co sce­glie­rà al fo­to­fi­ni­sh chi tra Ciuc­ci e Agliet­ti pren­de­rà il po­sto ac­can­to a But­ta­ro. Fa­ri pun­ta­ti poi sul­le

cor­sie ester­ne che sa­ran­no la zo­na più cal­da del­la par­ti­ta. Qui la Ro­ma ci ha co­strui­to la sua for­tu­na, con gli at­tac­can­ti ester­ni che han­no sin qui rap­pre­sen­ta­to l’ar­ma più af­fi­la­ta nel­lo scac­chie­re tat­ti­co gial­lo­ros­so. Oc­chi pun­ta­ti dun­que su Tra­va­gli­ni e Tue­to Fo­tso che a Bo­lo­gna ha già tim­bra­to due vol­te con­tro i bian­co­ne­ri. L’ex Ata­lan­ta avrà il suo bel da fa­re nel duel­lo con­tro Bof­fa­no, uno che que­st’an­no di chi­lo­me­tri ne ha ma­ci­na­ti pa­rec­chi an­che con l’Un­der 16. Sa­rà pe­rò sull’al­tro ver­san­te che i gial­lo­ros­si do­vran­no con­cen­tra­re i lo­ro sfor­zi. La Ju­ven­tus in­fat­ti da quel­la par­te sof­fre vi­sto il ter­zi­no si­ni­stro Ver­du­ci più bra­vo a spin­ge­re che a con­te­ne­re e ad un Ca­val­lo po­co av­vez­zo ai ri­pie­ga­men­ti di­fen­si­vi. Nel­la cor­sia cen­tra­le pe­rò la Ju­ve ha so­lu­zio­ni im­por­tan­ti. Nel 4-23-1 di Bo­vo, l’ita­lo-fran­ce­se Ton­gya rap­pre­sen­ta si­cu­ra­men­te l’ele­men­to di spic­co. Gran di­na­mi­smo e ca­pa­ci­tà di in­se­ri­men­to, non è in­fat­ti un ca­so se pro­prio lui è sta­to uno dei mar­ca­to­ri bian­co­ne­ri al We Lo­ve Foot­ball. Il cen­tro­cam­po gial­lo­ros­so do­vrà quin­di di­sim­pe­gnar­si al me­glio an­che in fa­se di non pos­ses­so con Bo­ve e Astro­lo­go che do­vran­no ar­gi­na­re le scor­ri­ban­de del nu­me­ro 10 del­la Ju­ven­tus. Com­pi­to non sem­pli­ce sa­rà poi an­che quel­lo del­la cop­pia di­fen­si­va del­la Ro­ma che do­vrà es­se­re bra­va a con­te­ne­re lo sgu­scian­te Ster­ran­ti­no. L’at­tac­can­te non sa­rà un gi­gan­te ma è uno che at­tac­ca be­ne lo spa­zio e so­prat­tut­to sa far­si tro­va­re pron­to in area di ri­go­re. Se la Ro­ma rie­sce ad im­bri­gliar­li, la stra­da ver­so la fi­na­le sa­rà tut­ta in di­sce­sa.

Ro­ma-Ju­ve rap­pre­sen­ta dun­que l’an­ti­pa­sto più gu­sto­so in vi­sta del­la fi­na­le scu­det­to. En­tram­be le for­ma­zio­ni ar­ri­va­no do­po un cam­mi­no esal­tan­te con la Ro­ma che, dal can­to suo, può con­ta­re su un or­ga­ni­co un piz­zi­co più com­ple­to. Oc­chio dun­que an­che a chi tra i gial­lo­ros­si en­tra a ga­ra in cor­so per­chè, e que­st’an­no di esem­pi ce ne so­no sta­ti tan­ti, è pro­prio nel se­con­do tem­po che l’un­di­ci di Fat­to­ri ha spes­so schiac­cia­to i suoi av­ver­sa­ri. Ora pe­rò è ar­ri­va­to il mo­men­to di la­scia­re la pa­ro­la al cam­po per­chè lo Scu­det­to è lì ad un pas­so e la Ro­ma è pron­ta a pren­der­lo.

Ro­ma Cam­mi­no pra­ti­ca­men­te per­fet­to fi­no ad ora per i gial­lo­ros­si: do­ma­ni la se­mi­fi­na­le Scu­det­to ©Mir­na De Ce­sa­ris

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.