CAR­LO TAVECCHIO “FIGC? In que­sti 10 me­si han­no sco­per­to l’ac­qua cal­da”

PAR­LA L’UL­TI­MO PRE­SI­DEN­TE FIGC L’ex nu­me­ro uno del­la Fe­de­ra­zio­ne a tutto ton­do: “Fem­mi­ni­le, Var, quat­tro po­sti in Cham­pions, squa­dre e no­stri di­ri­gen­ti in FIFA e UE­FA so­no miei tra­guar­di Il mio er­ro­re? Con Con­te sa­rem­mo an­da­ti in Rus­sia”

Gazzetta Regionale - - DA PRIMA PAGINA - Al­fon­so Mar­co Rus­so Mam­mi­ni ©RIPRODUZIONE RISERVATA

È un Car­lo Tavecchio lon­ta­no dai ri­flet­to­ri, ma che ri­spon­de con par­te­ci­pa­zio­ne e spi­ri­to critico al­le no­stre do­man­de sul­la si­tua­zio­ne del calcio ita­lia­no a qua­si un an­no da Italia-Sve­zia. L’ex nu­me­ro uno del­la FIGC, la­scia­to l’in­ca­ri­co do­po set­te gior­ni dal­la di­sfat­ta az­zur­ra nel­lo spa­reg­gio qua­li­fi­ca­zio­ne, tor­na a far sen­ti­re la sua vo­ce e lo fa at­tra­ver­so i no­stri mi­cro­fo­ni. Ele­zio­ni fe­de­ra­li, CO­NI, di­rit­ti TV e calcio fem­mi­ni­le alcuni dei te­mi trat­ta­ti con l’ener­gi­co pre­si­den­te di­mis­sio­na­rio, che ha ri­per­cor­so con noi gli ul­ti­mi 11 me­si di vi­cen­de cal­ci­sti­che, non sen­za un piz­zi­co di iro­nia e con to­ni per cer­ti ver­si ac­ce­si.

Pre­si­den­te, ven­go su­bi­to al dun­que: sa­cri­fi­ca­to l’agnel­lo, com’è la si­tua­zio­ne del calcio ita­lia­no do­po un an­no? Cos’è cam­bia­to se­con­do Lei?

“La si­tua­zio­ne la ve­de­te, non c’è bi­so­gno che la il­lu­stri io. È evi­den­te. I cam­pio­na­ti so­no par­ti­ti, sia­mo ad ot­to­bre. La giu­sti­zia spor­ti­va sta va­lu­tan­do tut­ti i ri­cor­si, con­tro ri­cor­si, TAR, non TAR, col­le­gio di ga­ran­zia, cor­ti fe­de­ra­li: tutto. È un si­ste­ma che è sta­to ge­sti­to nell’in­ten­to di re­cu­pe­ra­re una cre­di­bi­li­tà che cre­de­va­no per­sa, ma i ten­ta­ti­vi han­no in­flui­to in ma­nie­ra ne­ga­ti­va”.

Lei ave­va in­ten­zio­ne di con­ti­nua­re nel suo in­ca­ri­co, ma è ve­nu­ta a man­ca­re la fi­du­cia. Ci può di­re per qua­li mo­ti­vi è sta­to sfi­du­cia­to? E per­ché nes­su­no del Con­si­glio Fe­de­ra­le si è di­mes­so?

“L’obiet­ti­vo più im­por­tan­te che ha una fe­de­ra­zio­ne dal pun­to di vi­sta ago­ni­sti­co è par­te­ci­pa­re ai Cam­pio­na­ti del Mon­do, la com­pe­ti­zio­ne che met­te in mo­stra i va­lo­ri di una na­zio­ne, e la partita con la Sve­zia è sta­ta un in­suc­ces­so. A que­sto pun­to, il pro­ble­ma fon­da­men­ta­le era che fra tut­te le al­tre com­po­nen­ti del si­ste­ma, nes­su­no si era di­mes­so. Tut­ti vo­le­va­no re­sta­re al lo­ro po­sto, in­tra­pren­de­re un di­scor­so nuovo; ma bi­so­gna­va por­ta­re avan­ti qual­co­sa che di­mo­stras­se al po­po­lo ita­lia­no che c’era­no del­le re­spon­sa­bi­li­tà. Di fron­te a tutto ciò, ho pre­fe­ri­to io fa­re il ge­sto del­le di­mis­sio­ni e met­te­re la Fe­de­ra­zio­ne nel­le con­di­zio­ni di an­da­re a nuo­ve ele­zio­ni. Inol­tre, ten­ga pre­sen­te una co­sa: io ho la­scia­to quel­lo che nes­su­no in pre­ce­den­za ave­va ot­te­nu­to. Ci so­no quat­tro po­sti in Cham­pions Lea­gue, non so­no mai sta­ti ot­te­nu­ti dal­la FIGC; l’Italia ospi­te­rà gli Eu­ro­pei Un­der 21 (16-30 giu­gno 2019 ndr) e il cam­pio­na­to eu­ro­peo avrà quat­tro par­ti­te a Ro­ma, co­sa che non han­no le al­tre na­zio­ni; ab­bia­mo ot­te­nu­to il VAR e sia­mo sta­ti i pri­mi ad ot­te­ner­lo; e ab­bia­mo mes­so due di­ri­gen­ti nell’am­bi­to del­la FIFA e del­la UE­FA (Ch­ri­stil­lin e Uva, ndr). Que­sto è un ri­sul­ta­to no­te­vo­le, uni­to al fat­to che am­mi­ni­stra­ti­va­men­te la Fe­de­ra­zio­ne ave­va una buo­na, an­zi, ot­ti­ma, li­qui­di­tà no­no­stan­te le de­cur­ta­zio­ni del CO­NI, che tut­ti san­no. Que­sti so­no fat­ti rea­li che nes­su­no può con­trad­di­re. Il ri­sul­ta­to spor­ti­vo non è ve­nu­to, nes­su­no ne ha pre­so co­scien­za e mi sem­bra­va cor­ret­to che lo fa­ces­se il pre­si­den­te fe­de­ra­le: tutto qua. Poi i fat­ti li co­no­sce­te più voi di me”.

A di­cem­bre il CO­NI ha pre­so in ma­no la si­tua­zio­ne, non es­sen­do sta­to elet­to il pre­si­den­te del­la Le­ga Se­rie A, e a gen­na­io il com­mis­sa­ria­men­to è di­ven­ta­to uf­fi­cia­le. Co­sa pen­sa dell’ope­ra­to di Ro­ber­to Fab­bri­ci­ni fi­no a que­sto mo­men­to?

“L’ope­ra­to di Fab­bri­ci­ni lo giu­di­che­ran­no tut­ti gli spor­ti­vi ita­lia­ni. Dal pun­to di vi­sta dei ri­sul­ta­ti, mi sem­bra lam­pan­te che la Fe­de­ra­zio­ne non ab­bia ot­te­nu­to quel­lo che spe­ra­va di ot­te­ne­re”.

Que­stio­ne di­rit­ti tv, un Suo pa­re­re sul dua­li­smo Sky-DAZN: non si po­te­va tro­va­re una so­lu­zio­ne più con­ve­nien­te per gli spet­ta­to­ri?

“In­nan­zi­tut­to, tut­ti era­no ne­ga­ti­vi sul fat­to di non riu­sci­re ad ot­te­ne­re gli

im­por­ti, in real­tà poi il calcio ita­lia­no è sta­to pe­sa­to be­ne per­ché 1 mi­liar­do e 50 cir­ca non era ro­ba di po­co con­to. La que­stio­ne sul dua­li­smo, beh, si­cu­ra­men­te spez­zet­ta­re co­sì tut­te le par­ti­te al ti­fo­so crea fa­sti­di e, de­vo es­se­re sin­ce­ro, dif­fi­col­tà per guar­dar­le. Quin­di, non cre­do sia una co­sa mol­to con­ve­nien­te per lo spet­ta­to­re”.

Il calcio ita­lia­no de­ve ri­par­ti­re dal nuovo pre­si­den­te FIGC, da Ro­ber­to Man­ci­ni o dai set­to­ri giovanili?

“Si sta di­men­ti­can­do da co­sa sia co­sti­tui­to il calcio ita­lia­no. Que­sto è com­po­sto da 15mi­la as­so­cia­zio­ni di­let­tan­ti­sti­che, che han­no 1 mi­lio­ne e 300mi­la tes­se­ra­ti e che so­no com­ple­ta­men­te non as­si­sti­te né da en­ti lo­ca­li, né da go­ver­ni e né da prov­vi­den­ze, esclu­sa la que­stio­ne fi­sca­le che è sta­ta ot­te­nu­ta col de­cre­to, l’ar­ti­co­lo 90 del­la fi­nan­zia­ria del 2002 che ho pro­cu­ra­to io. Do­po­di­ché non c’è sta­to nient’al­tro di prov­vi­den­za. Quin­di, tut­ti co­lo­ro i qua­li in­vo­ca­no in­ter­ven­ti, si ri­cor­di­no che le so­cie­tà di­let­tan­ti­sti­che vi­vo­no so­lo per­ché ci so­no dei sog­get­ti vo­lon­ta­ri, che met­to­no i pro­pri sol­di per met­te­re su una squa­dret­ta di calcio e il set­to­re gio­va­ni­le. La Fe­de­ra­zio­ne sot­to la mia gui­da ha fat­to cir­ca 30 cen­tri fe­de­ra­li sul ter­ri­to­rio per po­ter por­ta­re quel­lo che è il ver­bo del gio­co del calcio, che do­vreb­be es­se­re im­por­ta­to dal set­to­re tec­ni­co di Co­ver­cia­no. Gli at­to­ri di que­sta sto­ria so­no più di uno: se par­lia­mo dell’aspet­to tec­ni­co c’è bi­so­gno di un cer­to di­scor­so, se par­lia­mo di quel­lo ago­ni­sti­co ser­ve al­tro, se par­lia­mo poi dei gio­va­ni in Na­zio­na­le, bi­so­gna con­si­de­ra­re qual è la po­li­ti­ca del­le so­cie­tà pro­fes­sio­ni­sti­che di Se­rie A. Og­gi, gra­zie an­che ai re­go­la­men­ti at­tua­li, han­no in ro­sa più stra­nie­ri che ita­lia­ni. Quin­di, bi­so­gna in­ter­ve­ni­re, mo­de­ran­do l’uti­liz­zo nei set­to­ri giovanili pro­fes­sio­ni­sti­ci di gio­ca­to­ri stra­nie­ri crean­do mag­gio­re spa­zio per i no­stri gio­va­ni. Que­sto è il ri­sul­ta­to più im­por­tan­te, ma sic­co­me i gio­ca­to­ri stra­nie­ri ven­go­no im­por­ta­ti da tut­ta una se­rie di sog­get­ti e as­so­cia­zio­ni che han­no in­te­res­se ad ave­re que­sti scam­bi di na­tu­ra com­mer­cia­le, gli ita­lia­ni ver­ran­no sem­pre do­po”.

E co­me si po­treb­be con­tra­sta­re, se­con­do Lei, que­sto re­te di scam­bi di na­tu­ra com­mer­cia­le a cui ha ap­pe­na fat­to ri­fe­ri­men­to Lei?

“Se lei va in Afri­ca o nei pae­si su­da­me­ri­ca­ni, tro­va gen­te che ha fa­me, gen­te che vi­ve die­ci ore al gior­no con il pal­lo­ne in ma­no. I no­stri gio­va­ni stan­no die­ci ore al gior­no con il te­le­fo­ni­no in ma­no, non con il pal­lo­ne, e quan­do li por­ti a gio­ca­re stan­no mas­si­mo un’ora e mez­za al gior­no. Co­sa vuo­le fa­re con un’ora al gior­no? An­che per­ché or­mai c’è una ci­vil­tà che por­ta a fa­re al­tri ra­gio­na­men­ti, quin­di quan­do lei in­con­tre­rà que­sti sog­get­ti che or­mai per lo­ro è un mo­ti­vo di vi­ta, un mo­ti­vo esi­sten­zia­le, il gio­co per po­ter emer­ge­re, lei per­de­rà sem­pre”.

Un in­ter­ven­to con­cre­to qua­le po­treb­be es­se­re?

“Un in­ter­ven­to con­cre­to an­da­va fat­to quan­do ci fu la no­stra Pre­si­den­za del Con­si­glio Eu­ro­peo: bi­so­gna­va in­di­vi­dua­re la spe­ci­fi­ci­tà del gio­co del calcio e sta­bi­li­re che ogni as­so­cia­zio­ne di­let­tan­ti­sti­ca o co­mun­que pro­fes­sio­ni­sti­ca non può ave­re più di 5 ele­men­ti stra­nie­ri. Que­sto an­da­va fat­to con una nor­ma eu­ro­pea. È una re­stri­zio­ne che an­da­va fat­ta a quel li­vel­lo. Non aven­do­lo fat­to, ci so­no 28 pae­si eu­ro­pei, in que­sti c’è la li­be­ra cir­co­la­zio­ne del­le mer­ci, del­le idee, del gio­co e di tutto quel­lo che c’è. Gli stra­nie­ri? Lei fac­cia il con­to: se ne pos­so­no usa­re 2 all’an­no, ma quan­ti ne im­por­ta­no? Per tro­var­ne 2 ne im­por­ta­no 50. Poi ne sal­ta­no fuo­ri un ter­zo e un quar­to e riu­scia­mo ad ave­re squa­dre con 11/11 di stra­nie­ri, co­me l’In­ter, o 10/11 in al­tre so­cie­tà che pri­ma uti­liz­za­va­no so­lo ita­lia­ni”.

Re­stan­do in te­ma gio­va­ni: quel­la del­le se­con­de squa­dre è una stra­da per­cor­ri­bi­le?

“Le se­con­de squa­dre? È co­me in­ven­ta­re l’ac­qua cal­da, io le ave­vo pro­po­ste 3 an­ni fa. Ero riu­sci­to a met­te­re in­sie­me la Ju­ven­tus, il Mi­lan, l’In­ter, la Ro­ma, la La­zio e la Fio­ren­ti­na. Ave­va­mo fat­to 6 se­con­de squa­dre pron­te ad iscri­ver­si. Non so­no sta­te ac­cet­ta­te ed è ca­du­ta la que­stio­ne. Ades­so si par­la di aver ri­sco­per­to l’ac­qua cal­da e se n’è iscrit­ta so­lo una, pe­rò i ri­sul­ta­ti so­no quel­li che so­no”.

Co­sa di­reb­be a Ma­la­gò?

“Ma­la­gò ha pre­so le sue de­ci­sio­ni, io non ho fat­to nien­te per con­tra­star­le, ma mi ri­sul­ta stra­no che un pre­si­den­te del CO­NI va­da in televisione la se­ra pri­ma dell’As­sem­blea Elet­ti­va ri­la­scia­re cer­te di­chia­ra­zio­ni. Que­ste so­no co­se che non suc­ce­do­no in nes­su­na par­te del mon­do! Que­ste so­no co­se ir­ri­pe­ti­bi­li! E que­sti le han­no fat­te. Pa­zien­za, se ne ac­cor­ge­ran­no. Ma tan­to so­no 10 me­si che stan­no cer­can­do di in­ven­ta­re l’ac­qua cal­da”.

Lei nel suo man­da­to ha ri­ce­vu­to tan­te cri­ti­che.

“Sia­mo riu­sci­ti a por­ta­re in Eu­ro­pa il vi­ce­pre­si­den­te del­la UE­FA e una don­na in FIFA. Chi è sta­to de­ter­mi­nan­te per Ce­fe­rin? Chi è sta­to de­ter­mi­nan­te per In­fan­ti­no? Si fac­cia di­re chi è sta­to e poi ve­drà. Io non so­no in gi­ro a chie­de­re nien­te a nes­su­no, i fat­ti so­no que­sti. In que­sto pae­se bi­so­gna ve­de­re i fat­ti, non le chiac­chie­re”.

Co­sa pen­sa del calcio fem­mi­ni­le nel nostro Pae­se?

“Il calcio fem­mi­ni­le è partito con una mia in­tui­zio­ne, che era quel­la di ac­com­pa­gna­re il per­cor­so del­le so­cie­tà pro­fes­sio­ni­sti­che con l’ob­bli­go di ave­re una squa­dra fem­mi­ni­le. Que­sto lo ha det­to Car­lo Tavecchio 5 an­ni fa. È ar­ri­va­to al pun­to che sia­mo or­mai qua­si in un cam­pio­na­to che pre­ve­de al­me­no 7-8 so­cie­tà pro­fes­sio­ni­sti­che con la squa­dra fem­mi­ni­le, co­sa che non è per tut­te e 12 le com­pa­gi­ni. Pe­rò la que­stio­ne più im­por­tan­te è que­sta: che il calcio fem­mi­ni­le pro­fes­sio­ni­sti­co, a mio mo­de­stis­si­mo av­vi­so, do­ve­va es­se­re at­tri­bui­to al­la Le­ga di Se­rie A. La Fe­de­ra­zio­ne non de­ve fa­re at­ti­vi­tà ago­ni­sti­che e for­ma­re dei di­par­ti­men­ti, per­ché la Le­ga Di­let­tan­ti ave­va por­ta­to avan­ti un di­scor­so mol­to se­rio, di au­to­no­mia e ave­va pa­ga­to i de­bi­ti di tut­te le ge­stio­ni pre­ce­den­ti. Ades­so an­dia­mo a pren­de­re il ro­man­ti­ci­smo dei gran­di no­mi per por­ta­re a fa­re il di­scor­so del calcio fem­mi­ni­le. Il calcio fem­mi­ni­le pro­fes­sio­ni­sti­co de­ve sta­re nel­la le­ga pro­fes­sio­ni­sti­ca, che è quel­la di Se­rie A. Non ci so­no al­tre sto­rie. Ep­pu­re qui si vuo­le in­se­gna­re che è cam­bia­to il di­scor­so, ma non è co­sì”.

Sia­mo in chiu­su­ra: Car­lo Tavecchio, cit­ta­di­no ita­lia­no e ti­fo­so del­la Na­zio­na­le co­me ha vis­su­to il flop con la Sve­zia?

“È sta­to dram­ma­ti­co. Sei me­si pri­ma ave­vo det­to che se non ci fos­si­mo qua­li­fi­ca­ti sa­reb­be sta­ta un’apo­ca­lis­se, per­ché sa­pe­vo che per una man­ca­ta qua­li­fi­ca­zio­ne si sa­reb­be­ro sca­te­na­te tut­ta una se­rie di si­tua­zio­ni la­ten­ti che sa­reb­be­ro emer­se sot­to l’aspet­to ago­ni­sti­co. Lo so per­fet­ta­men­te, lo dis­si pri­ma. Quan­do lo dis­si io, tut­ti: ‘non è ve­ro, non è ve­ro!’ . E in­ve­ce...”

L’ul­ti­ma do­man­da: una co­sa che avreb­be do­vu­to fa­re e che, in­ve­ce, non ha fat­to quan­do era Pre­si­den­te?

“Avrei do­vu­to te­ne­re An­to­nio Con­te, con­tro tutto e tut­ti. Era l’uni­co che mi ga­ran­ti­va di an­da­re ai Cam­pio­na­ti del Mon­do”.

« Il mio er­ro­re più gran­de? Avrei do­vu­to te­ne­re Con­te con­tro tutto e tut­ti. Era l’uni­co che mi ga­ran­ti­va la qua­li­fi­ca­zio­ne ai Cam­pio­na­ti del Mon­do Car­lo Tavecchio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.