Cor­si: "Non ab­bia­mo mai smes­so di lot­ta­re" Al­ba­ne­si: “Me­ri­ta­ta!"

Il mat­ch win­ner del­la Tor Tre Teste non sta nel­la pel­le: "Il mi­ster è sta­to di gran­dis­si­mo aiu­to". Bel­li­na­ti: "Non sia­mo sta­ti all'al­tez­za del­la si­tua­zio­ne"

Gazzetta Regionale - - ALLIEVI ELITE - LA FINALE - Ema­nue­le Gen­ti­lot­ti Tia Co­lan­tuo­no

La con­vin­zio­ne di far­ce­la fi­no al­la fi­ne. Quell'obiet­ti­vo pre­fis­sa­to a ini­zio sta­gio­ne e da ot­te­ne­re ad ogni co­sto. Que­sta è la men­ta­li­tà di una gran­de squa­dra, que­sta è la men­ta­li­tà del­la Nuo­va Tor Tre Teste. L'aria che si re­spi­ra al Mon­te­com­pa­tri Spor­ting Cen­ter è pe­san­te, le due squa­dre san­no co­sa c'è in pa­lio, san­no che non si può sba­glia­re, san­no che se so­no lì è me­ri­to lo­ro, del la­vo­ro di una sta­gio­ne in­te­ra. In una mat­ti­na­ta mol­to cal­da, i ra­gaz­zi di Cor­si han­no con­qui­sta­to il ti­to­lo con­tro la Vi­gor Per­con­ti, ad una man­cia­ta di se­con­di dal­la fi­ne del­la par­ti­ta, aven­do su­bi­to il pa­reg­gio po­chi mi­nu­ti pri­ma. Qua­lun­que squa­dra si sa­reb­be de­mo­ra­liz­za­ta, su­ben­do il so­prav­ven­to del­la pres­sio­ne psi­co­lo­gi­ca, ma non og­gi, non la Tor Tre Teste, che si è rial­za­ta ed è an­da­ta vin­ce­re la par­ti­ta. Ti­to­lo ar­ri­va­to, co­me det­to pri­ma, con mol­te dif­fi­col­tà con­tro una gran­de Vi­gor Per­con­ti, co­me sot­to­li­nea il di­ret­to­re spor­ti­vo Pa­ne: “Com­pli­men­ti agli av­ver­sa­ri, so­no una squa­dra for­tis­si­ma, for­se è sta­ta una del­le più bel­le fi­na­li de­gli ul­ti­mi an­ni ri­guar­dan­ti la ca­te­go­ria Al­lie­vi, pec­ca­to non es­se­re riu­sci­ti a por­ta­re più di una squa­dra all'ul­ti­mo at­to”. Die­tro una gran­de squa­dra c'è sem­pre un gran­de al­le­na­to­re e se la Tor Tre Teste si è rial­za­ta nei mi­nu­ti fi­na­li è so­prat­tut­to me­ri­to di mi­ster Cor­si: “Le ul­ti­me pa­ro­le al­la squa­dra pri­ma di usci­re dal­lo spo­glia­to­io so­no sta­te quel­le di cre­der­ci sem­pre fi­no al­la fi­ne, nel be­ne e nel ma­le, qual­sia­si co­sa suc­ce­da, per su­pe­ra­re l'ul­ti­mo osta­co­lo”. L'emo­zio­ne pen­san­do al pros­si­mo an­no è tan­ta, ma se un tec­ni­co de­ve es­se­re pre­sen­te nei mo­men­ti di gio­ia, de­ve es­ser­lo an­cor di più nel mo­men­to in cui la pro­pria squa­dra fa quel sal­to di qua­li­tà e de­ve di­mo­stra­re che a cer­ti li­vel­li ci può sta­re: “Chi gio­ca a Tor Tre Teste e chi ci al­le­na sa che de­ve vi­ve­re di emo­zio­ni, si ini­zia un per­cor­so e lo si de­ve ter­mi­na­re”. Pro­prio que­sta de­ter­mi­na­zio­ne tra­smes­sa dal mi­ster ha da­to la for­za ai ra­gaz­zi di cre­der­ci fi­no al­la fi­ne ar­ri­van­do al gol di Al­ba­ne­si, che ci rac­con­ta la sua emo­zio­ne al mo­men­to del gol: “In quel mo­men­to ho pro­va­to gio­ia e tan­ta fe­li­ci­tà. Tan­ta sod­di­sfa­zio­ne per il la­vo­ro che du­ra da ini­zio an­no, ce lo sia­mo me­ri­ta­to fi­no all'ul­ti­mo”. Nel­le pa­ro­le del ra­gaz­zo si sen­te l'emo­zio­ne per l'an­no che ver­rà, l'emo­zio­ne del cam­pio­na­to na­zio­na­le e quel­lo di aver se­gna­to for­se uno dei gol più im­por­tan­ti del­le sua car­rie­ra. Sot­to­li­nea quel­lo che è il la­vo­ro del mi­ster: “E' sta­to fon­da­men­ta­le per noi, ci ha da­to due re­go­le fon­da­men­ta­li, met­ter­ci il cuo­re e cre­der­ci fi­no al­la fi­ne per­ché le par­ti­te si de­ci­do­no an­che all'ul­ti­mo mi­nu­to, ci go­dia­mo que­sta gran­de gior­na­ta”. Ora la squa­dra del pre­si­den­te Di Bi­sce­glia è at­te­sa ad una pro­va im­por­tan­te nel cam­pio­na­to na­zio­na­le, do­ve le dif­fi­col­tà sa­ran­no mag­gio­ri ri­spet­to all'an­no ap­pe­na tra­scor­so, ma con un grup­po ed una squa­dra con que­sta de­ter­mi­na­zio­ne, con un mi­ster che non mol­la mai, con una ro­sa che da tut­to in cam­po, tut­to è pos­si­bi­le.

Il­lu­sio­ne fi­na­le Quan­to du­ra un’il­lu­sio­ne? Esat­ta­men­te 6 mi­nu­ti. Non un istan­te di più è ser­vi­to in­fat­ti al­la Tor Tre Teste per ri­met­te­re in pie­di al ter­zo mi­nu­to di re­cu­pe­ro una par­ti­ta cla­mo­ro­sa­men­te ria­per­ta dal gol di Sa­vo al 37’ del­la ri­pre­sa, che im­prov­vi­sa­men­te ha riac­ce­so le spe­ran­ze di glo­ria del­la Vi­gor Per­con­ti, do­po un pri­mo tem­po non esat­ta­men­te en­tu­sia­sman­te. Le oc­ca­sio­ni e il pa­ri mes­so a se­gno qua­si al­lo sca­de­re non so­no tut­ta­via ba­sta­ti ad evi­ta­re, do­po quel­lo del­la Ju­nio­res e de­gli Al­lie­vi Fa­scia B, il ter­zo ko di fi­la del­la so­cie­tà blau­gra­na, che ha fal­li­to an­che l’ul­ti­ma pos­si­bi­li­tà che le ri­ma­ne­va di lau­rear­si cam­pio­ne re­gio­na­le. Non è que­sta tut­ta­via l’uni­ca chia­ve di let­tu­ra, co­sì co­me il pre­si­den­te Mau­ri­zio Per­con­ti ten­de a sot­to­li­nea­re: “Non è so­lo la ter­za fi­na­le per­sa, ma an­che la ter­za fi­na­le con­qui­sta­ta. Il fat­to che ben tre del­le no­stre squa­dre ab­bia­no in par­te cen­tra­to l’obiet­ti­vo è si­cu­ra­men­te sin­to­mo del fat­to che ab­bia­mo la­vo­ra­to be­ne. Non dob­bia­mo ri­co­strui­re nul­la. La Vi­gor Per­con­ti riparte da qui. Di­spia­ce mol­tis­si­mo per i miei ra­gaz­zi, ma la Tor Tre Teste ha vin­to con me­ri­to. Se si per­de cor­ret­ta­men­te, è giu­sto ri­co­no­scer­lo. Non ho nul­la da di­re o da re­cri­mi­na­re, spe­ro che que­sta fi­na­le ci ser­va d’espe­rien­za”. Obiet­ti­va e lucida an­che l’ana­li­si del tec­ni­co Fran­ce­sco Bel­li­na­ti: “Ho sem­pre so­ste­nu­to che nel cal­cio la for­tu­na la si deb­ba an­da­re a pren­de­re, in que­sto sen­so, cre­do che la mia squa­dra non ab­bia fat­to il pos­si­bi­le per far sì che le co­se gi­ras­se­ro nel ver­so giu­sto. Fac­cio i miei com­pli­men­ti agli av­ver­sa­ri, ma ri­ten­go che il lo­ro suc­ces­so sia in par­te frut­to an­che dei no­stri er­ro­ri. Il pri­mo tem­po è sta­to dav­ve­ro al di sot­to del­le no­stre pos­si­bi­li­tà, nel­la ri­pre­sa in­ve­ce ab­bia­mo crea­to di­ver­se buo­ne gio­ca­te. Re­sta co­mun­que un’oc­ca­sio­ne fal­li­ta, a con­clu­sio­ne di una sta­gio­ne sen­za dub­bio sfor­tu­na­ta, seb­be­ne non sia mia in­ten­zio­ne par­la­re del­le al­tre fi­na­li di­spu­ta­te. La ten­sio­ne ha for­se avu­to in par­te la me­glio, ci sta. Spe­ro che ser­va da le­zio­ne, per­ché og­gi non sia­mo sta­ti all’al­tez­za del­la si­tua­zio­ne, so­prat­tut­to in oc­ca­sio­ne del gol de­ci­si­vo”.

©De Ce­sa­ris

Al­ba­ne­si e Mar­cel­lo Han­no de­ci­so la fi­na­lis­si­ma di Mon­te Com­pa­tri

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.