Cam­pa­gna­no e Fla­mi­nia per il so­cia­le con i de­te­nu­ti

I ra­gaz­zi del­la Vir­tus Cam­pa­gna­no e i de­te­nu­ti del car­ce­re ca­pi­to­li­no si so­no af­fron­ta­ti in un in­con­tro che ha re­ga­la­to a tut­ti una gior­na­ta da ri­cor­da­re

Gazzetta Regionale - - DA PRIMA PAGINA - ©Ga­zReg

Sia­mo an­da­ti nel car­ce­re ro­ma­no e ab­bia­mo vi­sto una par­ti­ta dal sa­po­re spe­cia­le...

So­no si­cu­ro che il cal­do asfis­sian­te sia pas­sa­to in se­con­do pia­no. In­sie­me ai brut­ti pen­sie­ri, al de­si­de­rio for­tis­si­mo di li­ber­tà e a quel sen­so di pri­va­zio­ne che li ac­com­pa­gna or­mai da tem­po. Chi da qual­che an­no, chi da me­no, chi ve­de il tra­guar­do vi­ci­no ed ora sta pen­san­do a co­me rior­ga­niz­zar­si quan­do la­sce­rà quel­le quat­tro mu­ra. Al­te, pos­sen­ti, do­ve ogni pas­so fat­to vie­ne con­trol­la­to, do­ve c’è un per­mes­so da chie­de­re, sem­pre, an­che per sa­pe­re se puoi gio­ca­re con que­sta o quel­la ma­glia in­dos­so. Non so quan­ti di voi sia­no mai en­tra­ti den­tro un car­ce­re, ma vi as­si­cu­ro che ba­sta var­ca­re la so­glia e ri­tro­va­re la stra­da la­scia­ta sol­tan­to un pa­io di ore pri­ma di en­trar­ci den­tro per ap­prez­za­re in tut­ta la sua es­sen­za l’es­se­re li­be­ro di an­da­re do­ve si vuo­le, in­con­tra­re chiun­que, pen­sa­re a co­sa fa­re il gior­no do­po. Non esi­ste be­ne più pre­zio­so, ol­tre qual­sia­si pos­ses­so. Non di­co di non aver­lo im­pa­ra­to in pre­ce­den­za, ma ne­gli sguar­di di Amir, Mas­si­mi­lia­no, Do­me­ni­co ho po­tu­to ca­pir­lo an­co­ra di più. Lo­ro che so­no pri­va­ti del­la li­ber­tà, ma che non vo­glio

far pas­sa­re co­me vit­ti­me di un si­ste­ma che non fun­zio­na. Lo­ro san­no di aver sba­glia­to e lo ca­pi­sci scam­bian­do­ci due pa­ro­le men­tre si rin­fre­sca­no do­po la fi­ne del pri­mo tem­po di una par­ti­ta a cui as­si­sto­no tan­ti al­tri co­me lo­ro. Che ap­plau­do­no per un gol o per una bel­la gio­ca­ta. An­che per chi non è sce­so in cam­po è sta­ta un’ora e po­co più di eva­sio­ne (con­ce­de­te­mi il gio­co di pa­ro­le): an­nul­la­re il tem­po, far fin­ta di es­se­re in uno sta­dio, di ave­re un pub­bli­co che ti ama e ti so­stie­ne. Ho vi­sto per­so­ne con an­co­ra tan­ti an­ni di pe­na da scon­ta­re sor­ri­de­re ed emo­zio­nar­si, par­lan­do con dei ra­gaz­zi che al­la vi­ta adul­ta stan­no ini­zian­do ades­so ad af­fac­ciar­si. Lo­ro che han­no scel­to di ri­nun­cia­re ad una bel­la gior­na­ta per sta­re in­sie­me ad ami­ci, ma­ga­ri fi­dan­za­te, o al­la fa­mi­glia. Al ma­re, al la­go, o più sem­pli­ce­men­te de­di­can­do­si a quel­lo che più li di­ver­te. Han­no scel­to di fa­re un bel ge­sto, di av­vi­ci­nar­si ad una real­tà che al so­lo sen­tir­la no­mi­na­re fa tre­ma­re i pol­si. Fi­ni­re in car­ce­re? Non si au­gu­ra a nes­su­no, fi­gu­ria­mo­ci ad im­ma­gi­na­re se stes­si a Re­bib­bia, o chis­sà do­ve. I ra­gaz­zi del Fla­mi­nia, an­zi, del­la Vir­tus Cam­pa­gna­no (so­cie­tà che ha di fat­to “pre­sta­to” la squa­dra al club di Ci­vi­ta Ca­stel­la­na per que­sta sta­gio­ne ndr) han­no toc­ca­to con ma­no quan­to il

ri­spet­to del­le re­go­le, an­che le più pic­co­le, sia fon­da­men­ta­le per la cre­sci­ta del­la so­cie­tà. Han­no ca­pi­to nel­la ma­nie­ra mi­glio­re quan­to si pos­sa per­de­re com­met­ten­do de­gli er­ro­ri. Han­no poi re­ga­la­to un mat­ch di­ver­ten­te, in cui non si so­no ri­spar­mia­ti, co­sì co­me la squa­dra di de­te­nu­ti che li ha at­te­si in cam­po. Uno spa­zio all’in­ter­no dell’area ver­de in cui pos­so­no pas­seg­gia­re e scam­bia­re qual­che pa­ro­la. Una par­ti­ta con­tro una squa­dra ve­ra è pe­rò tutt’al­tra co­sa. C’è il gu­sto del­la sfi­da, c’è co­mun­que la vo­lon­tà di met­ter­si in mo­stra, an­che se non ci so­no ri­flet­to­ri ed un pub­bli­co fe­stan­te. Una par­ti­ta di cal­cio si è tra­sfor­ma­ta in una fe­sta con pac­che e stret­te di ma­no, “cin­que” e com­pli­men­ti all’av­ver­sa­rio. Con il qua­le di so­li­to non fai bat­tu­te du­ran­te l’an­no. La par­ti­ta gio­ca­ta dai ra­gaz­zi di mi­ster Ca­la­bre­si nel car­ce­re di Re­bib­bia è sta­ta un mo­ni­to for­tis­si­mo, che non di­men­ti­che­ran­no, per­ché han­no tro­va­to in cam­po de­gli in­se­gnan­ti, che so­lo guar­dan­do­li ne­gli oc­chi han­no fat­to ca­pi­re lo­ro la for­tu­na che han­no. Una par­ti­ta in cui al­la fi­ne c’è sta­to un ov­vio vin­ci­to­re, ma an­che un ter­zo tem­po che ha sor­pre­so Amo­ro­si­no e com­pa­gni. E’ an­da­ta pro­prio co­sì: i de­te­nu­ti ad at­ten­de­re su due fi­le or­di­na­te i gio­ca­to­ri del Fla­mi­nia ac­col­ti tra gli ap­plau­si men­tre si re­ca­va­no al rin­fre­sco or­ga­niz­za­to (ed au­to­fi­nan­zia­to) da chi ha aspet­ta­to que­sta par­ti­ta per gior­ni. In cam­po i de­te­nu­ti han­no avu­to la me­glio, vin­cen­do per 5-3 con la dop­piet­ta di Amir e le pa­ra­te di Do­me­ni­co a ru­ba­re la sce­na, pri­ma del­la par­zia­le ri­mon­ta nel fi­na­le con i gol di Del­le Fa­ve, Do­na­ti e Me­coz­zi. A lo­ro è an­da­to il rin­gra­zia­men­to di tan­ti ra­gaz­zi, più o me­no avan­ti con l’età, che ma­ga­ri du­ran­te qual­che gior­na­ta un po’ più buia del nor­ma­le pen­se­ran­no “So­no an­da­to via sul­la fa­scia, ho ti­ra­to e l’ho mes­sa all’an­go­li­no. Che bel­lo”.

©Ga­zReg

Nell’area ver­de di Re­bib­bia La fo­to con le due squa­dre e due scat­ti del mat­ch

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.