Al­la sco­per­ta dei gio­iel­li az­zur­ri 2001

Gazzetta Regionale - - DA PRIMA PAGINA - ©FI­GC.IT

Do­po l’Eu­ro­peo sfio­ra­to la scor­sa set­ti­ma­na, fo­cus sui ta­len­ti che ci fan­no so­gna­re

La Na­zio­na­le di Nun­zia­ta ha en­tu­sia­sma­to nel­la ras­se­gna con­ti­nen­ta­le ar­ren­den­do­si so­lo in fi­na­le all’Olan­da, che ha vin­to ai cal­ci di ri­go­re al ter­mi­ne di una fi­na­le in­cre­di­bi­le. Un grup­po dal po­ten­zia­le im­men­so e da pre­ser­va­re, dal qua­le ri­par­ti­re per co­strui­re un fu­tu­ro so­li­do per tut­to il mo­vi­men­to

In uno dei mo­men­ti più bui del cal­cio ita­lia­no si è ac­ce­sa una lu­ce. An­co­ra pic­co­la, per­chè a far scoc­ca­re la scin­til­la so­no sta­ti dei ra­gaz­zi di ap­pe­na 17 an­ni, ma che ha tut­to il po­ten­zia­le per far di­vam­pa­re di nuo­vo quel fuo­co che or­mai il no­stro mo­vi­men­to sem­bra aver per­so. Par­lia­mo de­gli az­zur­ri­ni di Car­mi­ne Nun­zia­ta, eroi del­la spe­di­zio­ne in ter­ra in­gle­se nell’Eu­ro­peo Un­der 17. L’Ita­lia ba­by si è fer­ma­ta in fi­na­le con­tro l’Olan­da, col­pi­ta an­co­ra da quel­la stes­sa ma­le­di­zio­ne dei cal­ci di ri­go­re che con­tro la Rus­sia ave­va fer­ma­to la na­zio­na­le nel 2013. Il ti­to­lo non è ar­ri­va­to ma, an­che se è dif­fi­ci­le da di­ge­ri­re, po­co im­por­ta per­chè que­sto grup­po può dav­ve­ro es­se­re quel­lo del­la svol­ta. Non par­lia­mo esclu­si­va­men­te di ca­pa­ci­tà tec­ni­che, che co­mun­que ci so­no e so­no im­por­tan­ti, ma so­prat­tut­to di ciò che il si­ste­ma cal­cio ita­lia­no può fa­re per non di­la­pi­da­re un pa­tri­mo­nio che in po­chi al­tri pos­so­no van­ta­re in Eu­ro­pa.

Par­tia­mo pro­prio da qui, dal po­ten­zia­le che è emer­so nel­la più im­por­tan­te com­pe­ti­zio­ne con­ti­nen­ta­le. Nun­zia­ta ha li­ma­to nel tem­po un grup­po ar­ri­va­to agli Eu­ro­pei con­sa­pe­vo­le del­la pro­pria for­za e ben strut­tu­ra­to. Pre­mes­se che han­no fat­to sì che al­cu­ni de­gli uo­mi­ni sim­bo­lo di que­sta squa­dra li­be­ras­se­ro tut­to il lo­ro po­ten­zia­le. La stel­la più bril­lan­te am­mi­ra­ta in que­sto Eu­ro­peo è si­cu­ra­men­te quel­la di Ales­sio Ric­car­di. Il ca­pi­ta­no az­zur­ro ha in­can­ta­to, as­si­st, per­so­na­li­tà e un gol in fi­na­le da stan­ding ova­tion. La Ro­ma ha pen­sa­to be­ne di blindarlo qual­che me­se fa con Di Fran­ce­sco che già lo stu­dia in vi­sta del pros­si­mo ri­ti­ro. I ri­flet­to­ri han­no pe­rò in­du­gia­to an­che su un al­tro gol­den boy: Edoar­do Ver­ga­ni. Se l’at­tac­can­te è or­mai da an­ni che do­mi­na le classifiche mar­ca­to­ri dei cam­pio­na­ti gio­va­ni­li ita­lia­ni, in ter­ra in­gle­se ha da­to la di­mo­stra­zio­ne tan­gi­bi­le di sa­per­si espri­me­re an­che su pal­co­sce­ni­ci de­ci­sa­men­te più im­pe­gna­ti­vi. Non è un ca­so che sia sta­to pro­prio lui il ca­po­can­no­nie­re del­la ma­ni­fe­sta­zio­ne. Due esem­pi lam­pan­ti in grup­po im­bot­ti­to di gio­ca­to­ri di ta­len­to. A cen­tro­cam­po è ar­ri­va­ta la con­sa­cra­zio­ne in­ter­na­zio­na­le an­che per l’al­tro gial­lo­ros­so, Fred­di Gre­co, che ha di­vi­so il re­par­to con Gya­buaa, en­ne­si­mo ta­len­to sfor­na­to dal­la Dea. Di­na­mi­smo, for­za e ca­pa­ci­tà di in­se­ri­men­to, qua­li­tà per cui in pas­sa­to tan­te big d’Eu­ro­pa si mos­se­ro per lui ai tem­pi del fal­li­men­to del Parma. L’Ita­lia ha da­to pro­va non so­lo di ave­re i pie­di buo­ni (ri­guar­da­te­vi l’azio­ne del gol con­tro il Bel­gio, ndr) ma an­che la te­sta giu­sta. Di fron­te ad av­ver­sa­ri to­sti, co­me Spa­gna, Bel­gio, In­ghil­ter­ra e per fi­ni­re Olan­da, gli az­zur­ri­ni han­no di­mo­stra­to di sa­per sof­fri­re e rea­gi­re. Una pro­va di for­za rag­giun­ta an­che gra­zie a quel­lo che è sem­pre sta­to uno dei no­stri van­ti: la di­fe­sa. In 3 oc­ca­sio­ni gli az­zur­ri­ni han­no te­nu­to a boc­ca asciut­ta gli av­ver­sa­ri gra­zie ad una li­nea a 4 com­ple­ta e ben or­ga­niz­za­ta. Bro­gni e Ba­raz­zet­ta so­no due

ester­ni dal­la cor­sa fa­ci­le men­tre al cen­tro la cop­pia for­ma­ta da Armini e Gozzi Iwe­ru è tra le più com­ple­te in cir­co­la­zio­ne. Tec­ni­ca e regia del bian­co­ce­le­ste si so­no ac­com­pa­gna­te al­la per­fe­zio­ne al­la fi­si­ci­tà di­rom­pen­te del­lo ju­ven­ti­no. Ju­ven­ti­no co­me Fa­gio­li, en­tra­to nel­la fi­na­le e de­ci­si­vo nel­lo spac­ca­re il mat­ch ri­por­tan­do l’iner­zia del­la ga­ra a fa­vo­re de­gli az­zur­ri. Un gio­ca­to­re co­sì, in fon­do, non può cer­to es­se­re uno qua­lun­que.

Ab­bia­mo par­la­to an­che dell’al­tro grup­po che nel 2013 sfio­rò l’im­pre­sa. In quell’an­no, l’Ita­lia si ar­re­se al­la Rus­sia (sem­pre ai cal­ci di ri­go­re tan­to per cam­bia­re, ndr) no­no­stan­te un grup­po di bel­le spe­ran­ze. Spe­ran­ze ap­pun­to per­chè poi an­dan­do a spul­cia­re quel­lo che è sta­to il cam­mi­no dei gio­va­ni az­zur­ri­ni non sem­pre il cam­mi­no è sta­to all’al­tez­za del­le aspet­ta­ti­ve crea­te­si do­po quell’Eu­ro­peo. Po­chi i “for­tu­na­ti” a cal­ca­re sta­bil­men­te i cam­pi di Se­rie A, co­me Scuf­fet e Ca­la­bria, un po’ di più quel­li che han­no fat­to for­tu­na nel­la Se­rie B. In ca­det­te­ria i va­ri Cer­ri, Pa­laz­zi, Ca­pra­dos­si, Vi­do, Ca­la­bre­si o Pa­ri­gi­ni han­no tro­va­to ter­re­no fer­ti­le per con­ti­nua­re a ma­tu­ra­re sep­pur con un mi­nu­tag­gio non sem­pre esal­tan­te. La Se­rie C è l’ha­bi­tat in cui tan­ti han­no fi­ni­to per am­bien­tar­si. E’ in­fat­ti nel­la ter­za se­rie che i gio­va­ni han­no tro­va­to lo spa­zio giu­sto per emer­ge­re e af­fi­nar­si. Ciò che pe­rò va sot­to­li­nea­to è che spes­so e vo­len­tie­ri quel­lo del­la Se­rie C è sta­ta l’uni­co pal­co­sce­ni­co su cui que­sti in­ter­pre­ti so­no po­tu­ti an­da­re in sce­na. Tan­ti gio­va­ni ram­pan­ti, so­no sta­ti tenuti ai mar­gi­ni del­la pri­ma squa­dra in at­te­sa del lo­ro fan­to­ma­ti­co mo­men­to, per poi pe­rò ve­nir sca­ri­ca­ti al­tro­ve. Si pen­si al­la car­rie­ra di uno co­me Bo­naz­zo­li che, do­po an­ni in ram­pa di lan­cio co­me en­fant pro­di­ge di ca­sa In­ter, so­lo nel­le ul­ti­me 2 sta­gio­ni tra Spal e Bre­scia ha mes­so un nu­me­ro con­gruo di mi­nu­ti nel­le gam­be. Op­pu­re a Tu­ti­no, scu­gniz­zo di ca­sa Na­po­li che pa­re­va po­ter spac­ca­re il mon­do ma poi co­stret­to ad emi­gra­re in C do­ve ha rac­col­to una cin­quan­ti­na di pre­sen­ze tra Gub­bio, Car­ra­re­se e Co­sen­za. Ov­via­men­te per cia­scu­no di que­sti ra­gaz­zi va­le il vec­chio ada­gio che ognu­no si scri­ve la pro­pria sto­ria da sé. Tan­te le variabili che pos­so­no cam­bia­re il de­sti­no, so­prat­tu­to nel cal­cio. Un da­to che pe­rò non de­ve pas­sa­re inos­ser­va­to è co­me in una squa­dra di vi­ce cam­pio­ni d’Eu­ro­pa so­lo Scuf­fet e Ca­la­bria so­no di­ven­ta­ti del­le ri­sor­se tec­ni­che per i pro­pri club.

Evi­den­te a que­sto pun­to che qual­co­sa non fun­zio­na nel­la fi­lie­ra che por­ta, o me­glio do­vreb­be por­ta­re, un ra­gaz­zo dal set­to­re gio­va­ni­le al cal­cio dei gran­di. Se due se­le­zio­ni az­zur­re, esem­pi so­lo per ri­ma­ne­re in te­ma, so­no ar­ri­va­te al­la fi­na­le eu­ro­pea è evi­den­te co­me ci sia da guar­da­re al­lo step suc­ces­si­vo. Da sem­pre, in­fat­ti, il sal­to in pri­ma squa­dra è un in­co­gni­ta spes­so trop­po gran­de da ge­sti­re. Sino ad og­gi si è pro­va­to ad ov­via­re al pro­ble­ma at­tra­ver­so i pre­sti­ti, so­lu­zio­ne che pe­rò non sem­pre ha por­ta­to a dei ri­sul­ta­ti con­cre­ti e so­prat­tut­to positivi in ter­mi­ni di svi­lup­po dei gio­va­ni cal­cia­to­ri, con al­cu­ni che han­no fi­ni­to con il per­der­si tra un cam­bio di ma­glia e l’al­tro. Ades­so pe­rò sem­bra es­se­re ar­ri­va­ta fi­nal­men­te la svol­ta. L’in­tro­du­zio­ne del­le Squa­dre B rap­pre­sen­ta un’oc­ca­sio­ne che non pos­sia­mo la­sciar­ci sfug­gi­re. Im­ma­gi­na­te co­sa sa­reb­be ac­ca­du­to se gli eroi del 2013 nel­la sta­gio­ne suc­ces­si­va aves­se­ro avu­to la pos­si­bi­li­tà di fa­re sin da su­bi­to espe­rien­za in un cam­pio­na­to di Se­rie C, sen­za do­ver aspet­ta­re un an­no o due. In­se­ri­ti in una Se­con­da Squa­dra e quin­di sot­to mo­ni­to­rag­gio co­stan­te del­la so­cie­tà che ha la pos­si­bi­li­tà di te­star­ne il ren­di­men­to con i gran­di, sen­za ri­schia­re di com­pro­met­te­re quel ri­sul­ta­to che ti­ran­neg­gia nel­le mas­si­me se­rie, e so­prat­tut­to con la pos­si­bi­li­tà di lan­ciar­li im­me­dia­ta­men­te in ca­so di ex­ploit, sen­za do­ver aspet­ta­re fi­ne­stre di mer­ca­to o l’even­tua­le fi­ne del­la sta­gio­ne. Che si fac­cia dun­que lar­go ai va­ri Ric­car­di, Fa­gio­li, Gya­buaa o Ver­ga­ni nel­le Squa­dre B. Che gli si dia mo­do di cre­sce­re ma sen­za per que­sto do­ver re­sta­re in­gab­bia­ti nel set­to­re gio­va­ni­le. In fon­do que­sta squa­dra il suo do­ve­re l’ha fat­to, è ora che an­che il mo­vi­men­to cal­ci­sti­co ita­lia­no fac­cia il suo. Ma sia­mo tran­quil­li per­chè an­che se i Mon­dia­li ini­zia­no so­lo tra qual­che set­ti­ma­na, l’es­se­re spet­ta­to­ri co­mo­da­men­te se­du­ti da­van­ti al­la Tv da­rà mo­do di pen­sa­re be­ne ai pas­si da com­pie­re. Quel­la fa­mo­sa fiam­ma che si ac­ce­sa in ter­ra in­gle­se va ali­men­ta­ta per­chè al­tri­men­ti ri­schia di spe­gner­si, per l’en­ne­si­ma vol­ta ag­giun­gia­mo noi.

DI­FEN­SO­RE Ester­no de­stro po­ten­te, pre­ci­so in co­per­tu­ra ma che quan­do ha spa­zio per af­fon­da­re di­ven­ta de­va­stan­te

CEN­TRO­CAM­PI­STA Si è ri­ve­la­to in tut­ta la sua ma­gni­fi­cen­za. Tre­quar­ti­sta po­ten­te, im­pren­di­bi­le e ti­ro mi­ci­dia­le Di Fran­ce­sco già se lo coc­co­la..

CEN­TRO­CAM­PI­STA Uo­mo di pen­sie­ro del cen­tro­cam­po del­la Ju­ve e az­zur­ro. Non ha un gran di­na­mi­smo ma sa far cor­re­re il pal­lo­ne

DI­FEN­SO­RE Con­ti­nui­tà e ot­ti­ma ca­pa­ci­tà di in­ci­de­re an­che nel­la me­tà cam­po av­ver­sa­ria le ar­mi prin­ci­pa­li Da sem­pre è uno dei top nel ruo­lo

DI­FEN­SO­RE Gio­ca in qual­sia­si ruo­lo del­la di­fe­sa, fi­si­co e duttilità le sue ar­mi. Il non­no era Dell’In­no­cen­ti, qua­si 300 pre­sen­ze in Se­rie A

AT­TAC­CAN­TE Pri­ma pun­ta do­ta­ta di buo­na ra­pi­di­tà e di­scre­ta tec­ni­ca ma che ha co­me pun­to di for­za la ca­pa­ci­tà di at­tac­ca­re la pro­fon­di­tà

DI­FEN­SO­RE Ter­zi­no de­stro so­li­do e dal buon pas­so e che gra­zie al­le sue ca­rat­te­ri­sti­che può gio­ca­re an­che al cen­tro del­la di­fe­sa

POR­TIE­RE Nel ruo­lo è uno dei mi­glio­ri da an­ni. Gran fi­si­co ma agi­le tra i pa­li non è un ca­so che la Dea l’ab­bia già pro­mos­so in Pri­ma­ve­ra

POR­TIE­RE Bra­vo nel­le usci­te e pre­ci­so tra i pa­li, con­tro la Sve­zia ha mo­stra­to i suoi ri­fles­si pa­ran­do an­che un cal­cio di ri­go­re

CEN­TRO­CAM­PI­STA Da­van­ti al­la di­fe­sa ama det­ta­re i tem­pi e far gi­ra­re il pal­lo­ne. Oc­chio al­le sue punizioni: sa es­se­re mi­ci­dia­le

SER­VI­ZIO FOTOGRAFICO © FI­GC

So­gno sfu­ma­to Un’esul­tan­za dell’Un­der 17

DI­FEN­SO­RE Ha bru­cia­to le tap­pe ma in Pri­ma­ve­ra ha tro­va­to po­co spa­zio. Ter­zi­no dal man­ci­no vel­lu­ta­to, i suoi cross so­no de­li­zie per le pun­te

AT­TAC­CAN­TE La pun­ta per­fet­ta. Ca­po­can­no­nie­re dell’Eu­ro­peo, 17 re­ti in cam­pio­na­to e au­to­re del gol che è val­so il Via­reg­gio: un pre­de­sti­na­to

AT­TAC­CAN­TE Se è l’uni­co 2002 del­la spe­di­zio­ne az­zur­ra un mo­ti­vo ci sa­rà. Po­ten­za e fiu­to del gol in tan­ti già stra­ve­do­no per lui e non so­lo in Ita­lia

DI­FEN­SO­RE Gio­iel­lo del vi­va­io bian­co­ce­le­ste. Per­so­na­li­tà e pie­de da cen­tro­cam­pi­sta più che da di­fen­so­re. In­za­ghi già si è ac­cor­to di lui...

CEN­TRO­CAM­PI­STA Ele­gan­te, non trop­po strut­tu­ra­to fi­si­ca­men­te ma qua­li­tà super. Tre­quar­ti­sta o se­con­da pun­ta, un as­sist­man che sa far ma­le

CEN­TRO­CAM­PI­STA Po­ten­za al­lo sta­to pu­ro. Mezz’ala stra­ri­pan­te, ma­ga­ri non avrà una gran­de tec­ni­ca ma quan­do af­fon­da sa far ma­le

AT­TAC­CAN­TE Ra­pi­do, tec­ni­co, ge­nia­le nel­le in­tui­zio­ni e tec­ni­ca so­praf­fi­na. Tre­quar­ti­sta o ester­no, la Ju­ve ha in ca­sa un ve­ro dia­man­te.

DI­FEN­SO­RE Na­to cen­tro­cam­pi­sta ma esplo­so co­me di­fen­so­re. Mez­zi atle­ti­ci im­pres­sio­nan­ti e gran­di ca­pa­ci­tà nell’uno con­tro uno

CEN­TRO­CAM­PI­STA Ri­ve­la­zio­ne dell’an­no. Nun­zia­ta lo ha in­se­ri­to que­st’an­no ed è ri­ma­sto stre­ga­to dal­le sue ca­pa­ci­tà atle­ti­che

CEN­TRO­CAM­PI­STA Gio­ca­to­re mo­der­no, dal­le buo­ne do­ti di­na­mi­che e in gra­do di da­re gran­de in­ten­si­tà al­la ma­no­vra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.