Ja­smi­ne Trin­ca, una giu­ra­ta “di bor­ga­ta” al­la Mo­stra del Ci­ne­ma di Ve­ne­zia

«SO­NO CRESCIUTA SO­LA CON MIA MAM­MA IN UN QUAR­TIE­RE PO­PO­LA­RE», CON­FI­DA L’AT­TRI­CE. «ORA CHE SO­NO DI NUO­VO SIN­GLE CI SO­NO TOR­NA­TA CON MIA FIGLIA»

GENTE - - Sommario - DI SARA RECORDATI

Gli oc­chi ma­li­zio­si e il sor­ri­so dol­ce la­scia­no in­ten­de­re che ci sia sem­pre mol­to di più ri­spet­to a quel­lo che è di­spo­sta a rac­con­ta­re. Per que­sto in­con­tra­re Ja­smi­ne Trin­ca, tra le mi­glio­ri at­tri­ci del ci­ne­ma ita­lia­no, pre­mia­ta a Can­nes e poi a Taor­mi­na con il Na­stro d’ar­gen­to per il suo ruo­lo in

For­tu­na­ta di Ser­gio Ca­stel­lit­to, è sem­pre una pia­ce­vo­le av­ven­tu­ra. A 36 anni e ol­tre ven­ti film, la Trin­ca è an­co­ra una di­va ti­mi­da. Per­si­no ora che per il suo ul­ti­mo per­so­nag­gio, For­tu­na­ta ap­pun­to, si è os­si­ge­na­ta i ca­pel­li ti­ran­do fuo­ri fi­nal­men­te la sua ani­ma più ri­bel­le e po­po­la­re. «So­no ri­ser­va­ta e se­ve­ra con me stes­sa, per pu­do­re la ten­go na­sco­sta, ma mi ap­par­tie­ne tan­tis­si­mo», sor­ri­de. «So­no cresciuta nel quar­tie­re po­po­la­re ro­ma­no del Te­stac­cio, do­ve abi­to an­co­ra. An­zi, so­no ri­tor­na­ta pro­prio nel mo­no­lo­ca­le do­ve sta­vo con mia ma­dre [ scom­par­sa nel 2013, ndr]: da bambina so­gna­vo che un gior­no l’avrei al­lar­ga­to e co­sì ho fat­to».

Il pa­dre è mor­to quan­do lei era pic­co­lis­si­ma: Ja­smi­ne è figlia uni­ca cresciuta da una mam­ma sin­gle. « Che si ar­ra­bat­ta­va tra mil­le im­pie­ghi, ma mi ha sem­pre tra­smes­so la di­gni­tà che pas­sa at­tra­ver­so il la­vo­ro e l’idea di non es­se­re in vendita». Cre­sce­re con va­lo­ri so­li­di le ha per­mes­so di non per­der­si no­no­stan­te il suc­ces­so ar­ri­va­to pre­sto, a 18 anni, quan­do Nan­ni Mo­ret­ti la sco­vò in un li­ceo ro­ma­no per La

stan­za del fi­glio che la ca­ta­pul­tò di­ret­ta­men­te al Fe­sti­val di Can­nes (do­ve il film vin­se la Pal­ma d’oro nel 2001) e le por­tò

«NON GI­RO UN FILM DIE­TRO L’AL­TRO: MI GODO LA MIA BIM­BA»

la pri­ma can­di­da­tu­ra al Da­vid di Do­na­tel­lo. «L’in­fan­zia com­pli­ca­ta, l’aver già af­fron­ta­to di­ver­se si­tua­zio­ni im­pe­gna­ti­ve del­la vi­ta mi ave­va­no fat­to ma­tu­ra­re in fret­ta. Da ra­gaz­za ho avu­to an­che il mio pe­rio­do ri­bel­le: ca­pel­li ra­sa­ti e pier­cing, suo­na­vo il bas­so in un grup­po. E pur es­sen­do io un pez­zo di pa­ne, come ogni figlia ho con­te­sta­to mia ma­dre, che pu­re mi la­scia­va mol­ta li­ber­tà. Ora che so­no mam­ma an­ch’io pen­so: pe­rò ave­va ra­gio­ne lei».

Ja­smi­ne ha una bambina, El­sa, na­ta 8 anni fa dal­la re­la­zio­ne con An­to­nio, co­no­sciu­to sui ban­chi del­la Sa­pien­za e dal qua­le si è re­cen­te­men­te se­pa­ra­ta. Un no­me im­por­tan­te, quel­lo scel­to per la figlia, ispi­ra­to al­la gran­de scrit­tri­ce El­sa Mo­ran­te: «Ma an­che all’el­sa di una spa­da e a El­sa la leo­nes­sa del­la ce­le­bre se­rie Tv americana de­gli anni Set­tan­ta Na­ta li­be­ra. L’au­gu­rio per mia figlia e per tut­te le ra­gaz­ze è di man­te­ne­re la pro­pria sen­si­bi­li­tà e fra­gi­li­tà, ca­rat­te­ri­sti­che che ren­do­no l’es­se­re fem­mi­ne co­sì me­ra­vi­glio­so, ma an­che di di­ven­ta­re for­ti e di com­bat­te­re per se stes­se. Di non cer­ca­re il so­li­to prin­ci­pe az­zur­ro, ma di trovare le bel­le ri­sor­se che han­no den­tro». L’at­tri­ce si ri­tro­va a es­se­re sin­gle pro­prio come fu sua ma­dre. «Per for­tu­na ho man­te­nu­to un ot­ti­mo rapporto con il pa­dre di El­sa, che è mol­to presente con lei. E io cer­co di es­se­re il più pos­si­bi­le una mam­ma te­ne­ra, dol­ce an­che quan­do de­vo tra­smet­te­re le re­go­le per­ché a quell’età i bam­bi­ni han­no bi­so­gno so­prat­tut­to di sen­tir­si ama­ti». E come tut­te le mam­me la­vo­ra­tri­ci de­si­de­ra sta­re con la figlia il più pos­si­bi­le. « So­no con­ten­ta per­ché ho mol­to tem­po li­be­ro. Per esem­pio, dopo For­tu­na­ta non ho gi­ra­to nul­la per un an­no. Mi pia­ce aspet­ta­re l’in­con­tro giusto con un re­gi­sta senza fret­ta. In que­sti me­si mi so­no de­di­ca­ta com­ple­ta­men­te a El­sa». Ora pe­rò l’at­ten­de un nuo­vo im­pe­gna­ti­vo pro­get­to per l’au­tun­no. «Sa­rò Ila­ria Cuc­chi nel film di Alessio Cre­mo­ni­ni che rac­con­te­rà l’ar­re­sto, la de­ten­zio­ne e la mor­te di Stefano Cuc­chi, av­ve­nu­ta nel 2009 in cir­co­stan­ze po­co chia­re du­ran­te la cu­sto­dia cau­te­la­re. Sa­rà un film di gran­de ri­go­re [ il re­gi

sta ha det­to di aver stu­dia­to tut­ti gli at­ti, ndr] e una for­ma di ri­sar­ci­men­to per la fa­mi­glia Cuc­chi e per Ila­ria che non ha mai avu­to pau­ra e non si è ar­re­sa al­la ri­cer­ca del­la ve­ri­tà per suo fra­tel­lo. È una sto­ria che par­la dei di­rit­ti fon­da­men­ta­li di tut­ti noi».

Per la sua in­ter­pre­ta­zio­ne di For­tu­na­ta, una ma­dre so­la che si bat­te per da­re una vi­ta di­gni­to­sa al­la figlia, qual­cu­no ha az­zar­da­to il pa­ra­go­ne con An­na Ma­gna­ni. «Mac­ché! », ri­de. « Sem­mai è il re­gi­sta, Ser­gio Ca­stel­lit­to, che met­te­va nel film ri­man­di a Mam­ma Ro­ma di Pa­so­li­ni men­tre gi­ra­va. Non per fa­re la mo­de­sta, ma mi sem­bra un pa­ra­go­ne im­pos­si­bi­le ». Qua­li so­no i suoi ri­fe­ri­men­ti ci­ne­ma­to­gra­fi­ci? «Io so­no cresciuta aman­do il ci­ne­ma po­po­la­re: guar­da­vo E.T. e In­dia­na Jo­nes. La ve­ri­tà è che so­no mol­to più sem­pli­ce e spon­ta­nea di quel­lo che si pen­sa».

CARISMATICA COME NANNARELLA Ja­smi­ne Trin­ca, 36 anni, Na­stro d’ar­gen­to per For­tu­na­ta di Ser­gio Ca­stel­lit­to, ruo­lo per cui è sta­ta ac­co­sta­ta ad An­na Ma­gna­ni, la mi­ti­ca Nannarella ro­ma­na come lei: «Un pa­ra­go­ne im­pos­si­bi­le», si scher­mi­sce.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.