Pio­vo­no ro­se di pas­sio­ne su Hei­di Klum

MEN­TRE PREN­DE IL SO­LE SUL MATERASSINO, LA MO­DEL­LA VIENE SOR­PRE­SA DA UN LAN­CIO DI FIO­RI. SO­LO UN BEL GE­STO D’AMO­RE? O IL TEN­TA­TI­VO DI FAR­SI PERDONARE UNA SCAPPATELLA?

GENTE - - Sommario - di Federica Capozzi

Non so­lo sei un an­ge­lo ca­du­to dal cie­lo: bel­lis­si­ma, fi­li­for­me no­no­stan­te quat­tro fi­gli, fre­sca e to­ni­ca co­me una ra­gaz­zi­na a 44 an­ni. Se sei Hei­di Klum, ca­pi­ta an­che che tu te ne stia a pren­de­re il so­le su un materassino, in mez­zo al ma­re, e dal cie­lo ti pio­va­no ad­dos­so de­ci­ne di ro­se ros­se, lan­cia­te dal pon­te di uno ya­cht di lus­so dal tuo fi­dan­za­to, sfac­cia­ta­men­te ro­man­ti­co, per far­ti una sor­pre­sa.

Va così, se sei Hei­di Klum e sei in va­can­za in Co­sta Az­zur­ra con il tuo ama­to Vi­to Sch­na­bel, gio­va­ne gal­le­ri­sta di gri­do, ric­co sfon­da­to e già di suo as­sai pro­pen­so al­la ga­lan­te­ria, fi­gu­rar­si ora che ha an­che qual­che pec­ca­tuc­cio da far­si perdonare. Po­co più di un me­se fa, in­fat­ti, è sta­to sco­per­to a Lon­dra in com­pa­gnia di una mi­ste­rio­sa stan­go­na bru­na, ac­com­pa­gna­ta a ca­sa in ta­xi do­po una ce­na al ri­sto­ran­te e sa­lu­ta­ta con ec­ces­si­vo tra­spor­to, va­le a di­re con un ba­cio, cro­no­me­tra­to dai pa­pa­raz­zi li­gi al do­ve­re: du­ra­ta, 30 se­con­di. Apri­ti cie­lo: finito sui gior­na­li di gos­sip di mez­zo mon­do, pre­so a ma­le pa­ro­le da un eser­ci­to di in­cre­du­li al gri­do di: «Ma co­me ti sal­ta in mente di tra­di­re Hei­di Klum?», il gio­va­ne Sch­na­bel - 13 an­ni me­no di lei e un cur­ri­cu­lum sen­ti­men­ta­le di cui di­re­mo

SCH­NA­BEL L’AVREB­BE GIÀ TRADITA AL­TRE VOL­TE, MA LEI NON È GELOSA

tra po­co - si è di­fe­so spie­gan­do al set­ti­ma­na­le Peo­ple che si è trat­ta­to di un equi­vo­co, di «una si­tua­zio­ne in­no­cen­te che è sta­ta tra­vi­sa­ta. Sta­vo so­lo dan­do la buo­na­not­te a un’ami­ca di fa­mi­glia, poi ognu­no è an­da­to per la sua stra­da». Sarà. Le fo­to in­di­scre­te rac­con­ta­no un’al­tra sto­ria, do­ve l’in­no­cen­za e le ami­che di vec­chia da­ta c’en­tra­no po­co, an­zi po­chis­si­mo. Ep­pu­re Hei­di, l’uni­ca che avreb­be do­vu­to fa­re fuo­co e fiam­me, pa­re se­re­na co­me una gior­na­ta di so­le. Le­ga­ta a Sch­na­bel da ol­tre 3 an­ni, non per­de oc­ca­sio­ne di dir­si in­na­mo­ra­tis­si­ma, e lui lo stes­so. Van­no in gi­ro ma­no nel­la ma­no, si scam­bia­no te­ne­rez­ze, par­to­no per le vacanze co­me due fi­dan­za­ti­ni, pas­san­do da An­ti­bes, tea­tro del­la piog­gia di ro­se di que­ste pa­gi­ne, a Ve­ne­zia, sem­pre in­sie­me, sem­pre af­fia­ta­ti, sem­pre co­me il pri­mo gior­no d’amo­re.

Che Vi­to ci sap­pia fa­re con le don­ne, d’al­tra par­te, non è una no­vi­tà. Figlio d’ar­te - suo padre è Ju­lian Sch­na­bel, pit­to­re cult ne­gli An­ni 80 e più re­cen­te­men­te re­gi­sta plu­ri­pre­mia­to di film co­me Lo sca­fan­dro e la

far­fal­la - era un se­dut­to­re già da ra­gaz­zi­no, quan­do stu­pi­va le si­gno­re in­trat­te­nen­do con­ver­sa­zio­ni mol­to ma­tu­re per la sua età. Pre­co­ce in tut­to, a 16 an­ni or­ga­niz­zò la pri­ma mo­stra col­let­ti­va nel We­st Vil­la­ge, quar­tie­re di New York do­ve avreb­be poi aper­to una delle sue gal­le­rie (l’al­tra è a Sankt Mo­ri­tz): gli ar­ti­sti era­no de­gli eme­ri­ti sco­no­sciu­ti, ma lui co­min­ciò a far­si un no­me nell’am­bien­te men­tre an­da­va an­co­ra a scuo­la. E sem­pre pri­ma di di­plo­mar­si ini­ziò a fre­quen­ta­re Fran­kie Ray­der, mo­del­la di 12 an­ni più grande di lui. A 21 usci­va con El­le Ma­c­pher­son, che all’epo­ca ne ave­va 44; a 23 con Liv Ty­ler, al­lo­ra 32en­ne, a 26 con De­mi Moo­re, re­du­ce a 50 an­ni dal­la rot­tu­ra con Ash­ton Kut­cher. «Ha que­sta ca­val­le­ria d’al­tri tem­pi, un mo­do di trat­ta­re le don­ne co­me se fos­se­ro re­gi­ne», di­ce di lui un ami­co di fa­mi­glia che lo co­no­sce fin da bam­bi­no. «An­che se ha la mente da im­pren­di­to­re, ha l’ani­mo di un poe­ta». E in­fat­ti ec­co­lo qua, a far ca­de­re ro­se ros­se sul­la sua fi­dan­za­ta in mez­zo al Me­di­ter­ra­neo.

Po­co im­por­ta se ogni tan­to tut­to que­sto fa­sci­no che Vi­to ha da ven­de­re crea qual­che in­ci­den­te di per­cor­so. La stan­go­na di giu­gno è so­lo l’ul­ti­ma di una se­rie di ipo­te­ti­che scap­pa­tel­le che gli so­no sta­te at­tri­bui­te nel cor­so del­la re­la­zio­ne con la Klum: nel 2015 c’era­no sta­te le ca­rez­ze e gli sfio­ra­men­ti di ma­ni al ri­sto­ran­te con Da­ko­ta John­son, pro­ta­go­ni­sta del­la sa­ga di Cin­quan­ta sfu­ma­tu­re, a feb­bra­io di que­st’an­no i ba­ci ru­ba­ti a Da­sha Zhu­ko­va, ter­za mo­glie ora in at­te­sa di di­vor­zio di Ro­man Abra­mo­vic, il pa­dro­ne del Chel­sea, e a sua volta esperta d’ar­te. In nes­sun ca­so Hei­di ha da­to se­gni di ce­di­men­to e fa­sti­dio. È ri­ma­sta an­zi al suo fian­co sen­za bat­te­re ci­glio, e men­tre tut­ti ci stu­pi­va­mo del­la pron­tez­za del suo per­do­no, lei for­se non si era nean­che sco­mo­da­ta a in­fu­riar­si con il com­pa­gno. Ai tem­pi del ma­tri­mo­nio con Seal, finito (ma­le) do­po 9 an­ni e 3 fi­gli, era sta­ta pro­prio la ge­lo­sia folle dell’uo­mo a gua­sta­re il rap­por­to, che so­lo in se­gui­to si è ri­cu­ci­to per il be­ne dei ra­gaz­zi. Me­glio non da­re in escan­de­scen­za, si sarà det­ta la bel­la Klum. E se Vi­to fa lo splen­di­do con le al­tre, pa­zien­za: l’im­por­tan­te è che al­la fi­ne tor­ni all’ovi­le. E chi non ci tor­ne­reb­be, se ad aspet­tar­lo ci fos­se lei?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.