AN­CO­RA SUI MILIONI DI CATTANEO

GENTE - - La Posta Dellettori -

Gen­ti­le di­ret­to­re, ho let­to la sua ri­spo­sta al let­to­re in­di­gna­to per i 25 milioni di eu­ro di buo­nu­sci­ta da Tim a Fla­vio Cattaneo. So­no ri­ma­sta sba­lor­di­ta e pa­rec­chio ar­rab­bia­ta. So­no d’ac­cor­do con lei sul fat­to che ogni azien­da pri­va­ta ab­bia i suoi con­trat­ti e re­go­la­men­ti, ma mi tro­vo del tut­to in di­sac­cor­do quan­do scri­ve che i di­pen­den­ti han­no con­di­vi­so il tut­to. Da anni sia­mo sog­get­ti ai con­trat­ti di so­li­da­rie­tà e quin­di ab­bia­mo lo sti­pen­dio ri­dot­to no­stro mal­gra­do. L’ul­ti­ma di­ri­gen­za ci ha ri­dot­to gior­ni di fe­rie ed ore di per­mes­so re­tri­bui­to a fa­vo­re di ore gra­tis di la­vo­ro in più. Mai avrem­mo da­to il no­stro as­sen­so a quell’ope­ra­zio­ne. Gian­na Ri­gac­ci

Ca­ra Gian­na, una som­ma di quel­le pro­por­zio­ni stor­di­sce an­co­ra di più se vie­ne ac­cor­da­ta nel mo­men­to dif­fi­ci­le che at­tra­ver­sa la Te­le­com. Io in­ten­de­vo, pe­rò, che un’azien­da pri­va­ta è li­be­ra di con­cor­da­re li­qui­da­zio­ni fa­rao­ni­che.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.