“Tut­to il la­vo­ro par­te da qui Sta­zi il pun­to di ri­fe­ri­men­to, ma lo staff è di 15 per­so­ne”

Gazzetta Regionale - - I NOSTRI SPECIALI - Gab. Pia. ©RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

Una sfac­cet­ta­tu­ra fon­da­men­ta­le del mon­do Ur­be­te­ve­re è la ri­cer­ca dei ta­len­ti. Un fi­ne a cui ten­de­re che si tra­du­ce in un’in­da­gi­ne me­ti­co­lo­sa sul ter­ri­to­rio, da par­te del club gial­lo­blu. “Il la­vo­ro par­te dal ca­po scou­ting Mi­che­le Tor­to­ri­ci, che ope­ra al fian­co di Fa­bri­zio Sta­zi. Il pri­mo ad an­da­re a ve­de­re la par­ti­ta è pro­prio lui, il no­stro ds. Pa­ra­dos­sal­men­te è il ca­po a da­re la spin­ta: lui in un’ora è ca­pa­ce an­che di ve­de­re tre par­ti­te. Sud­di­vi­dia­mo le os­ser­va­zio­ni per ca­te­go­rie: in tut­to sa­ran­no una quin­di­ci­na di per­so­ne a muo­ver­si, in gra­do di co­pri­re, nel wee­kend, cir­ca 30/40 par­ti­te. Chi va a ve­de­re, na­tu­ral­men­te, co­no­sce be­ne la squa­dra di ri­fe­ri­men­to dell’Ur­be­te­ve­re. Qua­li ba­si ha, di co­sa può aver bi­so­gno. Se vie­ne sco­per­to poi un gio­ca­to­re da Ur­be, è chia­ro, lo si se­gna­la co­mun­que. Spes­so pe­rò si pun­ta al ruo­lo ne­ces­sa­rio. C’è per for­za di co­se una sog­get­ti­vi­tà nel giu­di­zio: è la na­tu­ra del cal­cio. Per que­sto al­la se­gna­la­zio­ne se­gue sem­pre la ve­ri­fi­ca di due o tre per­so­ne: Tor­to­ri­ci, Sta­zi, e lo stes­so allenatore, per esem­pio. Il cer­chio si chiu­de co­sì. Dif­fi­cil­men­te ven­go­no com­mes­si de­gli sba­gli. Se ve­dia­mo un pro­fi­lo in­te­res­san­te ma non suf­fi­cien­te­men­te pron­to, lo ap­pog­gia­mo ma­ga­ri ad al­tre so­cie­tà. L’im­por­tan­te è che la co­mu­ni­ca­zio­ne, la scel­ta, la me­to­do­lo­gia sia chia­ra. Quel­la è la no­stra prio­ri­tà”.

© Pao­lo Lo­ri

Sco­pri­to­re di ta­len­ti Fa­bri­zio Sta­zi, di­ret­to­re spor­ti­vo Ur­be­te­ve­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.