“Ca­ri ra­gaz­zi, que­sta è una car­rie­ra du­ris­si­ma: stu­dia­te e di­ven­ta­te uo­mi­ni. Il cal­cio ita­lia­no tor­ne­rà gran­de”

In vi­si­ta all’Ho­ney Soc­cer Ci­ty, il tec­ni­co ar­te­fi­ce di una del­le più gran­di imprese spor­ti­ve di tut­ti i tem­pi si rac­con­ta a Gaz­zet­ta Re­gio­na­le: dal­le Aca­de­my spa­gno­le al­le squa­dre B, dai ma­xi co­sti dei gio­va­ni ta­len­ti al fu­tu­ro del no­stro mo­vi­men­to: “Ai

Gazzetta Regionale - - LE NOSTRE INTERVISTE - Ren­de­reb­be­ro il mon­do spe­cia­le. Pro­prio co­me lui.

Ha emo­zio­na­to i cuo­ri dei ti­fo­si di ogni an­go­lo d’Eu­ro­pa. Dall’Ita­lia, al­la Spa­gna, dall’In­ghil­ter­ra al­la Fran­cia. Ha rea­liz­za­to uno dei più gran­di ca­po­la­vo­ri del­lo sport, un’im­pre­sa che lo ha con­se­gna­to all’im­mor­ta­li­tà pi­lo­tan­do il “pic­co­lo” Lei­ce­ster sul tet­to d’In­ghil­ter­ra. Ha vin­to in Spa­gna, ha ri­por­ta­to la Ju­ven­tus po­st cal­cio­po­li tra le gran­di d’Ita­lia, è sta­to il tec­ni­co che più di ogni al­tro ha sfio­ra­to il quar­to scu­det­to con la Ro­ma e in que­sti gior­ni i cu­gi­ni d’ol­tral­pe so­no ri­ma­sti ab­ba­glia­ti dal­le sue ca­pa­ci­tà, che han­no pro­iet­ta­to il Nan­tes in pie­na zo­na Cham­pions Lea­gue. Ba­ste­reb­be que­sto per rac­con­tar­vi in bre­ve la gran­dez­za di Clau­dio Ra­nie­ri, ico­na per­fet­ta del cal­cio ro­man­ti­co, un mon­do fan­ta­sti­co do­ve con le idee e il co­rag­gio si pos­so­no rag­giun­ge­re tra­guar­di inim­ma­gi­na­bi­li sov­ver­ten­do va­lo­ri tec­ni­ci e pro­no­sti­ci. In­ve­ce ba­sta­no due mi­nu­ti in sua com­pa­gnia per ca­pi­re che il tec­ni­co te­stac­ci­no, par­ti­to dal­la pol­ve­re dell’ora­to­rio San Sa­ba ed elet­to “Be­st FI­FA Foot­ball Coa­ch” nel 2016, è mol­to di più dell’al­le­na­to­re che ha per­mes­so di so­gna­re ai so­ste­ni­to­ri di tut­to il Vec­chio Con­ti­nen­te. La sua di­spo­ni­bi­li­tà, la sua edu­ca­zio­ne d’al­tri tem­pi, la sua sem­pli­ci­tà nel rap­por­tar­si al pros­si­mo la­scia­no dav­ve­ro tra­spa­ri­re qual­co­sa di spe­cia­le. Per­ché per com­pie­re qual­co­sa di spe­cia­le de­vi es­se­re spe­cia­le.

Mi­ster, è a Ro­ma per vi­si­ta­re il cen­tro spor­ti­vo Ho­ney e per se­gui­re Ste­fa­no Mon­del­la: la pri­ma do­man­da che le ri­vol­go è qua­li im­pres­sio­ni le han­no su­sci­ta­to l’am­bien­te e que­sti gio­va­ni cal­cia­to­ri?

“Pri­ma di tut­to de­vo fa­re i com­pli­men­ti al club. Non mi aspet­ta­vo un com­ples­so del ge­ne­re, co­sì ben po­si­zio­na­to: im­mer­so nel­la pi­ne­ta, una spen­di­da oa­si di pa­ce. Per quan­to ri­guar­da que­sti ra­gaz­zi­ni ero cu­rio­so, ma aven­do co­no­sciu­to Ste­fa­no in ri­ti­ro e aven­do­lo già vi­sto all’ope­ra mi aspet­ta­vo una se­du­ta di qua­li­tà. De­vo di­re che os­ser­var­lo la­vo­ra­re in­sie­me al suo staff non ha fat­to al­tro che con­fer­ma­re quan­to già pen­sa­vo”.

A bor­do cam­po si è la­scia­to scap­pa­re che que­ste ti­po­lo­gie di al­le­na­men­to ai suoi tem­pi non esi­ste­va­no.

“As­so­lu­ta­men­te, la scuo­la cal­cio ai miei tem­pi non esi­ste­va e io stes­so ho ini­zia­to a gio­ca­re mol­to tar­di. Ba­sti pen­sa­re che so­no ar­ri­va­to al­la Ro­ma a 18 an­ni, quan­do era già pas­sa­ta l’età do­ve si po­te­va at­ten­de­re ed os­ser­va­re con qua­li in­se­gna­men­ti un gio­va­ne ri­spon­de­va al me­glio. Per ca­ri­tà, nel­la vi­ta si mi­glio­ra sem­pre, pri­ma ve­ni­va svol­to un la­vo­ro com­ple­ta­men­te di­ver­so e adat­to al­le esi­gen­ze dell’epo­ca. Ri­spet­to ai gio­va­ni di og­gi ho svol­to tut­to un al­tro ti­po di per­cor­so e un’al­tra ga­vet­ta. Ma­ga­ri ci fos­se­ro sta­te que­ste pos­si­bi­li­tà”.

Un la­vo­ro di qua­li­tà spes­so la­scia­to da par­te an­che og­gi: la man­can­za di que­sti in­se­gna­men­ti e di istrut­to­ri che in­se­gna­no tec­ni­ca di ba­se quan­to in­ci­do­no sull’im­po­ve­ri­men­to del no­stro cal­cio?

“Tan­tis­si­mo, sen­za dub­bio.

In Spa­gna, già quan­do ero a Va­len­cia, le Aca­de­my era­no ec­ce­zio­na­li, all’avan­guar­dia. I bam­bi­ni si eser­ci­ta­va­no dal­la mat­ti­na al­la se­ra con il pal­lo­ne tra i pie­di, una fi­lo­so­fia ri­pre­sa po­chi an­ni do­po dal­la scuo­la fran­ce­se, poi da quel­la te­de­sca. So che an­che in Ci­na, do­ve è an­da­to a la­vo­ra­re il mio ex col­la­bo­ra­to­re Ch­ri­stian Da­mia­no, uno dei pri­mi mae­stri di Clai­re­fon­tai­ne (quar­tier ge­ne­ra­le del­le na­zio­na­li gio­va­ni­li fran­ce­sci, ndr), le aca­de­my stan­no ini­zian­do a la­vo­ra­re in que­sta ma­nie­ra. Ve­dre­te che tra die­ci, quin­di­ci an­ni, i fon­da­men­ta­li dei cal­cia­to­ri ci­ne­si sa­ran­no di pri­mis­si­mo li­vel­lo”.

Ol­tre al­la man­can­za dei sem­pre più ra­ri mae­stri di cal­cio, c’è an­che un’al­tra pro­po­sta mol­to at­tua­le per ri­lan­cia­re il no­stro mo­vi­men­to, ov­ve­ro la pos­si­bi­li­tà di al­le­sti­re se­con­de squa­dre. Lei ha la­vo­ra­to in pae­si do­ve le squa­dre B so­no una real­tà con­so­li­da­ta da tem­po: quan­to so­no im­por­tan­ti per la cre­sci­ta dei cal­cia­to­ri?

“Que­sto è un aspet­to sul qual e mi bat­to da an­ni e che per­met­te­reb­be di age­vo­la­re la cre­sci­ta dei più gio­va­ni. Per esem­pio al Nan­tes ho una squa­dra ri­ser­ve do­ve pos­so uti­liz­za­re chi gio­ca me­no e non vie­ne con­vo­ca­to. Le ro­se so­no mol­to am­pie, ave­re a di­spo­si­zio­ne una se­con­da for­ma­zio­ne con­sen­te ai ra­gaz­zi di mi­glio­ra­re nell’in­ten­si­tà e di es­se­re pron­ti quan­do ven­go­no chia­ma­ti per da­re il lo­ro con­tri­bu­to con la pri­ma squa­dra. An­che dal pun­to di vi­sta di un tec­ni­co

A pro­po­si­to di gio­va­ni: lei è un al­le­na­to­re che non si è mai fat­to scru­po­li nel lan­cia­re nel­la mi­schia ta­len­ti an­co­ra acer­bi dal pun­to di vi­sta ana­gra­fi­co: nel no­stro pae­se si fa an­co­ra fa­ti­ca o pen­sa che ci stia­mo al­li­nean­do al­la ten­den­za eu­ro­pea?

“Mol­te vol­te sen­to par­la­re di pau­ra nel lan­cia­re i gio­va­ni, ma la ve­ri­tà è che in Ita­lia ven­go­no chie­sti pri­ma di tut­to i ri­sul­ta­ti. Si chie­de di vin­ce­re lo scu­det­to, di ar­ri­va­re in zo­na Cham­pions, quin­di può ac­ca­de­re che un al­le­na­to­re sia più pro­pen­so ad af­fi­dar­si a cal­cia­to­ri che of­fro­no più ga­ran­zie dal pun­to di vi­sta dell’espe­rien­za. No­to con sod­di­sfa­zio­ne che an­che in Ita­lia sot­to que­sto aspet­to stia­mo mi­glio­ran­do. Pen­so a so­cie­tà co­me l’Ata­lan­ta, ma an­che al Chie­vo, all’Udi­ne­se e all’Em­po­li. Non so­no co­sì pes­si­mi­sta, pen­so che il cal­cio ita­lia­no stia tor­nan­do in au­ge e poi lo sport è fat­to di ci­cli. Non è pen­sa­bi­le sfor­na­re va­go­na­te di ta­len­ti di pri­ma fa­scia ogni de­cen­nio. Stia­mo pas­san­do un mo­men­to di sta­si, ma non di­men­ti­chia­mo­ci che qual­che an­no fa ave­va­mo due fi­na­li­ste di Cham­pions Lea­gue, che nel­le Cop­pe det­ta­va­mo leg­ge e che ab­bia­mo vin­to un Mon­dia­le. So­no si­cu­ro che pre­sto avre­mo una nuo­va ge­ne­ra­zio­ne di

Ita­lia­ni e idee: quan­to è sta­to im­por­tan­te per i cam­pio­na­ti stra­nie­ri l’ar­ri­vo di tec­ni­ci del no­stro pae­se? La Pre­mie­re Lea­gue, se pa­ra­go­na­ta a quel­la dei pri­mi an­ni 90, è tutt’al­tra com­pe­ti­zio­ne.

“Non so­lo per me­ri­to de­gli ita­lia­ni, ci so­no tec­ni­ci di di­ver­se na­zio­na­li­tà che han­no con­tri­bui­to a que­sto fe­no­me­no, por­tan­do fi­lo­so­fie di gio­co dif­fe­ren­ti, tan­tis­si­me no­vi­tà tat­ti­che e an­che all’este­ro ne han­no be­ne­fi­cia­to. La glo­ba­liz­za­zio­ne nel cal­cio è un valore ag­giun­to, quan­do ti con­fron­ti con fi­lo­so­fie e cul­tu­re dif­fe­ren­ti, con si­ste­mi di gio­co mol­to di­stan­ti tra lo­ro, non puoi far al­tro che mi­glio­ra­re per­ché il tuo ba­ga­glio cre­sce ine­vi­ta­bil­men­te”.

Tor­nan­do ai gio­va­ni, que­sta è sta­ta l’esta­te del­le spe­se fol­li. Per un ta­len­to si ar­ri­va­no a sbor­sa­re or­mai de­ci­ne di mi­lio­ni di eu­ro: non c’è il ri­schio di met­te­re trop­pa pres­sio­ne a ra­gaz­zi dal co­sto esor­bi­tan­te che ven­go­no ine­vi­ta­bil­men­te spa­ra­ti sot­to i ri­flet­to­ri? Tan­ta at­ten­zio­ne può nuo­ce­re al­le lo­ro car­rie­re?

“A mio mo­do di ve­de­re chi è cam­pio­ne lo è an­che sot­to pres­sio­ne. Il cam­pio­ne ha ca­rat­te­re an­che a di­cias­set­te, di­ciot­to an­ni, e già in te­ne­ra età è pron­to per na­vi­ga­re nell’ocea­no e non so­lo nel­lo sta­gno di ca­sa. Ba­sti pen­sa­re al­la ge­ne­ra­zio­ne d’oro del­la Spa­gna: so­no tut­ti cal­cia­to­ri che han­no esor­di­to gio­va­nis­si­mi, con un valore di mer­ca­to e clau­so­le stra­to­sfe­ri­che sin da ra­gaz­zi­ni e vi as­si­cu­ro che da quel­le par­ti la pres­sio­ne è mol­to si­mi­le a quel­la che c’è in Ita­lia. No­no­stan­te que­sto, pe­rò, so­no qua­si tut­ti ar­ri­va­ti e han­no vin­to quel­lo che tut­ti sap­pia­mo. Inol­tre se il club non met­te pres­sio­ne, il ra­gaz­zo non l’av­ver­te. Un di­scor­so che va­le per la Fran­cia e l’In­ghil­ter­ra, do­ve non ti fan­no sen­ti­re im­me­dia­ta­men­te ar­ri­va­to o un fuo­ri­clas­se so­lo in ba­se al­la quo­ta­zio­ne del car­tel­li­no. So­no pae­si do­ve ti fan­no la­vo­ra­re du­ra­men­te, ogni gior­no, sen­za crea­re im­me­dia­ta­men­te il mi­to. Per­ché se ar­ri­va­re è dav­ve­ro dif­fi­ci­le, scom­pa­ri­re è fa­ci­lis­si­mo. La ge­stio­ne dei club è fon­da­men­ta­le”.

Mi­ster lei è un uo­mo con mol­ta espe­rien­za, che ha rag­giun­to il top sia da cal­cia­to­re che da tec­ni­co: che con­si­glio si sen­te di da­re ai no­stri gio­va­ni let­to­ri che so­gna­no di in­tra­pren­de­re que­sta car­rie­ra?

“Pri­ma di tut­to di non smet­te­re mai di col­ti­va­re il pro­prio so­gno, ma sen­za false il­lu­sio­ni. Que­sti ra­gaz­zi de­vo­no met­te­re in pre­ven­ti­vo che la car­rie­ra da cal­cia­to­re è du­ris­si­ma. Una ce­le­bre can­zo­ne di Gian­ni Mo­ran­di par­la di uno su mil­le: io di­co che so­no un po’ di più quel­li che ci pro­va­no ed un po’ di me­no quel­li che ce la fan­no. Poi che nel­la vi­ta bi­so­gna fa­re, sa­cri­fi­car­si per ot­te­ne­re quel­lo che si vuo­le rag­giun­ge­re, per­ché star­se­ne fer­mi ad aspet­ta­re l’oc­ca­sio­ne buo­na non ser­ve a nien­te. Nes­su­no ti re­ga­la nul­la. In­fi­ne con­si­glio di stu­dia­re, di di­ven­ta­re uo­mi­ni lea­li e one­sti e il cal­cio può svol­ge­re una fun­zio­ne im­por­tan­te sot­to que­sto aspet­to. C’è una so­cia­li­tà mol­to am­pia, c’è il ri­spet­to del­le re­go­le e de­gli av­ver­sa­ri, la so­li­da­rie­tà tra com­pa­gni di squa­dra: so­no in­se­gna­men­ti che se ap­pli­ca­ti al­la vi­ta di tut­ti i gior­ni ren­de­reb­be­ro il mon­do mi­glio­re”.

Nel­la fo­to prin­ci­pa­le un sor­ri­den­te Clau­dio Ra­nie­ri du­ran­te l’al­le­na­men­to dell’Ho­ney Soc­cer Ci­ty, sot­to il tec­ni­co ro­ma­no leg­ge con cu­rio­si­tà l’edi­zio­ne di lu­ne­dì 2 Ot­to­bre del­la no­stra te­sta­ta © Gaz­zet­ta Re­gio­na­le

i be­ne­fi­ci so­no dav­ve­ro tan­ti”. cam­pio­ni. Poi noi ita­lia­ni sia­mo bra­vi a bar­ca­me­nar­ci con le idee, che non man­ca­no mai, e riu­scia­mo a man­te­ne­re un buon li­vel­lo”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.