U15: pa­ri La­zio con la Ju­ve di Con­del­lo L’U16 si ar­ren­de

Si è svol­to mercoledì il me­mo­rial Di Nit­to, in ono­re del­lo sto­ri­co al­le­na­to­re Ha vin­to l'Un­der 17 dei cio­cia­ri, tra calcio, emozioni, pre­mia­zio­ni e sor­pre­se

Gazzetta Regionale - - DA PRIMA PAGINA - Ste­fa­no Bas­si

LA­ZIO U15 I com­pa­gni fe­steg­gia­no Ama­dei do­po il gol del 1-1 © Lau­ra Del Gob­bo

Una gior­na­ta da ri­cor­da­re, non so­lo per le emozioni che ci ha la­scia­to il cam­po al ter­mi­ne del­le ap­pas­sio­nan­ti sfi­de tra le for­ma­zio­ni Un­der 17 di Vil­lal­ba, Ro­ma e Fro­si­no­ne, ma so­prat­tut­to per il va­lo­re in sé e per sé del Me­mo­rial Orlando Di Nit­to, trian­go­la­re or­ga­niz­za­to pro­prio dal Vil­lal­ba per ri­cor­da­re lo sto­ri­co al­le­na­to­re del calcio la­zia­le, in oc­ca­sio­ne del de­cen­na­le del­la sua scom­par­sa. Un uo­mo ri­ma­sto im­pres­so nel cuo­re di ge­ne­ra­zio­ni di cal­cia­to­ri e al­le­na­to­ri e di tut­ti co­lo­ro che han­no avu­to il pia­ce­re di in­cro­ciar­lo al­me­no una vol­ta nel­la vi­ta. La ma­ni­fe­sta­zio­ne, vo­lu­ta e or­ga­niz­za­ta dal­la fa­mi­glia Scroc­ca, è sta­ta un ve­ro e pro­prio suc­ces­so, dif­fi­ci­le di­re di­ver­sa­men­te: tan­to spet­ta­co­lo in cam­po e fuo­ri. Pre­sen­te ov­via­men­te an­che la fa­mi­glia del com­pian­to Orlando, dav­ve­ro emo­zio­na­ta nel ri­ce­ve­re co­sì tan­to ca­lo­re, ol­tre agli ami­ci di una vi­ta, tut­ti in­sie­me ed uni­ti in so­lo gran­de ab­brac­cio. “Il ri­cor­do che ho di lui è di una per­so­na che all’epo­ca, quan­do ave­vo 14 an­ni e mez­zo e ve­nen­do da Ve­ro­na, mi in­vi­ta­va a ca­sa a ce­na­re in­sie­me al­la sua fa­mi­glia - rac­con­ta Al­ber­to Fac­ci­ni - era un mes­sag­gio im­por­tan­te per me che ero co­sì gio­va­ne. Orlando era una per­so­na che par­la­va po­co ma in­se­gna­va tan­to”. Gran­de al­le­na­to­re e straor­di­na­ria per­so­na fuo­ri dal cam­po, co­sì lo ri­cor­da Mau­ro Ci­ni: “Cre­do che a li­vel­lo di al­le­na­to­ri ce ne sia­no po­chi in gi­ro com’era lui, ma io lo vor­rei ri­cor­da­re so­prat­tut­to co­me un gran­de uo­mo, una per­so­na che ci in­di­riz­za­va lun­go la stra­da giu­sta an­che al di fuo­ri del cam­po”. Poi pren­de pa­ro­la an­che Clau­dio Tic­co­ni: “Al suo tem­po il calcio era di­ver­so, an­che se già all’epo­ca Orlando era un pas­so avan­ti a tut­ti - com­men­ta - il suo mo­do di al­le­na­re, noi che ab­bia­mo avu­to la for­tu­na di cre­sce­re sot­to i suoi in­se­gna­men­ti, ce lo sia­mo por­ta­to die­tro e cer­chia­mo ogni gior­no di ri­por­tar­lo sul cam­po. Ma era l’im­po­sta­zio­ne uma­na che da­va al suo mo­do di al­le­na­re che qua­si sor­pren­de­va. Sul cam­po era un du­ro, ma fuo­ri era un ve­ro e pro­prio pez­zo di pa­ne, una del­le per­so­ne più buo­ne che ho avu­to la for­tu­na di co­no­sce­re”. Sul­la stes­sa li­nea di pen­sie­ro Ste­fa­no D’Aver­sa: “Pos­so so­la­men­te di­re che era una per­so­na dav­ve­ro squi­si­ta, una del­le più bel­le e brave del mon­do. Non par­lo di que­stio­ni cal­ci­sti­che per­ché nem­me­no ce n’è bi­so­gno. Io per­so­nal­men­te de­vo tutto a lui - con­ti­nua D’Aver­sa - ho im­pa­ra­to a gio­ca­re a calcio e so­prat­tut­to l’edu­ca­zio­ne spor­ti­va gra­zie ad i suoi in­se­gna- men­ti. Era un esem­pio per tut­ti, uno che ci ca­pi­va e ap­pas­sio­na­to del­la tec­ni­ca, in­fat­ti a me che ero uno pu­ra­men­te tec­ni­co mi ama­va al­la fol­lia”. Con la vo­ce sof­fo­ca­ta dall’emo­zio­ne, an­che la si­gno­ra Ro­sa­ria Di Nit­to, mo­glie del gran­de Orlando, ha pre­so la pa­ro­la pri­ma del­le pre­mia­zio­ni fi­na­li del­le squa­dre: “Ci ten­go a rin­gra­zia­re in par­ti­co­lar mo­do la fa­mi­glia Scroc­ca per l’or­ga­niz­za­zio­ne di que­sto me­mo­rial e tut­ti i pre­sen­ti che si so­no riu­ni­ti qui per ri­cor­da­re mio ma­ri­to”. In mez­zo al cam­po, co­me det­to, si so­no sfi­da­te le for­ma­zio­ni Un­der 17 del Vil­lal­ba, del­la Ro­ma e del Fro­si­no­ne. A trion­fa­re so­no sta­ti pro­prio i cio­cia­ri che han­no su­pe­ra­to i gial­lo­ros­si per 1-0 nel­la sfi­da de­ci­si­va, ma tan­ti ap­plau­si li han­no strap­pa­ti so­prat­tut­to i pa­dro­ni di ca­sa, ca­pa­ci di co­strin­ge­re ad un pa­reg­gio il Fro­si­no­ne nel­la se­con­da sfi­da del trian­go­la­re e vi­ci­ni ad un’in­cre­di­bi­le ri­mon­ta con la Ro­ma nel mat­ch d’esor­dio. Al ter­mi­ne del­le tre par­ti­te si so­no svol­te le pre­mia­zio­ni an­che per gli al­le­na­to­ri che l’an­no scor­so han­no vin­to i ri­spet­ti­vi cam­pio­na­ti re­gio­na­li: Emi­lia­no Cor­si con la Tor Tre Te­ste ne­gli Al­lie­vi Elite, Ric­car­do Con­tal­do con l’Ac­ca­de­mia Calcio Ro­ma ne­gli Al­lie­vi Fa­scia B Elite, Lo­ren­zo Ba­si­li con il Tor di Quin­to nei Gio­va­nis­si­mi Elite ed in­fi­ne Ales­san­dro Ru­bi­nac­ci con la Ro­ma nei Gio­va­nis­si­mi Fa­scia B Elite. In­fi­ne, lo splen­di­do po­me­rig­gio si è con­clu­so con un rin­fre­sco of­fer­to agli ospi­ti men­tre, sul ma­xi scher­mo, scor­re­va­no le istan­ta­nee di Orlando e del­la sua vi­ta de­di­ca­ta al calcio e, so­prat­tut­to, ai ra­gaz­zi.

LIUNEDÌ 8 OT­TO­BRE 2018

Ocres Mo­ca

Dall'al­to in sen­so ora­rio: la pre­mia­zio­ne ad Ales­san­dro Ru­bi­nac­ci, al­la si­gno­ra Di Nit­to, a Emi­lia­no Cor­si e a Ric­car­do Con­tal­do ©Ga­zReg

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.