IL FU­TU­RO “Sia­mo ar­ri­va­ti al top, ora l’obiet­ti­vo de­ve es­se­re quel­lo di man­te­ner­si su que­sti li­vel­li”

Gazzetta Regionale - - I NOSTRI SPECIALI - Gab. Pia. ©RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

Qua­li pro­spet­ti­ve, qua­le fu­tu­ro può at­ten­de­re l’Ur­be­te­ve­re? So­lo il tem­po po­trà dir­lo. Va­le­rio Cicchetti ha co­mun­que una sua opi­nio­ne in me­ri­to. “Una vol­ta rag­giun­ti cer­ti stan­dard re­gre­di­re sa­reb­be dif­fi­ci­le. Mi au­gu­ro che l’Ur­be pos­sa in­gran­dir­si, ma­ga­ri co­sti­tuen­do un al­tro po­lo do­ve im­por­re la sua me­to­do­lo­gia. Ma­ga­ri po­trem­mo ri­nun­cia­re all’ago­ni­sti­ca, spe­cia­liz­zar­ci sul­la scuo­la cal­cio. Chis­sà. Non sa­prei. Pri­ma squa­dra? Non ci ab­bia­mo mai cre­du­to mol­to. Un ti­po di cal­cio che non amia­mo. Tan­ti sol­di in bal­lo, tem­po, li­ti­gi sui cam­pi... A noi pia­ce la­vo­ra­re sui ra­gaz­zi a cui puoi da­re tan­tis­si­mo e che non ti chie­do­no nien­te in cam­bio. Cre­scen­do le co­se cam­bia­no. Per noi dai di­ciot­to an­ni in giù è il cal­cio più bel­lo”. E se il fu­tu­ro più lon­ta­no è un’in­co­gni­ta im­per­scru­ta­bi­le, quel­lo più pros­si­mo già si può in­tra­ve­de­re. Per esem­pio, su co­sa pun­ta­re per per­fe­zio­na­re ul­te­rior­men­te i mec­ca­ni­smi in­ter­ni. “In que­sto mo­men­to sto­ri­co, se­con­do me, sia­mo ar­ri­va­ti al top. Non so se è mi­glio­ra­bi­le, si­cu­ra­men­te si può ri­pe­te­re, man­te­ner­si su cer­ti stan­dard. Tut­to è mi­glio­ra­bi­le nel tem­po, per ca­ri­tà. Dal pros­si­mo an­no po­trem­mo chie­de­re si­cu­ra­men­te di più dal­la scuo­la cal­cio. Se l’ago­ni­sti­ca fa ri­sul­ta­to è per­ché si è la­vo­ra­to be­ne sot­to. Que­sto è si­cu­ro”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.