ANDREA PERSIA “Fie­ra­men­te con­tro­cor­ren­te”

In­ter­vi­sta all’ex di Po­me­zia e Per­con­ti: “Più op­por­tu­ni­tà agli uo­mi­ni di cam­po, an­che se so­no po­co so­cial, se no fac­cia­mo il ma­le del cal­cio. Pron­to ad af­fron­ta­re nuo­ve sfi­de, che sia­no gio­va­ni­li o pri­ma squa­dra. Il mas­si­mo? Ri­ce­ve­re la chia­ma­ta di un clu

Gazzetta Regionale - - LE NOSTRE INTERVISTE - Ni­co­la Ca­va­lie­re

Non è un en­dor­se­ment, nè una “spon­so­riz­za­zio­ne”. An­che per­ché lui, Andrea Persia, non ap­prez­ze­reb­be. Il sen­so dell’in­ter­vi­sta che gli ho chie­sto di rea­liz­za­re in­sie­me è quel­lo di da­re vo­ce a un gio­va­ne allenatore ta­len­tuo­so, vin­cen­te, estre­ma­men­te cor­ret­to, che non pen­sa a ven­der­si be­ne ma a la­vo­ra­re so­do con gli scar­pi­ni ai pie­di, la tu­ta e il fi­schiet­to. Dal­lo Scu­det­to del­la Per­con­ti al­la po­co edi­fi­can­te espe­rien­za al Po­me­zia, pas­san­do per la na­sci­ta del­la fi­glia fi­no all’im­me­dia­to fu­tu­ro. So­gna il pro­fes­sio­ni­smo e ti­mi­da­men­te di­ce “pen­so che po­trei me­ri­ta­re una chia­ma­ta”, per il sot­to­scrit­to quel me­ri­to è cer­tez­za.

Si è chiu­so un ca­pi­to­lo scu­ro del­la tua car­rie­ra, tu che da tut­ti sei sem­pre sta­to ri­co­no­sciu­to co­me un tec­ni­co ca­pa­ce, vin­cen­te, tra­spa­ren­te, ge­nui­no, per al­cu­ni un pre­de­sti­na­to, co­me ti sen­ti?

“Mi so­no sem­pre com­por­ta­to one­sta­men­te nel­la vi­ta, pri­vi­le­gio la schiet­tez­za e la sin­ce­ri­tà. Per me è na­tu­ra­le, mi fa sta­re se­re­no, mi per­met­te di co­strui­re rap­por­ti uma­ni che van­no ol­tre il cal­cio”.

Quan­do si di­ce sen­tir­si con la co­scien­za a po­sto?

“Si, si­cu­ra­men­te. Per que­sto so­no mol­to se­re­no, per­ché so di aver la­vo­ra­to in ma­nie­ra one­sta e pu­li­ta. Ho sem­pre cer­ca­to di ri­sol­ve­re i pro­ble­mi con chia­rez­za”.

E di la­va­re i pan­ni spor­chi in fa­mi­glia?

“È l’edu­ca­zio­ne che mi han­no tra­smes­so i miei ge­ni­to­ri. Por­to den­tro que­sto va­lo­re sin da bam­bi­no, vi­vo lo spo­glia­to­io co­me una fa­mi­glia e den­tro quel­le quat­tro mu­ra de­vo­no ri­ma­ne­re i pro­ble­mi”.

365 gior­ni fa, il gior­no più bel­lo del­la tua car­rie­ra.

“La più gran­de emo­zio­ne spor­ti­va da allenatore. Pen­so di aver fat­to co­se im­por­tan­ti con l’Ur­be­te­ve­re, con l’Apri­lia e nel­la pri­ma espe­rien­za con il Po­me­zia. Pe­rò il ti­to­lo re­gio­na­le e lo Scu­det­to vin­ti sul cam­po al 90’ su­pe­ra­no tut­to. Quan­do so­no tri­ste, co­me è sta­to in que­sti me­si, ri­pen­so a quei mo­men­ti, ai miei ra­gaz­zi, co­me dei fi­gli. Lì ri­tro­vo il sor­ri­so”.

La Per­con­ti è una del­le real­tà più im­por­tan­ti a li­vel­lo na­zio­na­le, tu hai cen­tra­to ti­to­lo re­gio­na­le e Scu­det­to al pri­mo an­no. Quan­to è sta­to dif­fi­ci­le?

“A li­vel­lo di or­ga­niz­za­zio­ne, di strut­tu­ra, di staff è un club pro­fes­sio­ni­sti­co, sei nel­le con­di­zio­ni di la­vo­ra­re al mas­si­mo. Cre­do che quan­to fat­to lo scor­so an­no sia estre­ma­men­te dif­fi­ci­le. È di­ver­so ave­re tan­to tem­po per pro­get­ta­re e tra­smet­te­re la tua me­to­do­lo­gia, dal par­ti­re sa­pen­do di do­ver vin­ce­re no­ve me­si do­po. I me­ri­ti ci so­no per tut­ti, dal- la so­cie­tà ai gio­ca­to­ri, pe­rò pen­so che an­ch’io ho fat­to qual­co­sa di ve­ra­me­ne gran­de”.

La squa­dra sem­bra­va aver re­ce­pi­to pie­na­men­to la tua idea di cal­cio.

“L’ho sen­ti­ta estre­ma­men­te mia. Per un tec­ni­co ve­de­re i pro­pri in­se­gna­men­ti ap­pli­ca­ti sul cam­po è il mas­si­mo. Quan­do è co­sì for­te la sim­bio­si si crea un le­ga­me uni­co, ve­de­vo i ra­gaz­zi scen­de­re in cam­po con la mia de­ter­mi­na­zio­ne e i miei con­cet­ti. Nes­su­no co­me lo­ro mi ha dat­to tan­te sod­di­sfa­zio­ni”.

Ti man­ca­no?

“Beh si, an­che se li sen­to spes­so. Un rap­por­to spe­cia­le, co­sì co­me l’Apri­lia dei ‘95 e l’Ur­be­te­ve­re dei ‘93. Per me, so­prat­tut­to se par­li di gio­va­ni­li, l’aspet­to uma­no è fon­da­men­ta­le. Ho avu­to tan­ti gran­di al­le­na­to­ri, ma quel­li del set­to­re gio­va­ni­le han­no la pos­si­bi­li­tà di cam­biar­ti la per­so­na­li­tà”.

365 gior­ni do­po si­tua­zio­ne op­po­sta.

“Ho pas­sa­to 8 me­si di “ar­re­sti do­mi­ci­lia­ri” co­me di­co con go­liar­dia. So­no una per­so­na abi­tua­ta a sta­re den­tro al cam­po, to­glier­mi que­sto è il peg­gior tor­to che mi si pos­sa fa­re ed è quel­lo che mi è suc­ces­so in que­sta sta­gio­ne. Ora l’ho me­ta­bo­liz­za­ta, ma i pri­mi me­si so­no sta­ti dif­fi­ci­li, rin­gra­zio la mia fa­mi­glia, la mia com­pa­gna e gli ami­ci di sem­pre che mi so­no sta­ti vi­cin e che san­no che il cal­cio è il mio men­to di fe­li­ci­tà”.

Qua­le col­pa hai pa­ga­to? La si­tua­zio­ne non era co­sì di­sa­stro­sa...

“So­no sta­to con­tat­to po­chi gior­ni do­po lo Scu­det­to da per­so­ne con cui ave­vo già la­vo­ra­to al Real Po­me­zia, con cui ho un buon rap­por­to. Il pro­get­to era quel­lo di crea­re un giu­sto mix tra gio­va­ni da va­lo­riz­za­re e gran­di di buon li­vel­lo per un pro­get­to di cre­sci­ta e lun­gi­mi­ran­te, non vin­ce­re con un di­stac­co di ven­ti pun­ti”.

Co­sa è cam­bia­to?

“So­no un allenatore sen­za pro­cu­ra­to­re né spon­sor, va­do avan­ti per quel­lo che di­mo­stro, pen­sa­vo fos­se la scel­ta idea­le per il mio per­cor­so. Poi, a fi­ne ago­sto, al­tre per­so­ne che era­no in so­cie­tà han­no pre­so un po­te­re mag­gio­re ri­spet­to a quan­to mi era sta­to det­to e so­no cam­bia­te tan­te co­se”.

Pre­ci­sa­men­te?

“All’ini­zio del cam­pio­na­to la no­stra era una ro­sa in fa­se di co­stru­zio­ne. Ar­ri­va­va­no gio­ca­to­ri che man­da­vo in cam­po pra­ti­ca­men­te sen­za aver par­te­ci­pa­to agli al­le­na­men­ti. Do­po le pri­me quat­tro gior­na­te ave­vo già il fia­to sul col­lo, poi la squa­dra ha co­min­cia­to a in­gra­na­re e a fa­re ri­sul­ta­ti gra­zie al la­vo­ro. Tre suc­ces­si di fi­la, pri­ma del ko di Ar­ce. In cio­cia­ria ave­va­mo in cam­po 5 gran­di e 6 un­der. No­no­stan­te due uo­mi­ni in me­no per espul­sio­ne, ab­bia­mo per­so 3-2 all’ul­ti­mo su si­tua­zio­ne ro­cam­bo­le­sca”.

Poi il der­by.

“Si, ave­vo a di­spo­si­zio­ne 3 gran­di e 8 un­der, scon­fit­ti su ri­go­re al mi­nu­to 88. Il lu­ne­dì ero sol­le­va­to dall’in­ca­ri­co. In quel mo­men­to era­va­mo set­ti­mi, con una squa­dra mol­to di­ver­sa da quel­la che poi ha chiu­so il cam­pio­na­to. La mia sen­sa­zio­ne, for­te, è che le per­so­ne su­ben­tra­te vo­les­se­ro il mio al­lon­ta­na­men­to il pri­ma pos­si­bi­le”.

Al tuo po­sto Ga­gliar­duc­ci.

“Un tec­ni­co che sti­mo, che ha vin­to, il me­glio che c’era. La ve­ri­tà pe­rò è che per vin­ce­re ser­ve pro­gram­ma­zio­ne, al­la fi­ne il ri­sul­ta­to è sta­to un 8° po­sto, no­no­stan­te gli ac­qui­sti im­por­tan­ti fat­ti a di­cem­bre. Uno su tut­ti Cec­ca­rel­li, 12 gol in 14 par­ti­te”.

Nel cal­cio con­ta­no i nu­me­ri.

“Se il Po­me­zia aves­se cen­tra­to il 3° o il 4° po­sto mi sa­rei fat­to un esa­me di co­scien­za, al di là del fat­to che la mia squa­dra, ri­pe­to, non era la stes­sa. I nu­me­ri par­la­no chia­ro, nel cal­cio non si vin­ce sen­za pro­gram­ma­zio­ne”.

Che idea ti sei fat­to?

“Non mi in­te­res­sa­no le que­stio­ni in­ter­ne, di­co so­lo che ho sem­pre avu­to la sen­sa­zio­ne che al pri­mo pas­so fal­so sa­rei sta­to al­lon­ta­na­to, co­me poi si è ve­ri­fi­ca­to. Pur­trop­po è l’idea di cal­cio che è di­ver­sa, co­sì co­me le espe­rien­ze di vi­ta. So­no fie­ro del mio per­cor­so e del­le per­so­ne di cui mi cir­con­do”.

Se aves­si sa­pu­to pri­ma co­sa avre­sti fat­to?

“Non avrei mai fir­ma­to. È sta­ta un’espe­rien­za spia­ce­vo­le, mi è ca­pi­ta­to so­lo una vol­ta in 35 an­ni. An­che se aves­si ter­mi­na­to la sta­gio­ne sa­rei an­da­to via, il Po­me­zia non è l’am­bien­te per me, io vo­glio fa­re cal­cio in ma­nie­ra dif­fe­ren­te”.

Da una de­lu­sio­ne al­la più gran­de gio­ia del­la tua vi­ta, la na­sci­ta di tua fi­glia.

“Il mo­men­to di vuo­to cal­ci­sti­co mi ha per­mes­so di sta­re vi­ci­no al­la mia com­pa­gna e di vi­ve­re a tem­po pie­no l’espe­rien­za più emo­zio­nan­te che un es­se­re uma­no può vi­ve­re. L’ho ca­pi­to quan­do me l’han­no mes­sa in brac­cio... Nien­te egua­glia la bel­lez­za di di­ven­ta­re pa­dre”.

Ma si dor­me me­no quan­do hai un fi­glio pic­co­lo o pri­ma di una fi­na­le Scu­det­to?

“(sor­ri­de, ndr) So­no co­se di­ver­se, in co­mu­ne c’è so­lo il fat­to che non dor­mi. A pen­sar­ci do­po pe­rò è pia­ce­vo­le”.

Sei pron­to a ri­par­ti­re?

“Ho ri­ce­vu­to qual­che chia­ma­ta, sto cer­can­do una giu­sta so­lu­zio­ne che sia sod­di­sfa­cen­te per l’aspet­to la­vo­ra­ti­vo e che mi par­met­ta an­che di es­se­re pre­sen­te co­me pa­dre e com­pa­gno. An­co­ra non c’è la si­tua­zio­ne idea­le, che sia­no gran­di o sia set­to­re gio­va­ni­le, l’im­por­tan­te per me è tro­va­re l’am­bien­te adat­to. Cre­do di aver di­mo­stra­to di va­le­re qual­co­sa”.

L’idea più sti­mo­lan­te?

“Beh, al­le­na­re una pro­fes­sio­ni­sta, pen­so che po­trei me­ri­ta­re un’op­por­tu­ni­tà. Ci pen­so sem­pre, ol­tre all’Apri­lia non ho mai par­te­ci­pa­to ai tor­nei Na­zio­na­li. So­no sta­to un gio­ca­to­re del­la La­zio nel­le gio­va­ni­le e so­no an­che un ti­fo­so bian­co­ce­le­ste: mi pia­ce­reb­be tan­to ri­ce­ve­re una chia­ma­ta da lo­ro”.

An­che dal­la Ro­ma?

“Ci man­che­reb­be! Stia­mo par­lan­do di uno dei set­to­ri gio­va­ni­li più im­por­tan­ti d’Eu­ro­pa”.

Mi per­met­to di fa­re una con­si­de­ra­zio­ne per­so­na­le. Sem­bra che il mon­do del cal­cio fa­ti­chi a ri­co­no­sce­re il tuo va­lo­re, hai sem­pre do­vu­to fa­ti­ca­re tan­tis­si­mo per ot­te­ne­re. Un an­no fa eri cam­pio­ne d’Ita­lia, non sei stan­co?

“Mi va be­nis­si­mo lot­ta­re per ot­te­ne­re, so­no sem­pre sta­to uno che ha fa­me. Nel­la mia vi­ta non ho mai avu­to age­vo­la­zio­ni, ma ti as­si­cu­ro che quan­do as­sa­po­ri il gu­sto del­la vit­to­ria la sod­di­sfa­zio­ne non ha li­mi­ti. Per que­sto non mi spon­so­riz­zo, co­me fan­no tan­ti al­tri che so­no spes­so sui gior­na­li, in te­le­vi­sio­ne. Tor­no a par­la­re do­po 8 me­si, ma per chi co­no­sce il cal­cio par­la­no i miei quin­di­ci an­ni da allenatore. Vor­rei es­se­re cer­ca­to da chi cre­de in me e nel­le mie idee”.

Vuoi lan­cia­re un mes­sag­gio al mon­do del cal­cio?

“Ri­pe­to sem­pre a me stes­so e ai gio­ca­to­ri che al­le­no che l’umil­tà e la cul­tu­ra del la­vo­ro so­no la ba­se del suc­ces­so. Il mes­sa­gio che lan­cio è che dob­bia­mo da­re spa­zio agli uo­mi­ni di cam­po, a quel­li che han­no di­mo­stra­to il lo­ro va­lo­re an­che se non so­no me­dia­ti­ci. Cre­dia­mo ne­gli uo­mi­ni, cre­dia­mo in chi me­ri­ta e dia­mo­gli l’op­por­tu­ni­tà, per­ché se no fac­cia­mo il ma­le del cal­cio. In un cer­to sen­so va­do fie­ra­men­te con­tro­cor­ren­te, non mi pia­ce an­da­re a ve­de­re le par­ti­te dei col­le­ghi in dif­fi­col­tà, non mi pia­ce ar­ruf­fia­nar­mi ai pre­si­den­ti, non mi pia­ce sfo­gar­mi sui so­cial, non mi piac­cio­no mi­to­ma­ni ed ef­fet­ti spe­cia­li, mi piac­cio­no i fat­ti, il la­vo­ro e la real­tà, e che a par­la­re al­la fi­ne sia il cam­po”.

Persia, qui con il Po­me­zia nel mat­ch con­tro l’Apri­lia ©Lau­ra Del Gob­bo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.