“L’Atle­ti­co 2000 è in cre­sci­ta Man­ca so­lo l’ul­ti­mo step”

Il pre­si­den­te del club di via di Cen­to­cel­le a tut­to ton­do: dai ri­sul­ta­ti sta­gio­na­li, pas­san­do per il di­vor­zio dal­la Kick Off, fi­no agli obiet­ti­vi fu­tu­ri: “Ho uno staff fa­vo­lo­so che la­vo­ra per i ra­gaz­zi: so­no lo­ro la no­stra prio­ri­tà”

Gazzetta Regionale - - LE NOSTRE INTERVISTE - Die­go Cavaliere

Ales­sio Di Cur­zio ama lo sport, il cal­cio in par­ti­co­la­re. Lo ama con pas­sio­ne, quel­la au­ten­ti­ca. Lo ama co­sì tan­to che ne ha vo­lu­to fa­re il suo la­vo­ro, la sua vi­ta, met­ten­do la sua espe­rien­za al ser­vi­zio dei più gio­va­ni. Con i va­lo­ri, quel­li di una vol­ta, sem­pre ben pre­sen­ti in ogni sua de­ci­sio­ne: dal­la se­le­zio­ne dei suoi col­la­bo­ra­to­ri, scel­ti sem­pre in ba­se al­le do­ti uma­ne pri­ma che di­ri­gen­zia­li, agli in­se­gna­men­ti da tra­smet­te­re ai tes­se­ra­ti dell’Atle­ti­co 2000. Una gran­de fa­mi­glia con am­bi­zio­ni da gran­de club, co­me lui ci rac­con­ta in que­sta lun­ga chiac­chie­ra­ta du­ran­te la qua­le emer­go­no aspet­ti dav­ve­ro in­te­res­san­ti, che ci in­fon­do­no nuo­va fi­du­cia per il fu­tu­ro di que­sto mo­vi­men­to. Per­ché se i prin­cì­pi fos­se­ro sem­pre que­sti, quei prin­cì­pi del qua­le Di Cur­zio è sen­za dub­bio por­ta­to­re, tut­ti ne gio­ve­reb­be­ro. In par­ti­co­lar mo­do i più gio­va­ni, spes­so mes­si in se­con­do pia­no di fron­te al­la lo­gi­ca de­gli in­te­res­si e dei ri­sul­ta­ti.

Par­tia­mo dal fi­na­le di sta­gio­ne: la qua­li­fi­ca­zio­ne de­gli Al­lie­vi ai play off ha con­fer­ma­to co­me l’Atle­ti­co 2000 in que­sti ul­ti­mi due an­ni ab­bia par­zial­men­te col­ma­to il gap con le big del cal­cio gio­va­ni­le. Co­sa man­ca per ar­ri­va­re de­fi­ni­ti­va­ment a quel li­vel­lo?

“Ne­gli ul­ti­mi quat­tro, cin­que an­ni, con la Juniores e con gli Al­lie­vi sia­mo ar­ri­va­ti quat­tro vol­te al­le fi­na­li, ci man­ca so­la­men­te lo step per vin­ce­re un ti­to­lo. Ora stia­mo la­vo­ran­do per po­ter­ce­la gio­ca­re an­che con le fa­sce bas­se, ci pro­iet­te­reb­be nell’olim­po cal­cio la­zia­le”.

Co­me?

“Au­men­tan­do la qua­li­tà del­la scuola cal­cio. Da que­sto pun­to di vi­sta ab­bia­mo un po’ fa­ti­ca­to, an­che per col­pa mia. Ho una vi­sio­ne ro­man­ti­ca del­lo sport, per me chi è più bra­vo de­ve ca­ri­car­si gli al­tri sul­le spal­le ed aiu­tar­li a cre­sce­re per rag­giun­ge­re in­sie­me l’obiet­ti­vo. Pur­trop­po a Ro­ma que­sto non è un con­cet­to ben re­ce­pi­to dai ge­ni­to­ri e ha por­ta­to all’usci­ta dei ta­len­ti più bril­lan­ti che non han­no spo­sa­to la fi­lo­so­fia del­la so­cie­tà. Ne­gli ul­ti­mi an­ni stia­mo cer­can­do di ri­bal­ta­re que­sta si­tua­zio­ne dan­do la pos­si­bi­li­tà a chi ha ta­len­to di al­le­nar­si con chi pos­sie­de le stes­se do­ti, sen­za na­tu­ral­men­te tra­la­scia­re le esi­gen­ze di nes­sun bam­bi­no, an­che chi pra­ti­ca cal­cio so­lo per di­ver­ti­men­to. E de­vo di­re che que­sta scel­ta ci sta pre­mian­do, c’è me­no fu­ga di ra­gaz­zi”.

In que­sti ul­ti­mi an­ni le se­le­zio­ni ini­zia­no pro­prio da­gli Esor­dien­ti: non pen­si che que­sto ab­bia fat­to sì che an­che l’at­ti­vi­tà di ba­se sia un po’ esa- spe­ra­ta?

“Un po’ mi sem­bra ri­dut­ti­vo, di­rei che c’è mol­ta esa­spe­ra­zio­ne. Pe­rò so­no con­vin­to che si può fa­re cal­cio di qua­li­tà an­che sen­za di­sper­de­re l’aspet­to lu­di­co. L’im­por­tan­te è sce­glie­re be­ne le per­so­ne ed io pen­so di aver in­di­vi­dua­to in Mar­co D’Ales­san­dro quel­la giu­sta. Con i bam­bi­ni crea una sin­to­nia che dif­fi­cil­men­te ho ri­scon­tra­to in vi­ta mia. Poi pun­tan­do su­gli istrut­to­ri giu­sti, af­fi­dan­do­gli la fa­scia di età ido­nea Non tut­ti han­no le stes­se at­ti­tu­di­ni nell’in­se­gna­men­to. C’è chi è bra­vo con gli Esor­dien­ti, ma non po­treb­be mai in­se­gna­re cal­cio ad un Pic­co­lo Ami­co. E de­vo di­re che Mar­co, in­sie­me a Ta­ba­ret­ti che è un lus­so per una scuola cal­cio, sta la­vo­ran­do dav­ve­ro be­ne”.

La­vo­ra­re con Ta­ba­ret­ti pri­ma dell’ago­ni­sti­ca quan­to è im­por­tan­te per un bam­bi­no?

“Tan­tis­si­mo. Ta­ba­ret­ti è un re­ga­lo per i nostri ra­gaz­zi, fa­re un an­no con lui equi­va­le a far­ne tre con chiun­que al­tro. Per com­pren­de­re quan­to sia im­por­tan­te nel­la cre­sci­ta dei nostri gio­va­ni ba­sti pen­sa­re che ogni an­no, du­ran­te il gi­ro­ne di ri­tor­no, ci chie­do­no sem­pre se ab­bia­mo cam­bia­to i gio­ca­to­ri. Que­sto per­ché do­po ap­pe­na mez­za sta­gio­ne sot­to la sua gui­da mo­stra­no se­gni di mi­glio­ra­men­to dav­ve­ro sen­si­bi­li”.

Cal­cia­to­ri che mi­glio­ra­no e che ven­go­no con­tat­ta­ti dal­le al­tre so­cie­tà: co­me vi­vi que­sto mer­ca­to co­sì «in­ten­so» a li­vel­lo gio­va­ni­le nel pa­no­ra­ma ro­ma­no?

“È un fe­no­me­no im­pos­si­bi­le da evi­ta­re. C’è l’op­zio­ne di tor­na­re al vin­co­lo, ma non sa­reb­be giu­sto per i ra­gaz­zi. Pen­so che po­treb­be ac­ca­de­re so­la­men­te in un mon­do idea­le, con so­cie­tà obiet­ti­ve, con ge­ni­to­ri obiet­ti­vi. Con que­ste re­go­le è un fe­no­me­no non ar­gi­na­bi­le e mi può an­che sta­re be­ne, quel­lo che non mi pia­ce che si usa­no ar­mi non con­ven­zio­na­li per at­ti­ra­re i gio­va­ni e le lo­ro fa­mi­glie, in­cen­ti­vi che po­co han­no a che ve­de­re con il cal­cio di­let­tan­ti­sti­co. Per me la sfi­da do­vreb­be svi­lup­par­si su al­tri aspet­ti: la qua­li­tà de­gli istrut­to­ri, la se­rie­tà dei di­ri­gen­ti, l’am­bien­te sa­no del cen­tro spor­ti­vo. Ma­ga­ri so­no un po’ pre­sun­tuo­so, ma se que­sti fos­se­ro i pa­ra­me­tri, i cal­cia­to­ri più for­ti sa­reb­be­ro da noi (ri­de, ndr)”.

I ge­ni­to­ri so­no mol­to in­fluen­ti: mol­te vol­te so­no lo­ro a mon­tar­si la te­sta, più dei fi­gli. Co­me af­fron­ta­te que­sta pro­ble­ma­ti­ca?

“Ne­gli an­ni sia­mo riu­sci­ti ad in­stau­ra­re un buon rap­por­to con i ge­ni­to­ri. In­tan­to crean­do un ot­ti­mo fil­tro, i tec­ni­ci non han­no al­cun con­tat­to se non il sa­lu­to o col­lo­qui per mo­ti­vi di­sci­pli­na­ri. Que­sto con­sen­te agli al­le­na­to­ri di la­vo­ra­re con mag­gio­re se­re­ni­tà e so­prat­tut­to evi­tia­mo quel­le te­si com­plot­ti­sti­che as­sur­de, an­che per­ché per­so­nal­men­te non ho mai co­no­sciu­to qual­cu­no che sce­glie di schie­ra­re un ra­gaz­zo più de­bo­le per fa­re un di­spet­to ad un al­tro. Com­pren­do che es­se­re obiet­ti­vi con i pro­pri

fi­gli non è sem­pli­ce, la mia bam­bi­na per me è la più bra­va del mon­do. Pe­rò bi­so­gna ave­re la for­za di ri­spet­ta­re la de­ci­sio­ne del club. Se poi non ci si fi­da al­lo­ra è me­glio por­tar­lo via, ma se tut­ti, fa­mi­glia e so­cie­tà, re­ma­no dal­la stes­sa par­te è più sem­pli­ce in­se­gna­re ai ra­gaz­zi la giu­sta men­ta­li­tà, che poi è un fat­to­re im­pre­scin­di­bi­le per cre­sce­re sia a li­vel­lo uma­no, sia a li­vel­lo spor­ti­vo”.

An­che per­ché par­la­re di fa­vo­ri­ti­smi verso un com­pa­gno di squa­dre nei ra­gaz­zi crea un ali­bi: non gio­co non per­ché il mio com­pa­gno è più bra­vo, ma per­ché il mi­ster ce l’ha con me. E le per­so­na­li­tà spic­ca­te, in que­sto mo­do, so­no sem­pre di me­no.

“Sì è ve­ro, lo pen­so an­che io. La mia ge­ne­ra­zio­ne for­se è sta­ta l’ul­ti­ma che ha vis­su­ta per stra­da, ora è tut­to mol­to di­ver­so. Ci so­no più co­no­scen­ze, ma me­no espe­rien­za di vi­ta e tut­te que­ste giu­sti­fi­ca­zio­ni fan­no in mo­do che ci sia­no sem­pre me­no ra­gaz­zi pron­ti a pren­der­si del­le re­spon­sa­bi­li­tà, che poi so­no quel­le che ti fan­no cre­sce­re. C’è un li­bro mol­to bel­lo che si in­ti­to­la «Mam­ma se mi vuoi be­ne dim­mi di no»: lo con­si­glio a tut­ti i ge­ni­to­ri, è dav­ve­ro for­ma­ti­vo da que­sto pun­to di vi­sta”.

Quan­to è im­por­tan­te lo sport nel­la for­ma­zio­ne di un gio­va­ne al net­to dei tan­ti esem­pi ne­ga­ti­vi che pur­trop­po og­gi ne fan­no par­te?

“Per me ha un’im­por­tan­za che si av­vi­ci­na mol­to a quel­la dei ge­ni­to­ri, qua­si al­la pa­ri. Que­sto per­ché i tuoi com­pa­gni di­ven­ta­no a tut­ti gli ef­fet­ti una se­con­da fa­mi­glia. Quan­do pas­si quat­tro, cin­que po­me­rig­gi sem­pre con le stes­se per­so­ne di­ven­ta­no la tua vi­ta, la tua quo­ti­dia­ni­tà. L’ho vis­su­to sul­la mia pel­le: so­no na­to e cre­sciu­to al Trul­lo, qual­che ami­co ha pre­so una stra­da di­ver­sa dal­la mia e il cal­cio per me è sta­to un sal­va­gen­te. Al­le­nar­si co­stan­te­men­te, vi­ve­re in ma­nie­ra sa­na, ha fat­to in mo­do che og­gi io sia qui. Il ri­schio di per­der­si in una pe­ri­fe­ria di una gran­de cit­tà è al­tis­si­mo, è per que­sto che so­no mol­to gra­to al­lo sport”.

Qua­li so­no i va­lo­ri su cui pun­ta­te?

“Quan­do sce­glia­mo un col­la­bo­ra­to­re la pri­ma co­sa che chie­do agli al­tri di­ri­gen­ti è «se­con­do te è d’Atle­ti­co?». Que­sto per­ché cer­chia­mo per­so­ne che ab­bia­no vo­glia di non mol­la­re mai, che ri­spet­ta­no le re­go­le, sen­za ave­re at­teg­gia­men­ti so­pra le ri­ghe ma al­lo stes­so tem­po non si fan­no met­te­re i pie­di in te­sta. Per­so­ne che dan­no tut­to per quel­lo che fan­no. E so­prat­tut­to l’unio­ne di in­ten­ti: se un col­le­ga, o un com­pa­gno, è in dif­fi­col­tà va aiu­ta­to. La per­so­na­li­tà è im­por­tan­te an­che per ar­ri­va­re ai ri­sul­ta­ti”.

Ri­sul­ta­ti che spe­ra­va­te di rag­giun­ge­re gra­zie all’in­gres­so in so­cie­tà del­la Kick Off: un con­nu­bio già ter­mi­na­to. Co­sa non è an­da­to?

“Di­cia­mo che for­se ave­va­no sot­to­va­lu­ta­to la si­tua­zio­ne. Ge­sti­re una mac­chi­na con 50 col­la­bo­ra­to­ri e 800 ge­ni­to­ri non è fa­ci­le: i mon­di del­le pro­cu­re e del­le so­cie­tà spor­ti­ve so­no com­ple­ta­men­te di­ver­si, for­se è man­ca­ta un po’ di espe­rien­za. Si po­te­va fa­re me­glio, con un po’ di vo­glia e un po’ me­no di or­go­glio nel chie­de­re con­si­gli a chi af­fron­ta- va de­ter­mi­na­te pro­ble­ma­ti­che da an­ni. L’an­no co­mun­que è sta­to di­scre­to, a par­te la Juniores”.

Co­sa è suc­ces­so in que­sto ca­so?

“A mio mo­do di ve­de­re so­no sta­te fat­te scel­te qua­si scel­le­ra­te. Il grup­po, che di par­ten­za era dav­ve­ro com­pe­ti­ti­vo e po­te­va com­pe­te­re per il ti­to­lo, è sta­to smem­bra­to, for­se per un piz­zi­co di pre­sun­zio­ne. Pec­ca­to, ma ne uscia­mo co­mun­que for­ti­fi­ca­ti”.

Sei un im­pren­di­to­re spor­ti­vo che guar­da ol­tre il cal­cio. L’Atle­ti­co 2000 ospi­ta tan­tis­si­me ini­zia­ti­ve, pen­sia­mo al­la Le­ga Cal­cio a 8 per dir­ne una: co­me si fa a por­ta­re avan­ti co­sì tan­ti pro­get­ti con la do­vu­ta qua­li­tà?

“In­tan­to so­no fon­da­men­ta­li i col­la­bo­ra­to­ri che uno sce­glie. Da so­lo non po­trei fa­re tut­to, quin­di bi­so­gna cir­con­dar­si di per­so­ne va­li­de, com­pe­ten­ti e di fi­du­cia. Poi ser­ve la pas­sio­ne. È que­sta la chia­ve: per­ché se hai pas­sio­ne la tra­smet­ti e, so­prat­tut­to, la ri­co­no­sci an­che ne­gli al­tri po­ten­do co­sì sce­glie­re le per­so­ne giu­ste”.

E tu le hai in­di­vi­dua­te: il vo­stro è un’or­ga­ni­gram­ma con ben tre di­ret­to­ri spor­ti­vi. Per­ché que­sta scel­ta?

“Per­ché ab­bia­mo com­pre­so che an­che da que­sto pun­to di vi­sta ognu­no ha del­le pe­cu­lia­ri­tà. Mar­ti­nel­li è abi­lis­si­mo nel co­strui­re pri­ma squadra e Juniores e ci ha por­ta­to su un nuo­vo pal­co­sce­ni­co, quel­lo del­la Promozione. So­no con­vin­to che ci di­ver­ti­re­mo an­che il pros­si­mo an­no. Riu­sci­re a rag­giun­ge­re l’Ec­cel­len­za in fu­tu­ro, che at­tual­men­te rap­pre­sen­ta la no­stra mas­si­ma di­men­sio­ne, ci ga­ran­ti­reb­be di po­ter of­fri­re un fu­tu­ro cal­ci­sti­co ai nostri ra­gaz­zi. Da­nie­le Pla­ci­do è il top con le fa­sce dai 14 ai 16 an­ni, è un ra­gaz­zo mol­to gio­va­ne ma con gran­di ca­pa­ci­tà e le fi­na­li Al­lie­vi cen­tra­te con la gui­da di Va­le­rio ne so­no la con­fer­ma. In­fi­ne Da­nie­le Lau­re­ti, fan­ta­sti­co nel cu­ra­re il pas­sag­gio dal­la scuola cal­cio all’ago­ni­sti­ca, il suo è un ruo­lo fon­da­men­ta­le. Sen­za di­men­ti­ca­re Fla­vio Mo­scet­ti, il no­stro di­ret­to­re ge­ne­ra­le: sem­pre pron­to d da­re una ma­no a chiun­que, con lui rag­giun­ge­re­no gran­di ri­sul­ta­ti. So­no col­la­bo­ra­to­ri ec­ce­zio­na­li, ge­ne­ro­si, che la­vo­ra­no nell’in­te­res­se dei ra­gaz­zi e che mi per­met­to­no di por­ta­re avan­ti nel mi­glio­re dei mo­di tut­ta l’at­ti­vi­tà”.

In que­sti an­ni ave­te me­sco­la­to mol­to le car­te: c’è qual­che per­so­na che non fa più par­te del mon­do Atle­ti­co e che ti è ri­ma­sta nel cuo­re?

“In­dub­bia­men­te Mas­si­mo Ren­zi. Ha co­strui­to que­sta so­cie­tà in­sie­me a me, mi ha in­se­gna­to tan­tis­si­mo e per co­me la ve­do io fa an­co­ra par­te dell’Atle­ti­co. Mi emo­zio­no an­che so­lo a par­lar­ne, per lui le por­te so­no sem­pre aper­te. Quan­do vor­rà...”.

Pre­si­den­te dell’Atle­ti­co da ot­to sta­gio­ni: sei do­ve ave­vi spe­ra­to di es­se­re all’ini­zio di que­sta av­ven­tu­ra?

“A dir­ti la ve­ri­tà spe­ra­vo di aver vin­to al­me­no un ti­to­lo, ma non pos­so non es­se­re sod­di­sfat­to. Tor­nan­do a Mas­si­mo Ren­zi quan­do ab­bia­mo pre­so que­sta so­cie­tà c’era­no due Re­gio­na­li e tut­ti Pro­vin­cia­li. Ab­bia­mo pre­so tut­te le Eli­te in sei an­ni, ab­bia­mo mi­glio­ra­to l’im­pian­ti­sti­ca, ci sia­mo qua­li­fi­ca­ti al­le fi­na­li con la Juniores vin­cen­do il gi­ro­ne. L’im­por­tan­te è con­ti­nua­re a cen­tra­re i playoff, pri­ma o poi il ti­to­lo ar­ri­ve­rà. Ne so­no con­vin­to. An­che se più pas­sa­no gli an­ni più è dif­fi­ci­le per­ché le so­cie­tà che stan­no la­vo­ran­do be­ne so­no sem­pre di più e que­sto qua­dran­te in par­ti­co­la­re è dav­ve­ro com­pe­ti­ti­vo. Le più for­ti so­no qua­si tut­te qui, sen­za di­men­ti­ca­re che l’ul­ti­mo pez­zet­to da sca­la­re è sem­pre quel­lo più dif­fi­ci­le”.

E tra ot­to sta­gio­ni? Do­ve im­ma­gi­ni l’Atle­ti­co 2000?

“In­tan­to spe­ria­mo sem­pre qua, nel sen­so di ubi­ca­zio­ne: con i ter­re­ni, il de­ma­nio, il Co­mu­ne, è sem­pre un’in­co­gni­ta (di­chia­ra sor­ri­den­do, ndr). Bat­tu­te a par­te, co­me qua­li­tà uma­na mi au­gu­ro che sa­re­mo an­co­ra gli stes­si. Spe­ro di es­se­re in pian­ta sta­bi­le nel­le pri­me po­si­zio­ni di tut­ti i cam­pio­na­ti, ma sen­za per­de­re la no­stra fi­lo­so­fia, sen­za scen­de­re a com­pro­mes­si e sen­za for­za­re trop­po la ma­no nei con­fron­ti dei cal­cia­to­ri con il­lu­sio­ni e rim­bor­si ec­ces­si­vi. In­fi­ne spe­ro che il Pe­ru­gia sia in Se­rie A, que­sti play off ini­zia­no a star­ci un po’ an­ti­pa­ti­ci. Il mio ami­co Mas­si­mi­lia­no San­to­pa­dre ci sta met­ten­do ani­ma e cuo­re, me­ri­te­reb­be que­sta sod­di­sfa­zio­ne”.

Ales­sio Di Cur­zio © Gaz­zet­ta Re­gio­na­le

Ales­sio Di Cur­zio © Gaz­zet­ta Re­gio­na­le

Da 8 an­ni pre­si­den­te dell’Atle­ti­co 2000

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.