CECECOTTO

Gazzetta Regionale - - JUNIORES NAZIONALI - PLAY OFF - Ni­co­la Ca­va­lie­re

La pri­ma in­ter­vi­sta a Gaz­zet­ta Re­gio­na­le nell’ago­sto del 2014. Ca­ri­ca ener­gi­ca con­ta­gio­sa, la fer­ma se­re­ni­tà di chi sta per fa­re gran­di co­se. Dop­pio sal­to dal­la Pro­mo­zio­ne al­la Se­rie D, set­to­re gio­va­ni­le in cre­sci­ta espo­nen­zia­le. Tre an­ni do­po è un An­to­nio Cececotto di­ver­so, se­gna­to dal di­spia­ce­re, dal­la de­lu­sio­ne e pron­to ad­di­rit­tu­ra a la­scia­re. La re­tro­ces­sio­ne, le man­ca­te pro­mes­se, la sco­per­ta di “uo­mi­ni che non val­go­no nien­te”, la per­di­ta di Va­le­rio Ian­not­ti e la so­li­tu­di­ne sua e del com­pa­gno di av­ven­tu­ra Ales­san­dro For­tu­na.

One­sta­men­te og­gi ti ve­do più ama­reg­gia­to, più di­stan­te. È co­sì?

“Sto se­guen­do la se­rie 1993, c’è un pas­sag­gio in cui Ber­lu­sco­ni af­fer­ma che la gio­ia del­la vit­to­ria non è mai lun­ga quan­to l’ama­rez­za di una scon­fit­ta. È la pri­ma re­tro­ces­sio­ne e fa ma­le, ma fa an­co­ra più ma­le es­ser­si ri­tro­va­ti da so­li e ren­der­si con­to che le tan­te pro­mes­se non so­no sta­te man­te­nu­te”.

So­prat­tut­to per i co­sti.

“Usci­ti i gi­ro­ni ci sia­mo fat­ti due con­ti e so­lo di tra­sfer­te la spe­sa si ag­gi­ra­va in­tor­no ai 70 mi­la eu­ro, una gros­sa ci­fra da sot­trar­re al pro­get­to spor­ti­vo”.

E non so­no i so­li.

“Al­tri 60 mi­la eu­ro so­no sta­ti in­ve­sti­ti sull’im­pian­to per una so­la sta­gio­ne. Ab­bia­mo do­vu­to al­za­re la re­cin­zio­ne stra­da­le di un me­tro e mez­zo, mi chie­do an­co­ra per­chè? Ab­bia­mo do­vu­to ri­fa­re gli spo­glia­toi, per un pa­io di la­van­di­ni e di doc­ce in più... La Se­rie D a Ro­ma non è so­ste­ni­bi­le”.

Quin­di è plau­si­bi­le che i club, non po­chi, pre­fe­ri­sca­no evi­ta­re il sal­to dall’Ec­cel­len­za?

“Pur­trop­po sì! Ti fac­cio un esem­pio sem­pli­ce, se Ro­ma e La­zio gio­ca­no il “Ri­ten­go giu­sta la re­go­la dei gio­va­ni, se non fos­si­mo re­tro­ces­si ci sa­rem­mo qua­li­fi­ca­ti se­con­di. Vi­sti i gi­ro­ni, sa­reb­be op­por­tu­no quan­to­me­no ve­ni­re in­con­tro ai club sui co­sti del­le tra­sfer­te”.

Un mo­vi­men­to co­me quel­lo del Cit­tà di Ciam­pi­no è un be­ne per la col­let­ti­vi­tà. Ti sei re­so di­spo­ni­bi­le ad af­fron­ta­re que­sta av­ven­tu­ra, chie­den­do pe­rò un so­ste­gno al­la co­mu­ni­tà, il bi­lan­cio qual’è?

“Il so­ste­gno del­le Isti­tu­zio­ni non me lo aspet­ta­vo, non cre­do ab­bia­no mo­do. So­no i club che so­sten­go­no i Co­mu­ni, qui pa­ghia­mo 50 mi­la eu­ro di ca­no­ne an­nuo”.

Un buon so­ste­gno po­te­va es­se­re an­che una de­tra­zio­ne dal ca­no­ne, do­po que­sta sta­gio­ne Ciam­pi­no non è più un ae­ro­por­to, ma an­che una squa­dra di Se­rie D.

“Mi so­no sen­ti­to ri­spon­de­re che se fos­se­ro ve­nu­ti in­con­tro a me, avreb­be­ro do­vu­to far­lo an­che per la Pal­la­ca­ne­stro, la Pal­la­vo­lo, il Ten­nis, il Cal­cio a Cin­que...”

Ti è sta­to det­to, in pa­ro­le po­ve­re, che il Co­mu­ne non po­te­va per­met­ter­si di per­de­re que­sti in­troi­ti?

“Que­sto lo stai di­cen­do tu”.

Nei mo­men­ti di dif­fi­col­tà si ca­pi­sce il va­lo­re del­le per­so­ne che ti cir­con­da­no, è ve­ro?

“Ve­ris­si­mo, que­st’an­no mi ha fat­to apri­re gli oc­chi. Vi­ci­no a me c’era­no per­so­ne pron­te a “mun­ge­re la muc­ca” ma che al­le pri­me dif­fi­col­tà han­no vol­ta­to le spal­le e si so­no com­por­ta­te co­me put­ta­ne. Un di­spia­ce­re”. “Che sia io che Ales­san­dro For­tu­na ab­bia­mo fat­to co­se in­cre­di­bi­li per tan­te per­so­ne. Chi ab­bia­mo tol­to dal­la stra­da, ri­pu­len­do­lo da­gli sba­gli di gio­ven­tù, a chi ab­bia­mo pre­sta­to sol­di per com­prar­si mac­chi­ne o ap­par­ta­men­ti”.

Vin­ce l’in­caz­za­tu­ra o la de­lu­sio­ne?

“La de­lu­sio­ne è pro­fon­da e pur­trop­po vin­ce. L’in­caz­za­tu­ra è di­ver­sa, ti por­ta a rea­gi­re, la de­lu­sio­ne ti ta­glia le gam­be e ti chie­di, chi me lo fa fa­re?”.

Quan­to han­no in­flui­to que­ste per­so­ne sul ri­sul­ta­to spor­ti­vo?

“Tan­tis­si­mo, an­che il 60 per cen­to. Sen­tir­si di­re da chi gui­da, io in al­tri tem­pi me ne sa­rei an­da­to...”

Un con­dot­tie­ro ha sem­pre le sue re­spon­sa­bi­li­tà, qua­li so­no le tue?

“Quel­le mag­gio­ri. Non mi so­no mai mes­so sul pie­di­stal­lo quan­do ab­bia­mo vin­to, ap­pa­io po­co e nul­la, non chia­mo i gior­na­li­sti per le in­ter­vi­ste. Quan­do per­dia­mo pe­rò so­no il pri­mo a met­ter­mi in gio­co, da con­dot­tie­ro ho sba­glia­to nel­le va­lu­ta­zio­ni. Ci ten­go a pre­ci­sa­re che le de­ci­sio­ni le pren­do in­sie­me ad Ales­san­dro For­tu­na, ma io più di lui, che vi­ve la so­cie­tà in ma­nie­ra più mar­gi­na­le, so­no il re­spon­sa­bi­le”.

Si rin­cor­ro­no tan­te vo­ci, ad­di­rit­tu­ra di un ac­cor­do con Ste­fa­no Bian­chi, che ha de­ci­so di la­scia­re la Le­pan­to. Co­sa sta pro­get­tan­do Cececotto?

“Quan­do Bian­chi era a Ciam­pi­no di­ce­va­no che era­va­mo ne­mi­ci, ma al­le riu­nio­ni di Le­ga sie­de­va­mo sem­pre vi­ci­no. C’è re­ci­pro­co ri­spet­to e sti­ma per­chè fac­cia­mo cal­cio per pas­sio­ne ve­ra e ti ga­ran­ti­sco che la pen­sia­mo ugua­le. Chiun­que la­scia i no­stri club, stan­ne cer­to, non de­ve pren­de­re un cen­te­si­mo. For­se un gior­no fa­re­mo qual­co­sa in­sie­me, og­gi noi tre (Cececotto, Bian­chi e For­tu­na, ndr), sia­mo tre per­so­ne “(sor­ri­de, ndr) Tut­ti han­no par­la­to di un con­fron­to tra me e Bian­chi, ma io abi­to a Frat­to­chie e lui a Ma­ri­no, può ca­pi­ta­re di in­con­trar­si. Non cre­do fa­re­mo qual­co­sa in­sie­me”.

C’è dell’al­tro?

“Ab­bia­mo un pro­get­to con un al­tro club che ver­rà a gio­ca­re qui, a bre­ve avrò un in­con­tro ma par­lia­mo so­lo di Set­to­re Gio­va­ni­le. Poi stia­mo por­tan­do avan­ti l’am­plia­men­to dell’im­pian­to con un nuo­vo cam­po di Cal­cio a 8, in­som­ma il Cit­tà di Ciam­pi­no va, per ades­so...”

In che sen­so?

“Che se qual­cu­no mi pre­sen­ta l’of­fer­ta giu­sta non de­vo nean­che chia­ma­re Ales­san­dro, fir­mo la ces­sio­ne. Ma fin­ché non ci sa­rà nes­su­no, non man­do cer­to a mo­ri­re un pro­get­to e un im­pian­to co­me que­sto, an­che per­ché di sol­di ne so­no sta­ti spe­si tan­ti. Cer­to, non ho la stes­sa ca­ri­ca del 2009 quan­do ar­ri­vai”.

Sen­za quel­la sa­rà? ca­ri­ca che Ec­cel­len­za

“Tran­quil­la, con l’obiet­ti­vo del­la sal­vez­za e del di­ver­ti­men­to, con tan­ti gio­va­ni. Non ab­bia­mo mai fat­to fol­lie per i gio­ca­to­ri, la prio­ri­tà è aiu­tar­li pro­van­do ad in­se­rir­li nel mon­do del la­vo­ro e fa­cen­do­gli ca­pi­re che il cal­cio a que­sti li­vel­li è una pas­sio­ne. Ho vin­to un al­tro cam­pio­na­to met­ten­do a la­vo­ra­re Ti­zia­no Car­ne­va­li a 40 an­ni - sor­ri­de, ndr -”.

Sul­le gio­va­ni­li che ci di­ci?

“La mia gran­de sod­di­sfa­zio­ne, fuo­ri dal rac­cor­do cre­do sia­no po­chi i club che van­ta­no quat­tro squa­dre in Eli­te. Rin­gra­zie­rò per sem­pre Ro­ber­to Vi­chi, qui non c’era nul­la, ha fat­to un la­vo­ro ec­ce­zio­na­le, mi ha in­se­gna­to i giu­sti va­lo­ri da tra­smet­te­re ai ra­gaz­zi. Non il­lu­dia­mo i gio­va­ni fa­cen­do­gli cre­de­re che con il cal­cio po­tran­no fa­re la bel­la vi­ta, la co­sa più im­por­tan­te è crea­re dei buo­ni cit­ta­di­ni, poi se vie­ne fuo­ri un bel gio­ca­to­re sia­mo fe­li­ci”.

Ha la­scia­to San­to­ni, do­po 8 an­ni.

“È uno di quei vol­ti che la scon­fit­ta ci ha sve­la­to, ab­bia­mo ca­pi­to che ti­po di per­so­na è. Giu­sto che va­da”.

Sem­bra­va vi fo­ste la­scia­ti in buo­ni rap­por­ti...

“È un per­so­nag­gio che ho co­strui­to io, lo pre­si quan­do era al­lo sban­do, l’ho ri­pu­li­to, gli ho da­to la­vo­ro, gli ho la­scia­to di­re che lui era il to­tem del club, d’al­tron­de è bra­vo a ven­der­si, ma so­lo io e For­tu­na pos­sia­mo di­re di es­se­re il Cit­tà di Ciam­pi­no”.

Ci so­no ten­sio­ni mol­to for­ti...

“Nel­le dif­fi­col­tà, co­me di­ce­vi tu, si ve­do­no gli uo­mi­ni e quan­do uno non lo è, non fa­rà mai gran­di co­se”.

La sua sca­la­ta è sta­ta im­por­tan­te nel club, co­me si è ar­ri­va­ti a que­sto pun­to?

“Ave­vo vi­sto in lui una per­so­na che po­te­va dar­mi tan­to a li­vel­lo tec­ni­co, qui ol­tre che gio­ca­to­re è sta­to ds pri­ma e “Se fai i con­ti del­le spe­se fis­se, ec­cet­to po­chis­si­mi ca­si, sfi­do a trar­ne gua­da­gno. De­vi crea­re qual­co­sa in­tor­no, noi per esem­pio ab­bia­mo la pi­sci­na e la Club Hou­se che ci aiu­ta­no a co­pri­re par­te del­le spe­se, ma l’at­ti­vi­tà cal­ci­sti­ca è una per­di­ta, stop”.

La pas­sio­ne co­lon­na por­tan­te, la tua è vi­ci­na ad esau­rir­si?

“Non è so­lo un di­scor­so di ri­sul­ta­ti, il no­stro cam­mi­no è fat­to mol­to più di vit­to­rie che di scon­fit­te. La co­sa bel­la è aver crea­to un am­bien­te fa­mi­lia­re, la lu­ce per an­da­re avan­ti me la dan­no i ra­gaz­zi, an­che di al­tre squa­dre, che si riu­ni­sco­no qui per sta­re in com­pa­gnia. Pe­rò ti ri­pe­to che sa­rei pron­to a ce­de­re se­re­na­men­te, an­che per­ché po­trei de­di­car­mi di più al­la fa­mi­glia”.

La stes­sa lu­ce e la stes­sa pas­sio­ne che ti han­no spin­to ad or­ga­niz­za­re il pri­mo Me­mo­rial Va­le­rio Ian­not­ti.

“Ci ha col­pi­to e se­gna­to per sem­pre, era più o me­no que­sto il pe­rio­do in cui è suc­ces­so, un an­no fa. Un epi­so­dio che mi ha fat­to co­no­sce­re me­glio una fa­mi­glia con una for­za paz­ze­sca, con tan­to, tan­to, tan­to co­rag­gio. Un ra­gaz­zo di 16 an­ni, una tra­ge­dia. Vo­glio cre­de­re che Va­le­rio mi ab­bia fat­to un do­no: quel­lo di aver­mi fat­to apri­re gli oc­chi su una per­so­na che non me­ri­ta nien­te”.

L’ama­rez­za di una scon­fit­ta è mol­to più lun­ga del­la gio­ia di una vit­to­ria, ma può pas­sa­re no?

“For­se con l’ini­zio del­la sta­gio­ne la de­lu­sio­ne po­treb­be es­se­re ac­can­to­na­ta. Il cam­mi­no è già ini­zia­to e ri­par­ti­re­mo fer­ma­men­te da Gior­da­no Mo­ro­no­cel­li e quan­do la pal­la ri­pren­de­rà a ro­to­la­re quel­la che ora è una fiam­mel­la tor­ne­rà ad es­se­re un fo­co­la­re.”

sa­ba­to rie­sci a fa­re un mi­ni­mo pub­bli­co pa­gan­te, ma par­lia­mo di 80, 90 per­so­ne a 5 eu­ro ca­dau­na. Se gio­ca­no la do­me­ni­ca gli spal­ti so­no se­mi de­ser­ti”. de­lu­se”. allenatore poi. Il pro­ble­ma pe­rò non è tec­ni­co, lui ha de­lu­so co­me uo­mo”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.