Tra cin­que gior­ni ini­zia la vo­la­ta per il Tri­co­lo­re

Mic­cio: “Dob­bia­mo ge­sti­re le emo­zio­ni” Bar­ba: “Con­sa­pe­vo­li del­la no­stra for­za”

Gazzetta Regionale - - DA PRIMA PAGINA - Si­mo­ne Sci­bet­ta

Quan­do rea­liz­zo un’in­ter­vi­sta in­se­guo uno sco­po ben pre­ci­so: rac­con­ta­re la de­scri­zio­ne di un at­ti­mo. Sì, co­me il ti­to­lo di quel­la fa­mo­sa can­zo­ne. L’obiet­ti­vo è quel­lo di de­scri­ve­re una per­so­na at­tra­ver­so un sin­go­lo istan­te, un epi­so­dio, un qual­co­sa di em­ble­ma­ti­co che da so­lo rias­su­ma l’es­sen­za del per­so­nag­gio in que­stio­ne. Co­me un qua­dro, co­me l’ar­te. Non è fa­ci­le, ma ho vo­lu­to fa­re que­sto ten­ta­ti­vo con Lui­gi Mic­cio, tec­ni­co del­la Vi­gor Per­con­ti. La com­pa­gi­ne ca­pi­to­li­na tra una set­ti­ma­na ini­zie­rà la sua av­ven­tu­ra al­la Final Six di Ce­se­na, l’ul­ti­mo ap­pun­ta­men­to del­la cor­sa Scu­det­to. Più che del cam­po, dei ri­sul­ta­ti, ho de­ci­so di rac­con­tar­vi que­sti ra­gaz­zi. Chi so­no? Co­sa han­no da­to que­st’an­no? Ce l’ha rac­con­ta­to pro­prio lui, Mic­cio, il con­dot­tie­ro dei blua­gra­na.

Gi­gi, mi ser­ve tan­to ma­te­ria­le per cui que­sta sa­rà un’in­ter­vi­sta lun­ga. Sei pron­to?

“Si­mo­ne, sai co­sa mi di­co­no spes­so i ra­gaz­zi du­ran­te gli al­le­na­men­ti? ‘Mi­ster, ta­glia ti pre­go (fa il ge­sto del­le for­bi­ci e ri­de, ndr), par­li trop­po’. So­no una per­so­na

che ar­go­men­ta mol­to, quin­di non do­vre­sti ave­re pro­ble­mi di que­sto ti­po”.

Que­sto è lo spi­ri­to giu­sto! Al­lo­ra pri­ma di par­la­re dei tuoi ra­gaz­zi, ti chie­do su­bi­to un tuo giu­di­zio sul gi­ron­ci­no del­la Final Six.

“Non vo­glio ca­de­re in di­scor­si tri­ti e ri­tri­ti per cui non ti di­rò che sa­rà du­ra, ar­ri­va­ti a que­sto pun­to è nor­ma­le che sia co­sì. Que­sta fa­se fi­na­le pe­rò ha da­to l’en­ne­si­ma con­fer­ma che le ge­rar­chie in al­cu­ne re­gio­ni so­no cam­bia­te”.

Spie­ga­ti me­glio.

“La Re­na­to Cu­ri, ad esem­pio, è tor­na­ta al­la ri­bal­ta do­po un pe­rio­do non fa­ci­le. Per cui af­fron­te­re­mo una squadra che ha vo­glia di rias­se­star­si ai li­vel­li che le com­pe­to­no. Al con­tra­rio, c’è una San Mi­che­le Cat­to­li­ca Vir­tus che ha gran­de fa­me di vit­to­ria e un pro­get­to mol­to in­te­res­san­te. Ba­sti pen­sa­re che so­no l’uni­ca so­cie­tà ad aver por­ta­to Al­lie­vi e Gio­va­nis­si­mi al­la Final Six. Un’im­pre­sa no­te­vo­le”.

E poi c’è la Vi­gor Per­con­ti.

“I ri­sul­ta­ti par­la­no per noi. Ne­gli ul­ti­mi due an­ni ab­bia­mo por­ta­to a Ce­se­na pri­ma i Gio­va­nis­si­mi e poi gli Al­lie­vi, per cui cre­do che ci sia­mo me­ri­ta­ti la lea­der­ship del­la no­stra re­gio­ne”.

Esclu­sa qual­che in­for­ma­zio­ne qua e là è mol­to com­pli­ca­to sa­pe­re qua­le av­ver­sa­rio ti tro­ve­rai di fron­te. In que­st’ot­ti­ca quan­to è im­por­tan­te po­ter ve­de­re l’esor­dio tra Re­na­to Cu­ri e Cat­to­li­ca in tri­bu­na?

“Con­ta tan­to, non lo ne­go. Os­ser­va­re i ri­va­li, ca­pir­ne le pe­cu­lia­ri­tà, è si­cu­ra­men­te una co­sa po­si­ti­va. Pe­rò la­scia­mi di­re che al di là dell’av­ver­sa­rio, di­pen­de tut­to da noi. Ne­gli ul­ti­mi due an­ni, pri­ma con No­ce­ri­na e poi con Vi­gor Per­con­ti 2001, ho sem­pre per­so la pri­ma par­ti­ta e poi vin­to la se­con­da: in en­tram­be le cir­co­stan­ze pe­rò non so­no riu­sci­to a cen­tra­re la fi­na­le”.

Non per­de­re all’esor­dio è fon­da­men­ta­le.

“As­so­lu­ta­men­te sì. In que­sto sen­so sa­rà di vi­ta­le im­por­tan­za ge­sti­re le emo­zio­ni. D’al­tron­de non ca­pi­ta a tut­ti di par­te­ci­pa­re al­la Final Six, tut­ta­via l’emo­ti­vi­tà a vol­te gio­ca brut­ti scher­zi. Sto la­vo­ran­do mol­to con i ra­gaz­zi da que­sto pun­to di vi­sta”.

Det­to que­sto, di­rei di co­min­cia­re il no­stro tour all’in­ter­no del tuo grup­po. Par­tia­mo dal­la te­go­la dell’ul­ti­ma ora. Oli­va è sta­to squa­li­fi­ca­to per tre gior­na­te e di fat­to sal­te­rà tut­ta la fa­se fi­na­le.

“Mi di­spia­ce ve­ra­men­te tan­tis­si­mo. Per il ra­gaz­zo, che non po­trà vi­ve­re in cam­po que­sta espe­rien­za, e per la squadra, per­ché per­de una pe­di­na im­por­tan­te. Mat­tia è un lea­der, quan­do la par­ti­ta è mol­to ti­ra­ta lui rie­sce sem­pre a da­re quel qual­co­sa in più. So­no ve­ra­men­te di­spia­ciu­to per lui”.

La tua di­fe­sa pe­rò ri­ma­ne co­mun­que una ga­ran­zia. Co­min­cian­do da Mar­ti­ni, por­tie­re che non sta af­fat­to fa­cen­do rim­pia­ge­re No­li.

“Qui de­vo fa­re i com­pli­men­ti al ra­gaz­zo. Sa­pe­va­mo del­le po­ten­zia­li­tà di Mar­ti­ni, ma al tem­po stes­so an­che del­la ne­ces­si­tà di mo­del­lar­le. No­li, che è cre­sciu­to al­la Per­con­ti, ave­va già de­ter­mi­na­ti con­cet­ti per cui a ini­zio sta­gio­ne ab­bia­mo pun­ta­to su di lui. Con il pas­sa­re del­le gior­na­te, Mar­ti­ni è cre­sciu­to tan­tis­si­mo e ades­so ho due por­tie­re del­lo stes­so li­vel­lo”.

Co­la­cic­chi, Ia­cob, Fa­so­lo, Del Vec­chio. Di­fen­so­ri di gran­de ta­len­to, ma for­se la cre­sci­ta più im­por­tan­te l’ho vi­sta in Vir­dis. Che mi di­ci di lui?

“Ti rac­con­to un aned­do­to: Vir­dis ve­ni­va uti­liz­za­to co­me at­tac­can­te la­te­ra­le,

a vol­te pri­ma pun­ta. Ve­den­do­lo con il mio staff pe­rò ave­va­mo in­tra­vi­sto in lui dei mez­zi tec­ni­ci che po­te­va­no es­se­re va­lo­riz­za­ti co­me ester­no bas­so. Glie­lo dis­si, ma lui non fu con­vin­to, tan­to che mi co­mu­ni­cò la de­ci­sio­ne di an­da­re via”.

Co­sa gli hai det­to per far­lo ri­ma­ne­re?

“Cre­de­vo mol­to in lui. Io, i di­ret­to­ri ed il mio staff glie­lo ab­bia­mo fat­to ca­pi­re e si è mes­so a di­spo­si­zio­ne co­me un ve­ro pro­fes­sio­ni­sta. Ve­den­do che gio­ca­to­re sta di­ven­tan­do, di­rei che ab­bia­mo fat­to be­ne...”.

Ca­pi­to­lo cen­tro­cam­po: ti co­mu­ni­co il mio amo­re per Pa­ri­si, un ta­len­to cri­stal­li­no; in­sie­me a Sho­ti e Pan­ta­no for­ma­no un tri­den­te im­por­tan­te. Pec­ca­to l’as­sen­za di Ma­don­na!

“Quel­la di Fa­bia­no (Pa­ri­si, ndr) è una bel­la fa­vo­la. Lui vie­ne da un pae­se vi­ci­no Avel­li­no e quan­do lo ve­dem­mo nel pro­vi­no qui al­la Vi­gor Per­con­ti sia­mo ri­ma­sti scon­cer­ta­ti. Era sem­pli­ce­men­te trop­po più for­te ri­spet­to al­la me­dia. Io ci ho la­vo­ra­to, è ve­ro, ma lui è sem­pre sta­to un ta­len­to nel ve­ro sen­so del­la pa­ro­la. Pan­ta­no è un gio­ca­to­re fon­da­men­ta­le per noi, stes­so di­scor­so per Sho­ti. Su Emi­lia­no (Sho­ti, ndr) pe­rò non ca­pi­sco per­chè non ci sia qual­che squadra pro­fes­sio­ni­sta. A mio pa­re­re è la mez­za­la 2001 più for­te del­la re­gio­ne. Ma­don­na spe­ria­mo di re­cu­pe­rar­lo, è un ra­gaz­zo im­por­tan­tis­si­mo per tut­to il grup­po”.

L’at­tac­co è il fio­re all’oc­chiel­lo del­la squadra. Ko­ne or­mai lo co­no­scia­mo tut­ti, Fra­ti­ni è un gio­ca­to­re tan­to bra­vo quan­to sot­to­va­lu­ta­to e c’è un Tim­pe­ri che si di­vi­de tra at­tac­co e cen­tro­cam­po. Bom­ber Gui­da­rel­li, Hin­ton e Ma­si­ni com­ple­ta­no il re­par­to.

“Mi tro­vi as­so­lu­ta­men­te d’ac­cor­do su Fra­ti­ni. Lui è in­di­spen­sa­bi­le per noi. Do­po il tra­sfe­ri­men­to di Spa­ta­ra è di­ven­ta­to su­bi­to ca­pi­ta­no per­ché ol­tre ad es­se­re un gran­de gio­ca­to­re è un bra­vis­si­mo ra­gaz­zo. Di Ko­ne mi stu­pi­sce il suo spi­ri­to di sa­cri­fi­cio. Cre­di­mi, non è da tut­ti. Ha del­le gran­dis­si­me po­ten­zia­li­tà. Tim­pe­ri ci dà gran­de equi­li­brio, fa un la­vo­ro im­por­tan­te poi­ché è in gra­do an­che di gio­ca­re a cen­tro­cam­po. Di Gui­da­rel­li, che di­re. Se sia­mo al­la Final Six, par­te del me­ri­to è suo, sen­za dub­bio. Il re­par­to of­fen­si­vo of­fre tan­tis­si­me so­lu­zio­ni: in que­sto sen­so Hin­ton e Ma­si­ni pos­so­no es­se­re de­ci­si­vi in qual­sia­si mo­men­to”.

C’è un epi­so­dio che ti por­ti nel cuo­re?

“Non ti di­rò le cop­pe, i ti­to­li. So­no emo­zio­ni for­ti, si­cu­ra­men­te, ma quel­lo che mi ri­mar­rà di que­sta espe­rien­za è il va­lo­re uma­no di que­sti ra­gaz­zi. Vir­dis, ad esem­pio, ad ogni al­le­na­men­to, vie­ne da me, mi sa­lu­ta e mi ab­brac­cia. Può sem­bra­re stu­pi­do, ma so­no ge­sti che ti riem­pio­no il cuo­re. Stes­so di­scor­so per Fra­ti­ni...”.

Che com­bi­na il Ca­pi­ta­no?

“(ri­de, ndr) Fa quel­lo che per mol­ti può sem­bra­re scon­ta­to, ma nel no­stro am­bien­te fi­da­ti che è una co­sa ra­ra. Ogni vol­ta che ci ve­dia­mo mi di­ce: «mi­ster, co­me stai?» Io in quei mo­men­ti mi sen­to l’al­le­na­to­re più fe­li­ce del mon­do”.

Ab­bia­mo tro­va­to quel­lo che sta­va­mo cer­can­do: la vo­ce spez­za­ta dall’emo­zio­ne di Lui­gi Mic­cio per un “co­me stai?” è la no­stra de­scri­zio­ne di un at­ti­mo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.