Maz­za: “Gran­de sta­gio­ne” Fal­ci­nel­li: “Ga­ra sof­fer­ta”

Il tec­ni­co ro­ma­no esal­ta la pre­sta­zio­ne e tut­ta l’an­na­ta dei suoi ra­gaz­zi, men­tre il mi­ster bian­co­ne­ro sot­to­li­nea le dif­fi­col­tà del dop­pio con­fron­to

Gazzetta Regionale - - JUNIORES NAZIONALI - PLAY OFF - Sa­bri­na Re­di

“Nel pri­mo tem­po me­ri­ta­va­mo di ri­met­te­re la par­ti­ta sui bi­na­ri giu­sti, non sia­mo riu­sci­ti a con­cre­tiz­za­re qual­che oc­ca­sio­ne fa­vo­re­vo­le, co­sa che ha fat­to il San­se­pol­cro nel se­con­do”, ha spie­ga­to il mi­ster del Trastevere Maz­za, do­po l’11. Poi ha par­la­to del pri­mo tem­po del­la squa­dra av­ver­sa­ria: “Pen­so che sia sta­ta sor­pre­sa dal no­stro at­teg­gia­men­to che è sta­to de­gno di no­ta. I miei ra­gaz­zi nel pri­mo tem­po han­no fat­to una gros­sa par­ti­ta che de­no­ta il ca­rat­te­re che han­no”. Nel­la ri­pre­sa so­no ar­ri­va­te le due re­ti: “Do­po aver fat­to un pri­mo tem­po del ge­ne­re, quan­do pren­di un gol è nor­ma­le che gli sti­mo­li un po’ ven­ga­no me­no. Ci sia­mo un po’ al­lun­ga­ti, ab­bia­mo pre­so un cal­cio di ri­go­re e ab­bia­mo pa­reg­gia­to la par­ti­ta, ma a quel pun­to le di­stan­ze non era­no quel­le cor­ret­te. Ab­bia­mo ri­schia­to di pren­de­re gol e di far­lo, pe­rò or­mai la par­ti­ta era ab­ba­stan­za se­gna­ta”. Maz­za ha da­to un vo­to al­la sta­gio­ne: “È al­tis­si­mo. I ra­gaz­zi han­no fat­to, a par­te un gran cam­pio­na­to vin­to con tre gior­na­te di an­ti­ci­po, an­che un’ot­ti­ma fa­se fi­na­le dal pun­to di vi­sta di quel­lo che ab­bia­mo espres­so. Non ci scor­dia­mo che è una squa­dra com­po­sta da 99. Que­sto è un aspet­to che mi pia­ce ri­mar­ca­re, per­ché la dif­fe­ren­za di qual­che lo­ro gio­ca­to­re che già cal­ca i cam­pi di Se­rie D pen­so si sia no­ta­ta all’an­da­ta e al ri­tor­no”.

Fal­ci­nel­li An­che il mi­ster del San­se­pol­cro, Fal­ci­nel­li, ha par­la­to do­po il mat­ch: “Un pas­sag­gio sof­fer­to, nel com­pu­to del­le due par­ti­te la qua­li­fi­ca­zio­ne è me­ri­ta­ta. Nel pri­mo tem­po ab­bia­mo ap­proc­cia­to ma­le la par­ti­ta e sia­mo sta­ti for­tu­na­ti per­ché me­ri­ta­va­mo di an­da­re sot­to. Poi Men­ca­gli si è in­ven­ta­to quel gol ca­po­la­vo­ro che a Ro­ma sem­bra­va un’imi­ta­zio­ne di uno più fa­mo­so. Al di la dei cin­que mi­nu­ti do­po il ri­go­re in cui lo­ro han­no spin­to, cre­do che nel fi­na­le ab­bia­mo ge­sti­to be­ne la par­ti­ta. Pe­rò com­pli­men­ti al Trastevere per­ché è una squa­dra che ha un gran­de fu­tu­ro da­van­ti”. Poi ha com­men­ta­to an­co­ra il pri­mo tem­po dei suoi ra­gaz­zi: “Era­va­mo ti­mo­ro­si, pen­sa­va­mo di ge­sti­re la par­ti­ta in­ve­ce sia­mo una squa­dra che de­ve cer­ca­re di fa­re la par­ti­ta. Lo­ro han­no gran­de qua­li­tà, lì sul­la tre­quar­ti han­no gio­ca­to­ri che so­no più bra­vi nell’at­tac­ca­re che nel di­fen­de­re e ab­bia­mo su­bi­to il lo­ro pal­leg­gio”. Ades­so ci sa­rà la se­mi­fi­na­le: “Per noi è una fe­sta ogni par­ti­ta in più. Do­po aver vin­to lo scu­det­to ot­to an­ni fa, ri­tro­var­si tra le pri­me quat­tro in Ita­lia è mo­ti­vo di or­go­glio per me, per i ra­gaz­zi e per la so­cie­tà che vi­ve di set­to­re gio­va­ni­le. Dob­bia­mo mi­glio­ra­re l’ap­proc­cio per­ché se an­dia­mo in cam­po con dei ti­mo­ri non espri­mia­mo le no­stre qua­li­tà”.

I due tec­ni­ci Maz­za e Fal­ci­nel­li ©Mir­na De Ce­sa­ris

Da si­ni­stra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.