GIAN­LU­CA LILLO

“Un an­no im­por­tan­te Mi sen­to pron­to per una nuo­va espe­rien­za” Os­ser­va­to­re, tec­ni­co e so­cio fon­da­to­re del­la CSS Ti­vo­li “Pas­sio­ne e or­ga­niz­za­zio­ne al­la ba­se del mio per­cor­so”

Gazzetta Regionale - - LE NOSTRE INTERVISTE - Ric­car­do Ma­nai

Gian­lu­ca Lillo è pron­to. Do­po un an­no in cui è sta­to gli oc­chi del­la Vir­tus En­tel­la sul cal­cio la­zia­le, il tec­ni­co è an­sio­so di tor­na­re in pan­chi­na. Una car­rie­ra vis­su­ta di cor­sa per lui che non ha mai smes­so di rin­cor­re­re quel pal­lo­ne che è par­te in­dis­so­lu­bi­le del­la sua vi­ta. Da gio­ca­to­re pri­ma e tec­ni­co poi, pas­san­do an­che per espe­rien­ze co­me qua­li la fon­da­zio­ne del­la CSS Ti­vo­li e del ruo­lo di os­ser­va­to­re per il club li­gu­re, Lillo non ha mai per­so quel­la pas­sio­ne e quel fuo­co che ora è pron­to a ri­met­te­re in cam­po.

Al­lo­ra Gian­lu­ca, par­tia­mo dal­la fine. L’ul­ti­mo che an­no è sta­to per te?

“E’ sta­to im­por­tan­te, un’espe­rien­za nuo­va ma co­mun­que en­tu­sia­sman­te”.

Sei sta­to l’os­ser­va­to­re del­la Vir­tus En­tel­la nel La­zio. Co­me ti sei tro­va­to?

“Ho avu­to la re­spon­sa­bi­li­tà di cer­ca­re gio­ca­to­ri per la Pri­ma­ve­ra e la Pri­ma Squadra. Mi è sta­ta un’op­por­tu­ni­tà fan­ta­sti­ca e per que­sto rin­gra­zio Da­nie­le Ros­so, il re­spon­sa­bi­le del­lo scou­ting. Fa­re l’os­ser­va­to­re è di­ver­so ma mi ha per­mes­so di cre­sce­re ul­te­rior­men­te, an­che co­me al­le­na­to­re...”.

Os­ser­va­to­re, al­le­na­to­re, so­cio fon­da­to­re del­la CSS Ti­vo­li. Gian­lu­ca Lillo sem­bra uno in gra­do di fa­re cal­cio a 360°

“Die­tro que­sta ca­pa­ci­tà c’è tan­ta pas­sio­ne e amo­re per que­sto sport. Il cal­cio è tut­ta la mia vi­ta. A vol­te ca­pi­ta che mi chie­da­no co­me sia pos­si­bi­le riu­sci­re a fa­re tan­te co­se di­ver­se, ri­spon­do che è pos­si­bi­le far­lo, e be­ne, gra­zie al­la tan­ta pas­sio­ne e all’or­ga­niz­za­zio­ne che ho”.

Il ve­ro amo­re pe­rò c’è so­lo per la “pan­chi­na”, o sba­glio?

“Sa­rei un bu­giar­do se di­ces­si il con­tra­rio. Mi man­ca sta­re in cam­po, l’adre­na­li­na del­la ga­ra ma so­no an­sio­so di tor­na­re”.

Quel­lo dell’al­le­na­to­re è un ruo­lo com­pli­ca­to e che ognu­no in­ter­pre­ta a mo­do suo. Qual è l’iden­ti­kit del tec­ni­co per­fet­to?

“Per me un al­le­na­to­re com­ple­to de­ve ave­re tre qua­li­tà: pas­sio­ne, per tra­smet­ter­la ai gio­ca­to­ri, sa­per in­se­gna­re per far as­si­mi­la­re ai ra­gaz­zi le sue idee e de­ve es­se­re uno psi­co­lo­go. Chi è bra­vo so­lo in cam­po non ar­ri­va lon­ta­no per­chè ogni ra­gaz­zo va ge­sti­to in ma­nie­ra di­ver­sa”.

Un bel ca­ri­co di la­vo­ro.

“Sai co­sa di­co ai miei al­le­na­to­ri al­la CSS Ti­vo­li? ‘Se non tor­na­te a ca­sa esau­sti vuol di­re che non ave­te al­le­na­to’. Io ar­ri­vo a ca­sa di­strut­to per­chè do tut­to cer­can­do di ri­por­ta­re sul cam­po quel­la stes­sa vo­glia che, quan­do fa­ce­vo il gio­ca­to­re, mi ha per­mes­so di emer­ge­re.”

Tu hai avu­to la for­tu­na di co­no­sce­re il mon­do dei pro­fes­sio­ni­sti. Per quan­to ri­guar­da il set­to­re gio­va­ni­le c’è tan­ta dif­fe­ren­za ri­spet­to ai di­let­tan­ti?

“A li­vel­lo di or­ga­niz­za­zio­ne, i top club nei di­let­tan­ti non han­no nien­te da in­vi­dia­re al­le so­cie­tà pro­fes­sio­ni­ste. In que­ste ul­ti­me sai di con­ta­re su un grup­po di 25 gio­ca­to­ri tut­ti pron­ti e pre­di­spo­sti per ar­ri­va­re ai mas­si­mi li­vel­li. Nei di­let­tan­ti, in­ve­ce, c’è ma­ga­ri qual­cu­no che ha già qua­li­tà ma che non è an­co­ra pro­fes­sio­ni­sta nel­la te­sta. Qui si ve­de la bra­vu­ra del tec­ni­co che de­ve va­lo­riz­za­re tut­ti i gio­ca­to­ri di cui di­spo­ne”.

Di gio­va­ni te ne hai va­lo­riz­za­ti tan­ti. Co­me si ac­com­pa­gna un ra­gaz­zo si­no al sal­to nei prof?

“Per tan­ti al­le­na­to­ri o so­cie­tà, l’obiet­ti­vo è quel­lo di vin­ce­re. Per me pe­rò va­le la teo­ria che la vit­to­ria ar­ri­va at­tra­ver­so la va­lo­riz­za­zio­ne dei sin­go­li. Va­lo­riz­zar­li si­gni­fi­ca far­li cre­sce­re, per­chè se si la­vo­ra so­lo per il ri­sul­ta­to, non co­struen­do­li tat­ti­ca­men­te e tec­ni­ca­men­te, nel mo­men­to del­la scon­fit­ta non sai poi da do­ve ri­par­ti­re. Per que­sto ne­gli an­ni ho svi­lup­pa­to e per­so­na­liz­za­to un me­to­do di la­vo­ro per­so­na­liz­za­to con del­le eser­ci­ta­zio­ni com­bi­na­te a quel­la che è la par­ti­ta. Noi al­le­na­to­ri ab­bia­mo cir­ca 5 ore di tem­po a set­ti­ma­na da de­di­ca­re ai ra­gaz­zi, se si la­vo­ro per step, su ogni fa­se a sé stan­te, è dif­fi­ci­le crea­re la giu­sta so­li­di­tà di squadra. Ec­co per­chè nel­la stes­sa eser­ci­ta­zio­ne ri­crea­vo 3-4 fa­si del­la par­ti­ta”.

Il tuo per­cor­so nel set­to­re gio­va­ni­le è sta­to im­por­tan­te. Hai mai pen­sa­to pe­rò di met­ter­ti al­la pro­va con una pri­ma squadra?

“Quan­do ho smes­so di gio­ca­re po­te­vo già pren­de­re in ma­no una pri­ma squadra, ma ho pre­fe­ri­to fa­re un per­cor­so gra­dua­le, par­ten­do dal set­to­re gio­va­ni­le. Ora so­no pron­to per tor­na­re ad al­le­na­re an­che una pri­ma squadra ma, so­no sin­ce­ro, mi ve­do in un con­te­sto di Se­rie D”.

Co­me mai pro­prio la Se­rie D?

“Non che le al­tre ca­te­go­rie non va­da­no be­ne, ma vo­glio al­le­na­re gio­ca­to­ri e pro­get­tua­li­tà pron­ti ad ac­co­glie­re uno che, co­me me, vuo­le la­vo­ra­re da pro­fes­sio­ni­sta. Il pro­ble­ma è che non sem­pre si da il giu­sto spa­zio ai gio­va­ni”.

Cioè?

“Di­co so­lo che non tut­ti la­scia­no ai gio­va­ni l’op­por­tu­ni­tà di di­mo­stra­re quan­to val­go­no. Il Mon­te­ro­si con D’An­to­ni l’ha fat­to e i ri­sul­ta­ti gli han­no da­to ra­gio­ne pe­rò mi pia­ce­reb­be ve­de­re an­che al­tri esem­pi”.

Lar­go ai gio­va­ni dun­que?

“Co­me si fa scou­ting per i gio­ca­to­ri si po­treb­be fa­re an­che con gli al­le­na­to­ri. Ci so­no tan­ti tec­ni­ci bra­vi an­che nei di­let­tan­ti. Mi ven­go­no in men­te Bel­li­na­ti, Mic­cio, Bar­to­li o Per­sia. Tut­ti gio­va­ni e che po­treb­be­ro da­re mol­to an­che nei pro­fes­sio­ni­sti”.

L’ul­ti­ma do­man­da è sul fu­tu­ro. Pron­to a tor­na­re in cam­po?

“Pron­tis­si­mo. Ho tan­ta vo­glia di ri­met­ter­mi in ca­reg­gia­ta e di al­le­na­re una pri­ma squadra co­sì co­me nei pro­fes­sio­ni­sti. Que­sta pau­sa di un an­no mi è ser­vi­ta a cre­sce­re co­me al­le­na­to­re e ora ho più ca­ri­ca di pri­ma”.

Gian­lu­ca Lillo Il tec­ni­co ex Fro­si­no­ne e Ur­be­te­ve­re si rac­con­ta in una lun­ga in­ter­vi­sta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.